Creato da rothermaier il 28/02/2009

quellocheledonne

raccolta di complicazioni quotidiane....

 

 

« ciaodevifareciòchetifastarebene... »

Come stai?

Post n°154 pubblicato il 20 Marzo 2017 da rothermaier

 

"....come stai?"

sono due semplici parole che ultimamante sembrano sparite dalle domande comuni.

Quasi sempre si chiede all'interlocutore, soprattutto per telefono, "è tutto a posto?" (tuttappost?...come si dice dalle mie parti) oppure "è successo qualcosa?" inserendo l'urgenza di un fatto accaduto per il semplice fatto che qualcuno ci abbia cercati...

Quasi mai la telefonata inizia con un semplice, avvolgente, affettuoso "come stai?"...che metterebbe in moto la nostra voglia di esprimere l'emozione di quel momento e di quelle precedenti e che tante volte vorremmo comunicare per "condividere" (altra parola fantasma...

Solo un amico vero (...merce rarissima!) inizia proprio così..."come stai?" e da il via allo scorrere delle parole, 

emozioni e stati d'animo che, altrimenti, rimarrebbero intrappolati nel classico "tuttappost?"

Quando la vita si distrae, cadono gli uomini....

Roth

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/cenererossa/trackback.php?msg=13513409

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
GothMakeUp
GothMakeUp il 26/03/17 alle 14:55 via WEB
Ciao, molto carino il tuo blog, noi abbiamo un blog dove trattiamo tanti argomenti, se ti va passa a trovarci e farci un saluto, saremo ben lieti di accoglierti e metterti a tuo agio; ) se ti va puoi lasciarci un commento, ti risponderemo sicuramente. Grazie e buona giornata.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

S-S-S-S

 

 

 

ORA!!!!

 
All truth passed through three stages:
First, it is ridiculed.
Second, it is violently opposed.
Third it is accepted as self-evident
Tutta la verità passa attraverso tre fasi:
in primo luogo, è ridicola.
in un secondo momento ci si oppone violentemente.
alla fine è accettata come ovvia
A: Schopenahuer
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rothermaiercozzolinofabio2004mariazeroseiCartman72estoycontigoProfondicus1ildivinomarchese4France.Costamaniman69claudia.sognoacer.250IrrequietaDletizia_arcuriGiuseppeLivioL2passionale21761
 

IO CONDIVIDO...

Il numero degli uomini che accettano la civiltà da ipocriti è infinitamente superiore a quello degli uomini veramente civili.--Sigmund Freud
 
Citazioni nei Blog Amici: 31
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

LA PIAZZA....

Sarà un cielo chiaro.
S’apriranno le strade
sul colle di pini e di pietra.
Il tumulto delle strade
non muterà quell’aria ferma.
I fiori spruzzati
di colori alle fontane
occhieggeranno come donne
divertite. Le scale
le terrazze le rondini
canteranno nel sole.
S’aprirà quella strada,
le pietre canteranno,
il cuore batterà sussultando
come l’acqua nelle fontane –
sarà questa la voce
che salirà le tue scale.
Le finestre sapranno
l’odore della pietra e dell’aria
mattutina. S’aprirà una porta.
Il tumulto delle strade
sarà il tumulto del cuore
nella luce smarrita.
Sarai tu – ferma e chiara

Cesare Pavese

 

29/07/2009

" La libertà assoluta non esiste:

esiste piuttosto la libertà di fare una scelta e,

da quel momento,

 sentirsi impegnati nei confronti di quella decisione”.

 

Paulo Coelho

 

 

20/07/2009

Questo è il regalo della mia amica Giusy per il mio compleanno!

Un amico lontano
è a volte più vicino
di qualcuno a portata di mano.
E' vero o no ....
che la montagna ispira più reverenza
e appare più chiara al viandante della valle
che non all'abitante delle sue pendici ?
~ Kahlil Gibran

Grazie Giusy!

 

AREA PERSONALE

 

8 MARZO 2009

8 Marzo

   L'origine della Festa dell'8 Marzo risale al 1908, quando un gruppo di operaie di una industria tessile di New York scioperò come forma di protesta contro le terribili condizioni in cui si trovavano a lavorare.

 

     Lo sciopero proseguì per diverse giornate ma fu proprio l'8 Marzo che la proprietà dell'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle      operaie di uscire dalla stessa.

 

     Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità del   lavoro

     Tra di loro vi erano molte immigrate, tra cui anche delle donne italiane che, come le altre, cercavano di migliorare la loro condizione di vita. L'8     marzo assunse col tempo un'importanza mondiale, diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità.

     L'8 Marzo è quindi il ricordo di quella triste giornata

     Non è una "festa" ma piuttosto una ricorrenza da riproporre ogni anno come segno indelebile di quanto accaduto il secolo scorso.

 

 

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova