Community
 
assicurator...
   
Creato da: assicuratore.pervoi il 16/05/2009
Tutto quello che mai nessuno ha avuto il coraggio di dirvi

ECCO CHI SIAMO:

EUROFINASS  sas

Puoi anche contattarci
direttamente su Facebook
siamo: Eurofinass sas
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

giov990OTTOMANO2005princesssweetninograg1phildoitsiafortnicolacirulli0mik1234560assicuratriceinrosafilomenigiampierocolombaraiginoaldo.beccevarriale.raffaeleunicotratuttimax132
 

Ultimi commenti

Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Attenzione ad AXA

Post n°192 pubblicato il 06 Novembre 2013 da assicuratore.pervoi

ATTENZIONE ad AXA

Per un po' di tempo abbiamo tenuto il silenzio, al fine di poter aver tutti gli elementi necessari, perchè noi stessi non credevamo ai nostri occhi.

 Ora vi spiego nei dettagli.

ul cliente investe tutta la sua liquidazione in una polizza vita di AXA chiamata ACCUMULATOR, dopo qualche anno chiede che gli venga restituito il capitale, ma AXA si rifiuta inventandosi un pignoramento dei capitali.

Chi conosce un po' di assicurazione, sa perfettamente che i capitali investiti in polizze vita sono impignorabili e insequestrabili, ma anche il cliente meno esperto leggendo le condizioni di polizza che la stessa AXA rilascia, legge chiaramente che il contratto Accumulator è regolato dalla legge italiana (come per fortuna è giusto che sia), e che quindi viene applicato l'art. 1923 del C.C. dove dice che è impignorabile e insequestrabile.

Allora perchè AXA non rispetta il codice civile e i contratti stipulati con i clienti? Anzi fa scrivere espressamente dai suoi avvocati  che la polizza Accumulator "non riveste i caratteri della polizza vita, le cui somme sono soggette al divieto di cui all'art. 1923 cc".

Ovviamente per questo comportamento si è già provveduto a una denuncia in sede civile, alla denucia a tutti gli organi competenti  di vigilanza oltre che a una denuncia in sede penale di Furto e appropiazione indebita nei confronti di AXA Assicurazioni.

Ritengo dal mio punto di vista, gravissimo che una Compagnia di Assicurazioni rinneghi quanto scritto sui contratti, creandosi un precedente gravissimo. Questo vorrebbe dire allora che qualsiasi contratto stipulato da AXA potrebbe esser rinnegato? Come capite non può capitare una cosa del genere, anche se i dirigenti della Compagnia sembrano volerlo.

Ovviamente per chi volesse ho tutta la documentazione e posso dare tutto il supporto, prima cosa che posso consigliare di fare per tutti i clienti di AXA per tutelare i propri risparmi è: farsi mettere per scritto una dichiarazione della Compagnia dove sui loro contratti si applicano le condizioni di polizza che si son firmate e il codice civile. Sembra banale come cosa, ma questo vi permetterà di rientrare poi in possesso dei vostri soldi con più facilità.

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Antitrust indaga Assicurazioni tra cui AXA

Post n°191 pubblicato il 14 Giugno 2013 da assicuratore.pervoi
 

Antitrust: istruttoria su alcune Assicurazioni su ostacoli plurimandato agenti

Finalmente l'antitrust sta indagando su uno scandalo che da troppo tempo viene taciuto per l'interesse di molti (Compagnie e alcuni gruppi Agenti), cioè gli ostacoli posti dalle Compagnie agli agenti assicurativi che vogliono esser plurimandatari per proporre miglior prodotti ai propri clienti. Chi è nel settore lo sa perfettamente e diverse autorità periodicamente lo ripetevano, ora finalmente è arrivata questa istruttoria. Semplificando per la gente comune la storia è abbastanza semplice, è nata una legge che consente agli agenti di proporre polizze di più Compagnie assicurative al fine di creare più concorrenza e consentire al cliente tramite il suo agente di fiducia di scegliere i prezzi migliori. Le Assicurazioni hanno cercato di creare una barriera a tutto questo, ecco in sostanza cosa è questa istruttoria. Ovviamente e non avevo dubbi, tra le Compagnie elencate c'è anche l'AXA Assicurazioni, credo che se l'antitrust vorrà andare avanti nell'indagine e controllare le revoche fatte potrà scoprire altre azioni che possono rientrare all'ostacolo del plurimandato (il mio caso di cui abbiamo già parlato è eclatante), insomma siamo solo all'inizio.

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AXA e i soldi spariti?

Post n°190 pubblicato il 06 Maggio 2013 da assicuratore.pervoi
 

AXA Assicurazioni e i soldi spariti?

