cinzia guidetti

Musica, eventi, recensioni, notizie...di tutto un po', ma sempre in ambito musicale...

 

TAG

 

 

REGOLE

Ogni articolo riportato sul blog è stato scritto da me se non diversamente indicato. Ogni abuso sarà punito.

 

NOTIZIE DAL WEB

I messaggi sotto il Tag "Notizie dal web" sono, se non diversamente specificato, copiati dal web. Si tratta di notizie da giornali o quant'altro che ritengo interessanti e riporto sul mio blog. Di tutti cito la fonte. Questo per chiarire qualsiasi equivoco che potrebbe crearsi.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI LINK PREFERITI - RIVISTE E AFFINI

ULTIME VISITE AL BLOG

rafrelessio.amangiatitomattemattLUCAdrummer86ossurfPulvis_esmazza.virgilioGloria_TrapaniziryabbapoawertF.Disanto1982nico8210rodriguez86lelekm
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

WEATHER REPORT

Live at Stadthalle Offenbach
29 Settembre 1978
Black Market e Scarlet Woman

 

JONI MITCHELL E JACO PASTORIUS

 

JACO PASTORIUS

Jaco Pastorius (with Weather Report) - Portrait Of Tracy
Live At Montreux Jazz Festival, July 18, 1976

 

WAYNE SHORTER QUARTET

 

PATTI SMITH - HORSES

 

SITAR ANOUSHKA SHANKAR

 
 

BOB DYLAN - MR. TAMBOURINE MAN

 
 

JEFF HEALEY

Per ricordare Jeff Healey scomparso il 2 marzo 2008.

 

 

TRASLOCO

Post n°411 pubblicato il 11 Settembre 2010 da cinzia_guidetti
 

Mi sono trasferita qui
L'editor di libero non mi permette di fare molte cose. Sono passata a wordpress sperando di avere un servizio migliore e di conseguenza di potervi offrire un servizio migliore.

 
 
 
 
 

MORFEO - MARTA RAVIGLIA MANUEL ATTANASIO

Post n°409 pubblicato il 11 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 

Leggi la mia recensione su jazzitalia

 
 
 

PROGETTO MACCHIAIOLI - QUINTETTO DI LIVORNO

Post n°408 pubblicato il 10 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 

Leggi la mia recensione su jazzitalia

 
 
 

EMOZIONARSI A VIVERE - CONSUELO ORSINGHER

Post n°407 pubblicato il 10 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 

Leggi la mia recensione su jazzitalia


 
 
 

EMMA E IL MARTEDI' - NINO PELLEGRINI

Post n°406 pubblicato il 09 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 

Leggi la mia recensione su jazzitalia

 

 
 
 

DUALITY - GIULIO MARTINO PEGGY STERN

Post n°405 pubblicato il 09 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 

Leggi la mia recensione su jazzitalia

 
 
 

MONTECARLO JAZZ&WINE 2010

Post n°404 pubblicato il 08 Agosto 2010 da cinzia_guidetti
 
Tag: Eventi

Chiude questa sera, domenica 8 agosto, la rassegna “Montecarlo Jazz & Wine” con il concerto dell' "Antonello Vannucchi Quartet" cioè  Antonello Vannucchi al pianoforte,  Max D’Avola al sax,  Elio Tatti al contrabbasso e Giampaolo Ascolese alla batteria.

Per info: 
0583.22971
www.circololuccajazz.it
In caso di pioggia il concerto si terrà al Teatro dei Rassicurati 

 
 
 

MONTECARLO JAZZ&WINE 2010

Post n°403 pubblicato il 24 Luglio 2010 da cinzia_guidetti
 

Prosegue domenica 25 luglio la rassegna “Montecarlo Jazz&Wine” con il concerto del "Klaus Bellavitis Trio" alle ore 21.15.

La serata a ingresso libero, vedrà come protagonista una delle voci maschili del jazz europeo: Claudio Savoldi Bellavitis in arte “Klaus”, compositore, arrangiatore, cantante e pianista. Sul palco oltre a Klaus alla voce e pianoforte, Marco Detto al pianoforte, Serafino Tedesi al violino e Marco Mistrangelo al contrabbasso.

La rassegna si chiuderà domenica 8 agosto con l’ "Antonello Vannucchi Quartet" sempre a ingresso libero. 

Per info:
0583.22971
www.circololuccajazz.it
In caso di pioggia il concerto si terrà al Teatro dei Rassicurati 

 
 
 

MONTECARLO JAZZ &WINE 2010

Post n°402 pubblicato il 14 Luglio 2010 da cinzia_guidetti
 
Tag: Eventi

Ha inizio domenica 18 luglio alle ore 21.15 con il concerto del "Klaus Lessmann Quartet" la nuova edizione di "Montecarlo Jazz&Wine", la rassegna jazz che si svolge nel paese medievale in provincia di Lucca.

Il Klaus Lessman Quartet formato dal pianista Andrea Pozza, da Klaus Lessman al clarinetto e al sax,   Riccardo Fioravanti al  contrabbasso e Walter Paoli alla batteria presenterà un repertorio che alternerà brani originali a standard della tradizione jazzistica italiana e americana.

Per info:
0583.22971
www.circololuccajazz.it
In caso di pioggia il concerto si terrà al Teatro dei Rassicurati

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: cinzia_guidetti
Data di creazione: 07/03/2008
 

STO LEGGENDO...

 

 

STO ASCOLTANDO...

 

 

LA FRASE...

Joni Mitchell parlando di Nefertiti di Wayne Shorter

E' un brano musicale molto insolito, perché è come una serigrafia. Attaccano all'unisono, e poi ciascuno di loro diventa sempre più individuabile, come in una serigrafia offset. Tony è sull'orlo dell'esplosione, è il solista. Il pezzo ha una forma molto semplice, quasi come una canzone folk. Strofa, strofa, strofa, senza neanche un ritornello o un bridge. Come se fossero dei moduli che si ripetono. E' una forma insolita per il jazz...ricordo che qualcuno disse: - senti che forma ha, è così strana -. E io pensai che era soltanto una semplice forma folk, ma guarda cosa succede, non ti aspetti che i musicisti attacchino gli assoli: la melodia è sufficiente, ma nel frattempo il batterista è come impazzito. Evoca questa immagine di una notte newyorkese: un tipo sta arrivando da Chinatown ed è ubriaco e prende a calci i bidoni dell'immondizia e urla camminando verso nord. C'è una rabbia che cresce nella batteria. E tutto questo lo rende uno spledido pezzo.

Tratto da "Wayne Shorter. Il filosofo col sax" di M. Mercer

 

LIVE NEFERTITI

Stanley Clarke, Wayne Shorter, Michel Petrucciani

 

CONSIGLI PER LA LETTURA

JAZZ di Arrigo Polillo
Euro 15,00 Ed. Mondadori


Un grande classico della storia della musica afro-americana, jazz di Arrigo Polillo- ad un tempo testamento di pensiero e frutto di una grande passione e di lunghe riflessioni su questa musica straordinaria e i suoi protagonisti dalle storie tormentate e spesso disperate- è riproposto qui, in una sorta di continuità ideale, in una nuova edizione aggiornate da Franco Fayenz e arricchita da un saggio critico, "Il secolo del Jazz", sulle nuove linee di tendenza, i risultati più originali di questa creatività musicale, i protagonisti della musica jazz di fine secolo in tutto il mondo. La storia del jazz, che è anche la storia dei negri d'America e delle loro lotte per l'emancipazione, rivive, per i lettori appassionati di tutte le generazioni, nelle indimenticabili pagine di Polillo, dai mitici anni di New Orleans, Chiacago, New York all'orchestra di Duke Ellington, dal ragtime e dalla danza anni Trenta a ritmo di swing alla rivoluzione del bebop, del cool e dell'hard bop, fino al free rock e alla fusion. Ma la grande vitalità del jazz di fine secolo, sebbene meno vorticosa e genialmente sregolata, trova interpreti più colti e consapevoli della propria e delle altre civiltà musicali, anche nei loro tratti popolari e caratteri nazionali. La "musica totale", già intuita da Gaslini e Polillo, è sempre più per un "ascoltatore totale", colto e futuribile, che sappia trarre dall'unicità della musica il massimo di contenuto emozionale. Da Ornette Coleman a Gil Evans, Bill Evans, George Russell; Keith Jarrett, Cecil Taylor e la musica informale, Carla Bley, Don Byron, Cassandra Wilson, Henry Threadgill, Lester Bowie, il nuovo jazz è sempre più ricco di rapporti con la musica europea, tra avanguardia e ricerca di nuovi ritmi e armonie da parte di musicisti eccezionali.

Fonte: www.bol.it

 

CONSIGLI PER LA LETTURA

A LOVE SUPREME  di Ashley Kahn
Euro 29,00 Ed. Il Saggiatore 2004

Pochi album hanno avuto l'influenza, la risonanza e il successo durevole di "A love supreme", dimostrando che il jazz può essere una forma universale di esplorazione spirituale. Ashley Kahn ne ricostruisce con passione processi creativi e session musicali, includendo anche notizie biografiche e una descrizione del contesto culturale degli anni Sessanta e delle innovazioni rivoluzionarie che lo caratterizzarono. Questo album racchiude tutta la spiritualità dei gospel, unita alla più alta forma di sperimentazione musicale. Scritto con la collaborazione della famiglia di Coltrane, il libro attinge a oltre un centinaio di testimonianze, tra cui quelle di celebri musicisti, come il batterista Elvin Jones e il pianista McCoy Turner.

Fonte: www.ibs.it 

 

CONSIGLI PER LA LETTURA

I segreti del Jazz Stefano ZenniI segreti del jazz. Una guida all'ascolto. Con CD-ROM di Stefano Zenni Euro 25,00 Ed. Nuovi Equilibri

Un libro da leggere e ascoltare. Con più di 100 brani musicali in mp3 nel Cd Rom allegato, scelti tra i capolavori della storia del jazz, ecco la più completa guida integrata all'ascolto e alla comprensione delle musiche afroamericane.
Tutto quello che finora è parso il frutto di un impenetrabile estro artistico trova il proprio posto nel quadro dettagliato di questo libro: un viaggio che abbraccia la cultura e il linguaggio jazzistici e intanto getta luce sui meccanismi profondi del fare musica, dall'improvvisazione alle poliritmie, dal sound alle forme, raccontati con rigore analitico e in modo accessibile, e resi finalmente concreti attraverso gli ascolti. Una grande sintesi d'assieme, uno sguardo sulle profondità storiche ed espressive della musica, costellato dalla rivelazione di affascinanti finezze in centinaia di capolavori, tra cui le opere di Davis, Ellington, Parker, Mingus, Armstrong.

Fonte: www.ibs.it

 

CONSIGLI PER LA LETTURA

LA MUSICA DEI NERI AMERICANI. DAI CANTI DEGLI SCHIAVI AI PUBLIC ENEMY di Eileen Southern
Euro 45,00 Ed. Il Saggiatore 2007

Dalle suggestive testimonianze degli esploratori europei del Seicento in Africa alla tradizione orale dei clan tribali. L'evoluzione della musica nera degli schiavi nelle colonie nordamericane tra la Guerra d'indipendenza e quella di secessione: gli inni e i salmi nelle congregazioni religiose, le canzoni dei soldati e quelle contro la schiavitù, la musica urbana del primo Ottocento e i canti di lavoro nelle piantagioni che diedero origine agli spiritual; l'esplosione del ragtime e delle commedie musicali dopo la Grande guerra, le prime registrazioni discografiche, la nascita del blues e del jazz, l'intensa vita musicale di Harlem, la rivoluzione del bebop, ma anche cantanti, strumentisti e compositori che si sono cimentati con l'opera e la musica classica. E infine le influenze sul rock'n'roll, la storia della mitica Motown, il rhythm & blues e il pop. Ogni capitolo è preceduto da una cronologia degli eventi storici più importanti.

Fonte: www.ibs.it