Creato da antropoetico il 05/11/2010

Antropoetico

La poesia lascia il segno sul cuore di chi ama.

 

Cigno nero

Post n°939 pubblicato il 25 Gennaio 2015 da antropoetico

Quando la vita ti piomba addosso

come falco dall'alto

apri le ali di cigno che porti sul dorso.

Quando la sconfitta grida vittoria su di te

schiacciandoti verso il pavimento

apri il sorriso più bello, la dolcezza d'incanto.

Lascia che il vento ti passi e fugga via.

Non può rimanere in te e nel tuo coraggio,

il vento ha il suo destino.

Quando diventi nero sporcato dall'invasione altrui

sarà il buio la tua pelle e gli occhi stelle cherubine.

Non chinarti, dunque, in modo qualunque

perché in te riluce luce.

Quando il tempo sarà finito nel volo dei ricordi

brucerà di calore la fiamma con cui oggi vogliono ferirti

e non avrai più freddo avvolto nelle tue piume.

 
 
 

Labbra

Post n°938 pubblicato il 22 Gennaio 2015 da antropoetico

Le labbra del cuore vogliono il bacio dell'anima.

Un languido abbraccio d'appartenenza,

una danza da sentire vicina e sincera per lasciarsi andare,

le labbra vogliono carezze che non si vedono

ma che toccano il fondale e lo fanno vibrare.

L'anima si spoglia mostrando la carne

quando siamo più fragili, delicatamente perduti

di fronte agli occhi con le chiavi del nostro mondo.

Qualcosa apre e fa entrare lasciando la porta aperta

sperando sia calda luce a perforare la corazza

con la gioia dei sogni e la pace di una mano esperta.

Le labbra del cuore sperano e ascoltano il profumo

di chi lascia la scia dentro di noi. Chiedono solo un altro bacio.

 
 
 

Sporcando i muri

Post n°937 pubblicato il 21 Gennaio 2015 da antropoetico

Sperequazioni d'emozione

i graffiti che graffiano le pareti dell'anima.

Segni nostalgici lungo i binari della ferrovia,

sbuffi di colore, raggi di sole nel grigio dei quartieri.

Parole e disegni, volti presi dal cuore

e messi lì a ricordare chi eravamo e chi siamo ancora.

Spruzzi con la bomboletta nei ricami descrittivi

di parole ormai lontane. Proclami, apoteosi,

voglia di ribellione e d'amore fino alle viscere

sotto un ponte al buio. I viaggi nella notte

lungo vie sconosciute tenendo per mano il fato.

Discrepanze ideologiche con la realtà

immerse nel mondo senza pregiudizio dei colori e del sogno.

La voglia di vivere sporcando i muri.

 

 
 
 

La pace dell'acqua

Post n°936 pubblicato il 20 Gennaio 2015 da antropoetico

E tutto placa lo schiumar di mare.

Le mani nel cappotto ad ascoltar la risacca

lungo la spiaggia vuota rapiti dal vento caldo fuori stagione.

Sole pallido racconta l'inverno tutto intento a dominare.

L'acqua parla con la sinfonia magica d'ancestrale vetustà,

nenia raffinata che l'umor non sovrasta ma, calma, accompagna.

E tutto si placa anche dentro dove trovi chi sei.

Pensieri giocano con il profumo del sale.

Un girotondo come da bambino. In fondo vuoi giocare,

tornare scevro di colpe, ricordare il tempo che fu.

E quella conchiglia, regalo venuto dai fondali,

la tieni nella mano, diviso tra l'umido assorbito e la sabbia

che, lenta sfina via.

Respiri, infine, la pace dell'acqua.

 
 
 

Striscia - la mia prima canzone Rap

Post n°935 pubblicato il 18 Gennaio 2015 da antropoetico

Ho realizzato un video musicale su "Striscia", testo scritto qualche giorno fa. Eccolo!

https://www.youtube.com/watch?v=Oj2t3CFZaWc&feature=youtu.be

 
 
 

Ipotesi

Post n°934 pubblicato il 16 Gennaio 2015 da antropoetico

Ipocrisia sull'asse inverso dell'ipotenusa,

riversata come quando leggi un verso apocrifo.

Verità ottuse fino a renderti ipocondiaco,

seguace, sagace della saga d'Ippocrate

o combattente alle crociate.

Ipotesi, falso ideologico, ideologie distorte, idee distoniche

promulgate da distinti, distanti, improbabili cultori della fede.

Iposodico preludio a una vita senza sale, quella che dentro sale.

 
 
 

Cotanta

Post n°933 pubblicato il 16 Gennaio 2015 da antropoetico

Cotanta bellezza in questo

sordido mondo,

liquame e letame

per fiori di rara grazia.

Cosicchè davvero

sia luce a brillar nel nero incipiente.

Brulica selvaggia vita in natura a perdere

e l'uomo a costruire vanità.

Mattoni e discussioni che non dicono niente,

parole al fin di passare di tempo, questo tempo

dentro un vestito di carne che si sguacisce,

che si riempie di grinze mentre guardi la tua sorte.

Cotanta disgrazia sparsa in giro

nascosta dall'ingenio dell'arte qua e là,

resa piacevole da profumi e respiri.

Cotanta costanza.

 
 
 

Striscia - testo rap -

Post n°932 pubblicato il 13 Gennaio 2015 da antropoetico

Mafia, camorra,

l'inciucio fra destra e sinistra,

Sodoma e Gomorra,

valori di vita nel cesso, il tempo che passa

l'autovelox che ti tassa,

le gomme da cambiare

Il tubo che perde,

le bombe a Parigi, l'eco della guerra.

Tuo padre che litiga con l'apprendista.

Stregone, gonfio  come un pallone,

birra vino e magone.

Il cane a pisciare,

merda come piove,

solo, isolato sopra il tuo furgone

secco come l'emozione.

Gigi D'alessio, Carrà, Pino è morto.

L'infarto, il furto, di nuovo una botta al paraurto.

Brucia essere giovani e non aver lavoro,

brucia che ti fregano la ragazza.

La vita è un furto, ti hanno rubato tutto,

sono entrati, hanno bucato la corazza.

Questa è una brutta razza,

ladri, bugiardi e pure qualche pazza.

Ti giri, guardi alle spalle, vuoi metterci una pezza

Bigliettoni nelle tasche di Basettoni,

Ricchi che parlano di crisi

vestiti come santoni, solo loro.

Mendicanti alla Caritas, poveri in piazza,

a Napoli, vista sul golfo dalla terrazza,

montagne di munnezza.

Crisi sotto la cupola di San Pietro,

uomini decisi col fucile a pallettoni.

Strafogati di cibo,

pandori e panettoni,

un Natale da dimenticare,

dolci e guerra,

carne trita in televisione.

Baci e abbracci con la matita.

Parole di circostanza

dietro la serratura di una stanza.

La stanza dei bottoni, quella dei coglioni.

Fa freddo bella, mettiti uno dei tuoi maglioni

e succhiami il cervello, dammi birra con un sogno.

Sì, proprio quello, viviamo ora, adesso, subito,

la vita è solo un gran bordello

e piantala di chiamarmi fratello,

non sono tuo gemello.

Striscia in tv, pacchi e cazzi tuoi,

la Gabbanelli, amici e l'eredità.

Striscia bello, striscia.

 
 
 

Ora che tutto finisce

Post n°931 pubblicato il 12 Gennaio 2015 da antropoetico

Diventa dolce

quando tutto finisce.

L'aria respira, schiarisce.

Lo stesso mondo con cui hai combattuto

ora si siede e aspetta.

Tutto frena, rallenta mentre in te cambia la prospettiva

e senti che non conta più la forza,

cogli così il momento, disarmato e ti accomodi

in uno sguardo perso al giardino di ciliegi.

Lasci cadere le braccia lungo i fianchi.

Cambiano i sapori, i colori, adesso sembrano veri.

Non è cambiato ciò che circonda il tuo esistere.

Sei diversamente te stesso, sei sempre tu.

Tutti i pesi che ti zavorravano ora sono palloncini

leggiadri. Lasci che sia il vento a rubarli.

Ora che tutto finisce, finalmente, pensi.

 
 
 

Assenza dal reale

Post n°930 pubblicato il 11 Gennaio 2015 da antropoetico

Fragile tal quale un filo di vento

l'esser mio che s'assopisce

nel languido calor del sol d'inverno.

Delicato instabile chiuso nella boccia di vetro

che anima e cuore protegge da quelli altrui mentre si protae.

M'appoggio al legnoso schienale, intento

al giocar gioioso di bimbi ricchi di cotanta vita

in sintonia con madri gravide e altre già

reclutate a gentil poppata sulla panchina

d'altro lato in su la via.

Labile nell'assenza dal reale, corro nei prati dorati

d'altri tempi cinti in mia memoria.

L'età cerca la sua vanagloria magnifica

nel tempo che è cessato chiuso dal portone del passato.

L'assapora e la rivive negli occhi di beata gioventù,

nei colori accesi del sempiterno mutar di tempo.

S'accende così luce e calore nel riverbero

di braci d'esistenza.

Nel fumo par fiammeggiare ancora il cuore.

 

 
 
 
Successivi »
 

LA POESIA SALVERĀ IL MONDO

Questo blog ama ogni espressione artistica, l'arte, la passione e l'emozione. La poesia è un lampo di luce.

 

gayum

 

inquietudini

 

male necessario

 

donnne quanto danno

 
Citazioni nei Blog Amici: 96
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Pitagora_Stonatopsicologiaforensemargotfleurfran111diavoletta3mendaantropoeticogiaspo64signora_sklerotica_2mantellodirelorenzo_codj_patriziaacqua.azzurra.fchristie_malrysara_1971Cherrysl
 
 

RACCOLTA DI POESIE

coda diavolo

 

bacio vita

 

POESIE DI VITA

ombra

 

ROMANZO

la prigione