Community
 
starshine83
Profilo
Blog
Sito
Foto
   
 
Creato da starshine83 il 06/10/2008
Venite cristiani credenti del web!!!

Area personale

 

Siti interessanti RNS (YouTube)

 

Preghiera a Gesù

GESU’

Gesù, tu, nelle mie difficoltà mi hai confortato!
Gesù, tu, nella mia sofferenza mi hai consolato!
Gesù, tu, nella mia solitudine, mi sei stato sempre vicino!
Gesù, tu, quando sono caduto, mi hai rialzato!
Gesù. tu, nella mia malattia, mi hai guarito!
Gesù, tu, nel mio bisogno mi hai dato il pane!

Gesù, mi hai indicato la Via, aiutami a seguirla!
Gesù, mi hai indicato la Verità, aiutami a camminarla!
Gesù, mi hai dimostrato il tuo Amore, fa di me un imitatore tuo!

Gesù, fa di me ciò che tu vuoi!


Pace e bene
 

Video dal web

Le ombre sulla sabbia dell'Anonimo brasiliano 

5 minuti

 

SITI DI INFORMAZIONE SULLA PENA DI MORTE IN USA

CENTRO DI INFORMAZIONE PENA DI MORTE
http://www.deathpenaltyinfo.org/
CHRONICLES
http://www.executionchronicles.org
COALIZIONE NAZIONALE PER ABOLIRE LA PENA DI MORTE
http://www.ncadp.org/index.cfm?content=3
FOR TRUTH AND JUSTICE
http://cftj.org/


 

AMNESTY INTERNATIONAL

NAZIONI UNITE E DIRITTI UMANI

L'ISTITUTO DEI DIRITTI UMANI E DELLA FAMIGLIA CATTOLICA (CATHOLIC FAMILY & HUMAN RIGHTS INSTITUTE C-FAM)
http://www.c-fam.org/


 

Le nostre Eluane d'Italia in stato vegetativo


 

SANTA SEDE (PER EVITARE FRAINTENDIMENTI!!!)

DICHIARAZIONI DELLA SANTA SEDE SU MEDJUGORIE
http://www.riconciliazionepace.it/spiritualita%20mariana%20medjugorje%20indice.htm 

Documento Word dell'Intervista al Cardinal Bertone su Medjugorje! Scarica!

Documento Word dell'Intervista al Papa Ratzinger su Medjugorje! Scarica!

 

SITI (MOVIMENTI CATTOLICI ITALIANI)

RNS (RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO)
SITO DEL PIEMONTE
http://www.rns-piemonte.it/

Comunità Santo Volto RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO (Torino e provincia)
http://xoomer.virgilio.it/a.decola/

SITO NAZIONALE
http://www.rns-italia.it/default2.htm

GIFRA (GIOVENTU' FRANCESCANA A TORINO E PIEMONTE)
http://www.gifrapiemonte.org/torino/index.htm

GRUPPO CATTOLICI ROMANI (ROMAN CATHOLIC IN FACEBOOK)

per chi è iscritto su facebook
http://www.facebook.com/group.php?gid=2397004314


GRUPPO DI PREGHIERA MEDJUGORJE

ITALIA
http://medjugorje.altervista.org/index.php?s=visgdp&zona=nord 
TORINO
http://www.medjugorje.it/

I CAVALIERI DELLA LUCE
http://www.cavalieridellaluce.net/

NUOVI ORIZZONTI (CHIARA AMIRANTE) 
www.nuoviorizzonti.org

COMUNITA' DI SANT'EGIDIO
http://www.santegidio.org/

 

EVENTI

RACCONTI DI UN ESORCISTA (PADRE AMORTH)

2°MERCOLEDì DI OGNI MESE SU RADIO MARIA
. DA ASCOLTARE!!!
Clicca qui 

 

Aforismi di Martin Luther King

<<La mia liberta' finisce dove comincia la vostra>>.
<<Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere>>.
<<L'ingiustizia in qualsiasi luogo una minaccia alla giustizia ovunque>>.


 

 

Poesie di Madre Teresa di Calcutta

Inno alla vita
La vita è un'opportunità, coglila.
La vita è bellezza, ammirala.
La vita è beatitudine, assaporala.
La vita è un sogno, fanne realtà.
La vita è una sfida, affrontala.
La vita è un dovere, compilo.
La vita è un gioco, giocalo.
La vita è preziosa, abbine cura.
La vita è ricchezza, valorizzala.
La vita è amore, vivilo.
La vita è un mistero, scoprilo.
La vita è promessa, adempila.
La vita è tristezza, superala.
La via è un inno, cantalo.
La vita è una lotta, accettala.
La vita è un'avventura, rischiala.
La vita è la vita, difendila.

Ama
Ama finche’ non ti fa male, e se ti fa male, proprio per questo sara’ meglio. Perche’ lamentarsi? Se accetti la sofferenza e la offri a Dio, ti dara’ gioia. La sofferenza e’ un grande dono di Dio: chi l’accoglie, chi ama con tutto il cuore, chi offre se stesso ne conosce il valore. Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe, i capelli diventano bianchi, i giorni si trasformano in anni. Però ciò che é importante non cambia; la tua forza e la tua convinzione non hanno età. Il tuo spirito e` la colla di qualsiasi tela di ragno. Dietro ogni linea di arrivo c`e` una linea di partenza. Dietro ogni successo c`e` un`altra delusione. Fino a quando sei viva, sentiti viva. Se ti manca cio` che facevi, torna a farlo. Non vivere di foto ingiallite… insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni. Non lasciare che si arruginisca il ferro che c`e` in te. Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto. Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce. Quando non potrai camminare veloce, cammina. Quando non potrai camminare, usa il bastone. Pero` non trattenerti mai!

La peggiore malattia oggi e’ il non sentirsi desiderati ne’ amati, il sentirsi abbandonati. Vi sono molte persone al mondo che muoiono di fame, ma un numero ancora maggiore muore per mancanza d’amore. Ognuno ha bisogno di amore. Ognuno deve sapere di essere desiderato, di essere amato, e di essere importante per Dio. Vi e’ fame d’amore, e vi e’ fame di Dio.

Il giorno più bello? Oggi. L’ostacolo più grande? La paura. La cosa più facile? Sbagliarsi. L’errore più grande? Rinunciare. La radice di tutti i mali? L’egoismo. La distrazione migliore? Il lavoro. La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento. I migliori professionisti? I bambini. Il primo bisogno? Comunicare. La felicità più grande? Essere utili agli altri. Il mistero più grande? La morte. Il difetto peggiore? Il malumore. La persona più pericolosa? Quella che mente. Il sentimento più brutto? Il rancore. Il regalo più bello? Il perdono. Quello indispensabile? La famiglia. La rotta migliore? La via giusta. La sensazione più piacevole? La pace interiore. L’accoglienza migliore? Il sorriso. La miglior medicina? L’ottimismo. La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto. La forza più grande? La fede. Le persone più necessarie? I sacerdoti. La cosa più bella del mondo? L’amore.

Le opere dell’amore sono sempre opere di pace. Ogni volta che dividerai il tuo amore con gli altri, ti accorgerai della pace che giunge a te e a loro. Dove c’e’ pace c’e’ Dio, e’ cosi’ che Dio riversa pace e gioia nei nostri cuori.

 

 

Madre Teresa di Calcutta

Dai il meglio di te...

L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico

NON IMPORTA, AMALO

Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici

NON IMPORTA, FA' IL BENE

Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici

NON IMPORTA, REALIZZALI

Il bene che fai verrà domani dimenticato

NON IMPORTA, FA' IL BENE

L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile

NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO

Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo

NON IMPORTA, COSTRUISCI

Se aiuti la gente, se ne risentirà

NON IMPORTA, AIUTALA

Da' al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci

NON IMPORTA, DA' IL MEGLIO DI TE

Trova il tempo..

Trova il tempo di pensare

Trova il tempo di pregare

Trova il tempo di ridere

È la fonte del potere

È il più grande potere sulla Terra

È la musica dell'anima.

Trova il tempo per giocare

Trova il tempo per amare ed essere amato

Trova il tempo di dare

È il segreto dell'eterna giovinezza

È il privilegio dato da Dio

La giornata è troppo corta per essere egoisti.

Trova il tempo di leggere

Trova il tempo di essere amico

Trova il tempo di lavorare

E' la fonte della saggezza

E' la strada della felicità

E' il prezzo del successo.

Trova il tempo di fare la carità

E' la chiave del Paradiso. 

(Iscrizione trovata sul muro 

della Casa dei Bambini di Calcutta.)

La peggiore malattia oggi 
e’ il non sentirsi desiderati 
ne’ amati, il sentirsi abbandonati.
Vi sono molte persone al mondo 
che muoiono di fame, 
ma un numero ancora maggiore 
muore per mancanza d’amore.
Ognuno ha bisogno di amore. 
Ognuno deve sapere 
di essere desiderato, di essere amato, 
e di essere importante per Dio.
Vi e’ fame d’amore, 
e vi e’ fame di Dio.

 

 

FILM DA VEDERE!!!

"GRAN TORINO" di Clint Eastwood.
Un'apologia della non violenza come risposta alla feroce brutalità della strada, ma anche un invito alla tolleranza razziale, contro ogni pregiudizio; in definitiva, una storia di redenzione.

7 km da Gerusalemme (film italiano)
La storia di un uomo in crisi che incontra Gesù vivo sulla strada verso Gerusalemme...

The Hurricane
Il 17 Giugno 1966 in un bar della cittadina di Paterson, nel New Jersey, due uomini armati uccidono due uomini e una donna. Un pugile, campione dei pesi medi, ed un suo giovane fan che si trovavano sul posto, interrogati dalla polizia vengono dichiarati al di fuori di ogni sospetto. Dopo un anno una giuria composta di soli "bianchi", condanna i due uomini a tre ergastoli per gli omicidi di quella notte. La disperazione e la frustrazione del pugile vengono fuori dalla biografia che questi ha pubblicato otto anni dopo la carcerazione, un libro dal titolo "The Sixteenth Round", il sedicesimo round, quello che non si combatte in un match di pugilato (fino a qualche anno fa i round erano quindici). L'attore principale è Denzel Washington (Molto bravo e vero nella parte!!!).

Le cose di questo mondo di Michael Winterbottom
Due cugini afgani sognano un futuro migliore lontano dal loro paese...un viaggio pieno di insidie e colpi di scena!!! Punto di partenza del viaggio di Jamal e di Enayatullah, se viaggio si può chiamare il tragico gioco dell’oca dove si viene di continuo rimandati indietro malgrado il pegno sia stato pagato, è il campo profughi di Shamshatoo a una trentina di chilometri da Peshawar, nel nord del Pakistan.Punto di arrivo è Sangatte, nei pressi di Calais, dove nel 1999 la Croce Rossa francese ha aperto un centro di soccorso per gli immigrati che cercano di entrare in Gran Bretagna. Un film da vedere!!!

Il giardino dei Limoni 
Una donna palestinese in Cisgiordania (territorio sotto tutela Israeliana) Salma Zidane lotta per difendere il suo giardino che vogliono smantellare per motivi di sicurezza. I suoi alberi sono adiacenti alla strada dai poliziotti e dal Ministro della difesa Israeliano ma la moglie del ministro si prenderà a cuore della sua vicenda. Un avvocato palestinese divorziato aiuterà la donna palestinese e difenderà il suo caso ovvero la sua proprietà fino alla Corte Suprema Israeliana! Da vedere!!

 

 

 

Il vescovo di Roma con lo sguardo sul mondo

Post n°554 pubblicato il 13 Marzo 2014 da starshine83
 

Più la memoria ritorna a quei momenti del 13 marzo 2013, più ci si accorge che le prime parole pronunciate da papa Francesco dalla Loggia centrale della Basilica di San Pietro contengono una sorta di programma pastorale. Al di là dell’ormai celeberrimo «buonasera», anticipazione del suo stile capace di creare sintonia a prima vista, colpisce l’accento posto sul «vescovo di Roma». «Voi sapete – disse quella sera – che il dovere del Conclave è di dare un vescovo a Roma. Sembra che i miei fratelli cardinali sono andati a prenderlo quasi alla fine del mondo. Ma siamo qui». «Vescovo di Roma» è dunque il titolo con il quale papa Bergoglio ha tenuto subito a presentarsi alla città e al mondo, fin dal giorno dell’elezione. E l’ha fatto, come avrebbe spiegato qualche tempo il cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini, «per un motivo teologico, perché il Papa è tale in quanto è vescovo di Roma. La fonte del suo essere Papa per il mondo intero sta proprio nell’essere stato eletto vescovo di Roma».

La teologia, però, per Francesco va di pari passo con la pastorale. E infatti, subito dopo egli aggiunse: «E adesso incominciamo questo cammino, vescovo e popolo, questo cammino della Chiesa di Roma, che è quella che presiede nella carità a tutte le chiese. Un cammino di fratellanza, di amore e di fiducia tra noi. Preghiamo sempre per noi, l’uno per l’altro, preghiamo per tutto il mondo, perché ci sia una grande fratellanza».
I 12 mesi trascorsi da allora hanno mostrato in che modo Jorge Mario Bergoglio abbia camminato insieme con la sua comunità diocesana. Il giorno dopo l’elezione, come primo atto da vescovo di Roma, si recò a pregare davanti all’icona della Salus Populi Romani, custodita nella Basilica di Santa Maria Maggiore. E anche così cominciava a dare attuazione al "programma" enunciato la sera precedente, quando aveva sottolineato l’importanza della preghiera, (una richiesta, quel «pregate per me», che sarebbe diventata abituale nei giorni e nei mesi successivi). Quindi il 17 marzo, quattro giorni dopo l’elezione, andò a visitare la sua prima parrocchia (come raccontiamo in questa stessa pagina). Il 7 aprile prese possesso della Basilica di San Giovanni in Laterano, la sua Cattedrale. Quindi il 17 giugno aprì il tradizionale convegno della diocesi, con un discorso di grande respiro missionario. «Nel Vangelo – disse – è bello quel brano che ci parla del pastore che, quando torna all’ovile, si accorge che manca una pecora, lascia le 99 e va a cercarla, a cercarne una. Ma, fratelli e sorelle, noi ne abbiamo una; ci mancano le 99! Dobbiamo uscire, dobbiamo andare da loro! In questa cultura - diciamoci la verità - ne abbiamo soltanto una, siamo minoranza! E noi sentiamo il fervore, lo zelo apostolico di andare e uscire e trovare le altre 99?».

