il cartolibrateo

anno IX - L'unico blog stagionale dell'emisfero boreale. Aperto da febbraio a maggio, semiaperto il resto dell'anno. Attenzione: blog dotato di gnoccadetector; non superare il livello 100, pericolo di esplosione.

 

PERCHE' PIANDELOA?

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

daniela_elaoltre.lo.specchioPRONTALFREDOcartmanzonicard.napellusarinciblumannaroAndrenewsMarquisDeLaPhoenixRospo_Brianzoloantropoeticovincenzoschieppatilatortaimperfettachristie_malry
 

PERCHE' PIANDELOA?

Citazioni nei Blog Amici: 93
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

IL MIO Q.I.

web stats
 

Hit counters

 

 

« VIETATI I TITOLI BANALIMI VERGOGNO UN PO' »

C'ERA UNA VOLTA LA FUNE PARTE 5 DI FORSE 5 (IL CARD SAPPIA CHE QUI NON SI PARLA DI FUNI)

Post n°822 pubblicato il 19 Aprile 2012 da piandeloa
 

Allora stavamo parlando del capodanno 1981. Mi invitarono a una festa nel paese vicino, in un albergo chiuso. Avevano affittato l'albergo per la serata, era una festa di fauna locale, quindi piuttosto ruspante, ma c'era tutto, perfino il banco del bar col barista. Non ricordo più bene quali inconvenienti avessi avuto, ma arrivai molto tardi alla festa. Probabilmente non avevo trovato un passaggio, o c'ero andato in autostop per cui persi un po' di tempo, o avevo trovato altri amici e mi ero perso in giro per osterie. Fatto sta che arrivai dopo le 11, per cui il tasso alcolico dei festaioli era già a un buon livello, e mi dovevo adeguare. Allora andai al bar, ordinai un'overdose di whisky, e mi diedero due o tre dita di whisky in un bicchiere di plastica. Ballai un po', cercando di ficcare la lingua in gola a una mia ex di un anno prima di cui ero ancora perdutamente innamorato (ho ottenuto risultati? e chi si ricorda? comunque non ha importanza ai fini del racconto), e poi tornai al bar incazzato come un alcolizzato. Ecchecazzo, ragazzi, era l'overdose più piccola nella storia del whisky. Allora chiesi al barista "un'overdose come si deve". Questo tizio mi riempì il bicchiere di plastica fino all'orlo.
E io, cretino come si conviene a un ventenne, lo bevetti tutto in un attimo. Fine della festa. 10 minuti ero fuori a vomitare (in buona compagnia), e da lì in poi non ricordo più nulla. I miei 3 neuroni ripresero a funzionare in qualche modo al mattino, e per la prima volta, il primo gennaio, persi la funivia di servizio. Per chi non lo sapesse, la funivia di servizio è quella che precede la prima salita del giorno per il pubblico; serve a far salire tutto il personale dei rifugi e dei vari impianti di risalita che si trovano su. Vabbè, per una volta non è stata una tragedia, poi con i soliti meno dieci gradi della mattina mi sono rianimato. Ma ragazzi, se comincio con le storie di bevute da quelle parti non si finisce più...la sapete quella della ragazza che è arrivata tardi al bar e ha ordinato 12 bianchi? o quella del tizio che ordinato "da bee finché tomo", cioè "da bere finché cado", e ha bevuto fino a cadere dallo sgabello? E ce ne sarebbero...

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verr pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non pu superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: