Creato da biangege il 29/12/2009

Bian e Gege

I diari di viaggio di due mototuristi

 

« 10 settembre 2013: Midor...21 settembre 2013: passe... »

14 settembre 2013: passeggiata alle dighe di Alpe Gera e Campo Moro (SO)

Post n°85 pubblicato il 16 Settembre 2013 da biangege
 

Midori è temporaneamente in letargo con assicurazione sospesa (per chi non lo sa, leggere qui): si ricomincia a fare i giretti in Panda e contemporaneamente si fa a fare i dighisti. La moto-gita all'Alpe Gera ci aveva lasciato la curiosità di salire fino alla diga e così abbiamo preso l'occasione al balzo per una bella passeggiata.

La giornata è molto bella, fresca tersa e soleggiata (menomale, domani pioverà a dirotto, non ci saremmo mai mossi), perfino la SS36 "dello Spluga" da Lecco a Colico sembra più bella regalando nitidissime viste del lago tra una galleria e l'altra. A Trivio Fuentes una bella sorpresa: il cantiere non c'è più e la SS36 è ben raccordata con il nuovo tratto della SS38 "dello Stelvio" che evita il collo di bottiglia tra i paesi, anche se al momento solo per 8600 metri fino a Cosio Valtellino. Il semaforo assassino di Morbegno continua a creare code chilometriche, perlomeno finchè la nuova SS38 non verrà portata fino a Tartano dove l'attuale SS38 non passa più per i paesi: per chi non si vuol stressare con la coda, la soluzione è una bella Valeriana (a buon intenditor.... )

Giunti a Sondrio infiliamo la SP15 "di Val Malenco" ben descritta nella mappa a beneficio dei Caravanisti e Camperisti, notoriamente meno agili di un'automobile sugli stretti tornanti della rampa dopo Franscia (15 tornanti in 4 km, pendenza 15%) e nelle otto gallerie che seguono (massima altezza ammessa 3,35 m). Tra la quarta e la quinta galleria c'è il portale della centrale ENEL di Campo Moro: il cancello è chiuso ma il portale è aperto, si vede l'inizio della galleria di oltre 500 metri che porta nella centrale vera e propria nelle viscere della montagna, racchiusa in un cilindro di calcestruzzo di 60m di lunghezza e 25 di diametro, chissà se prima o poi ci potremo entrare. Con tutta calma abbiamo raggiunto il parcheggio alla base della diga di Alpe Gera in 45 minuti.

Zaini in spalla, in mezz'ora (foto comprese) percorriamo il facile sentiero che ci porta alla base dell'imponente opera ed in altri dieci minuti (foto comprese) siamo sul coronamento della diga, che percorriamo per tutta la lunghezza ammirando anche un paio di stambecchi che vanno ad abbeverarsi di acqua sugli ammorsamenti dei "blondin" che furono necessari per la costruzione.

Dopo la colazione al sacco scendiamo da dietro la Casa di Guardia per ammirare gli scarichi (in primis lo sfioratore con il canale lanciatore, ma anche l'alleggerimento ed il fondo, chissà che spettacolo sarebbe vederli in funzione) passando per i resti dell'impianto di betonaggio e torniamo al parcheggio. Scendiamo alla diga di Campo Moro (un km prima di Alpe Gera) sostando al bar per un cafferino e poi passeggiando sul coronamento dell'opera... che sono due, una sezione ad arco-gravità ed una a gravità, separate da uno sperone di roccia.

Viene l'ora di tornare: la prima visita da dighisti non-moto-astronauti è stata volutamente facile, ma sarà solo la prima di molte.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIME VISITE AL BLOG

biangegeStolen_wordsElemento.Scostantedistintanimalacky.procinopaneghessaslavkoradicSky_Eagleleoneleone3GothMakeUpNewman26oscardellestellenovufficiobrianzadaunfioregrillo.e
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK