Creato da scriviadany il 06/04/2013

«Chiesa in cammino»

La Chiesa al servizio del Vangelo nella rete

STEMMA DI PAPA FRANCESCO

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scriviadanyDuochromesifabrilubopoMarquisDeLaPhoenixIOSONOLUIseveral1russocarmelo52Emanuenserobertopascongraphos77unghieviolaadvocatuseuropaFiorellaFalci
 

AREA PERSONALE

 

INSIEME AI SACERDOTI

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIMI COMMENTI

 

« 1° novembre: la Liturgia...Buona solennità di Tutti... »

Don Mario Audino, presbitero della Diocesi nissena, parla di halloween

Post n°411 pubblicato il 31 Ottobre 2013 da scriviadany

Seguire una moda vuol dire imitare l’orientamento della massa senza, talvolta, comprenderne il significato intrinseco. Avviene per l’abbigliamento così come per le abitudini, stili di vita e occasioni ricreative.

Le tradizioni locali, nell’era della globalizzazione, sono diventate alla portata di tutti e l’industria dell’intrattenimento e il suo indotto non perde occasione di replicare usi e consumi che spingono verso il consumismo. E’ stato così anche per la festa di halloween, rituale di origine celtico che si svolge il 31 ottobre, che, tra streghe, fantasmi e zucche intagliate spinge le persone a organizzare party (per grandi e per bambini) con dolciumi, indumenti e decorazioni a tema.

Non tutti, però, sanno che la festa di “All Hallow Even” altro non è che la traduzione della “Vigilia di ogni Santi”, festa religiosa istituita dal Papa Gregorio IV per celebrare tutti i Santi che accedono al regno dei cieli. Tale occasione, scelta in coincidenza con la “festa di fine estate” e l’inizio di un nuovo anno, ha permesso, invece, un’interpretazione demoniaca che vede, nelle ore notturne precedenti la festività cristiana, un’apertura nel regno del male e un incontro con il maligno.

Cosa sta veramente dietro “dolcetto o scherzetto”? Il sito seguonews ne ha parlato con don Mario Audino, vice parroco a Delia (CL), ed esorcista della Diocesi di Caltanissetta. Lui non ha alcun dubbio: un significato oscuro e diabolico sostenuto – seppur inconsapevolmente – da tutti coloro i quali partecipano o organizzano eventi correlati ad halloween.

Streghe, fantasmi, gatti neri e zucche che guidano anime smarrite, questo ed altro ancora altro non è che la celebrazione di Satana. “Attenzione – spiega il religioso – alle tentazioni del Maligno che distolgono dal messaggio di Dio di Amore, comunione e fratellanza”.

Alcune confessioni cristiane dell’Irlanda e del Nord America hanno assorbito la festa di halloween e la tramandano come un avvertimento contro le forze del male. La leggenda, infatti, narra che un uomo, Jack, sia riuscito a ingannare più di una volta il diavolo promettendogli la sua anima senza mai concederla. Alla morte, Jack, però ha dovuto subire la conseguenza del suo imbroglio rimanendo fuori dal regno dei cieli e degli inferi e destinato a vagare per l’eternità con in mano una zucca che, intagliata, faceva trasparire la luce di una candela che ardeva al suo interno.

L’ammonimento a una condotta giusta, però, secondo il parere di Padre Mario, non può giustificare l’utilizzo di vari simbolismi demoniaci che, di fatto, servono per “adorare Satana”.

Accettare il dolcetto della festa non porta altro che trovare uno scherzetto: quello, cioè, “di dare importanza a Satana che, così considerato, si appropria del diritto di rivendicare l’anima dell’uomo che lo ha evocato. Chi festeggia halloween – conferma con fermezza don Mario – non fa altro che prostrarsi davanti agli spiriti. Ciò porta l’uomo lontano dalla progettualità di vita pensata da Dio per protendere, irreparabilmente, verso la progettualità di morte pensata dal Diavolo”.

Un serio problema si pone di fronte al genitore quando deve imporsi sul proprio figlio vietando di partecipare alla festa di halloween. Anche in questo caso don Mario invita a non sottovalutare la situazione e non cedere a uno scambio di ruoli tra l’adulto e il minore. “La nostra vita è in relazione con Dio, bisogna trasmettere il culto di Dio e i valori cristiani al prossimo: mettiamo in guardia i nostri figli dalle adorazioni del maligno anche se camuffato in quella che appare solo come una banale festa di bambini”, conclude il sacerdote nisseno.

L'esorcista della Chiesa nissena, padre Mario Audino

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

PAPA PAOLO VI Č BEATO!

 

ELEZIONE DI PAPA FRANCESCO

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30