Creato da regina_crimilde il 25/10/2005

C'era una volta...

le fiabe sono solo dei ricordi d'infanzia o non sono piuttosto un codice da interpretare? Andiamo alla ricerca dei valori, dei miti, della storia profonda dell'umanità e dell'io che trasmettono.

 

 

« Barbablù e la società pa... R. Callois - Fiabesco e reale »

Barbabl¨ e il lato oscuro del matrimonio

Post n°66 pubblicato il 29 Maggio 2006 da regina_crimilde
 
Foto di regina_crimilde

Bettelheim ritiene che la fiaba Barbabl¨ affronti la questione della possibile componente distruttiva della sessualitÓ e che la sua funzione sia proprio di agire da monito rispetto ai rischi legati al cedervi.

Torna quindi il tema di Eros e Thanatos che abbiamo affrontato qualche post fa.

Quindi le mogli di Barbabl¨ che venivano da lui punite con la morte per non aver saputo resistere alla tentazione di avvicinarsi alla stanza proibita del castello, in realtÓ sarebbero state punite per aver commesso infedeltÓ nei confronti del consorte.

Perrault stesso, nel raccontare la fiaba,ála conclude con un esplicito commento che Ŕ anche un consiglio morale offerto alle donne: la curiositÓ, malgrado tutte le attrattive, Ŕ un ben tenue piacere in confronto ai costi che porta con sÚ .
Una curiositÓ, quindi, che Ŕ voglia di sperimentare la sessualitÓ e che ben si adatterebbe al mondo frivolo e lascivo della corte francese, cui Perrault indirizzava i suoi racconti. Un mondo, poi, in cui i matrimoni di interesse erano la norma, e in cui la distrazione sessuale era comune e spesso accettata, nei ceti alti.






Maála fiaba di Barbabl¨ Ŕ inquietante anche nel paradosso in essaácontenuto e cioŔáche, senza infrazione del divieto, lo sposo crudele e assassino avrebbe conservato un ruolo di compagno generoso e magnanimo. In qualche modo la responsabilitÓ della trasformazione di Barbablu in un essere malvagio Ŕ dovuta alla disobbedienza delle mogli, che cedendo al proprio impulsoá (la curiositÓ sessuale), si avventurano nei territoriápericolosi del desiderio. L'infrazione da loro commessa Ŕ dunque relativa al sovvertimento del proprio ruolo sessuale e familiareápassivo. E questa si porta dietro un ribaltamento dei ruoli, per cui il marito, seduttivo a suo modo in quanto offre protezione e benessere, si trasforma in un mostro sanguinario e dispensatore di punizioni.

Tutti gli elementi principali della fiaba,ála compresenza di perversione ed innocenza, amore e violenza, legame matrimoniale e morte - la rendono particolarmente paurosa e ribadiscono il ruolo, tipico delle fiabe, di svelare attraverso metafore, i lati oscuri della societÓ che le ha generate.

E' ancheáinteressante notare che le favole erano spesso raccontate da donne anziane: e quindi lo scopo di questo racconto sarebbe stato avvertire le giovani sulle conseguenze non tanto morali ma piuttosto pratiche del sesso, dell'infrazione del codice o anche della gravidanza (desiderata o meno)áche potevano portare alla morte.

Resta importante considerare come nella fiaba di Barbabl¨ si nasconda e si riveli tutto il sommerso meccanismo psicologico che lega, una volta ma anche oggi, il carnefice e la vittima, il marito oppressore e la moglie abusata, l'uomo violento e la donna malmenata e vittima, che per˛ riamangono, morbosamente legati in modo spesso inscindibile.

Nonostante l'evoluzione della societÓ, il minor bisogno di protezione economica della donna, il suo ruolo sempre pi¨ paritario riconosciuto socialmente, ancora assistiamo (e non solo in strati sociali infimi) all'asservimento da una parte, e all'abusivitÓ dall'altra.
Con una incapacitÓ sostanziale della donna a liberarsi dal ricatto emotivo dell'uomo, padre-padrone.
Come la moglie di Barbabl¨, la donna resta intimamente convinta di aver giustamente provocato l'ira e la punizione di un compagno, altrimenti esemplare.
E di questa reazione resta schiava e prigioniera.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

PER SOGNARE UN PO'

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lilo25centralfunghima.daidone2004mattiacaragnanoyleniadintrono89perma4giampo2francescacappellobabypupinakikolettaofficinaathossasacostasalvatorelaconomimmo827ansa007
 

ALTRI BLOG

Citazioni nei Blog Amici: 30
 
E' uscito l'ultimo numero di SIRMARILLON, rivista bimestrale di cultura, filosofia e costume on line, editore Francesca Pacini
Il dossier di questo numero Ŕ dedicato a "Fiabe di ieri e di oggi".
C'Ŕ anche un articolo di Regina Crimilde sulla figura della madre:
UNA MADRE DA FAVOLA