Il Papa ha mostrato questo zelo visitando cinque parrocchie di Roma (Santi Elisabetta e Zaccaria il 26 maggio; San Cirillo Alessandrino il 1° dicembre; Sant’Alfonso Maria dei Liguori dove era stato allestito un presepe vivente il 6 gennaio; il Sacro Cuore a Castro Pretorio il 19 gennaio e San Tommaso Apostolo il 16 febbraio), alcune delle quali nelle periferie esistenziali e geografiche della città. Ha dato la prima comunione ai bambini, ha confessato i fedeli, ha visitato gli ammalati (al Bambino Gesù prima di Natale), i rifugiati (al Centro Astalli), i carcerati (a Casal del Marmo) e per due volte ha incontrato i sacerdoti romani (il 17 settembre e il 6 marzo). In definitiva ha dimostrato con i fatti che quello rivolto durante il Te Deum di fine anno («La Roma dell’anno nuovo sarà migliore se non ci saranno persone che la guardano "da lontano", in cartolina, che guardano la sua vita solo "dal balcone", senza coinvolgersi in tanti problemi umani, problemi di uomini e donne che sono nostri fratelli») è un invito applicato soprattutto a se stesso e alla sua missione di vescovo di Roma.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Italia-Vaticano: la revisione del Concordato compie 30 anni

Post n°553 pubblicato il 19 Febbraio 2014 da starshine83
 

Con l'inserimento nella Costituzione italiana dei Patti lateranensi e con l'Accordo di revisione del Concordato del 1984 - del quale quest'anno ricorre il trentennale - si ha "il solido quadro di riferimento normativo per uno sviluppo sereno dei rapporti tra Stato e Chiesa in Italia", quadro che "riflette e sostiene la quotidiana collaborazione al servizio della persona umana in vista del bene comune, nella distinzione dei rispettivi ruoli e ambiti d'azione". E' quanto aveva detto papa Francesco, dinanzi al presidente Giorgio Napolitano, nel suo discorso durante la visita al Quirinale del 14 novembre scorso.

L'anniversario del Concordato tra Italia e Vaticano testimonia insomma, da entrambi i lati del Tevere, quanto proficua sia "la collaborazione esistente" tra i due Stati, al centro della duplice ricorrenza che vede nel 2014 l'85/mo dei Patti Lateranensi del 1929, firmati l'11 febbraio di quell'anno da Mussolini e dal segretario di Stato card. Pietro Gasparri, e il 30/mo dell'accordo del 18 febbraio 1984 con il quale è stato rinnovato il Concordato fra Santa Sede e Italia. Accordo che porta le firme di Bettino Craxi e del segretario di stato card. Agostino Casaroli. A trent'anni da quel "rinnovo" rimangono aperte ancora alcune questioni da risolvere, anche se, viene fatto notare oltre Tevere, di natura ormai marginale rispetto ad un testo che riconosce "il valore della cultura religiosa" e "i principi del cattolicesimo" che "fanno parte del patrimonio storico del popolo italiano". Non poco, in un'epoca in cui la religione è sempre meno considerata - anche con la grande ventata di popolarità e consensi che si concentrano sulla figura dell'attuale Pontefice - tanto che non sono dimenticate le polemiche sulla citazione delle radici cristiane dell'Europa nella costituzione dell'Ue, mentre tuttora si susseguono le tensioni tra Chiesa e politica nei Paesi dove avanzano le legislazioni su tematiche come le unioni omosessuali o l'eutanasia.

La collaborazione che si è sviluppata in questi anni tra Italia e Santa Sede, comunque, ben lontana dai tempi della "questione romana", è stata improntata al "rispetto dei reciproci ambiti", con "un costante e sereno dialogo nella volontà di trovare soluzioni eque alle esigenze reciproche". "Nella consuetudine istituzionale dei rapporti tra Italia e Santa sede, questa mia visita conferma l'eccellente stato delle reciproche relazioni, e prima ancora intende esprimere un segno di amicizia", aveva ribadito Bergoglio al Quirinale. In un ambito in cui i criteri di distinzione e di autonomia delle rispettive funzioni restano i principi fondatori del Concordato, confermati nell'accordo del 18 febbraio 1984.

La Chiesa, nel suo ambito, ribadendo di non chiedere "privilegi", rivendica però l'azione sociale, determinante in momenti di grave crisi, e si appella ai diritti legati alla libertà religiosa e ai valori etici che sotto il pontificato di Ratzinger venivano definiti "non negoziabili": tutela della vita, della famiglia tradizionale uomo-donna, della libertà educativa, quindi anche la difesa della scuola paritaria. Un tema, quest'ultimo, su cui il cardinale presidente della Cei, Angelo Bagnasco, ha anche annunciato un raduno in Piazza San Pietro, il prossimo 10 maggio, alla presenza di papa Francesco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ESORTAZIONE APOSTOLICA EVANGELII GAUDIUM

Post n°552 pubblicato il 19 Gennaio 2014 da starshine83
 

ESORTAZIONE APOSTOLICA
EVANGELII GAUDIUM
DEL SANTO PADRE
FRANCESCO

Passi dell'Esortazione Apostolica

[...]

I libri dell’Antico Testamento avevano proposto la gioia della salvezza, che sarebbe diventata sovrabbondante nei tempi messianici. Il profeta Isaia si rivolge al Messia atteso salutandolo con giubilo: «Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia» (9,2). E incoraggia gli abitanti di Sion ad accoglierlo con canti: «Canta ed esulta!» (12,6). Chi già lo ha visto all’orizzonte, il profeta lo invita a farsi messaggero per gli altri: «Sali su un alto monte, tu che annunci liete notizie a Sion! Alza la tua voce con forza, tu che annunci liete notizie a Gerusalemme» (40,9). La creazione intera partecipa di questa gioia della salvezza: «Giubilate, o cieli, rallegrati, o terra, gridate di gioia, o monti, perché il Signore consola il suo popolo e ha misericordia dei suoi poveri» (49,13).

[...]

Un’eterna novità

11. Un annuncio rinnovato offre ai credenti, anche ai tiepidi o non praticanti, una nuova gioia nella fede e una fecondità evangelizzatrice. In realtà, il suo centro e la sua essenza è sempre lo stesso: il Dio che ha manifestato il suo immenso amore in Cristo morto e risorto. Egli rende i suoi fedeli sempre nuovi, quantunque siano anziani, riacquistano forza, mettono ali come aquile, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi» (Is 40,31). Cristo è il «Vangelo eterno» (Ap 14,6), ed è «lo stesso ieri e oggi e per sempre» (Eb 13,8), ma la sua ricchezza e la sua bellezza sono inesauribili. Egli è sempre giovane e fonte costante di novità. La Chiesa non cessa di stupirsi per «la profondità della ricchezza, della sapienza e della conoscenza di Dio» (Rm 11,33). Diceva san Giovanni della Croce: «questo spessore di sapienza e scienza di Dio è tanto profondo e immenso, che, benché l’anima sappia di esso, sempre può entrare più addentro».

[...]

http://www.vatican.va/holy_father/francesco/apost_exhortations/documents/papa-francesco_esortazione-ap_20131124_evangelii-gaudium_it.html

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La parrocchia diventa agenzia di collocamento

Post n°551 pubblicato il 11 Gennaio 2014 da starshine83
 

In chiesa centinaia di annunci, dalla colf all’ingegnere
 

La bacheca alla «Santissima Annunziata» ricostruita nel Novecento lì

ELENA LISA

Torino c’è un prete che in chiesa ha aperto un ufficio di collocamento. Il suo nome è don Ezio Stermieri, ha 67 anni ed è il parroco alla Santissima Annunziata in via Po. Una chiesa barocca ricca di stucchi e marmi, originaria del Seicento, finita nel Settecento e ricostruita nel Novecento.  

A destra, pochi passi dopo l’ingresso, c’è una bacheca di «offro e cerco lavoro». Perfettamente organizzata, non manca niente. Non serve nemmeno portare da casa il biglietto con nome, numero di telefono e tipo di lavoro. La carta, già ritagliata su misura per lasciare spazio ad altri annunci, è accanto all’acquasantiera. 

Fogli piccoli e bianchi  

Foglietti piccoli, bianchi. Scrivono neo laureati, immigrati, studenti. Italiani, argentini, romeni: «28 anni avvocato disponibile a lavorare in uno studio legale» oppure «diplomata maestra segue nei compiti bambini» e ancora «laureanda infermieristica, 23 anni, con referenze si offre per assistenza». Uno dietro l’altro: «40 anni serio, diplomato cerca lavoro come agrotecnico», «esperienza studi a Parigi offro lezioni di francese», «neolaureati ingegneria disponibili per ripetizioni di matematica e fisica». E poi badante, colf, elettricista, cameriere, operatore socio sanitario.  

Le ricerche  

Non è una novità l’aiuto in sé di don Ezio: non è la prima volta che un parroco si dà da fare per chi ha bisogno. Ma in genere tutto si rifà a singoli casi, con il coinvolgimento di enti benefici e assistenti sociali. Qui, invece, il servizio al lavoro è ben organizzato, esteso e selezionato. Le richieste sono tantissime, trasversali. Chi cerca sono giovani e adulti, uomini e donne. Le mansioni umili, generiche e specializzate.  

«Entrano in chiesa - dice don Ezio appoggiato alla bacheca - mi chiedono il permesso di lasciare i loro annunci. Parliamo un po’, poi li incontro ancora prima di raccogliere segnalazioni interessate». Il parroco è determinato perché conosce i dati: l’emergenza lavoro riguarda circa 220 mila piemontesi, con un’escalation preoccupante nel capoluogo. A Torino la disoccupazione giovanile supera il 35%, quasi il dieci per cento in più rispetto a due anni fa. Eppure è scarsa la fiducia di imprese e cittadini verso i centri per l’impiego: secondo Confartigianato ricorrono ai centri appena tre imprese e tre lavoratori su cento. Come Laura che ha 30 anni e sulla bacheca in chiesa si propone come baby-sitter: «Sono una mamma in cerca di lavoro da tre anni. Da quando lo stipendio di mio marito non basta più. Sono iscritta al punto per l’impiego della mia zona ma nessuno mi ha mai chiamato». 

Lavoro e Santi  

Al giorno d’oggi un annuncio ben visibile, ai Santi nella chiesa del centro di Torino e alle persone che la frequentano, sembra riservare più speranze. Il passaparola è capillare e la bacheca da sola non basta. 

«C’é chi cerca lavoro e chi s’informa sulle referenze - spiega il prete della Santissima Annunziata - . Il prossimo passo è coinvolgere medici e avvocati per fornire un po’ di nozioni a coloro che, qui, sono riusciti a trovare un posto: quali sono i loro diritti e quali i doveri».  

La chiesa dei miracoli  

In via Po, oltre a una chiesa e a un centro per l’impiego ci sarà dunque anche un punto di formazione al lavoro. Nessun dubbio sulla buona riuscita dell’esperimento. La Santissima Annunziata, del resto, è un po’ la chiesa dei miracoli. Uno accadde circa 50 anni fa con gli operai del sud. Il loro inserimento nel tessuto sociale della città è stato lento e complicato, è vero. Ma chissà come sarebbe andato senza l’intervento del parroco di allora: in quella che era una delle chiese alto borghesi, la classe che maggiormente snobbava i meridionali, decise di mettere in bella vista il busto di San Gennaro. Così, come dimostrazione di buona integrazione. E quel busto è ancora lì che vede entrare i nuovi guai dei torinesi. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Asia Bibi: «Viva per le vostre preghiere»

Post n°550 pubblicato il 01 Gennaio 2014 da starshine83
 

Non è più rinchiusa in una cella senza finestre. Da giugno, Asia Noreen Bibi si trova nel carcere femminile di Multan. A sei ore d’auto da Lahore e dalla sua famiglia. 

Ora questa donna minuta, che dimostra ben meno dei suoi 49 anni, indossa la divisa bianca delle detenute comuni. E come qualunque altra prigioniera ha diritto all’ora d’aria. 

La prima volta che è uscita in cortile, dopo 27 mesi di isolamento, barcollava, raccontano. Non si sa se per l’impatto con l’esterno o per il timore. Il rischio che il fanatismo si intrufoli fin dietro le sbarre del carcere per colpirla è alto. E le misure di sicurezza – come denuncia la stessa Asia nella lettera scritta a papa Francesco e inviata tre giorni fa alla Santa Sede tramite la Renaissaince Education Foundation che si dice sicura della sua ricezione in Vaticano – sono state ridotte. La donna non cucina più da sola i suoi pasti, mangia nel refettorio con le altre, nonostante il pericolo di avvelenamento. In tanti, tra gli estremisti islamici, hanno paura di questa mamma cattolica dal viso gentile e la volontà di ferro. Ma Asia Bibi non odia, né grida né cede. Con voce ferma e serena continua a proclamare la sua innocenza. Non che ce ne sia necessità. Chiunque – al di là del credo religioso e delle opinioni – si accosta alla vicenda giudiziaria della contadina del Punjab, giunge al medesimo verdetto: non colpevole. 

Non colpevole di aver insultato Maometto quel 19 giugno 2009. Non colpevole, dunque, di blasfemia. Difficile pensare il contrario: la donna che l’accusa, la moglie dell’imam locale, non ha portato una sola prova. Solo voci, illazioni, maldicenze tipiche di una comunità arcaica e isolata. In cui Asia era guardata con sospetto in quanto cattolica e, dunque, diversa. «Non si può bere dalla stessa borraccia di una cristiana», le aveva urlato la sua accusatrice durante il banale litigio che è costato ad Asia gli attuali 1. 656 giorni di carcere, una condanna a morte l’11 novembre 2010, poi sospesa per il processo di appello che non è ancora stato fissato. 

Nessuno sa se e quando finirà l’incubo giudiziario di questa donna divenuta simbolo, suo malgrado, dell’arbitrarietà con cui viene utilizzata la legge antiblasfemia per reprimere le minoranze. Per questo, i fondamentalisti non possono accettare che torni libera. A costo di uccidere chi si schiera al suo fianco. È accaduto due volte: al governatore islamico Salman Taseer e al ministro cattolico Shahbaz Bhatti. Asia e chi per lei si batte, però, non rinunciano alla speranza. Il 6 marzo, Avvenireha consegnato all’ambasciatrice pachistana a Roma, Tehmina Janjua, oltre 31mila firme dei lettori che hanno voluto raccogliere l’appello della mamma cattolica al premier Zardari – pubblicato dal quotidiano l’8 dicembre 2012 – per farla tornare dai suoi cari. Oggi diffondiamo questa nuova testimonianza. Perché la voce libera di Asia esca dalla prigione di Multan.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Translator

Get the Google Site Translator widget and many other great free widgets at Widgetbox! Not seeing a widget? (More info)
 

ICONE



   

 

Video musica sacra in chiave rock





 

Messaggi di Maria a Mirjana (Medjugorje)

Messaggio del 2 marzo 2009 (Mirjana)
"Cari figli,Sono qui in mezzo a voi. Guardo nei vostri cuori feriti e inquieti.Vi siete persi, figli miei.Le vostre ferite del peccato diventano sempre più grandi e sempre di più vi allontanano dalla vera verità.Cercate la speranza e la consolazione nei posti sbagliati, invece io vi offro la sincera devozione che si nutre di amore,di sacrificio e di verità.Io vi dò mio Figlio".La Madonna era triste.

Messaggio del 18 marzo 2009 (Mirjana)

"Cari figli,Oggi vi invito a guardare in modo sincero e a lungo nei vostri cuori.Che cosa vedrete in essi?Dov'è in essi mio figlio e il desiderio di seguirmi verso Lui?Figli miei, questo tempo di rinuncia sia un tempo nel quale domandarvi: che cosa vuole Dio da me personalmente?Che cosa devo fare?Pregate,digiunate e abbiate il cuore pieno di misericordia. Non dimenticate i vostri pastori.Pregate che non si perdano e che restino in mio figlio,affinchè siano buoni pastori per il loro gregge".La Madonna ha guardato tutti i presenti e ha contiunato:"Di nuovo vi dico:Se sapeste quanto vi amo piangereste di felicità. Grazie".

Messaggio del 2 aprile 2009 (Mirjana)
“Cari figli! L’amore di Dio è nelle mie parole. Figli miei, è l’amore che desidera volgervi alla giustizia e alla verità.E’ l’amore che vi vuole salvare dalle vostre illusioni.E voi, figli miei?I vostri cuori rimangono chiusi. Sono duri.Non rispondete alle mie chiamate.Non sono sinceri”.Mirjana ha sentito un forte dolore e ha pregato che non ci abbandoni. La Madonna ha detto:Con Cuore materno prego perché voglio che voi tutti risuscitiate in mio Figlio.Vi ringrazio”.

Messaggio del 2 maggio 2009 (Mirjana)
"Cari figli! Già da lungo tempo vi do il mio Cuore materno e vi porgo mio Figlio.Voi mi rifiutate.Permettete che il peccato vi avvolga sempre di più.Permettete che vi conquisti e vi tolga la capacità di discernimento.Poveri figli miei,guardatevi intorno e osservate i segni del tempo. Pensate di poter vivere senza la benedizione di Dio?Non permettete che la tenebra vi avvolga.Anelate dal profondo del cuore a mio Figlio.Il Suo Nome dissipa la tenebra più fitta.Io sarò con voi, voi solo chiamatemi:“Eccoci Madre, guidaci.Vi ringrazio!".La Madonna era molto triste.Ha dato solo il messaggio e ci ha benedetti.


 

Messaggi di Maria a Medjugorje

Messaggi visibili ogni mese sul sito

http://medjugorje.altervista.org/

Messaggio del 25 giugno 2009
Cari figli, gioite con me, convertitevi nella gioia e ringraziate Dio per il dono della mia presenza in mezzo a voi. Pregate che nei vostri cuori Dio sia al centro della vostra vita e testimoniate con la vostra vita, figlioli, affinchè ogni creatura possa sentire l’amore di Dio. Siate le mie mani tese per ogni creatura, affinchè ognuna si avvicini al Dio dell’amore. Io vi benedico con la materna benedizione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

Messaggio del 2 luglio 2009 ( Mirjana )
Cari figli! Io vi chiamo perché ho bisogno di voi. Ho bisogno di cuori pronti ad un amore immenso. Di cuori non appesantiti dalla vanità. Di cuori che sono pronti ad amare come ha amato mio Figlio, che sono pronti a sacrificarsi come si è sacrificato mio Figlio. Ho bisogno di voi. Per poter venire con me, perdonate voi stessi, perdonate gli altri e adorate mio Figlio. Adoratelo anche per coloro che non l’hanno conosciuto, che non lo amano. Per questo ho bisogno di voi, per questo vi chiamo. Vi ringrazio.

Messaggio del 2 novembre 2012 (Mirjana)
Cari figli, come Madre vi prego di perseverare come miei apostoli. Prego mio Figlio affinché vi dia la sapienza e la forza divina. Prego affinché valutiate tutto attorno a voi secondo la verità di Dio e vi opponiate fortemente a tutto quello che desidera allontanarvi da mio Figlio. Prego affinché testimoniate l'amore del Padre Celeste secondo mio Figlio. Figli miei, vi è data la grande grazia di essere testimoni dell'amore di Dio. Non prendete alla leggera la responsabilità a voi data. Non affliggete il mio Cuore materno. Come Madre desidero fidarmi dei miei figli, dei miei apostoli. Attraverso il digiuno e la preghiera mi aprite la via affinché preghi mio Figlio di essere accanto a voi ed affinché attraverso di voi il Suo Nome sia santificato. Pregate per i pastori, perché niente di tutto questo sarebbe possibile senza di loro. Vi ringrazio. 

 

AREA FORUM CATTOLICI (DA VISITARE!!!)

CATTOLICI ROMANI (FORUM E CHAT)
http://www.cattoliciromani.com/index.php

(SITO CATTOLICO...FORUM,CHAT E ALTRO ANCORA)
http://www.netcrim.org/

APOSTOLATO,GIOVANI PER LA VITA (4 LINGUE)
http://www.youthfl.org/

PASTORALE&SPIRITUALITA'
http://www.pastoralespiritualita.it

PREGATE (IL PORTALE DELLA PREGHIERA)
http://www.pregate.it/
Il nuovo social network cristiano!!! Iscrivetevi

http://www.faithbook.it/


 

QUOTIDIANI e RIVISTE DA LEGGERE

LIBRI DA CONSIGLIARE

"SERAFINO DI SAROV" di Irina Gorainoff Edizioni Gribaudi (2006)
"La vergine a La Salette"di Giuseppe Barbero Edizioni San Paolo
"I sogni di don Bosco"di Eugenio Pilla Cantagalli Editore
"Il cammino dell'uomo" di Martin Buber, Ed. Qiqaion
"Per meglio confessare" di A.Chanson Edizioni Paoline (1956)
"L'ultima veggente di Fatima" di Card. Tarcisio BertoneEdizioni Rai-Rizzoli
(Il Cardinal Bertone chiarifica la posizione della Santa Sede su Medjugorie,
Pag. 103 -107).
"La morte degli innocenti" di suor Helen Prejean
"La potenza della Lode" e "Dalla prigione alla lode" di Merlin R. Carothers
"Le potenze malefiche" di Don Raul Salvucci Esorcista Editrice Shalom
 

SITI SOLIDARIETA'

SITI SOLIDARIETA' (AMBIENTE,FAME...)
BASTA UN CLICK E SALVI DALLA FAME
http://www.thehungersite.com/clickToGive/home.faces?siteId=1  

Salvi L'AMBIENTE...BASTA UN CLICK...E' FREE

http://www.ecologyfund.com/ecology/_ecology.html   

Sito di protezione accesso internet ai bambini onlus
http://www.davide.it/

 

 

SITI

VANGELO DEL GIORNO DA LEGGERE PER TUTTI!!!
http://www.lachiesa.it/
SAN JOSéMARIA ESCRIVA': GLI INSEGNAMENTI E la SUA VITA
http://www.it.josemariaescriva.info/index.php?id_cat=16&id_scat=14

OPUS DEI

http://www.opusdei.it/art.php?p=30246

VANGELO CON PERSONAGGI LEGO (DA NON PERDERE,MOLTO UTILE PER I BIMBI)
http://www.thebricktestament.com/

(LETTURA MESSAGGI DELLE APPARIZIONI)
http://medjugorje.altervista.org/

MONASTERO INVISIBILE DI FRATELLANZA E CARITA'
http://digilander.libero.it/monast/index.htm

RADIO MARIA
http://www.radiomaria.it

CATECHESI IN MP3
http://www.rnsag.it/catechesi2.htm

La Gerusalemme InVisibile
un sito web cristiano "alternativo" http://www.lagerusalemme-in-visibile.net/

MONDO ORTODOSSO (PER CONOSCERE I FRATELLI CRISTIANI ORTODOSSI)
http://www.orthodoxworld.ru/it/map.htm

SITI DI MATERIALE CATTOLICO E PASTORALE
http://www.qumran2.net/
AGENZIA DI STAMPA INTERNAZIONALE MISSIONARIA MISNA
http://www.misna.org/
LE FIGLIE DELLA CARITA' DI SAN VINCENZO DE' PAOLI
http://www.fdcsanvincenzo.it/