ChIaRoScUrI D'aNiMa

L'animo umano: diviso tra bene e male, indeciso tra tentazione, logica e desiderio

 

MUSE




              Take A Bow

 

FACEBOOK

 
 

IO SONO...

 

V DAY

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

THE RASMUS

Bittersweet
Feat. Apocalyptica & HIM



No Fear



First day of my life

In The Shadows

Nelle Ombre

Oh Oh
Oh oh

Non dormo
Non dormo finchè non avrò finito di trovare la risposta
Non mi fermerò
Non mi fermerò finchè non avrò trovato la cura per questo cancro.
A volte sento come se stessi per cadere, sono talmente distaccato dalla realtà
In qualche modo so di essere braccato perché sono ricercato

Ho guardato, ho aspettato
Nelle ombre, per il mio tempo
Ho cercato, ho vissuto
Per il domani, tutta la mia vita
Oh Oh
Oh Oh
Nelle ombre

Loro dicono che devo imparare ad uccidere prima di sentirmi al sicuro
Ma io, mi ammazzerei piuttosto che diventare loro schiavo
A volte sento che dovrei andare e giocare col destino
In qualche modo non voglio restare qui ad aspettare il miracolo

Ho guardato, ho aspettato
Nell' ombra per il mio tempo
Ho cercato, ho vissuto
Per il domani, tutta la mia vita

Ultimamente, ho camminato, camminato in circoli viziosi
Guardando, aspettando un qualcosa
Sentimi, toccami, guarisci me
Vieni portami più in alto

Ho guardato, ho aspettato
Nell' ombra per il mio tempo
Ho cercato, ho vissuto
Per il domani, tutta la mia vita
Oh, oh
Oh, Oh
Nelle ombre
Ho aspettato..

The Rasmus

 

 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

BLADE RUNNER

 

METALLICA



                     Orion

Enter Sandman

Nothing Else Matters



Nient'altro Importa

Così vicini non importa quanto lontani
Non poteva essere molto di più dal cuore
Abbiamo per sempre fiducia in chi siamo
E niente altro importa
Non mi sono mai aperto così
La vita è nostra, la viviamo a modo nostro
Non dico solo tutte queste parole
E niente altro importa
Cerco la fiducia e la trovo in te
Ogni giorno qualcosa di nuovo per noi
Mente aperta per un'opinione diversa
E niente altro importa
Non mi è mai importato quello che fanno
Non mi è mai importato quello che sanno
Ma so
Così vicini non importa quanto lontani
Non poteva essere molto di più dal cuore
Abbiamo per sempre fiducia in chi siamo
E niente altro importa
Non mi è mai importato quello che fanno
Non mi è mai importato quello che sanno
Ma so
Non mi sono mai aperto così
La vita è nostra, la viviamo a modo nostro
Non dico solo tutte queste parole
Cerco la fiducia e la trovo in te
Ogni giorno qualcosa di nuovo per noi
Mente aperta per un'opinione diversa
E niente altro importa
Non mi è mai importato quello che dicono
Non mi sono mai importati i giochi che fanno
Non mi è mai importato quello che fanno
Non mi è mai importato quello che sanno
Ma so
Così vicini non importa quanto lontani
Non poteva essere molto di più dal cuore
Abbiamo per sempre fiducia in chi siamo
No niente altro importa.

METALLICA

 

OIINKKK

 

GUNS'N ROSES

Don't Cry

Knocking On Heaven's Door

November Rain

 
 

 

Watchmen, dal fumetto il film

Post n°58 pubblicato il 26 Febbraio 2009 da breakthru_light


Mentre son state approvate le ronde non armate nel nostro Paese, ecco che il 6 marzo esce nelle nostre sale cinematografiche il film "Watchmen",  
(Osservatori) di Zack Snyder ("300" e "L'alba dei morti viventi") e un libro che ripercorre la produzione del film medesimo: "Watchmen: il libro ufficiale del film" di Peter Aperlo.
Una storia che tratta dell'umanità sull'orlo della crisi apocalittica e di giustizieri o come i protagonisti amano definirsi: avventurieri mascherati.
Dopo "From Hell" - La vera storia di Jack lo squartatore" "La lega degli uomini straordinari" (non leggenda ma lega; che Paese censore e stupido) "Constantine" e "V for Vendetta" questa è un altra pellicola nata dal genio del maestro inglese e mondiale del fumetto: Alan Moore.
In V il protagonista, il soggetto 5, appunto V in numero romano, da ex cavia di laboratorio/campo di concentramento, assurge a ribelle e ispiratore delle masse oppresse dal governo dittatoriale inglese, unico territorio dove la vita umana è ancora quasi "civile", in uno scenario post conflitto nucleare.

In quest'altra epica storia diventata graphic novel (edizione in volume unico) dopo la prima pubblicazione in albi separati: comic (fumetto) è tratta dal capolavoro sceneggiato e scritto dal maestro e disegnato e inchiostrato da Dave Gibbons: la miniserie di dodici capitoli omonima: "Watchmen" che ha guadagnato vari premi Kirby ed Eisner, nel 1988 il Premio Hugo (unica graphic novel mai premiata) e nel 2005 il Time Magazine l'ha inserita tra i cento più grandi romanzi in lingua inglese dal 1923 in poi. La storia rifletteva le paure e le ansie della gente nei tempi in cui fu pubblicata; qui ritroviamo l'ambientazione anni '80 di V, ma un atmosfera ancor più fatalista, subdola, sull'orlo della Terza Guerra Mondiale, il nemico non sono solo i governi: gli Stati Uniti sono dominati ancora dal presidente Nixon, che abroga il limite dei due emendamenti rimanendo al potere per cinque e la Russia rappresenta ancora il Pericolo Rosso.
La gente vive nella paura della fine di tutto ciò che è, un metaforico Orologio dell'Apocalisse segna costantemente cinque minuti alla mezzanotte dell'umanità, che rappresenta la guerra nucleare, i graffiti sui muri rispecchiano le paure e la rabbia dell'uomo comune che non ha più fiducia in chi comanda e molti di loro nemmeno nei giustizieri, Le Maschere come vengono chiamati, banditi ingiustamente da anni dal governo, preoccupato di non averne il controllo.
Due di loro però entrano in progetti governativi, il Comico diventa agente sul campo, combattendo anche nel conflitto col Vietnam, vinto, e anche Dottor Manhattan che viene convinto ad essere una "cavia/prigioniero"  con la scusa dei test di laboratorio, ma è un essere di incommensurabile potenza che potrebbe anche distruggerci in un momento di follia o debolezza; lui il fulcro della vicenda, per cui gli Stati Uniti diventan di fatto i detentori dell'arma suprema vivente, portando quindi all'attuale clima politico mondiale: catastrofico.
In questa storia che ha anche una trama poliziesca, si scandaglia l'animo dell'essere umano attraverso le maschere che questi si pone per sopravvivere, la figura dell'eroe viene, a seconda dei personaggi, smontata, ricostruita, messa in dubbio, distrutta, riabilitata.
L'eroe con le sue debolzze, paure e nevrosi, che diventa antieroe o persino l'opposto!
Lo scopo del mascherarsi riguarda solo la tutela personale e di chi è vicino all'eroe? Quanto è disposto un eroe a scendere nell'abisso e venirne a patti per conseguire uno scopo positivo? Se mai persisterà come tale o a quel punto si trasformerà portando alla lenta discesa dell'uomo nella morsa del male, di stevensoniana memoria.
Quali fantasmi agitano e intorbidiscono la psiche degli eroi, quanta invidia e paura prova in fondo all'anima l'uomo comune verso chi gli è superiore, più libero di agire ma visto al di sopra della Legge, pur essendone protetto? "Questa città ha paura di me... ho visto il suo vero volto..."
Temi che negli anni '80, epoca in cui è stata scritta la nostra storia, hanno caratterizzato i fumetti del genere, in un clima spesso angosciante disperato ma maturo. Un periodo delineato e definito soprattutto dalle serie legate agli X-men del grande Chris Claremont, nel ciclo definito "Morte e Dissoluzione".
Definitivamente l'eroe senza macchia venne rivisitato e talvolta finito moralmente e anche fisicamente (salvo riabilitazioni morali e/o resurrezioni).
Qui le macchie sono tante e tuttaltro che quelle cangianti della maschera di Rorschach.

I protagonisti:

Gli Watchmen sono successori dei Minutemen degli anni '30/'50.
Indelebili figure ispirate ad altri personaggi del fumetto.
Rorschach: un uomo la cui tragica infanzia segnata dalle violenze subite e dalla vergogna per la proria madre prostituta, reagisce con la logica pura... della violenza, anche se non gli da piacere; Ora fuorilegge e braccato, ogni oggetto è un arma compresi i propri mente e corpo, la sua missione è la giustizia sempre e comunque. Lui è il mio preferito ed anche del regista.
Gufo Notturno II: un uomo che ha accettato il veto ai giustizieri, ora il suo corpo è appesantito, è insicuro è dibattuto tra il rispetto della Legge e l'istinto a servire e proteggere... ma  il richiamo al dovere è troppo forte.
Basato su Blue Beatle ma anche ovviamente su Batman.
Dottor Manhattan: "muore" come uomo "rinasce" come un dio, cosa pensa di noi semplici umani? Potrebbe tradirci o perdere il controllo e cancellarci nella sua luminosa gloria? Quanto di umano rimane della sua mente e della sua anima? Potrebbe stupirci. Ripropone la figura dell'uomo/mostro in bilico tra bene e male che vorrebbe solo essere lasciato in pace (mi ricorda Hulk).
Spettro di Seta II: sulle orme della propria madre, il primo Spettro di Seta dei Minutemen, scoprirà anche nella versione su pellicola la verità nascosta sullo stupro di quest'ultima? E' forse l'unica che impedisce al marito, il Dottor Manhattan di impazzire. E' più forte di quanto non sembri.
Ozymandias: il culto della perfetta forma fisica e mentale, sono le sue regole, ricco e abile imprenditore, che ha come modelli Ramesse II e Alessandro Magno. E' considerato l'uomo più intelligente al mondo, è molto ambizioso e lungimirante... troppo?
Il Comico: membro cofondatore anche dei Minutemen, spaccone sarcastico, eroe? No è un sadico che utilizza la sua posizone per sfogare le proprie tendenze sul prossimo, "mascherandole" con la goliardia. Ora è un mastino da guerra che nasconde gelosamente dei segreti vergognosi. Il suo destino è il campanello d'allarme per gli ex compagni.

Il Gioco è iniziato, le pedine incominciano ad esser mosse, allontanate dalla scacchiera o "mangiate"... quale sarà la verità dello sconvolgente finale?
Il pericolo definitivo è forse interno, più vicino di quanto possiamo intendere e vedere? O magari lontano e alieno?
Qualcuno dirà: "Il mondo griderà verso l'alto: SALVACI! e io sussurrerò: no!"
Prestate occhio ai dettagli durante la visione del film sperando che lo spirito dell'opera originale sia reso in modo più efficace che per il film di V for Vendetta: è sempre complicato concentrare una lunga storia in un film. Io ho grandi aspettative e sono impaziente; vi consiglio ancor di più il fumetto, ovviamente.
Gli Osservatori ci osservano... chi osserva gli Osservatori?
Domanda sempre attuale.


Watchmen

 
 
 

Le ex

Post n°57 pubblicato il 08 Febbraio 2009 da breakthru_light


Post riscritto.

Quanto possono deludersi  le persone e non capirsi bene anche dopo che la storia è finita.
Meno parole tese e paure e, potendo , più fatti. Questo aiuterebbe, se merita, se no...

 
 
 

Post N° 56

Post n°56 pubblicato il 22 Novembre 2008 da breakthru_light


E quanta pioggia, come lacrime, è caduta tra noi...


 
 
 

Post N° 55

Post n°55 pubblicato il 15 Novembre 2008 da breakthru_light

Cammino nel pomeriggio d'autunno, nel viale alberato; mi siedo su una panchina e osservo il cielo uggioso, uno stormo di anatre  vola basso.
Come sono belli e tristi i colori di questa stagione, la mia, il grigio del cielo, il giallo/rosso delle foglie che contrasta col verde dell'erba.
Poi mi ritorna in mente lei,  momenti passati insieme, ridendo, i lunghi periodi in cui si stava avvinghiati a godere l'uno dell'altra.
Incomincia a piovere, questa pioggia sporca e acida che non cancella i ricordi.



 
 
 

Post N° 54

Post n°54 pubblicato il 25 Ottobre 2008 da breakthru_light


Quante belle parole ascoltate e lette; momenti insieme... così lontani; pensieri di costruire un futuro insieme, ma non era così facile... solo nell'immaginazione lo può essere.
Sono così lontane quelle situazioni ora, è tutto "bloccato"... io ci ho provato a smuoverle un pò, ma non era facile,  la risposta è cosi... rinchiusa a riccio.
Lascio correre, devo pensare alle cose che potrei fare e a quelle che vogliono e possono esser cambiate.

 
 
 

Post N° 53

Post n°53 pubblicato il 25 Settembre 2008 da breakthru_light


Momenti di grigio si mischiano con il nero sovrastante, soffocante, avvelenano i pensieri;
cerco il bianco, la luce, ma si percepisce così lontana.
Eppure la vita continua.

 
 
 

Post N° 50

Post n°50 pubblicato il 31 Maggio 2008 da breakthru_light


Che senso ha il dolore se non ti fa crescere?
Che forma ha il desiderio trattenuto?
Che odore ha il tuo corpo quando mi pensi?
Che gusto ha la tua bocca dopo tanti baci?
Che suono ha sentir dire ti amo se non hai il tuo corpo avvinghato al mio?
Quanto è flussuoso il tuo corpo tra le mie mani, quando sei su di me, finalmente?
Che colore ha la notte senza te a dormire nel mio letto?

 
 
 

Una storia di Frank

Post n°49 pubblicato il 20 Maggio 2008 da breakthru_light

La notte si avvicina nel quartiere newyorkese di Hell's Kitchen, sento ululare dei cani randagi che poi s'azzuffano per dei rifiuti, metafora del degrado umano della zona.
Mi dirigo deciso verso uno degli stabilimenti fatiscenti, il mio obbiettivo per questa notte.
Chiudo un attimo gli occhi ed eccola: ancora una volta vedo con la mente la mia famiglia massacrata, in terra tra l'erba del parco, la cui unica colpa fu di esser nel posto sbagliato al momento sbagliato, e io impotente stramazzato al suolo, ferito e morto dentro.
Allontano la mente da li: ora sento musica rap provenire dall'nterno dell' edificio abbandonato, luce fuoriesce da sotto la pesante porta metalicca. Il puzzo della fatiscenza è ovunque. Mi accosto e colpisco ritmicamente la porta fino a che un tizio si avvicina da dentro.
- Ehi! Cazzo fai?
Io aspetto senza rispondere... un secondo ed ecco l'energumeno infilare all'esterno una pistola fuori, afferro con forza la mano ed entro colpendogli con violenza il naso con una testata; imbracciato il mio automatico da sotto lo spolverino, sventaglio una raffica freddando i ltizio; l'adrenalina pompa mentre rivolgo la mia attenzione agli altri all'interno della crack house.
La risposta al mio fuoco è risibile: alcuni strafatti, terrorizzati, molti vedono bene il teschio dipinto sul mio giubbotto in kevlar, qualcuno mi spara quasi addosso, in due minuti sono tutti a terra ed io come avatar di morte mi aggiro tra loro.
Ne sento mugolare uno moribondo, lo raggiungo e gli piazzo la canna di una delle mie semiautomatiche tra gli occhi
- Noo, aspetta! Aspetta!!
Implora e mi canta qualche nome e dritta per una prossima incursione, ringraziando il bastardo pongo fine alle sue sofferenze premendo il grilletto. Prendo tutti i soldi che posso portare con me e un paio di AK-47, brucio la merda bianca e le attrezzature dell'impianto di produzione e mi allontano prima di sentire il clamore delle sirene; con il fetore di sangue misto a  polvere da sparo nelle narici.
A volte mi chiedo cosa sarebbe la mia vita senza la mia crociata, un'utopia: eliminare il crimine, tutto. Unico stimolo di un'esistenza grigia, non vendicare, ormai chi ha ucciso i miei l'ho ridotto a cibo per vermi; bensì punire... finchè ne avrò la forza, io... Frank Castle.
Qualcuno a volte mi ha chiesto se ho ancora delle emozioni, oltre la rabbia e la pazzia. Non so, mi sento soddisfatto solo quando svolgo il mio lavoro.
Non sono più capace di sorridere.
Ho sete, nascondo la roba in uno dei miei rifugi e cerco un pub.
Musica, gente allegra, il fine settimana è alle porte, mi siedo ed ordino una birra ghiacciata, che inizio a sorseggiare. Poi la vedo. In una rivista una foto di una donna sorridente, una pubbicità. E' così simile alla mia Maria... mi sento sciogliere qualcosa dentro, qualcosa che non capisco; poi la rivedo ancora una volta a terra crivellata dai proiettili. Stò per gridare, esco, nervoso.
Mi sento gli occhi umidi, qualcosa mi deve esser finito negli occhi, prima... rabbrividisco un attimo mentre mi chiudo ancor più nel mio impermeabile nero. Mi allontano, pensando al mio dovere.
S'è alzato un vento gelido.


Liberamente ispirato a The Punisher, Marvel Comics


 
 
 

Una sola parola: VERGOGNATEVI

Post n°48 pubblicato il 09 Febbraio 2008 da marta_127

 Dal TGCOM
I deputati si aumentano la pagaAl mese 200 euro in più come i senatori

Dopo le polemiche seguite alla pubblicazione delle statistiche europee che assegnano ai nostri politici la maglia nera per essere i più pagati del continente (il doppio dei colleghi tedeschi), a Montecitorio inaugurano il nuovo anno con un bell'aumento di stipendio. La versione ufficiale che circola è che si tratta di una misura per adeguarlo a quello dei senatori. Duecento euro lorde al mese. Toccherà a Bertinotti decidere.

Tutta colpa, si giustificano a Montecitorio, della mancata parità di trattamento rispetto ai senatori che percepiscono un'indennità di 5.613 euro circa. A Palazzo Madama, infatti, non hanno mai rinunciato all'incremento dell'indennità dovuto all'automatico adeguamento della busta paga dei parlamentari a quella dei presidenti della Corte di Cassazione. La Camera sta infatti pensando di restituire  ai suoi 630 inquilini quei duecento euro lordi mensili cui avevano rinunciato nel 2007 e che i colleghi senatori continuano a percepire.

A rimetterci, naturalmente, saranno le casse dello Stato, visto che la Camera sarà costretta a sborsare oltre un milione e mezzo di euro in più. Insorge l'Italia dei Valori che chiama alle armi Alleanza nazionale con il proposito di battersi in ufficio di presidenza. E pensare che era dello scorso anno il proposito virtuoso dei parlamentari di sacrificare l'aumento di stipendio in nome della morigeratezza in politica. Oggi il dietrofront in puro stile voltagabbana per ragioni di "equità" di trattamento con i colleghi senatori.

Ad ingarbugliare ancora di più le cose, ci si è messo poi il blocco delle stesse indennità parlamentari disposto dalla Finanziaria per i prossimi cinque anni. Moratoria, dicono a Montecitorio, che avrebbe di fatto cristallizzato una situazione di disparità tra le due Camere. Bertinotti si trova quindi ad affrontare un'ingarbugliata vertenza: contrastare i privilegi di casta oppure subire i ricorsi dei deputati che sulla base della legge sarebbero inevitabilmente accolti.

Dal TGCOM

 
 
 

Il lavoro in Italia: una vergogna

Post n°40 pubblicato il 13 Dicembre 2007 da breakthru_light

In questo momento si stanno svolgendo i funerali delle vittime del rogo alla Thyssen.
Questi fatti vergognosi di menefreghismo, di precarietà delle condizioni lavorative, di sfruttamento mi riempono di disgusto, io che ho ho già una brutta situazione di lavoro precario e ridotto uno dei motivi per cui il mio morale è nero. Sputerei volentieri in faccia a questi imprenditori e dirigenti farabutti. Vengono raccolti soldi del popolo su conti creati da redazioni, ma sono loro che devono risarcire le famiglie, loro e INAIL.
Questa gente deve esser sanzionata e punita, la colpa di questi fatti di cronaca nera è loro non delle vittime, povera gente.

Questo Paese và in malora, vergogna.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: breakthru_light
Data di creazione: 20/09/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: breakthru_light
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 41
Prov: TO
 

AREA PERSONALE

 

AL MOMENTO SIAMO IN...

web tracker
 

WATCHMEN

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ely2388albi97abpattypatty72pmarini.igortoninolippibigtiger0danielfanmanu.rossanapaticchiodiegologamagicrafmaslele.home1972cla.winFracesco07elly.otrex
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CRASH THE TROLLS

 

V FOR VENDETTA

V tribute - Enjoy The Silence


 

QUEEN

Who Wants To Live Forever

Bohemian Rhapsody

Breakthru

The Show Must Go On

 

LINKIN PARK

Somewhere  I Belong

What  I've Done

In The End


Alla Fine

Una cosa  non so perchè
Non importa neanche quanto ci provi
Ricordatelo. Ho scritto questa canzone
Per spiegare in tempo
Tutto quello che so
è che il tempo è una cosa preziosa
Vedilo volare mentre i secondi passano
Vedilo passare fino alla fine del giorno
L’orologio fa passare la vita
è cosi falso
Non ero attento
Vedi il tempo volare fuori dalla finestra
Ho provato a fermarlo ma non sapevo neanche
L’ho sprecato tutto solo per
Vederti andare via
Ho tenuto tutto dentro di me e anche se ho provato è tutto rovinato
Quello che era per me sarà solo un ricordo del tempo quando ho provato
Cosi tanto
E ci sono quasi riuscito
Ma alla fine
Non importa neanche
Dovevo cadere
Per perdere tutto
Ma alla fine
Non importa neanche
Una cosa. Non so perche
Non importa neanche quanto ci provi
Ricordatelo. Ho scritto questa canzone
Per ricordarmi
Quanto ci ho provato
Anche se mi stavi prendendo in giro
Ti comportavi come se fossi la tu proprietà
Ricordandomi tutte le volte che hai litigato con me
Mi sorprendo che è andato cosi lontano
 
Le cose non sono come erano prima
Non mi riconosceresti neanche più
Non è che mi conoscevi prima
Ma torna tutto a me
Alla fine
Hai tenuto tutto dentro e anche se ci ho provato era tutto inutile
Quello che era per me sarà solo un ricordo del tempo quando ho provato
Cosi tanto
E ci sono quasi riuscito
Ma alla fine
Non importa neanche
Dovevo cadere
Per perdere tutto
Ma alla fine
Non importa neanche
Mi fidavo di te
Spingevo quanto potevo
E per tutto questo
C’è solo una cosa che dovresti sapere
Mi fidavo di te
Spingevo quanto potevo
E per tutto questo
C’è solo una cosa che dovresti sapere
Ci ho privato cosi tanto
E ci sono quasi riuscito
Ma alla fine
Non importa neanche
Dovevo cadere
Per perdere tutto
Ma alla fine
Non importa neanche

Linkin Park

 

IL CORVO

Se le persone che amiamo ci vengono portate via, perché continuino a vivere, non dobbiamo mai smettere di amarle. Le case bruciano, le persone muoiono, ma il vero amore è per sempre!

 

RICKY MARTIN FEAT. MEJA

Private Emotion

Emozione Privata

Ogni incessante notte ha un albeggiante giorno
Ogni più nero cielo ha un lucente raggio
Ed esso brilla su di te, ragazza,
non vedi?
Tu sei l'unica che può splendere per me

È un'emozione privata che ti colma questa notte
E il silenzio cade tra noi
Come le ombre rubano la luce
E lo troverai ovunque
Esso può condurti ovunque
Lascia la tua emozione privata venire da me
Venire da me

Quando la tua anima è stanca e il tuo cuore
Debole
Pensi che l'amore sia una strada a senso unico?
Probabilmente corre in due vie
Apri i tuoi occhi
Non mi vedi qui?
Come puoi negare?

Ogni incessante notte ha un albeggiante giorno
Ogni più nero cielo ha un lucente raggio
Che porta molte risate come le tue lacrime passano
Ma puoi trovarmi qui
Finche le tue lacrime cesseranno
È un'emozione privata che ti colma questa notte
E il silenzio cade tra noi
Come le ombre rubano la luce
E lo troverai ovunque
Esso può condurti ovunque
Lascia la tua emozione privata venire da me
Lascia la tua emozione privata venire da me

Ricky Martin

 

CHEMICAL BROTHERS

Feat. R. Ashcroft - The Test

Hey Boy Hey Girl

 

EVANESCENCE

My Immortal

Lithium

Bring Me To Life

 

RITA HAYWORTH

 

DEPECHE MODE

Enjoy The Silence