Creato da biangege il 29/12/2009

Bian e Gege

I diari di viaggio di due mototuristi

 

« 29 aprile 2017: il Basso...21 maggio 2017: Vapore i... »

15 maggio 2017: Oblivion... Human, not only Digital...

Post n°191 pubblicato il 15 Maggio 2017 da biangege
 



L'Aquila, 2013


Lo spunto per questo articolo viene da due argomenti di fatto legati sui quali il Bian vuol fare qualche riflessione: la percezione e la labilità delle notizie pubblicate sul web.

Diario di viaggio e di vita
Cominciamo a fare i conti della serva sul sito e sul blog: il vecchio sito ha ancora pagine citate qui e là e riceve visite, ad oggi sono 46.075, il nuovo sito è a 1.125 e il blog è a 11.547: con lo spannometro, in sette anni e mezzo sono 21 visite al giorno. Di queste ventuno alcune sono nostre perché alla fine il Bian si è accorto che scrive sì per altri, per mettere a disposizione le sue pur banali esperienze di viaggio, ma scrive anche per sé e per la Gegeniglia, ripercorrendo nella mente i viaggi passati e sperando di avere un diario da consultare tra qualche decennio e vincere il decadimento della memoria.

Il Digital Oblivion
Tuttavia navigando il sito ogni tanto salta fuori qualche buco nell’impaginazione e certi link non puntano più a niente… eh già, il web è una cosa viva e si evolve, ma allo stesso tempo si involve fagocitando dati mettendoli prima a disposizione di tutti e poi disperdendoli nel nulla per cessazione dei siti, modifiche, nuove politiche di chi li gestisce… spazio web libero? Sì, ma fino a quando? Condivisione di immagini? Ma per quanto tempo? HTTP 404 - Page not found: Il Digital Oblivion è già realtà.

Anche se il web ha uno spazio enorme, nulla è per sempre e ogni contenuto esterno che viene linkato potrà non essere più raggiunto un domani, specialmente se si tratta di servizi di hosting gratuiti: recuperate una foto da Imageshack per esempio… speriamo che Google continui a garantire i suoi servizi, anche se ci ha già fatto strani scherzi con Maps e con Photo. Per adeguare i contenuti ai nuovi device con risoluzione quanto mai varia, i link agli album sono cambiati (quindi le pagine che li citano hanno link orfani) i layout si sono fatti liquidi e i siti sono responsive (ma come parlo???) privilegiando le immagini rispetto al testo: una volta era velocissimo aggiungere didascalie a un album su Google Photo, adesso molto meno e le Mappe hanno perso molta della loro configurabilità come colori e icone, a beneficio di chi consulta da tablet o smartphone ma a discapito di chi i contenuti li crea…

Ah, ma una foto val più di mille parole, si dice. Ed ecco centomila foto tutte simili che verranno viste una volta. Si dice che dall’anno 2000 in poi l’Uomo abbia creato una quantità di dati pari a quella creata dalla notte dei tempi fino all’anno 2000 stesso. Ma quantità di dati non vuol dire informazione, i dati devono essere organizzati per poter creare informazione, se no sono solo una massa da cui non si estrae niente. Ah, ma dimenticavo, abbiamo Artificial Intelligence, Machine Learning, Analytics (ma come parlo???)…

Lo Human Oblivion
Bene, dovremo fare un po’ di manutenzione al sito (che resterà così finchè Virgilio acconsentirà) per andare a tappare le vare falle, lavoro noioso ma che va a nostro beneficio (per quando saremo vecchi) e per i pochi che ci leggono… oppure possiamo tenerci la nostra copia locale (e copiarci in locale tutti i contenuti che non fanno parte del sito propriamente detto e che abbiamo postato qui e là prima che possano sparire) e addio condivisione, ma “se nessuno scrive, chi legge?”. Questa affermazione è uscita come risposta a un intervento del Bian sul forum AHD dove egli voleva porre attenzione sul fatto che pochi, sempre i soliti, scrivono e moltissimi, specie i nuovi iscritti ma non solo, si limitano a leggere e magari non interagiscono neanche: l’unico segno di vita è la data di ultimo accesso.

Non occorre essere perversi per fare dei conti della serva anche qui: in calce alla lista dei topic sono indicati gli utenti attivi nelle ultime 24 ore e siccome i nick degli scrittori assidui sono pochi, essi saltano all’occhio; se poi andiamo a vedere la lista utenti e la mettiamo in ordine di accesso abbiamo altri riscontri. In sette giorni il thread ha avuto 230 visualizzazioni e 27 risposte: su un forum di 350 iscritti siamo a meno del 10%. In più probabilmente molti leggono da tablet o smartphone, oggetti comodissimi per visualizzare (specie immagini), meno per scrivere lunghi messaggi e così le risposte si limitano a una riga: non c’è più quell’interazione che rendeva vivo il forum.

Quello che spiace un po’ al Bian è che non sia scattata la molla per far saltare fuori qualche altra voce dei tanti che leggono, e che il succo del suo intervento sia stato anche travisato.

Ora, chiarito subito che l’autostima del Bian è ben salda nelle sue concretezze quotidiane, a che serve scrivere, impaginare, inserire immagini e link per condividere un report di viaggio se poi non si ha nemmeno un piccolo riscontro in un commento nè in un contatore che si anima?

Se nessuno scrive, chi legge?
Ma se nessuno legge, che senso ha pubblicare uno scritto?

Indice dei viaggi e dei pensieri

 

Post scriptum del 16 maggio: Jigen, è proprio vero...

Post scriptum del 18 maggio: Regola dell'1%

 

Post scriptum del 4 agosto: senza parole

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

devitodSky_Eagleonlyemotions71costanzatorrelli46do_re_mi0fl.degiovannibiangegeStolen_wordsnovufficiobrianzarustiko1TORELLA57Profondicus1giuseppe.marcariniamorino11
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK