Blog
Un blog creato da avamposticulturali il 13/12/2006

Contro la Chiesa

Chi spara sulla Chiesa?

 
 

COSA VOGLIO FARE

immagine

Questo blog nasce da una considerazione: è giusto attaccare la Chiesa come si sta facendo nell’ultimo periodo? Perchè per gli italiani è così importante il giudizio della Chiesa quando poi le Chiese (scusate la cacofonia) la domenica sono deserte? Perchè si considera quello che è un indirizzo morale come un'ingerenza iniqua su sfere del tutto "laiche"?

Post: http://blog.libero.it/controchiesa/2026595.html

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

romanovincenzo123caterinamastantuonomicklopioreste.piazzoligrassivale0cristina.banchia627sgissi2bastachattarelillino59laura.ventremaurizio.rossi27tecnoecosasieitsgio.lnt
 

ULTIMI COMMENTI

Mi spiace entrare in polemica, ma la questione è solo...
Inviato da: avamposticulturali
il 18/12/2011 alle 12:40
 
Hai ragione. Sei un uomo qualunque col limitate capacitá...
Inviato da: Gunnar
il 18/12/2011 alle 07:45
 
Detto così, sembra tutto molto lineare. Peccato che...
Inviato da: foto_ras
il 18/12/2011 alle 04:03
 
eccone un altro che difende l'indifendibile. Non ...
Inviato da: Roberto
il 17/12/2011 alle 20:06
 
CARO PROF.ODIFREDDI, SAREBBE SUFFICIENTE LA MIA...
Inviato da: mago silva
il 24/07/2011 alle 08:18
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« I Martiri Spagnoli e Pio XIIIO Cristiano? »

Io ODIO

Post n°32 pubblicato il 13 Novembre 2007 da avamposticulturali
 

E’ da qualche tempo che cerco, dentro di me, uno spunto per pubblicare un nuovo post. Non riesco a trovarne. Forse perché lo sguardo “dei giusti” si è focalizzato altrove, al di là della Chiesa.  Quindi io che sto quì a difenderla non trovo qualcuno contro cui scagliarmi. Questa riflessione mi porta ad una conclusione, ed anche ad mea culpa.

Oggi si vive per odiare, un odio che si diffonde con ogni mezzo. Viviamo un momento politico in cui si parla solo per odiare l’altro. Anche noi, dentro questo mondo incantato della rete,  , senza una meta, all’ombra di tutte le precarietà, non riteniamo opportuno dire nulla se non per odiare. Stiamo assistendo  quasi annichiliti ad una commedia, che se non fosse tragica è sicuramente comica. C’è chi odia i rumeni, dall’altra parte chi odia chi li odia. C’è che odia la polizia, dall’altra chi odia i tifosi. Chi condanna senza appello gli uni o chi per assolvere,  condanna gli altri. Non credo che così faremo molta strada. Il vaso è colmo e ogni occasione è valida per scatenare di tutto. La mia paura è che presto assisteremo alla guerriglia scoppiata nelle periferie parigine qualche anno fa. Oggi l’Italia produce solo odio di ogni genere e senza esclusione. Focalizzando sull’odio ci si scorda quali siano le cause della sofferenza di molte persone, dei disagi culturali, esistenziali ma anche economici di troppe persone ormai abbandonate e se stesse senza speranza.  La precarietà non è solo quella lavorativa (anche se a volte sta alla base di tanti disagi esistenziali), ma soprattutto quella esistenziale di una vita fatta di apparenze e virtualità. Non esiste una ricetta per far fronte a tutto ciò, ma forse potrebbe essere opportuno cambiare l’odio, che ognuno di noi nutre per qualcuno, in amore.  Io per primo, che non sono migliore di tanti altri. Saluti.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

NOTE VARIE

immagine“Verrà un tempo in cui dovremo fare delle scelte tra quello  che è giusto e quello che è facile”, così (o quasi) in Harry Potter nell’ultimo film.

La nostra società sta cambiando e probabilmente non in maniera giusta, forse in maniera facile. L’interesse collettivo si sta spostando dal bene comune e naturale (termine giurisprudenziale)  all’interesse unico dell’individuo.

 Leggi il post: http://blog.libero.it/controchiesa/2191139.html

Cosa è giusto e cosa è facile? Chi spara sulla Chiesa e perchè?

 

CHIARIAMO I TERMINI

             I dibattiti televisivi non hanno la capacità di chiarire i termini delle discussioni, noi telespettatori rimaniamo lì costretti a vedere individui che litigano con il pretesto di parlare di argomenti alti e sacri.

 I saccenti “telemediatici” e i politici “saltafosse” che, non capendo nulla o meglio non parlando in maniera chiara e semplice,  fanno solo chiasso e confusione.

C'è un divario grande come un oceano tra chi, crede di parlare (o blaterare), e chi li ascolta davanti la scatola magica.

            In questo blog intendo chiarire i termini del dibattito e, in maniera pacata, confrontarmi con chi la pensa in maniera totalmente diversa dalla mia.