Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« La maschera della Morte ...Il richiamo della forest... »

Le quattro casalinghe di Tokyo – Natsuo Kirino

Post n°456 pubblicato il 13 Febbraio 2009 da bluewillow
 

Titolo: Le quattro casalinghe di Tokyo Titolo originale: Out Autrice: Natsuo Kirino Traduzione: Lidia Origlia Casa editrice: Neri Pozza Pag:652 costo:14,00 euro

 

Se le la letteratura giapponese vi è sempre sembrata troppo aulica, troppo eterea e per il suo cercare il poetico nel quotidiano troppo serenamente distaccata dalla realtà, allora potete ricredervi con la cinica, graffiante e scioccante prosa di Natsuo Kirino, una autrice che osserva con occhio minuzioso la reatà e la trascrive senza filtri, mostrando un Giappone inedito, e una società, che per quanto organizzata, è anche crudele,soffocante e fortemente limitante per le donne.
Quattro figure femminili sono infatti al centro della vicenda  nerissima narrata dalla Kirino che, al contrario di quanto lascia intendere il titolo italiano, non sono affatto solo casalinghe, ma operaie del turno notturno di  una ditta che confeziona colazioni già pronte (possiamo peròconsolarci con il fatto che la nuova edizione di questo romanzo non riporta più una geisha in copertina come la precedente).
Quattro donne e quattro caratteri differenti: Masako fredda eppure generosa, Yoshie sempre pronta al sacrificio per gli altri e soppraffatta dalle cure da prodigare ad una famiglia egoista, l'avida Kuniko che sogna un mondo fatto di lusso che non può permettersi ed infine la dolce e bella Yayoi, la classica perfetta moglie giapponese. Quattro persone unite da una temporanea solidarietà nello svolgere i propri compiti nella fabbrica,che in parte è l'immancabile “spirito di gruppo” tipicamente orientale”, ed in parte potrebbe passare per amicizia, allargandosi ai problemi al di fuori del lavoro.
Ma la forza e la fragilità degli equilibri fra le quattro donne sarà messa alla prova da un fatto inaspettato, un crimine commesso proprio dalla persona più insospettabile:picchiata dal marito che dilapida ogni risparmio faticosamente messo da parte, umiliata e offesa, Yayoi finirà per ucciderlo in un irrefrenabile impulso omicida. Ma anche se gli assassini hanno di solito una parte  di spicco in qualunque vicenda noir, in questo caso Yayoi sembra interpretare, anche nel crimine, il ruolo da comparsa che la società giapponese riserva alle mogli all'interno della famiglia: una figura in ombra rispetto al marito. Il suo delitto è solo un pretesto per dare spazio a Masako, la donna che la aiuterà ad occultare il cadavere in maniera veramente barbara, sezionadolo in tanti piccoli pezzi, trattando il suo corpo come il cibo confezionato per le colazioni della fabbrica. Lo spirito di gruppo radicato in ogni giapponese assumerà tutte le gradazioni del nero e del rosso sangue nella vicenda in cui inevitabilmente verranno coinvolte anche Yoshie e Kuniko. Ma Masako resta la figura di spicco dell'intero libro, la donna la cui vera natura emerge dopo una vita di semi-veglia proprio attraverso il delitto mostrando il carattere di una vera leader, mentre una sequenza vorticosa di eventi sconvolge ogni rapporto di equilibrio, ogni certezza su ciò che sia giusto o sbagliato.
Non c'è spazio in questo libro per cose come pentimento, rimorso o giustizia. L'intera vicenda viene vista attraverso gli occhi di persone che hanno perso ogni idea di cosa significhino queste parole e per le quali non esiste più alcuna luce, alcun bene. L'efficienza della vita routinaria della fabbrica viene trasferita al crimine perché queste donne hanno già perso la propria umanità, anestetizzate da una vita condotta in difesa, schivando ogni giorno l'orrore della solitudine, del dolore, di una società che le vuole vedere col sorriso, ma perennemente in minoranza.
La capacità di Natsuo Kirino di rendere i vari punti di vista dei molti personaggi che si succedono nello sviluppo della trama, perifino quelli totalmente folli è semplicemente straordinaria. Leggere questo libro significa immergersi nella mente di ogni figura coinvolta nell'intera vicenda: a volte è una sensazione quasi paurosa, viene quasi da chiedersi dove la Kirino abbia trovato la crudeltà e la morbosità che attribuisce ai propri personaggi, ma del resto solo i grandi scrittori hanno il talento di scavare nell'animo umano, alla ricerca del bene come del male.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.