Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

ULTIMI COMMENTI

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: bluewillow
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: EE
 

ULTIME VISITE AL BLOG

paola.89tesorobggermanaboeronicolabenedetti2000hdueo79smackludariblufrancesco_danielepsmalpensa1gianlucadd1989Ladyhawk55Fla.ZVentoDiPoesiaskiavo8tirchio2000
 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

___________________

www.StatCounter.com/myspace/ - Free myspace Profile Counter

 

 

« Una scomoda verità – Una...Neuromante – William Gibson »

Barry Lyndon – W.M. Thackeray

Post n°331 pubblicato il 24 Giugno 2007 da bluewillow
 

Titolo: Barry Lyndon Titolo originale: The Memoirs of Barry Lyndon, Esq. (pubblicato per la prima volta nel 1844 con il titolo: “The Luck of Barry Lyndon) Autore: William Makepeace Thackeray Traduzione: Mariagrazia Bianchi Oddera Casa editrice: Newton Compton pag: 334 costo: 5 euro


“Barry Lyndon” , pubblicato per la prima volta nel 1844, precede di qualche anno “La fiera delle vanità” (1848), il romanzo che diede allo scrittore una popolarità tale da farlo considerare il più diretto rivale di Dickens nel contendersi il titolo di “re del romanzo a puntate”, ma ha già tutti gli elementi che distinguono l'autore rispetto agli illustri colleghi d'epoca: una visione cinica, disincantata del mondo, dove non sempre è la virtù a prevalere, anzi dove sono spesso la disonestà, il vizio e la crudeltà a farsi strada più rapidamente.
In questa versione integrale della Newton Compton sono state inclusi anche i brani che in una successiva edizione furono eliminati dello scrittore, ma che fanno parte della prima originale stesura. Non sono pezzi molto funzionali alla narrazione, ma fra questi uno in particolare chiarisce l'idea che ha Thrackeray di come debba comportarsi uno scrittore:


“...le persone che traggono piacere o ricavano di che vivere illustrando come vanno le cose nel mondo e descrivendo la gente che ci vive, sono obbligate senza dubbio a rappresentare al proprio meglio la vita come appare ai loro occhi; senza far risaltare le caratteristiche delle figure pubbliche fingendo che tali figure pubbliche siano rappresentazioni della natura umana...allegri e simpatici tagliagola, assassini all'acqua di rose, amabili cocchieri da nolo, fiabeschi principi Rodolfo e gente del genere...facendoli apparire esempi di esseri umani mentre in realtà non sono mai esistiti né mai avrebbero potuto farlo. Come minimo, anche se non sono obbligati a copiare la natura, sono giustificati qualora ci provino; e quindi non si limitino a descrivere soltanto ciò che è bello, ma anche quanto ha un pessimo aspetto, con fedeltà, in modo che ciascuno possa apparire quanto più possibile al naturale.”


E' da una tale visione del romanzo che nasce la figura di Redmond Barry (nel corso della storia diverrà Barry Lyndon), fuggito di casa a quindici anni,convinto erroneamente di aver ucciso un uomo, che riuscirà a sopravvivere e a raggiungere la ricchezza e il potere , tanto ammirati nel mondo, attraverso una serie di artifici, inganni, trucchi e bassezze di ogni tipo. Un autentico romanzo di formazione “in negativo”.
L'intera storia, ambientato da circa metà del '700 fino all'inizio dell'800, è narrata in prima persona dallo stesso Barry in forma di diario: l'uomo cerca di mostrarsi al meglio delle proprie possibilità, descrivendosi come un incompreso gentiluomo, troppo spesso biasimato da voci tendenziose, ma Thackeray è molto abile a far trapelare dalla voce dello stesso personaggio la realtà su un'indole bugiarda, avida, lasciva e pronta a qualunque genere di compromesso e cialtroneria. L'occhio ironico dello scrittore non manca mai di far cadere il personaggio in qualche palese contraddizione in grado di rivelarne la vera natura.
Un libro costruito con grade abilità e umorismo che si può fondamentalmente considerare diviso in due grandi parti: la prima che descrive le avventure di Barry attraverso tutta l'Europa e la seconda incentrata sulla conquista della ricchissima Lady Lyndon, seguita dal declino dovuto all'incapacità del buon Barry di mantenere la ricchezza una volta acquisit. Man mano che il personaggio diviene più adulto, divengono sempre meno i suoi già scarsi scrupoli morali.
Thackerey si dimostra ancora una volta un grande conoscitore della natura umana, facendo di questo romanzo un sempre valido ammonimento a diffidare dei Barry di questo mondo (se non per divertirsi con i libri scritti sul loro conto).
Dal romanzo è stato tratto anche un film di Stanley Kubryck nel 1975, anch'esso molto bello e abbastanza fedele al libro ,dove la figura di Barry è forse un po' più crudele e un po' meno picaresca.
Di William Makepeace Thrckeray ho recesito anche

“La fiera delle vanità” al post n° 204
 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 
Blue's bookshelf: read

Verso un'altra estate Ragazze di campagna La morte paga doppio Vento rosso Bang Bang sei morta La morte di Ivan Il'ic

More of Blue's books »

 

Book recommendations, book reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists
 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 231
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.