Creato da biangege il 29/12/2009

Bian e Gege

I diari di viaggio di due mototuristi

 

« 14 settembre 2014: 3° OME AHD4-5 ottobre 2014: dalla ... »

28 settembre 2014: gli AHD nelle Langhe

Post n°118 pubblicato il 02 Ottobre 2014 da biangege
 

 

Non siamo nuovi ai paesaggi Langaroli: il nostro primo “vero” viaggio con Micetta (la Guzzi V35) fu un Milano-Nizza tutto via statale di cui abbiamo accennato nella nostra pagina di presentazione ma che meriterebbe un report vintage a parte: perfino i nostri nipoti, che non erano ancora nati all’epoca, ne conoscono il comico epilogo. E ci siamo tornati più volte nelle Langhe, scoprendo strade da percorrere con un filo di gas nella luce del tramonto autunnale con i vigneti infiammati di caldi colori e fermandoci in borghi dove tutto gira (toponimo compreso) intorno al nettare d’uva ma senza dimenticare che diversi hanno dato i natali a illustri personaggi della nostra Storia, come spesso accade in Piemonte.

Così quando, sul forum AHD, Franco da Alba aveva lanciato (su cortese sollecitudine di alcuni agenti provocatori) un tour nelle Langhe abbiamo tenuto d’occhio l’argomento. Slittata la data prevista dalla prima (pazza) estate all’inizio dell’autunno, siamo stati in forse fino all’ultimo ma alla fine, tre giorni prima, abbiamo confermato la nostra presenza.

Per non dover affrontare una levataccia domenicale dovendo rispettare l’orario del puntello alle 9.30 ad Alba siamo partiti il sabato, ma con estrema calma… Alba in questo periodo è abbastanza inavvicinabile per i prezzi degli alberghi, sia per la sua fama intrinseca che per lo svolgersi delle manifestazioni storiche legate alla fiera del tartufo, così abbiamo prenotato una camera all’hotel “Venaria Reale” di Narzole, a 25 km da Alba: diciamo subito che si meriterà un’ottima recensione su TripAdvisor!

Partiamo dunque sì il sabato… alle 16: la giornata è stata prima dedicata a una serie di incombenze casalinghe e famigliari, poi via per l’autostrada per Tortona e Asti e l’ultimo tratto di statale tra Alba, Bra, Cherasco fino a Narzole.

Veniamo accolti in hotel nel più tipico spirito piemontese, ovvero con la riservatezza e il sussiego della Provincia Granda: non è freddezza, i cuneesi spesso sono così. L’albergo è ricavato in una casa di corte con le camere che si affacciano sui ballatoi a vista, e appare di recentissima ristrutturazione. Il proprietario ci fa ricoverare la moto sotto un portico in modo che sia riparata. La nostra camera è di ben 30 mq più il bagno, il letto è comodissimo e c’è anche un armadio che cela una piccola cucina: totale, 70 € compresa la colazione! La sera ceniamo in hotel, la bella sala è gremita e scopriremo che il ristorante “da Matteo” è molto gettonato in zona. La carta enumera pochi piatti, il che significa che vengono curati bene. Le gentili cameriere ci guidano al banco degli antipasti, un tripudio di gustosità: albese, lingua salmistrata, tomini, salame sott’olio, salsiccia fresca, lardo, peperoni alle acciughe e diversi altri sfizi per il palato. Per primo un ottimo risotto con fonduta al tartufo, per secondo un bis di arrosto alle nocciole e bocconcini d’oca con contorno di patate e broccoletti, per dolce bunet e torta chantilly… e al pagamento del conto scopriremo che i proprietari ci hanno offerto acqua, mezzo vino e caffè… totale 38 €: da tornarci!!!

Il mattino dopo lasciamo l’hotel e cominciamo a scaldare le gomme raggiungendo Alba passando da Barolo e Gallo d'Alba, anche se la tratta farà già parte dell’itinerario previsto. Purtroppo la bruma mattutina che rende spettrali i panorami non si dissolverà durante il giorno, il sole resterà un pallido disco lattiginoso nel cielo livido e perderemo la tavolozza di colori di queste lande, peccato per chi le vede per la prima volta.

Dopo il ritrovo al puntello del Bar Fuego, con colazione gentilmente pagata da Des_Franco, il giro di un centinaio di km inizia come previsto alle 10 e, sempre come previsto, termina alle 13 alla trattoria Cà d’Fantin di Cerreto Langhe dopo un paio di soste, una al belvedere di La Morra e l’altra lungo la strada dopo aver girellato intorno ai paesi langaroli a sud di Alba.

Al termine del pranzo c’è che si dirige in gruppo verso Alba e chi prende la strada di casa… noi dobbiamo tornare a Narzole, abbiamo lasciato i documenti in albergo, così scaldiamo ancora un po’ le gomme sulla stessa strada del mattino e poi rientriamo in autostrada, dove superiamo e ri-salutiamo i Wowk (Claudio e Anna) che stanno rientrando a Novara. Non puntiamo direttamente verso Milano, però… è ancora abbastanza presto e deviamo a nord per fare un salto al’outlet di Vicolungo, ci regaliamo gli interfoni nuovi.

Le foto di tutti

 

Tutti gli itinerari

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Peter.Pan7biangegeStolen_wordsElemento.Scostantedistintanimalacky.procinopaneghessaslavkoradicSky_Eagleleoneleone3GothMakeUpNewman26oscardellestellenovufficiobrianzadaunfiore
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK