Blog
Un blog creato da Luxxil il 07/01/2011

angoloprivato

dei miei pensieri

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Audax1978ellen_ellenwoodenshipmenta_menteEnominecile54lasciamistare1.0anmicupramarittimalost4mostofitallyeahluboporaniero9sols.kjaersnakecoilsil_pabloDJ_Ponhzi
 

ULTIMI COMMENTI

Ti auguro uno splendido pomeriggio, con affetto un saluto...
Inviato da: ellen_ellen
il 01/12/2016 alle 16:10
 
Un abbraccio d'immenso, mia dolce lux e un sereno...
Inviato da: woodenship
il 03/11/2016 alle 21:35
 
ciao Lucy, buon letargo :)
Inviato da: kipino
il 03/11/2016 alle 17:16
 
:-)
Inviato da: massimocoppa
il 03/11/2016 alle 13:07
 
:-)
Inviato da: ziryabb
il 02/11/2016 alle 20:18
 
 

 

« un vecchio post che per .... »

.

Post n°375 pubblicato il 20 Maggio 2012 da Luxxil

 L’ombra dell’inverno cadeva sulla casa, portando fra le sue sontuose stanze il buio di quei giorni. Nella stanza chiusa si sentiva il suono di un pianoforte, le stesse note ripetute con ossessione, senza che una melodia uscisse da quei tasti bianchi e neri. Si avvertiva un dolore profondo in quella musica, che cercava uno sbocco, che voleva liberarsi dalla diga in cui era racchiusa, come pioggia, torrenti che volevano tracimare, distruggere per poi vedere ritornare la vita intorno a sé.

La casa avvolta dall’inverno, con gli alberi spogli che le facevano da corona, languiva osservando sopra di sé il fumo grigio fuoriuscire da comignoli.

Le stanze vivevano nel crepuscolo, fra tappeti lisi e arazzi a cui il colore faceva difetto.

Nei quadri volti alteri e senza sorriso, e sui mobili scuri appoggiati sopra, animali in ceramica, alabastro, avorio, piccoli e grandi, erano disseminati in ogni dove, come in  uno zoo ma inanimato, dove nulla dava fastidio con il suo odore, le sue richieste di cibo, ma da cui non proveniva alcun calore.

 

La donna di una bellezza carnale, nel suo ampio abito nero di chiffon, si alzò dallo sgabello davanti al pianoforte, si sedette guardando con gli occhi bianchi il tavolinetto con sopra una graziosa tazzina con dentro un liquido dorato  e un biscotto di fianco, sorseggiò e mangio lentamente il biscotto, poi con le dita inizio a tamburellare le stesse note suonate ossessivamente al pianoforte, mentre l’ombra  dell’inverno continuava a cadere sulla casa.

 

 
Rispondi al commento:
viarigola2010
viarigola2010 il 21/05/12 alle 23:20 via WEB
come sarebbe a dire che nn hai la connessione?
 
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: