Blog
Un blog creato da CuoreDiViolet il 05/11/2007

LaVitaNonèUnFilm

Quante volte ve lo devo dire! La vita non è perfetta, le vite nei film sono perfette, belle o brutte, ma perfette, nei film non ci sono tempi morti, la vita è piena di tempi morti, nei film sai sempre come va a finire, nella vita non lo sai mai!

 
 

[Non devi mai giudicare la vita degli altri...

perché non ne puoi sapere un cazzo della vita degli altri!]

.Radiofreccia.

 
[Te sta dentro,

che fuori è un brutto mondo.]

.Radiofreccia.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Javamandglfrancesca.pistolinisusy22nuovamente_IoPanton1974lellibelrigodadedomepataniadomethebestonevirginiapiumattieli.bartolinicherry_laneingegneriabariCristina.crisBluemonet1977
 

ULTIMI COMMENTI

 
[I giorni indimenticabili della vita d'un uomo sono 5 o 6 in tutto.

Gli altri fanno solo volume.]

.ILaureati.

 

 

Oxford Murders

Post n°94 pubblicato il 08 Giugno 2009 da MyNameIsViolet

Martin è un giovane studente americano con la passione per la matematica e per un teorico in particolare, il professor Seldom. Giunto ad Oxford per conoscerlo, prende alloggio presso un'anziana ed eccentrica signora, la quale, due giorni dopo, viene trovata morta nel suo soggiorno. È solo il primo di una serie di omicidi e il primo di una sequenza di segni che l’assassino lascia dietro di sé, vittima dopo vittima. Il dottorato di Martin si trasforma, così, in un tirocinio sul campo: riusciranno lui e Seldom a indovinare la logica che sta dietro quelle morti, in modo da porre fine alla macabra sequenza?
Alex de la Iglesia, cineasta con una laurea in filosofia, si misura con il mystery vecchio stile, giocando con i suoi ingredienti strutturali, e intavola un intelligente "Cluedo" in cui ogni elemento rimanda ad un concetto, ogni ipotesi ad una visione possibile; d'altronde un simbolo non è che un segno che rimanda a qualcosa d’altro. L'impianto è quello del giallo classico, in cui il mistero viene chiarito dall’investigatore di turno attraverso la logica. Solo che è la logica stessa, qui, a finire sul banco degli imputati. Chi ha ragione: il giovane studente, fiducioso nel disegno che ordina silenziosamente il nostro agire, o il vecchio e cinico professore, per il quale la verità assoluta è irrimediabilmente irraggiungibile? La realtà ha un'essenza matematica e noi possiamo riuscire a decodificarla o la vita è semplicemente una fonte inesauribile di humour nero?
Come Sherlock Holmes e il fido Watson, Martin e Seldom guidano lo spettatore attraverso un percorso deduttivo, mescolano analisi logica e psico-logica, si fermano tra le braccia di una bella infermiera, sfiorano la deriva nel sottogenere psichiatrico, semplificano senza mai ingannare, memori degli errori rappresentati da altri "codici" cinematografici. Nonostante l'ispirazione matematica e la geometria delle vie di Oxford, il film trasuda passione (anche intellettuale) e sensualità (grazie al personaggio di Lorna); e se pecca un poco di presunzione, lo fa, in fondo, restando strettamente in tema.
Con Oxford Murders, lo spagnolo De la Iglesia, spalleggiato da due pedine coinvolte e coinvolgenti come Elijah Wood e John Hurt, ha trasformato quello che poteva restare un thriller dotto e nordico in una partita di domino: gioco meccanico, apparentemente innocuo, ma in verità capace di innescare reazioni a catena.

Ogni enigma è facile quando sai la risposta.

[ BELLISSIMO ]

Perchè niente è datO per scontato e mi pace

SCOPRIRE TUTTO solo alla fine e poi...

 Elijah Wood ha due occhi azzurri... :)

 
 
 

The Mentalist

Post n°93 pubblicato il 27 Maggio 2009 da MyNameIsViolet
 

[ In onda ogni martedì sera sulle 21.00 su Joi ]

Patrick Jane lavora per il California Bureau of Investigation, aiutando

gli investigatori coordinati da Teresa Lisbon a risolvere i casi

più disparati,grazie alla sua dote innata di osservatore incallito.

Ogni piccolo dettaglio, ogni sfuggevole -agli occhi di tutti gli altri- particolare,

all’apparenza inutile, per Patrick diventa un prezioso tassello del puzzle

che lo porterà a risolvere caso dopo caso, anche con qualche escamotage

non sempre dentro gli schemi della polizia, comprese le sue capacità

ipnotiche che lo rendono un vero “mentalist”.

Il suo talento, però, non gli ha sempre portato solo successi. Ha un

passato segnato da una tragedia, causata dalla spavalderia nello

sfruttare la sua dote fingendosi sensitivo, provocando le ire di 

Jhon Il Rosso (e il colore rosso torna spesso nella serie, fin dai

titoli degli episodi), misterioso serial killer di cui sentiremo parlare

qua e là nel corso delle puntate. Proprio lui svela il lato oscuro di Patrick,

personaggio che invece mostra sempre agli altri solarità e serenità.

 
 
 

I Love Radio Rock

Post n°92 pubblicato il 24 Aprile 2009 da CuoreDiViolet
 

Ecco il trailer di I love Radio Rock


Alla fine degli anni '60 le stazioni radio americane hanno messo in onda il rock per 24 ore al giorno, ma nella patria dei Beatles e dei Rolling Stones, l'unico modo per 25 milioni di persone di sentire la loro musica è di sintonizzarsi con una barca. Un gruppo di deejays che hanno conquistato il pubblico inglese negli anni '60, mettendo in onda la musica che ha plasmato una generazione e resiste audacemente contro il governo che vuole farli chiudere.


Il film è scritto e diretto da Richard Curtis (Love Actually, Il diario di Bridget Jones) e uscirà nei cinema italiani il 12 giugno.

 
 
 

Come un Uragano

Post n°91 pubblicato il 24 Aprile 2009 da CuoreDiViolet
 

E no! stavolta un finale così triste non lo volevo!!!

Locandina italiana Come un uragano

 
 
 

Diverso Da Chi?

Post n°90 pubblicato il 19 Marzo 2009 da CuoreDiViolet
 

Piero : "é una devianza perversa la mia capisci?"
Adele : "a me nessuno me l'aveva mai detto devianza perversa..."


Locandina Diverso da chi?

 
 
 

Diverso Da Chi?

Post n°89 pubblicato il 19 Marzo 2009 da CuoreDiViolet
 

Piero è fidanzato da quattordici anni con Remo, col quale convive in una città del nord-est. Impegnato in politica e attivista gay, per un errore di calcolo dei suoi compagni di partito e un intervento della sorte, si ritrova candidato sindaco per il centrosinistra. Per la campagna elettorale, gli viene affiancata Adele, ultramoderata antidivorzista, incapace di parlare senza inserire la parola "famiglia" in ogni singola frase. L'inizio del rapporto di lavoro è disastroso ma, quando Remo suggerisce a Piero di smetterla di attaccarla e di cercare di ingraziarsela, le cose cambiano radicalmente e la frequentazione tra uomo e donna porta alla conoscenza che porta all'amore. Che ne sarà ora della sua immagine di simbolo gay? E come dirlo a Remo senza rischiare di farsi lasciare?
"This is a man's world" canta James Brown sui titoli di testa, mentre la canoa dei due protagonisti fila dritta sull'acqua liscia e la forza dell'amore gonfia i bicipiti e porta alla vittoria. "This is a man's world but it would be nothing without a woman to care": ed eccola la donna che viene a rimestare ed increspare le acque, a fare un po' di confusione, insomma, tra le certezze di Piero, che si credeva "stragay" ma non può non arrendersi al nuovo sentimento.
Adele, da buona "centrista sincera" ha meno problemi di lui ad ammetterlo, d'altronde le sue convinzioni le ha già rivoltate come un calzino. E così il bacchettone finisce quasi per apparire lui, che non ha il coraggio di dirsi diverso dai diversi, bisessuale. Il
film di esordio di Umberto Carteni, Diverso da chi?? , scritto in tempi non politicamente sospetti da Fabio Bonifacci, fa del ribaltamento la figura retorica al centro della propria costruzione, assicurandosi un ritmo indiscutibile e una piacevole e salubre libertà ideologica.
Ad un set up alquanto spassoso, in cui primeggia la descrizione fuori di metafora dell'ambiente politico nostrano, verista e dunque tragicomica, in perfetta tradizione "all'italiana", segue il momento della farsa pura - nella più teatrale delle locations, il divano - e infine il turno dei sentimenti: la politica si perde un po' per strada, il privato reclama il suo spazio. La chiusura non è impeccabile ma non può dirsi timida né reazionaria, se mai un po' prevedibile, tanto per rimpinguare il numero dei paradossi.
Applausi alle coppie comiche Argentero-Gerini e Catania-Cederna e bravo Bonifacci, che, pur riportando il mondo gay all'interno del rassicurante quadro delle istituzioni, della famiglia e del focolare (Remo è un critico e un cuoco sopraffino, l'agnizione finale ha luogo in un asilo), dimostra di sapere bene che, dai tempi di Shakespeare passando per quelli di Cary Grant, non c'è ingrediente più affine alla commedia delle variazioni sul tema dell'identità sessuale.

 
 
 

Certamente, forse..

Post n°88 pubblicato il 17 Marzo 2009 da MyNameIsViolet
 

 

Volete conoscere [anche voi ] la storia d'amore di Will?

---> clikkate qui <---

 
 
 

Qualche VoltaIlVeroAmoreHaBisognoDiUnPiccoloAiuto..

Post n°87 pubblicato il 17 Marzo 2009 da MyNameIsViolet
 

"Certamente, forse"

"Un jour, peut-être"

"Definitely, maybe"

 

 

Poster Certamente, forse

 
 
 

Post N° 86

Post n°86 pubblicato il 21 Dicembre 2008 da CuoreDiViolet
 

Carlo (Luca Argentero) è un dermatologo trentenne, con una vita

“perfetta”: ha una carriera che sta andando a gonfie vele, i suoi genitori

sono premurosi, ha tanti amici. Ma la sua esistenza verrà sconvolta

dall’arrivo di sua figlia, Sofia. Carlo si troverà solo ad occuparsi della bimba

di dieci mesi, cosa che lo metterà a dura prova, oltre a prosciugargli ogni

energia fisica e mentale. Per questo ragazzo padre (inesperto e ansioso)

non ci sarà più spazio per nulla, figuriamoci per una vita privata.

Ma qualcosa gli farà cambiare idea.Arriva Camille (Diane Fleri),

una giovane ricercatrice francese. Di fronte alla sua solarità e alla sua dolcezza,

Carlo si sentirà rinascere. E, a poco a poco, comincerà a vivere e a capire

anche il senso profondo dell’essere padre….

 
 
 

Post N° 85

Post n°85 pubblicato il 20 Dicembre 2008 da MyNameIsViolet
 

[ sequel ]

Saw 4
Saw 4 ( 2007 )
I primi 3 li ho visti tutti in una sera con la mia amica,  nonostante già allora avessi passato la serata con una mano sugli occhi dalla paura, l'altra sera mi sono trovata di  nuovo con la mia amica e abbiamo visto il quarto. Mi piacciono sti film!
[ Geniali ]
ma ci vuole uno stomaco per vederli.. troppo cruenti, per fortuna sono solo dei film!
...ora il quinto mi sta aspettando..
Saw - L'enigmista
Saw - L'enigmista ( 2004 )
Saw 2 - La soluzione dell'enigma
 Saw 2 - La soluzione dell'enigma ( 2005 )
Saw III - L'enigma senza fine
Saw III - L'enigma senza fine ( 2006 )
Saw V
Saw V ( 2008 )
La longevità della saga sta tutta in una serializzazione di tipo televisivo, attraverso la quale vengono rivisti in una nuova luce elementi che il pubblico considerava archiviati. Saw infatti cambia ancora una volta rotta e aggiunge materiale narrativo come fanno gli sceneggiatori delle più celebri serie tv quando devono giustificare la scrittura di nuove stagioni. Il rischio maggiore sta nella difficoltà di arrivare a un nuovo pubblico, potenzialmente incapace di muoversi in un contesto sempre più stratificato e mai autoconclusivo. Il vantaggio però è tutto nelle potenziali ri-letture e nella possibilità di inserire nuovi personaggi con un background costruito a posteriori. Ciò allontana definitivamente la serie dalle derive slasher che gli si attribuisce per il sadismo e la violenza espositiva a cui sottopone. Derive a cui comunque ci si aggrappa in seconda istanza, quando il ruolo investigativo si esaurisce lasciando spazio a una pornografia dell'esibizione truculenta che solo dieci anni fa ci sarebbe sembrata impossibile, per un prodotto a suo modo mainstream, e che ancora oggi è il marchio di fabbrica della saga.
 
 
 

Post N° 84

Post n°84 pubblicato il 20 Dicembre 2008 da MyNameIsViolet
 
Tag: Trailer

[ Questa notte è Ancora Nostra ]

Solo per la canzone "Occhi da Orientale" Merita un Dieci!!

Carino, piacevole, spensierato

 
 
 

Post N° 83

Post n°83 pubblicato il 03 Ottobre 2008 da MyNameIsViolet
 

L'amore non basta

L’amore non basta e qualche volta nemmeno le buone intenzioni sono sufficienti. Come quelle che animano il regista Stefano Chiantini e il suo racconto minimo e minimalista, non del tutto compiuto, su due trentenni che si piacciono e si amano. Anzi, no. Forse si, forse no. Un po’, però, no, ma, boh. Storia di provincia che resta in sospeso sulle ali del dubbio. Lei fa la hostess, lui il barman precario, prima di tutto nell’equilibrio interiore. Leone e scorpione, dice l’oroscopo: dovrebbero essere scintille. Invece sono indecisi su tutto, insoddisfatti, incapaci di lasciarsi andare. Forse c’entra la famiglia. E la famiglia c’entra sempre. Lui ha subito un trauma che adesso cerca di spazzare via come fa con i granelli di caffè sul lavello della cucina. Lei ha una madre casalinga disperata che si è legata a un poco di buono. Forse c’entra la psicanalisi. E la psicanalisi c’entra sempre, della serie che se nemmeno tu sai cosa vuoi è impossibile chiederlo all’altro. Allora i due ballano da soli, s’incontrano e si scontrano, si cercano ma non si trovano. Resta un diario che rimane l’unico testimone di quello che poteva essere e non sarà. Un po’ come il film, nonostante Haber e la Mezzogiorno. Forse anche per certe scelte un po’ così, soprattutto Rocco Papaleo, qui anche sceneggiatore, nell’impermeabile da alter ego fantasmatico, come Bogart per Woody Allen.

[ Critica di  Andrea Giorgi ]

Locandina L'amore non basta

 
 
 

Post N° 82

Post n°82 pubblicato il 30 Settembre 2008 da CuoreDiViolet
 

E continua la mia serie di film d'amore da guardare quando si è casa in malattia... e questo m'è piaciuto davvero tanto, l'originalità, una continua sorpresa, la voglia di vedere come va a finire e finisce pure bene, mi ha messo addosso tanta serenità, nonostante si parli [ovviamente] per tutto il film della morte di lui.. ho pianto, la colonna sonora è ottima, l'irlanda dev'essere davvero bella se poi è vero che ci sono certi maschioni lo è ancora di più! Non ho letto il libro, forse, anzi sicuramente, come nel 99% delle volte, il libro ha battuto il fim, chiedo conferma a voi lettori...fatemi sapere!

[ Film da vedere e rivedere ]

Locandina P.S. I Love You - Non è mai troppo tardi per dirlo

Dureremo. Sai perché lo so?

Lo so perché quando mi sveglio ogni mattina,

la prima cosa che voglio vedere è il tuo viso

 
 
 

Post N° 81

Post n°81 pubblicato il 27 Settembre 2008 da CuoreDiViolet
 

[Credo nella musica come certe persone credono nelle favole]

Una toccante storia d'amore, amore per la musica,

un amore che unisce e che arriva veramente dritto al cuore.

 
 
 

Post N° 80

Post n°80 pubblicato il 08 Agosto 2008 da CuoreDiViolet
 

Locandina Tutto può succedere

Harry: 'Usi qualche precauzione?'


Erika: 'Menopausa!'

Harry Sanborn, playboy impenitente, continua a fare la corte a donne più giovani. Harry ha un malore durante un weekend passato con la sua nuova fiamma, Marin, a casa della madre di lei, e tocca proprio alla riluttante Erica, scrittrice di successo, accudirlo nella convalescenza. Harry si innamora di Erica, ma deve fare i conti col suo giovane ed attraente dottore, anch’egli invaghito della bella signora. Meno male che abbiamo ancora attori che invecchiano bene. Non tanto sul piano fisico quanto piuttosto su quello della "tenuta" sulla scena. Due di loro sono Jack Nicholson e Diane Keaton. Che si possono permettere di recitare in una commedia old fashion sul tempo che passa e gli innamoramenti che restano senza perdere un colpo e, anzi, rimediando alle eventuali debolezze della sceneggiatura. Alcuni sguardi di Jack sono impagabili e se qualcuno si lamenta per le mossette di Diane non c`è problema. Le fa da quando ha cominciato a recitare.

 
 
 

Post N° 79

Post n°79 pubblicato il 10 Aprile 2008 da CuoreDiViolet

"Le cose che possiedi, finiscono col possederti"

.FightClub.

Locandina Fight Club

MAI VISTO PRIMA DI IERI SERA

[ANCHE SE L'AVRò SENTITO NOMINARE MILLE VOLTE]

Stesso regista di SEVEN (altro capolavoro)

e si vede.. anche questo non scherza

Un po' troppo sangue per i miei gusti

[mi ha tenuto con il fiato sospeso fino alla fine

e alla fine mi ha lasciato in sospeso!]

Bel film e... Che Gran Gnocco Brad Pitt!

 
 
 

Post N° 78

Post n°78 pubblicato il 09 Aprile 2008 da CuoreDiViolet

~ * ~ CRAZY IN LOVE ~ * ~

Una storia drammatica ispirata alla vita di due ragazzi affetti dalla sindrome di Asperger, una forma di autismo, le cui disfunzioni emozionali rischiano di sabotare la loro storia d'amore.

Donald è uno sfortunato tassista dal cuore tenero con la passione per gli uccelli e un'eccezionale abilità con i numeri. Come molte persone affette dalla sindrome di Asperger, ama la routine e la normalità ma quando la bella Isabel inizia a frequentare il gruppo di supporto all'autismo, la sua vita ed il suo cuore vengono stravolti.

Un Film Diverso Dal Solito

Accattivante, Interessante, Emozionante

Decissamente Amorevole

 
 
 

Post N° 77

Post n°77 pubblicato il 13 Marzo 2008 da CuoreDiViolet

"Continua a riprendere..."

ha ripetuto per tutto il film Angela... la giornalista del film [REC]

io invece ho continuato a dire:

"vaffanculo.. vi odio!" alle mie amiche che mi hanno portato a vedere quel film!

Tachicardia per tutto il film, storia del cazzo e urla per tutto il film,

ne ho visto metà perchè il più delle volte avevo la mano davanti agli occhi!!

Che palle vedere un film così... a me tutti sti sobbalzi e colpi improvvisi mi fanno innervosire,

dopo il film, mi sono fatta una camomilla doppia!! ;))

Locandina Rec

 
 
 

Post N° 76

Post n°76 pubblicato il 11 Febbraio 2008 da CuoreDiViolet
 

Locandina Orgoglio e pregiudizio

[Se i vostri sentimenti fossero cambiati devo dirvelo...

Mi avete stregato anima e corpo e vi amo, vi amo,

vi amo e d'ora in poi non voglio più separarmi da voi. ]

Ho passato due ore incantevoli guardando questo film...

Ora voglio leggere il libro!


 
 
 

Post N° 75

Post n°75 pubblicato il 28 Gennaio 2008 da CuoreDiViolet

Locandina Scusa ma ti chiamo amore

Film bello, bella la storia, brava lei, bravissimo lui, fantastica la voce fuori campo di Luca Ward..

Bravo Moccia, stavolta hai fatto un bel filmettino!

Se ripenso a '3msc' mi viene il vomito, forse salvo 'ho voglia di te'.. ma questo è tuttal'altra roba.. questo lo rivedrei volentieri...

 
 
 
Successivi »
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

I FILM CHE MI HANNO..

 

...FATTO RIDERE

.IlCuginoDiCampagna.

.VacanzeDiNatale.

.IlParadisoAll'Improvviso.

.TreUominiEUnaGamba.

 

...FATTO PIANGERE

.IlMiglioVerde.

.CityOfAngel.

.VaDoveTiPortaIlCuore.

.LaVitaE'Bella.

.EraMioPadre.

 

...FATTO MALE

.L'UltimoBacio.

.TiOdioTiLascioTi..

.CasoMai.

 

...FATTO PENSARE

.LaRicerceDellaFelicità.

.ISegretiDiBrokebackMountain.

.ImagineMe&You.

.Hooligans.

.Radiofreccia.

.MioFratelloE'FiglioUnico.

.TheTerminal.

.MiFidoDiTe.

.LaMalaEducaciòn.

,DiversoDaChi?.

 

...FATTO SOGNARE

.C'èPostaPerTe.

.LeRagazzeDelCoyoteUgly.

.OrgoglioEPregiudizio.

.IlFavolosoMondoDiAmelie.

-.P.S.ILoveYou.

 

...FATTO BENE

.ForrestGump.

.L'AttimoFuggente.

.IlCiclone.

.ViPresentoJoeBlack.

.LoveActually.

.ManualeD'Amore.

.Grease.

.BillyElliot.

.CrazyInLove.

 
[elenco in continuo aggiornamento]