Sembra il titolo di un film, ma è una storia personale che mi è utile a spiegare come alcune grosse multinazionali, non abbiano a cuore il servizio al cliente di cui si riempono la bocca ma che usano questo slogan solo a scopi propagandistici. Inutile che spender soldi in pubblicità per far credere di esser bravi, prima bisogna esserlo...

Vediamo il caso specifico e quello che si poteva fare, potrebbe esser utile anche a qualcuno di voi se si dovesse trovare in situazioni simili.

In data 11 marzo mando la richiesta di riscatto della polizza vita accumulator (è un investimento dove era stati messi i soldi della liquidazione).Ricordo che AXA Assicurazioni, ha speso diversi soldi per far pubblicità alla Carta degli Impegni, per dire che  mandano i soldi al cliente entro 15 gg dalla richiesta (come fosse un successo...), altrimenti si impegnano a pagare una penale. Invece ecco cosa capita nella realtà: trascorsi 17 giorni non avendo avuto alcuna risposta chiamo il numero verde che loro danno e provo a chiedere informazioni sulla mia pratica, ma mi rispondo che il numero verde non da quelle informazioni (allora mi spiegate a cosa serve???),  se voglio devo scrivere all'ufficio reclami, immagino quindi di non esser il primo caso di lamentela e probabilmente quella era la risposta per non dar risposta e prender tempo. Come mi hanno detto, scrivo all'ufficio reclami per avere informazioni, trascorsi altri 10 giorni e non essendoci ancora risposta provo a chiamare il centralino e farmi passare qualcuno per sapere che fine avessero fatto i miei soldi, la centralinista mi dice che l'AXA non parla con i clienti di queste cose (ecco la centralità del cliente..) e che se voglio posso scrivere all'ufficio reclami ( mi sorge il dubbio che è la risposta che danno in automatico per non rispondere), questa volta però sono preparatoe gli dico: ma scusi io ho già scritto all'ufficio reclami e non ho ancora ricevuto risposta, ma senza scomporsi la centralinista, ormai si vede esperta nel ricevere queste lamentele, mi risponde subito: ma guardi che l'ufficio reclami ha tempo 45 giorni per rispondere (opss, vi ricordate che dicevano che entro 15 pagavano? Ecco invece per dare una risposta ci vuole il triplo!!!!) se poi non riceve risposta (quindi ho paura che sanno già che non risponderanno), può scrivere all'ufficio di vigilanza a Roma.... Si avete capito bene, per fortuna di questo ho tutte le registrazioni e documentazione.

MA CHE FINE HANNO FATTO I MIEI SOLDI?

Questo non è dato saperlo, è due mesi che attendo e per fortuna posso vivere anche senza per ora, ma immagino  in questi momenti di crisi chi invece ha difficoltà e urgenza, si rischiano reazioni fuori posto, la gente da fuori di matto se ti tieni i loro soldi e non ti permetti neanche di rispondergli.

Ecco questo è un esempio di quello che l'assicurazione deve migliorare, adesso non voglio dire che tutte le Compagnie si comportano come AXA in questo caso, ma è significativo per capire come una grande Multinazionale sia distante anni luce dalle reali esigenze del cliente. Bastava che qualcuno con un po' di buona volontà cercasse la pratica e al telefono mi dicesse, ha ragione, ci scusi per il disguido provvediamo subito, invece ti prendono quasi in giro obbligandoti a scrivere a non si sa chi per ricevere non si sa quale risposta, quando l'unica cosa che devono fare è rispettare la legge che li obbliga a dare i soldi entro massimo 30 giorni dalla richiesta.

Sarebbe opportuno anche impedire a certi soggetti di agire sul mercato se non sono in grado di rispettare la legge, se un medico, un geometra o chiunque altro non rispetta la legge non può più fare il proprio lavoro. A proposito cosa faccio io ora? Li denuncio perchè non vogliono darmi i soldi? Quanto tempo passerà ancora per avere una semplice risposta? .....

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

tornano i 15 gg

Post n°189 pubblicato il 15 Dicembre 2012 da assicuratore.pervoi

Modificato il Decreto

Cari cittadini Italiani, contrordine, il parlamento ha modificato il Decreto del Governo, rimangono i 15 giorni !!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mai più 15!

Post n°188 pubblicato il 06 Novembre 2012 da assicuratore.pervoi
 

Non fatevi sequestrare l'auto per una dimenticanza.

Da gennaio sarà pienamente in vigore il Decreto Legge Crescitalia 2.0, per quanto riguarda l'abrogazione del tacito rinnovo. Quindi da gennaio tutte le polizze auto non si rinnoveranno automaticamente alla scadenza annuale, questo comporterà che non ci saranno più i consueti 15 gg di copertura assicurativa.

Questo comporterà due problemi:

Il primo che se la polizza scade per esempio il 15 del mese e non la rinnovi prima, può capitare che la mattina del 16 non ti trovi più l'auto parcheggiata, perchè c'è il sequestro del veicolo e 800,00 euro di multa.

Il secondo problema è che in caso di incidente ovviamente non copre l'assicurazione, ma deve pagare i danni il cliente di tasca propria.

Questo è un cambio epocale di cultura nelle persone, fate passaparola prima, avvisate amici e parenti prima che lo scoprino troppo tardi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Perchè tante firme?

Post n°187 pubblicato il 01 Novembre 2012 da assicuratore.pervoi
 

Perchè tante firme?

Questa è una delle domande che mi ripetono di più ogni giorno da parte dei miei clienti. Rispondo che purtroppo siamo nel paese della burocrazia e della carta e non del buon senso.

L'altro giorno un cliente per fare un contratto ha dovuto mettere 32 firme! Che senso ha? Nessuno! In realtà le firme dovrebbero esser proprio a tutela del cliente, ma chi legifera non si rende conto che invece complica la vita al cliente. Magari si sta un'ora a parlare con una persona spiegandogli per filo e per segno tutto, ma per la burocrazia non conta basta la firma. Poi puoi fare la porcata anche più grande al mondo, ma il cliente ha firmato!

Io posso fare il mio lavoro benissimo ma se mi dimentico una firma di quelle 32, sono 10.000 euro di multa (pensate un po' voi con tutti i clienti che abbiamo che rischi ci prendiamo), ma questo non vuol dire che il cliente sia soddisfatto.

Ecco perchè dico sempre alla gente di scegliere le persone e di affidarsi a qualcuno e levargli la fiducia per sempre se dimostra di non meritarla. Non sono le firme o i fogli a darvi un prodotto e servizio migliore sono le persone. Se uno si comporta male non lo difenderà aver fatto mettere la firma al cliente, il mercato sarà il suo vero giudice. Per quello dico sempre a me stesso e a tutti i miei collaboratori, trattate i clienti come fosse un vostro genitore, non preoccupatevi se non capiscono (neanche io capisco di medicina, ma mi faccio curare ugualmente), voi agite sempre come fosse un vostro genitore, questo è il miglior modo per lavorare, per non aver problemi, per avere clienti amici e andare a dormire soddisfatti di se stessi. La burocrazia, le carte e le firme vanno fatto perchè è la legge che lo impone, ma vengono dopo, prima e sempre le persone. Perchè siamo Soprattutto  Persone.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non facciamoci prender per il ... naso.

Post n°186 pubblicato il 30 Ottobre 2012 da assicuratore.pervoi
 

Ecco una grande bufala!

Questo blog nasce proprio come tra i primi intenti di mostrare le verità nascoste nel mondo assicurativo. Ora vorrei soffermarmi sulle pubblicità che mostrano i comparatori assicurativi, quelle dove ti dicono che scelgono la Compagnia assicurativa più bassa per te. Non credeteci e vi spiego velocemente perchè. Prima di tutto non confrontano tutte le Compagnie, ma solo quelle dove prendono provvigione e dove trovano accordi commerciali. La seconda cosa ancora più importante è che non fanno un confronto reale con il prezzo che voi potreste spendere andando in una agenzia, ma confrontano i prezzi di tariffa, senza tenere conto degli sconti, che in alcuni casi arrivano anche al 50%. Quindi vi forniscono un dato non concreto,  sul quale si induce il cliente a cadere in errore. Anche perchè se uno volesse fare proprio un confronto di tutte le tariffe in Italia (senza sconto) fa prima e meglio a usare il preventivatore dell'ISVAP (organo di controllo Statale).

Capisco che alle volte l'argomento è noioso e complesso, ma credo che soltanto con una corretta informazione il mercato possa migliorare, non abbiate timore a porre qualsiasi domanda in merito.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dalle Cozze Pelose al Peluso costoso

Post n°185 pubblicato il 25 Ottobre 2012 da assicuratore.pervoi
 

Di questi giorni la notizia della maxi liquidazione al figlio del ministro degli interni.

La Signora Cancellieri, ministro degli interni del governo dei tecnici (o banchieri) ha un figlio che ha preso una liquidazione di oltre 3 milioni di euro, si avete capito bene, una cifrà che mai guadagneremo nella nostra vita lui l'ha presa come liquidazione già alla sua giovane età di 42 anni.

Se uno non si vuole arrabbiare, inizia a pensare i meriti che avrà avuto per una simile liquidazione. La storia è molto semplice, la Fondiaria-Sai (Compagnia assicurativa dei Ligresti), versava in pessime acque (parleremo anche di chi non ha fatto i controlli), quindi si pensa a un fallimento e un commisariamento, fino ad arrivare alla soluzione di effettuare una fusione con il gruppo Unipol (chiara appartenenza politica). Le banche (Unicredit) dicono ai Ligresti che se non vogliono fallire subito devono dare l'amministrazione ad un loro uomo di fiducia un certo Peluso. Ecco che quindi arriva il Peluso che rimane in Sai-Fondiaria per poco più di un anno prendendosi come stipendio oltre un milione di euro e ora che va via per 14 mesi di lavoro si prende 3 milioni e mezzo di liquidazione. Certo che se fosse il libero mercato e la meritocrazia a comandare Peluso dovrebbe esser un fenomeno di bravura, il sospetto invece che per i suoi guadagni abbiano influito più le parentele che le capacità. Forse gli assicurati Fondiaria-Sai avrebbero preferito pagare meno le loro polizze piuttosto che stipendiare il figlio della Cancellieri. Tra l'altro non si capisce come abbiano scelto Peluso per quell'incarico, non si conoscono le sue precedenti capacità nel settore assicurativo.

Comunque non preoccupatevi il pargolo ministeriale non è rimasto senza lavoro è subito andato in Telecom. Sapete quando uno è bravo trova subito lavoro. Magari ora chi ha una polizza Fondiaria-Sai ha qualche speranza di vedere dei risparmi. Io mi candido a stipendio zero, se in un anno faccio meglio di Peluso, poi mi date un decimo di quello che avete dato a lui, vediamo se qualcuno mi contatta, garantisco di conoscere il settore molto meglio di lui.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Una scommessa quotidiana

Post n°184 pubblicato il 04 Luglio 2012 da assicuratore.pervoi
 

La vita è una scommessa quotidiana.

Fioriscono gratta e vinci, punti gioco per scommesse, macchinette mangiasoldi e tutti fanno utili, la gente ama il gioco ama il rischio da sempre, per la speranza di un sogno si gioca i propri risparmi, infatti per sopravvivere questi sistemi devono esser sicuri che la gente ci perda dei soldi.

Non ci si accorge invece che la scommessa, al contrario l'abbiamo ogni mattina, senza giocare e spendere un euro, ogni giorno rischiamo di perdere tutto, i risparmi di una vita, la salute, i famigliari, la casa, i nostri averi. Ogni minuto che viviamo abbiamo in gioco tutto questo, e se sulla ruota del destino esce il nostro nome, siamo sicuri di perdere se non ci appiamo pensato prima.

Infatti l'assicurazione è l'unica scommessa al contrario, dove se non gioco puoi perdere, ma se giochi sei sicuro di vincere. Perchè se ti assicuri hai due opportunità, che non serva l'assicurazione e in questo caso hai vinto perchè non hai perso nulla e la tua vita continua tranquilla. Oppure se il destino si è accanito con te, vinci comunque perchè paga l'assicurazione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il salvaguai

Post n°183 pubblicato il 19 Giugno 2012 da assicuratore.pervoi
 

Nella nostra vita purtroppo non tutto fila liscio come vorremmo, c'è sempre qualche problema da risolvere, alle volte ci riusciamo alle volte no.

Molte volte bisogna pensarci prima, per evitare problemi dopo, per quello io invece che comprarmi un portafortuna mi son preso un salvaguai. Il salvaguai è un contratto assicurativo che mi costa solo 48 euro l'anno e mi leva da una miriade di problemi che altrimenti non saprei come affrontare ecco solo alcuni:

1)  una tegola che cade dal tetto della mia casa

2) un vaso che cade dal balcone

3) mentre vernicio la ringhiera di casa macchio qualcuno

4) qualcuno che si fa male in casa mia

5) il mio tagliaerba che crea danni a qualcuno

6) la donna delle pulizie che fa danni ad altri

7) il rubinetto dell'acqua aperto che danneggia i vicini

8) quando vado in giro in bici (mi copre di tutti i danni fatti come se fosse la polizza dell'auto)

9) il mio cane che morsica qualcuno e che scappando crea un incidente

10) sciando, giocando a calcio a tennis ecc ecc se faccio male a qualcuno

11) se i miei figli fanno male o creano danni ad altri

12) se ho bisogno di un artigiano esperto (idraulico fabbro elettricista)

Questa è solo una minima parte delle cose per cui mi aiuta il mio SALVAGUAI.

Poi il bello è che costa come dicevo solo 48 euro e non aumenta mai, dura tutto il tempo che voglio!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »