Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Una nuova parola nel diz...The Wolf of Wall Street ... »

Le tre stimmate di Palmer Eldritch - Philip K. Dick

Post n°1114 pubblicato il 05 Settembre 2013 da bluewillow
 

Titolo: Le tre stimmate di Palmer Eldritch Titolo orginale: The Three Stigmata of Palmer Eldritch Autore: Philip K. Dick Traduzione: Umberto Rossi Casa editrice: Fanucci pag: 262

“Dio promette la vita eterna” disse Eldritch. “Io posso fare di meglio; posso metterla in commercio.”


Intorno ai primi anni del XXI secolo la Terra è diventata una specie di rovente fornace dalle temperature altissime, in cui è impossibile aggirarsi a mezzogiorno senza adeguata protezione o si rischia la vita.  Alcuni terrestri sono stati spediti a forza come colonizzatori su Marte e poiché la loro vita è fatta di estreme ristrettezze, fra i coloni si è diffuso l'uso della droga di evasione Can-D che permette di vivere esperienza allucinatorie di gruppo ambientate nel mondo di Perky Pat, una bambola dai molti accessori (una specie di Barbie) che vive sulla  Terra in un tempo non ancora  toccato dai grandi cambiamenti climatici.
Per alimentare le fantasie del Can-D i coloni usano dei plastici molto dettagliati del mondo di Perky Pat, sui quali si concentrano prima di usare la droga, la cui vendita esclusiva è affidata alla Plastici P.P, guidata da Leo Bulero, una società che in realtà si occupa di contrabbando anche della vendita del Can-D, vietato ufficialmente.
Barney Mayerson lavora proprio per la Plastici P.P come “precog”,è infatti dotato della capacità di prevedere in parte il futuro e il suo compito è capire se i nuovi accessori di Perky Pat messi in commercio dalla plastici PP avranno successo.
Il monopolio della plastici PP viene messo in pericolo dall'arrivo della nave del miliardario Palmer Eldritch, ritornato dal lontano sistema di Proxima con una nuova droga, il Chew-Z, che promette di spazzare via il Can-D.
Palmer Eldritch e il Chew-Z non sono però solo un problema commerciale per Leo Bulero, Barney Mayersone e la Plastici PP, perché Palmer Eldritch è molto più di un semplice essere umano e il Chew-Z non è solo una droga, ma una nuova mistica forma di esperienza della divinità, in una versione oscura e virale che nessuno vorrebbe mai sperimentare.

Non è un segreto che, proprio negli anni in cui scrisse questo romanzo (pubblicato nel 1965), Philip K. Dick abbia fatto un uso estremo di droghe, tanto da diventarne dipendente. Questo romanzo riflette in parte la mentalità degli anni '60 relativa all'uso di droghe, quando si era diffusa l'idea (ammettiamolo piuttosto balzana, se vista con occhi moderni) che queste potessero in qualche modo schiudere le porte della percezione, aprire la mente verso nuove possibilità.
Nel mondo dei coloni di Marte immaginato da Dick, l'uso del Can-D diventa quasi una esperienza mistica: vivere allucinazioni di gruppo, tutte ambientate nello stesso luogo, nello stesso tempo, li porta a credere di aver vissuto qualcosa di reale, una autentica traslazione dello spirito nella materia, una sorta di viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la droga.
Come lascia ben intendere il titolo, questo libro è imbevuto di riflessioni sulla natura della divinità, su come questa sia  un desiderio di raggiungere un ideale impossibile, che si può essere  tentati di toccare attraverso una illusione autoindotta dalla droga. Il Can-D crea  un mondo dove lo spirito non è più solo una entità teorica, ma qualcosa che ha tutte le caratteristiche della realtà, perciò nella visione dei coloni è una forma di esperienza della divinità.
Nel mondo disperato dei  coloni di Marte si affaccia però Palmer Eldritch con una nuova droga, il Chew-Z, che offre una esperienza che amplia i confini del Can-D, perché non più limitato solo al mondo relativamente sicuro di Perky Pat, ma a tutto ciò che può essere immaginato dai coloni stessi.
Nelle visioni allucinatorie del Chew-Z si nasconde però una insidia: non si può vivere l'esperienza del Chew-Z senza diventare Palmer Eldritch, la nuova oscura divinità che assimila, ingloba, chiunque la tocchi. Tutti sono Palmer Eldritch, tutti coloro che usano il Chew-Z portano i segni della sua presenza su di sé, le sue “stimmate”. Ma questa divinità non è buona, non ama, non è un ideale: vuole solo vivere.
“Le tre stimmate di Palmer Eldritch”offre una serie continua di ribaltamenti di punti di vista, dove la realtà e le allucinazioni non sono facilmente distinguibili: tutto  può essere davvero accaduto, o forse tutto è solo un sogno. E' un libro complicato, una girandola di possibilità che lascia al lettore il compito di scegliere cosa sia davvero accaduto.
Ho trovato interessanti le riflessioni di Philip K. Dick su divinità e uso di droghe e su come il desiderio di sperimentare forme elevate di spiritualità possa diventare una specie di “pasticca” illusoria per la mente:  mi ha fatto pensare al famoso motto buddista “Se inconti il Buddha per la strada, uccidilo”, nel senso che forme troppo concrete di immagini divine non sono altro che creazioni della mente stessa, non una liberazione o una scoperta, ma catene più strette.
Le immagini create da Dick in questo libro sono davvero molto suggestive: dopo averlo letto non ho dubbi che film come “Matrix” si siano ispirati a piene mani alla narrativa dickiana.
Una lettura certamente originale, come tutto ciò che questo scrittore ha creato, in cui sono presenti tutti i temi ricorrenti: l'uso di droghe, le malvagie multinazionali, la precognizione, la manipolazione delle masse e ovviamente molti riferimenti a reggiseni e seni (devo ancora leggere un libro di Dick in cui i seni e l'eventuale assenza di un reggiseno non siano nominati).
Naturalmente c'è, come al solito, anche molta confusione, momenti in cui si può chiedere chi ha detto cosa, ma visto il tema forse è lo stile più adatto a rendere cosa prova qualcuno immerso in un mondo illusorio e in continua mutazione.

Commenti al Post:
LadyAileen
LadyAileen il 21/09/13 alle 17:30 via WEB
Ammetto che non è un libro che leggerei volentieri. :P
 
 
bluewillow
bluewillow il 24/09/13 alle 22:41 via WEB
lo consiglierei solo a superappassionati di fantascienza :)
 
VentoDiPoesia
VentoDiPoesia il 26/10/13 alle 15:59 via WEB
Io sono un'appassionata di fantascienza. Philip K. Dick mi piace molto. Almeno, in base a quello che ho letto finora ("Lotteria dello spazio", "Ma gli androidi sognano pecore elettriche?", "Vulcano 3" e "Dottor Futuro"). Bella recensione.
 
 
bluewillow
bluewillow il 30/10/13 alle 23:31 via WEB
Grazie :), Finora il mio preferito è "Ubik", ma devo ancora legggerne parecchi di Dick. Quelli che hai citato solo nella mia lista :)))
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Dalloway il 30/10/13 alle 09:16 via WEB
stiamo cominciando a darti per dispersa... tutto bene???
 
 
bluewillow
bluewillow il 30/10/13 alle 23:29 via WEB
Sì, tutto ok :)), non mi hanno rapita gli alieni :))). Solo che ultimamente ho poco tempo per il blog e anche per leggere purtroppo. Vorrei avere giornate di 48 ore e invece sono sempre in arretrato di qualcosa :). Comunque grazie per l'interessamento :))).
 
Macchiaccia
Macchiaccia il 31/10/13 alle 12:34 via WEB
:-*
 
 
bluewillow
bluewillow il 31/10/13 alle 18:59 via WEB
ciao!:)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
luca il 03/11/13 alle 14:55 via WEB
Ciao,vorrei inviarti il mio libro per una eventuale recensione,mi contatti ! Grazie saluti Luca
 
 
bluewillow
bluewillow il 03/11/13 alle 18:08 via WEB
Ciao Luca, non faccio recensioni su commissione, senza contare il fatto che ultimamente non sto recensendo proprio niente:)) . We are temporary closed.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Ludo il 10/11/13 alle 19:41 via WEB
So di andare off topic, ma ho visto che lo hanno fatto anche gli altri. Ti lascio il link a due nuove web series, Emma Approve e The autobiography of Jane Eyre: http://www.youtube.com/user/PemberleyDigital/videos?view=0; http://www.youtube.com/user/TheAOJaneEyre/videos. Potrebbero sempre catturare il tuo interesse. Buon proseguimento.
 
 
bluewillow
bluewillow il 10/11/13 alle 23:38 via WEB
Ciao Ludo, tu sei ufficialmente autorizzata ad andare offtopic quando vuoi, perché scrivi solo cose interessanti :)))
 
LadyAileen
LadyAileen il 22/12/13 alle 21:26 via WEB
Auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo! ^_^
 
 
bluewillow
bluewillow il 26/12/13 alle 10:58 via WEB
grazie, tantissimi augui di buone feste anche a te :))
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.