Creato da linaladu il 29/06/2009

L'Arrivo Del Signore

Religione

AREA PERSONALE

 

 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 58
 

http://i.imgur.com/9qtRay1.jpg?1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

💥 I sogni sono fatti di tanta fatica 💥

Post n°1361 pubblicato il 18 Aprile 2018 da collineverdi_1900
 
Tag: I Sogni

💥


I sogni sono fatti di tanta fatica.
Forse, se cerchiamo di prendere delle scorciatoie,
perdiamo di vista la ragione
per cui abbiamo cominciato a sognare
e alla fine scopriamo

che il sogno non ci appartiene più.
Se ascoltiamo la saggezza del cuore
il tempo infallibile ci farà incontrare il
nostro destino.
Ricorda:

"Quando stai per rinunciare,
quando senti che la vita è stata
troppo dura con te,
ricordati chi sei.
Ricorda il tuo sogno".
Sergio Bambarén da "Il delfino" .


💥

 
 
 

💗 Seguire il cuore… 💗

Post n°1360 pubblicato il 03 Aprile 2018 da collineverdi_1900
 

💗



Seguire il cuore significa semplicemente farsi guidare dall’Amore nel suo significato più grande. E non è solo l’amore per l’innamorato/a, ma è anche  l’amore per un figlio, per la famiglia, per un genitore, per una nobile causa….Il cuore sa misurare il nostro Amore per gli altri. Il cuore è la “bilancia” delle emozioni che proviamo e ci dirige laddove  avverte la massima intensità  di Amore. Il cuore misura le emozioni, la ragione fa calcoli diversi.
(© Alessia S. Lorenzi )da ”Passeggiata tra le nuvole sorvolando il Mare”

💗

 
 
 

CHE LA PACE DI GESU' RAGGIUNGA OGNI CUORE...AUGURI..

Post n°1359 pubblicato il 31 Marzo 2018 da linaladu
Foto di linaladu

  • In questo giorno di festa vi auguro di vivere sereni e tranquilli con le persone che più vi stanno a cuore. Che la Resurrezione del Signore sia simbolo di pace e di serenità e che LaSua luce  illumini il vostro cammino e vi conduca nel raggiungimento dei vostri obiettivi. Siate sempre felici e sereni come in questo giorno speciale. Scacciate via la tristezza e vivete questi momenti circondati da chi vi apprezza e stima...DA PARTE MIA RICORDATEVI CHE SE ANCHE NON PRESENTE,VI RICORDO GIORNO PER GIORNO E VI RIPETO PER L'ENNESIMA VOLTA....VI VOGLIO TANTO BENE....BUONA PASQUA...LINA...A PRESTO...

 
 
 

COME VIVERE LE DUE PASQUE...LINA LADU.GERUSALEMME.

Post n°1358 pubblicato il 07 Marzo 2018 da linaladu
Foto di linaladu

La Paqua Ebraica

non è una pia commemorazione di eventi lontani: è invece un'esperienza. La Pasqua invita ogni ebreo a partecipare oggi a un evento fondamentale per lui, per il suo popolo e per tutta l'umanità.Celebrando la Pasqua l'ebreo collabora con Dio nella redenzione del mondo.

Ma com'è possibile partecipare oggi ad un evento che ebbe luogo più di tremila anni fa? La Torah chiama le grandi feste ebraiche Moadim (giorni di incontro con Dio). Ognuna delle grandi feste ebraiche trasmette un messaggio divino, radicato in un evento storico. La Pasqua trasmette la liberazione dalla schiavitù dell'Egitto. È una meraviglia che quel messaggio non ci raggiunga da un passato remoto, ma che ci venga donato ogni anno di nuovo, celebrando un evento storico che diventa oggi una parola eterna di Dio per noi.

Per l'uomo occidentale questo è difficile da capire, perché egli considera il tempo come una linea diritta, che parte da un passato remoto e non tornerà mai più, dirigendosi verso un futuro imprevedibile che nessuno può conoscere. Spicca una sola certezza, quella della propria morte. Da questa l'uomo "occidentale" cerca di fuggire in molteplici faccende alienandosi dal proprio oggi.Perciò gli eventi dell'Esodo dall'Egitto gli sembrano un lontano passato, senza alcun significato attuale.Ma l'ebreo non vive il tempo in questa maniera: Dio è intervenuto nella sua storia e continua a intervenire, caricandola di un significato eterno e sempre attuale.Mentre la storia avanza, l'ebreo non avanza su una linea diritta, lasciando il passato dietro a sé: "Noi ci muoviamo in cerchio o, meglio, in una spirale, e perciò passiamo anno dopo anno attraverso le stesse stagioni, nelle quali avvennero gli interventi storici di Dio in favore dei nostri padri.

Per questo gli ebrei, quando ringraziano Dio per i miracoli che ha operato nella loro storia, non parlano dei grandi eventi dicendo "in quei giorni", ma dicono "in quei giorni, in questo nostro tempo"; ancora oggi ne sono partecipi come se fosse accaduto ieri.Quando dunque un ebreo veglia durante l'inter notte di Shavuoth  scrutando la Torah, non commemora semplicemente il dono della Torah sul Sinai, ma si prepara oggi a riceverla di nuovo. Quando a Tisha be Av digiuna, cantando lamentazioni seduto tutto il giorno per terra, egli partecipa alla tragedia della distruzione del Tempio e la rivive. Quando, a Sukkoth, vive per otto gironi con tutta la famiglia in una capanna di frasche, attraverso la quale si deve intravedere il cielo, egli non si ricorda semplicemente dei suoi padri che, guidati da Dio, vissero per quaranta anni pellegrini nel deserto, ma proclama attraverso quel segno che anch'egli è pellegrino su questa terra e che la sua sola luce gli viene dal cielo, da dove aspetta la venuta del Messia. Tutto questo lo riassume molto bene Luzzato, rabbino e qabbalista italiano: " Ogni impresa operata da Dio, ogni luce che brillò in un certo tempo della nostra storia, quando questo tempo ci raggiunge attraverso la memoria, lo splendore di questa luce brilla di nuovo e i frutti di quell'impresa possono essere mietuti da chiunque è presente per raccoglierli anche hai giorni d'oggi. Ogni festa dell'anno liturgico ebraico contiene dunque la propria specifica e unica emanazione di santità, e l'ebreo può così rivivere i grandi avvenimenti della sua storia e, entrando nel loro spirito, attingere forza e ispirazione per il suo cammino .

La prima e principale festa dell'anno - principale perché segna gli inizi del popolo ebraico ed è quindi madre di tutte le feste dell'anno liturgico,  è Pessach, la Pasqua, che gli ebrei chiamano " il tempo della nostra liberazione ,Questa liberazione cade sempre di primavera, nel mese di Nissan marzo Ma questo non è, il mese della liberazione perché in esso avvennero i prodigi dell'esodo: i prodigi dell'esodo avvennero invece in quel mese perché così Dio l'aveva preordinato per manifestarsi e per liberare, innestando la liberazione spirituale in un fenomeno naturale di vita, festeggiato ciclicamente da tutti i popoli: la primavera.È la stagione nella quale la natura, libera dalle catene dell'inverno, si rinnova e si riveste di nuovo splendore. Questa è la stagione della libertà nella quale risuona la voce dell'amato: " Alzati, amica mia, vieni, mia bella, mettiti in cammino. Ecco l'inverno [della schiavitù] è passato Questa è la stagione nella quale sono state aperte le sorgenti della liberazione dalla schiavitù dell'Egitto; liberazione per poter servire ed amare Dio. Queste sorgenti che si aprono nuovamente ogni anno zampillano con tutta la loro forza ogni mese di Nissan.Marzo.La schiavitù e la liberazione dall'Egitto costituiscono la pietra di fondazione di Israele; su di esse poggia tutta la sua storia. Per questo i saggi di Israele possono dire: " Ogni periodo di esilio nella storia del nostro popolo fu prefigurato dalla schiavitù d'Egitto e ogni atto di liberazione, fino a quando giungerà quello definitivo, l’ avvento del Messia, ha le sue radici in questa redenzione originale, che avvenne durante l'eterna stagione della nostra liberazione dall'Egitto ".Ecco perché l'ebreo nella notte di Pessach diventa partecipe di quell'intervento fondante attraverso il quale Dio stesso si scelse un popolo, lo adottò e lo strappò dal potere di un altro, dimostrando così che egli è il Signore della storia.Entrando in questa esperienza e assorbendone gli insegnamenti,si prepara il mondo per la venuta del Messia, aspettando l'ultima manifestazione della gloria di Dio e la liberazione definitiva del suo popolo e dell'umanità.

Come avviene questo. Quando giunge questa notte gli ebrei si siedono, famiglia per famiglia, comunità per comunità, come fecero i loro padri, attorno a una mensa addobbata con i segni della redenzione e proclamano le meraviglie che Dio ha operato per loro; poi mangiano e bevono (consumando si partecipa) i segni della loro salvezza, la loro stessa liberazione.il Seder pasquale è quindi un dono di Dio, un'opportunità che Dio offre per rivivere e non soltanto per ricordare l'esodo dall'Egitto.Rabbi grande mistico e qabbalista , dice: " Quando la Pasqua è preparata e celebrata come si deve... le forze spirituali che si manifestarono durante la prima Pasqua agiscono nuovamente. Per questo il Talmud dice: "In ogni generazione uno si deve considerare come se lui stesso uscisse dall'Egitto". Ecco perché la preparazione della Pasqua è una condizione essenziale per poter riviverla


L’esperienza del proprio esodo non può essere un esercizio intellettuale, un pio sentimento o una decisione della nostra buona volontà. Bisogna preparare e lavorare per creare un ambiente e un clima nei quali l'esodo sia evocato attraverso segni evidenti.Questo è lo scopo del Seder pasquale. Le sue parole e i suoi segni sono intesi a provocare un'esperienza personale e comunitaria di liberazione dalla schiavitù. Perciò ogni pur minimo segno e dettaglio usato durante la notte devono essere considerati come strumenti che aiutano a raggiungere questo scopo spirituale: sono come tessere di un mosaico, indispensabili perché Dio possa comporre per l'uomo l'insieme di un disegno.I riti della pasqua e i minimi dettagli del testo  sono stati composti con uno scopo ben preciso: aiutare a ri-sperimentare la redenzione dall'Egitto. Questo viene anche significato dal nome " Seder di Pasqua ", cioè ordine di Pasqua: ogni minimo dettaglio della notte pasquale fa parte di un progetto unico. Perciò una serie di segni scandisce ogni tappa della notte di Pasqua. Chi è presente in questa notte viene condotto dall'esperienza di schiavitù alla gioia della libertà.il Maharal afferma ancora: - Seguendo tappa per tappa il modello tracciato dai padri, prepariamo l'avvento della redenzione finale perché, come si è già detto, ogni Pasqua fa rivivere l'esperienza della prima liberazione e fa presagire quella successiva, fino all'ultima e definitiva liberazione ".

ANCHE IO COME LORO,OGNI HANNO RICORDO QUESTO EVENTO,CONTINUANDO NELLA PREGHIARA SINO ALL'ULTIMA CENA DI CRISTO,QUANDO FU ISTITUITA L'EUCARESTIA E LA RESURREZIONE....CON QUESTO SCRITTO VI AUGURO DI TRASCORRERE QUESTO TEMPO FRA LE BRACCIA DI GESU',CHE E' VIVO E PRESTO TORNA...IN FEDE .LINA LADU.

 

 
 
 

BUON FINE SETTIMANA CON LA PACE E 'LA GIOIA NEL CUORE.

Post n°1357 pubblicato il 17 Febbraio 2018 da linaladu
Foto di linaladu

Il Signore,nel silenzio, accoglie tutto su di sé e alleggerisce le nostre spalle.Questo proviamo a contemplare in questi giorni di quaresima: un folle amore che si carica tutto per darci l'opportunità di camminare con più leggerezza.Ecco perché spiegare una cosa così grande non è facile. Forse in alcuni momenti abbiamo la fortuna di sentirla nel cuore come la grande gioia di sentirci amati e accolti per ciò che siamo.Vi auguro ua settimana di pace,con la consapevolezza di essere veramente figli di Dio.

IN FEDE LINA LADU.

 
 
 
Successivi »
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: linaladu
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 99
Prov: NU
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

http://img7.dreamies.de/img/702/b/wrt5wncc34c.gif

 

http://i.imgur.com/lYJOtCF.jpg?1

 

 

http://i.imgur.com/xGPVc.gif?1

 

 

http://i.imgur.com/9qtRay1.jpg?1