Nun ve reggae più

QUANDO UNA PERSONA SENZA PALLE INCONTRA SULLA SUA STRADA UNA PERSONA CON LE PALLE, SI TROVA A UN BIVIO: O SE LE FA SPUNTARE E COMBATTE O ILSUO DESTINO E’ SEGNATO, LO PRENDERA’ IN QUEL POSTO SENZA GODERE *****Da Non ora non qui di ERRI DE LUCA “Segno di un tempo rivoluzionario non sono i gesti dei rivoluzionari, ma il seguito di appoggio tra le persone miti”. *******"Io invece penso che ci deve essere una terza via e nel mio piccolo comune di Boscoreale in provincia di Napoli, sto arando e seminando tra i giovani volontari della vecchia Stazione FS, sperando che in futuro queste nuove generazioni, in qualunque settore della società si troveranno ad operare, possano interessarsi dei problemi collettivi, in quanto sentono che è giusto farlo, anche se faticoso e per niente remunerativo, così come hanno sperimentato negli ultimi sei anni passati a cancellare il degrado su un bene pubblico affidato allo Stato che governa che invece di preservarlo dall'incuria, l’aveva abbandonato a sè stesso

Creato da vincmart il 28/01/2010

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

vincmartterzocuoregianniristomagliogiovanniil_pablolubopoGiuseppeLivioL2chiarasanyleelek_endjeamo.lerosse2016mission_impossible.0laeternaenrico505z05zbenedettiandrea
 

Ultimi commenti

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

 

La stazione ferroviaria di Boscoreale. La storia di un cesso

Post n°239 pubblicato il 19 Ottobre 2016 da vincmart
 
Foto di vincmart

Buongiorno Italia,
sono il Cesso esterno riservato agli uomini, nella vecchia ex stazione FS di Boscoreale (NA).
Sono nato tantissimi anni fa e per tanto tempo ho svolto una funzione delicatissima, ho accolto tutti i bisogni dei viaggiatori in prima battuta e dei diseredati poi, che ancora oggi si servono di me.
All’inizio della mia attività le Ferrovie impiegavano del personale che quotidianamente ripuliva i bisogni che cadevano all’esterno del foro predisposto, e si prendevano quindi cura di me e del mio igiene.
Purtroppo, quando venne chiusa la linea ferroviaria Cancello – Torre Annunziata Centrale, fui abbandonato al mio destino.In pochissimo tempo da Cesso nobile ed utile divenni un cesso e basta, tutti sporcavano, nessuno puliva.
Nel 2002 sperai di ritornare utile, quando l’Amministrazione Comunale di Boscoreale prese in affitto tutta la Stazione FS per l’importo di 1.240,00 euro mensili.
Purtroppo i miei sogni svanirono presto perché nessuno si prese cura di nulla, ma tutto fu lasciato in stato di abbandono, per cinque anni.
Sprecati totalmente 74.400,00 euro, senza che nessuno degli Amministratori locali sia mai stato condannato a risarcire le casse dello Stato italiano.
Quando ormai avevo perduto ogni speranza di rinascita, ecco il miracolo.
Alcuni volontari volenterosi, appartenenti all’associazione culturale Stella Cometa, che nel mese di settembre del 2008 aveva preso in consegna il Fabbricato Viaggiatori e i Bagni esterni, con la formula del comodato “gratuito”, cominciarono a ripulirmi e in poco tempo, una volta ristrutturato, tornai ad accogliere i bisogni di chi aveva bisogno.
Oggi mi trovo in una brutta situazione.
I volontari hanno lasciato la porta del mio locale aperta, per dare la possibilità ad una persona senza fissa dimora, che occupa da due anni i locali del Fabbricatino IS, anch’essi rimessi a nuovo dall’associazione Stella Cometa-La Stazione, di fare i propri bisogni e di lavarsi quotidianamente.
Il signore in questione è un senza fissa dimora ma è anche uno sporcaccione, non ripulisce mai quello che cade fuori dal foro e oggi sono tutto intasato.
Un volontario dell’associazione, alcuni mesi fa ha ripulito il bagno, sostituendosi al signore che occupa abusivamente i locali e supplendo in qualche modo all’inerzia dello Stato.
C’è da precisare che l’acqua e la luce, nonché la manutenzione, sono a carico dell’associazione.
I benpensanti, nullafacenti, che rivestono cariche pubbliche, suggerirebbero di chiudere la porta del bagno, già fatto: i bisogni venivano deposti tutti all’esterno della porta, con il risultato che per accedere al Cesso si doveva calpestare la merda.
Ora dal basso della mia categoria sociale, rivolgo un appello ai Preposti dello Stato di intervenire e fare qualcosa, sperando che non mi copino…. “cessi che parlano e tutti quanti che applaudono non ne vogliamo più” (cit. Lucio Dalla canzone Felicità)

 
 
 
 
 

2005-2015 “Boscoreale Per Amico” compie 10 anni!

Post n°237 pubblicato il 05 Giugno 2015 da vincmart
 
Foto di vincmart

Il sito web "boscoreale per amico" è nato nel 2005.Nelle mie intenzioni volevo che diventasse uno strumento utile alla crescita sociale, civile, e culturale del mio paese natio. Penso che una comunità per progredire e quindi migliorare la qualità della propria vita collettiva, non può fare a meno, secondo me, della presenza del pluralismo negli organi di comunicazione, con voci anche e soprattutto dissenzienti, rispetto al pensiero delle istituzioni, quali i Partiti Politici, la Chiesa e la Scuola. Per lo stesso motivo, dovrebbero esistere all’interno della comunità di un territorio tante associazioni libere e svincolate totalmente dalle istituzioni stesse. Dal 2006, proprio in un’associazione culturale, totalmente libera e svincolata da ogni appartenenza istituzionale, denominata Stella Cometa – La Stazione, ho messo tutto il mio impegno sociale, sempre con lo stesso intento, contribuire cioè alla crescita del mio paese. Nel corso di questi 10 anni, alcuni blog che si occupavano di Boscoreale sono spariti, altri ne sono nati, e speriamo che nasca sempre qualcosa di nuovo nel panorama dell’informazione libera. L’avvento di facebook ha portato, secondo me, un poco di confusione nel campo dell’informazione. Ad un certo punto abbiamo cominciato tutti a comunicare, e questo è un bene, purtroppo però spesso e volentieri si vedono pubblicate troppe notizie frivole, fatti strettamente personali, e succede così che, in questa marea di informazioni, ci si distrae e si rischia di perdere di vista le informazioni che si occupano delle problematiche collettive. Con la speranza di aver fatto qualcosa di utile per il mio paese, Boscoreale, mando un saluto tutti i miei concittadini e li esorto a essere sempre più attivi e fattivi nel campo sociale, in quello civile e per finire in quello culturale, proprio per il bene di tutta la collettività. Cordialmente, Vincenzo martire.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L’albero e il frutto. Stella Cometa e la STAZIONE FS di Boscoreale (NA)

Post n°230 pubblicato il 03 Febbraio 2015 da vincmart
 

Cari politicanti, mi fa piacere che avete tanti progetti per la vecchia ferrovia dello Stato Cancello-Torre Annunziata, ma quello che mi dà fastidio è il fatto che il centro di aggregazione socio-culturale attivo dal mese di novembre del 2009 nella Stazione FS di Boscoreale non è contemplato minimamente nei vostri progetti:

uffici pubblici, parcheggi, e magari qualche milione di euro di finanziamento, mentre la comunità viva e presente nei locali può essere spazzata via, non ve ne fotte nulla.

Negli anni avete fatto di tutto per distruggere quella piccola piantina di volontariato attivo e fattivo, e se non ci siete riusciti è perchè forse una Mano ci ha protetto.

Qualche amico che vi frequenta, mi ha confidato che se ancora non ci avete schiacciato è perchè non avete preso una decisione unanime su cosa fare di quei luoghi.

Quando dico “voi” intendo quelli che gestiscono le sorti di Boscoreale da decenni.

Purtroppo il vostro albero non ha dato molti buoni frutti:

mancano le fogne;

le palestre delle scuole sono in condizioni disastrose;

l’impianto di pubblica illuminazione è insufficiente;

i marciapiedi sono un miraggio:

un parcheggio lo avete soppresso e insieme ad esso la piccola economia del centro storico;

le aree a verde attrezzato diffuse sono un’illusione.

Il bilancio negativo del vostro operato dovrebbe indurre i cittadini a cacciarvi da Boscoreale, purtroppo proprio i cittadini sono latitanti e così potete fare il bello e cattivo tempo a vostro piacimento.

Vi faccio tanti auguri per i vostri progetti e vi auguro una vita lunga, serena e felice insieme a tutti quelli che vi sostengono.

Vincenzo Martire, un uomo “libero”.

 
 
 
Successivi »