Creato da beside_me il 09/03/2015

beside_me

window

 

In viaggio

Post n°19 pubblicato il 20 Maggio 2015 da beside_me

Non è vero. Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono.

E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione.

 Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto:

"Non c’è altro da vedere", sapeva che non era vero.

La fine di un viaggio è solo l’inizio di un altro.

 Bisogna vedere quel che non si è visto,

 vedere di nuovo quel che si è già visto,

vedere in Primavera quel che si era visto in Estate,

vedere di giorno quel che si è visto di notte,

con il sole dove la prima volta pioveva,

 vedere le messi verdi, il frutto maturo,

 la pietra che ha cambiato posto, l’ombra che non c’era.

 Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli,

 e per tracciarvi a fianco nuovi cammini.

Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre. Josè Saramago

( e dopo ogni viaggio si ritorna sempre un po' diversi. )

 
 
 

Sen ri no michi ippo yori

Post n°18 pubblicato il 13 Maggio 2015 da beside_me

 

 

That love is all there is,
Is all we know of Love;
It is enough, the freight should be
Proportioned to the groove.

Che sia l'amore tutto ciò che esiste
È ciò che noi sappiamo dell'amore;
E può bastare che il suo peso sia
Uguale al solco che lascia nel cuore.

Emily Dickinson

da PensieriParole

 
 
 

Aprile

Post n°17 pubblicato il 29 Aprile 2015 da beside_me

 

Se il dolore avesse un suono ,sarebbe fatto di silenzio urlato,

un sottile silenzio che veste l'anima ,

penetra i tessuti e raccoglie i pensieri più intimi.

 

Ognuno indossa il suo dolore ,nel modo che sente e vive.

 

Ed in giro c'è tanto vociare inutile e sterile.

 

 
 
 

Se tu mi chiedessi

Post n°16 pubblicato il 23 Aprile 2015 da beside_me

Sto parlando di cose che non hanno nome, cose che nel corso della vita si accumulano sul fondo dell'anima, sedimenti e strati di terriccio. Se mi chiedessi di descriverteli, non saprei da che parte cominciare, non avrei le parole adatte. Solo una stretta al cuore, un'ombra passeggera, un sospiro.
"Che tu sia per me il coltello" di David Grossman

da PensieriParole

 
 
 

La bellezza

Post n°15 pubblicato il 16 Aprile 2015 da beside_me

 

 

 

La più nobile specie di bellezza è quella che non trascina a un tratto,

 che non scatena assalti tempestosi e inebrianti

(una tale bellezza suscita facilmente nausea),

ma che si insinua lentamente,

che quasi inavvertitamente si porta via con sé

 e che un giorno ci si ritrova davanti in sogno, ma che alla fine,

dopo aver a lungo con modestia giaciuto nel nostro cuore,

 si impossessa completamente di noi

 e ci riempie gli occhi di lacrime e il cuore di nostalgia.

Di che abbiamo nostalgia alla vista della bellezza?

 Dell’essere belli: ci immaginiamo che molta felicità debba andare a ciò congiunta.

Ma questo è un errore.

Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano, 1878

 


 

 
 
 
Successivi »