Creato da amore_eluce il 24/12/2011

Amore e luce

Amicizia e altro.

 

Dentro di me il tuo mare

Post n°274 pubblicato il 25 Settembre 2016 da amore_eluce

http://img3.dreamies.de/img/93/b/ehrt2ntuvhf.jpg

Dentro di me il tuo mare,
fa piangere i miei sogni,
sino al singhiozzo dell'anima,
entra ed esce, va in riflusso e poi mi pervade,
lasciandomi quel tuo odor di donna,
come rosa color carne;
poi riprende,
gocce di parole e carezze,
sono acque tormentose,
s'innalzano i sentimenti alla marea,
in quel vortice di passione,
si gonfiano, si fan tempesta e si placano,
in silenzio come stelle si cullano sull'onde,
in attesa d'un abbraccio di baci.
(Baldo Bruno)

 
 
 

Passerei notte a baciarle dolcemente,

Post n°273 pubblicato il 23 Settembre 2016 da amore_eluce



Quella notte sulla salita della passeggiata,
Mentre il vento fresco accarezza la scogliera,
Al mio parlare ti sei voltata,
E il sorriso si è dipinto sul tuo viso di pesca prelibata,
Qualche passo insieme e poi il sentiero,
Cominciava a stringersi fino a quella grotta,
Dove nel buio vedevo ogni tuo pensiero,
Mentre il rumore dei flutti mi avvertiva che l'onda si era rotta,
Qualche sorriso e poi la baia così soffusa e appartata,
Intimorì il vostro orgoglio di fanciulle,
Che già nel silenzio delle onde ti avrei amata,
Così abilmente sfiorata da un vento di betulle,
Pochi passi ancora e il silenzio avrebbe avvolto,
I nostri sguardi e le nostre emozioni,
Che ho ancora male a sentirmi tolto,
Come una spada che affonda e gira nel cuore con delle, vibrazioni,
Sarebbe bastato poco per ammirare insieme la luna sopra i frangenti,
Mentre quasi affondava nel mare scuro,
Come voleva il mio sguardo perdersi sicuro,
Nei tuoi capelli mossi dai quattro venti,
Il mio cuore colpito da ogni parte e vinto,
da mani ferme e da occhi complici,
Mentre ad ogni tuo russo parlare convinto,
Cupido ne scagliava due dalla faretra dagli alti rocciosi edifici,
Poi tutto è passato come una cascata veloce,
E neanche una foto conservo del tuo viso,
E sono invaso di fiamme brucianti di un amore precoce,
Che a volte svaniscono in un debole triste sorriso.,
Passerei le ore del giorno a sognare le tue labbra,
e le ore della notte a baciarle dolcemente,
sopra una spiaggia dai granelli fini come il sale,
per tutto il tempo del volo di una moneta d'argento,
in un pozzo, senza fondo.(Roberto Pelliccetti)

 
 
 

L'immagine di te

Post n°272 pubblicato il 19 Settembre 2016 da amore_eluce



L'immagine di te,
è suggestiva,
è sempre presente,
in trasparenza,
mi accompagna,
mi segue nelle giornate,
è quasi palpabile.
L'accarezzo,
e sento la tua pelle morbida,
vellutata,
che lascia intrise,
le mie mani,
del tuo profumo inebriante.
Splendida creatura,
d'immenso calore,
bramo la tua passione,
il tuo essere donna,
e tu donandoti,
col sentimento dell'amore,
abbracci e vivi un sogno,
non più solo come pensiero costante,
ma splendida realtà,
(Giuseppe Mucavero)

 
 
 

Ieri con te

Post n°271 pubblicato il 18 Settembre 2016 da amore_eluce



Ieri con te ho sentito le emozioni salire sulla mia pelle,
Stare sdraiato con te accanto,
e riscaldarci;,
non sai cosa provo quando sono con te.,
Non penso tu potrai mai capirlo,
perchè con te non riesco a dar freno ai sentimenti.,
Una poesia al giorno ti dedicherei,
per farti capire che senza te non vivrei.,
O meglio, vivrei male senza averti accanto.,
Sei ciò che vorrei ed è per questo che non voglio perderti,
ieri ho sentito un brivido conquistare il mio corpo,
attraversare il mio cuore,
forte, potente, energico,
mi ha fatto impazzire ed è scattato un sorriso in me.,
Tu sei la prima che riesce a farmi questo effetto;
forse l'atmosfera, forse noi due appiccicati,
so solo che ti amo.,
( Gianni Spadavecchia)

 
 
 

Potessero le mie mani sfogliare

Post n°270 pubblicato il 17 Settembre 2016 da amore_eluce



Pronunzio il tuo nome,
nelle notti scure,
quando sorgono gli astri,
per bere dalla luna,
e dormono le frasche,
delle macchie occulte.
E mi sento vuoto,
di musica e passione.
Orologio pazzo che suona,
antiche ore morte.
Pronunzio il tuo nome,
in questa notte scura,
e il tuo nome risuona,
più lontano che mai.
Più lontano di tutte le stelle,
e più dolente della dolce pioggia.
T'amerò come allora,
qualche volta Che colpa,
ha mai questo mio cuore,
Se la nebbia svanisce,
quale nuova passione mi attende,
Sarà tranquilla e pura,
Potessero le mie mani.,
(Federico Garcia Lorca)

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

amore_eluceuomoelegante230testipaolo40nanettapazza79angeldemo63aldogiornomissely_2010apungi1950_2collineverdi_1900luboposols.kjaerapungi1950NoimuepaneghessaStolen_words
 
 

E VUI BEDDUZZA MIA DORMITI ANCORA

http://fotos.subefotos.com/2c2ff30de241e10670f10b5493f05fbao.jpg

Il sole è già spuntato in mezzo al mare

e voi bellezza mia dormite ancora,

gli uccelli sono stanchi di cantare

e infreddoliti aspettano qua fuori,

sopra questo balconcino sono poggiati

e aspettano quand'è che vi affacciate


-Lasciate stare, non dormite più,

che in mezzo a loro in questo vicolo

ci sono pure io che aspetto a voi

per vedere questo volto così bello

passo qui fuori tutte le notti

e aspetto solo quando vi affacciate


I fiori senza di voi non possono stare

sono tutti con la testa penzolante.

ognuno di essi non vuole sbocciare

se prima non si apre questo balcone

dentro il bocciolo sono nascosti,

e aspettano quand'è che vi affacciate

 

 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

NON SMETTERO MAI DI CERCARE IL TUO DOLCE CUORE?

http://fotos.subefotos.com/6b9ad477cc678121a7a3b187960d2e5eo.jpg

Il vero amore non muore mai. Non conosce stagioni: le ore, i giorni, gli anni sono soltanto frammenti di stelle spente, brandelli di tempo. Il cuore è come un uccello in grado di vedere il cielo mentre vola silenziosamente nell'immensità del deserto. Migra in quella solitudine per andare incontro a chi ha bisogno d'amore.(R Battaglia.)
 (faro della mia Anima)
          (Gibran)

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie

amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

_______________________