Creato da biangege il 29/12/2009

Bian e Gege

I diari di viaggio di due mototuristi

 

« 21 luglio 2013: Strade p...4 agosto 2013: freschi p... »

3 agosto 2013: caldi passi Bresciani...

Post n°77 pubblicato il 06 Agosto 2013 da biangege
 

Primo weekend di agosto, temperature elevate, andiamo a cercare refrigerio in montagna e, visto che è una vita che non ci andiamo, puntiamo sul Passo Croce Domini, in provincia di Brescia.

Autostrada A4 da Milano a Rovato, poi la Franciacorta e le torbiere del lago d'Iseo, la bella cittadina sul lago e la salita al Passo Tre Termini (vedere anche QUI) sostando ad un'area picnic per la colazione al sacco. Proseguiamo e scendiamo fino alla Valtrompia, imboccandola a Gardone. Da qui si va verso nord, nella valle famosa per l'antica arte della ferrarezza che sopravvive a stento grazie a pochi artigiani. La zona è ricca di miniere di ferro, forni fusori e magli che fanno parte di un percorso storico: vale la pena ricordare il Forno Fusorio di Tavernole sul Mella da noi visitato in passato.

A Collio la salita si fa più divertente e si prende quota fino ad arrivare ai 1664 m slm del Passo Maniva... ma ci sono 24°, dov'è il fresco? Proviamo ad affrontare la strada che porta al Giogo della Bala ed arriviamo sino alla cosiddetta "località Radar", circa 2100 m slm, dove c'è una grande installazione dell'Aeronautica Militare (ora dismessa) con radar di grande potenza per l'intercettazione di intrusioni aeree nel nostro spazio (vedere anche QUI per maggiori dettagli sulla nostra difesa aerea negli anni '70). Da qui in poi la strada diventa sterrata ed in 8 km arriva al Croce Domini, ma non è uno sterrato semplice, specie se affrontato con una moto prettamente stradale ed in due, per di più senza esperienza... no, meglio tornare indietro...

Dal passo Maniva si scende con diversi tornanti a Bagolino e si trova il bivio per il Passo Croce Domini, la strada è stretta ma abbastanza ben tenuta e con bei panorami sulle montagne circostanti. Al Passo Croce Domini 1895 m slm... fa caldo. Mentre sorseggiamo un provvidenziale ghiacciolo ammiriamo (è il caso di dirlo) un tizio che esce dal rifugio, sale sula sua KTM 990 Adv, si alza in piedi sulle pedane e con grandi decisione e sicurezza infila lo sterrato da nord con la ruota posteriore in derapata, e in neanche un minuto lo vediamo alzare nuvole di polvere già molto più in là... ecco, lo sterrato lo lasciamo a lui.

La temperatura risale mentre scendiamo verso la Val Camonica. Da qui una strada che non abbiamo mai percorso (eh sì, ce ne sono ancora, ed è stata una bella sorpresa) sale verso la Val di Scalve passando per Borno: bella, scorrevole, divertente. Ad Azzone saliamo per la ben nota rampa nord del Passo della Presolana per risalire a quasi 1300 m slm, e poi inizia la discesa per Clusone e la val Seriana fino al casello di Seriate.

Totale 220 km più le tappe di trasferimento (per noi il totale è stato di 380)

La mappa

La galleria fotografica (anche di domani)

Tutti gli itinerari

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

devitodSky_Eagleonlyemotions71costanzatorrelli46do_re_mi0fl.degiovannibiangegeStolen_wordsnovufficiobrianzarustiko1TORELLA57Profondicus1giuseppe.marcariniamorino11
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK