Creato da fracalde il 14/04/2008
FAO Staff Coop Cyclist Community

Contatti

Per segnalazioni, pareri, commenti, etc. scrivi a cycom@libero.it

 

Riferimenti per esposti&denunce

Assessore all’Ambiente del
Comune di Roma
Marco Visconti

Fax 06.67109305

Direttore Dipartimento Tutela Ambiente
e del Verde (X Dip.)
Dr. Tommaso Profeta
Fax.06.67109309

Responsabile Servizio Ciclabilità Dip.X
Arch. Filippo Dicembre

filippo.dicembre@comune.roma.it
Fax 06.67109324

 

Coordinatore delle attività di
sviluppo della Ciclabilità del
Comune di Roma
Ing. Marco Contadini

marco.contadini@comune.roma.it
Fax 06.671071523

 

U.R.P. X Dipartimento

Fax 06.671071254

 

Protocollo X Dip.
Fax.06.671071523

Assessore alla Mobilità del
Comune di Roma
Antonello Aurigemma

Fax 06.57283925


Direttore Dipartimento Mobilità e Trasporti del
Comune di Roma (VII Dip.)
Dr. Giovanni Serra


U.R.P. VII Dipartimento
Fax 06.5740033


Agenzia Roma Servizi per la Mobilità
Dr. Luca Avarello

Fax 06.46956873


Direttore Dipartimento Sviluppo Infrastrutture
e Manutenzione Urbana del
Comune di Roma (XII Dip.)
Ing. Umberto Petroselli

Fax 06.67103529

Protocollo XII Dip.
Fax.06.67103222 - 2028


Regione Lazio - Ardis
Agenzia Regionale per la difesa del
Suolo

Fax 06.44622378

 

CYCOM su RomaPedala

Leggi gli articoli di CYCOM pubblicati su RomaPedala:

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

r.pallottiniminarossi82sexydamilleeunanottepaoloskalegalecarlinokurma.tMarquisDeLaPhoenixfrancesca632mickyvioladolly.1lillarosa3giuliocrugliano32cycomMSI_192010robertoamadeus
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Google Group

 

CYCOM supports spiaggiabenecomune.org

Riprendiamoci il mare

 

 

« Pista ciclabile con salt...#Salvaiciclisti ai Fori ... »

Un distributore per la riserva...naturale!

Post n°117 pubblicato il 22 Gennaio 2012 da cycom
 

 

Leggi l'articolo su RomaToday.

È alla luce del sole, sotto gli occhi di tutti i pendolari della Via Cristoforo Colombo che mattina e sera si incolonnano lungo Via di Acilia, il cantiere per la costruzione di una nuova mega stazione di servizio, proprio nei pressi dell'incrocio di queste due strade. Ormai da diversi mesi decine di operai e mezzi sono all'opera per realizzare sbancamenti e imponenti strutture in cemento armato, che hanno ormai sostituito i prati e l'incantevole vista del litorale di cui si godeva.

Il particolare che forse sfugge agli occhi di chi transita in macchina è il piccolo cartello, un pò arruginito ma ancora in piedi, proprio nei pressi dell'entrata del cantiere. Su quel cartello c'è scritto "Riserva Naturale Statale del Litorale Romano". Forse il residuo di altri tempi? O effettivamente si stà costruendo un distributore di carburante in una riserva naturale? Il buon senso suggerirebbe la prima risposta, la (scarsa) fiducia nelle Amministrazioni la seconda.

Ad un controllo più approfondito, risulta proprio che la Commissione di Riserva, l'organo che regola e governa la Riserva Statale del Litorale Romano (istituita da un Decreto Ministeriale nel 1996 e comprendente tra l'altro la Pineta di Castelfusano) ha effettivamente autorizzato la costruzione di un distributore. Tra l'altro a meno di cento metri da un altro già esistente. In pieno territorio della Riserva.

Continuando a scavare, non sfuggono molti altri casi simili nel recente passato: parcheggi per un centro sportivo all'Axa, una rimessa per camper e barche alla Longarina, addirittura una piscina con annessi servizi a Malafede.

La domanda a questo punto sorge spontanea: come possono queste opere, che sconvolgono un patrimonio ambientale unico, una ricchezza inestimabile per gli abitanti del territorio, essere compatibili con i fini istituzionali di una Riserva Naturale? La stessa domanda che abbiamo formalmente posto alla Commissione di Riserva ed al Ministero dell'Ambiente. La risposta, dopo mesi di attesa, è arrivata: la Commissione di Riserva non è più 'competente in merito' e si rimanda per ogni eventuale chiarimento all'Ente Gestore. Come dire, ciò che è stato è stato, ce ne laviamo le mani.

Ci sembra importante riportare integralmente le finalità istitutive della Riserva (Articolo 3 del D. M. 29 marzo 1996) :LETTORI: Via di Acilia, un distributore sullla riserva naturale

a) la conservazione delle caratteristiche ecologiche, florovegetazionali, faunistiche ed idrogeomorfologiche;
b) il restauro ambientale di ecosistemi degradati;
c) la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, monumentale e culturale, anche in riferimento al patrimonio storico architettonico di edilizia rurale minore;
d) la tutela dei valori paesistici;
e) la salvaguardia e valorizzazione del patrimonio agricolo dell'area, promuovendo anche forme di ricerca finalizzate alla realizzazione di un sistema produttivo agro-ambientale a basso impatto;
f) la promozione di attività compatibili con la conservazione delle risorse naturali, con particolare riferimento all'agricoltura e al turismo naturalistico;
g) la realizzazione di programmi di studio e ricerca scientifica, con particolare riferimento ai caratteri peculiari del territorio;
h) la realizzazione di programmi di educazione ambientale.

Non si parla certo di rimessaggi, parcheggi e piscine. Tantomento di distributori di benzina. Opere che continuano impunemente ad essere autorizzate, in palese violazione di una Legge di Stato, con una frequenza in continuo aumento. Segno evidente di interessi e pressioni immobiliari e speculative sempre più forti, che rischiano di compromettere per sempre un patrimonio ambientale tutelato.

Il portavoce dell'associazione CYCOM, F.Calderini, ha presentato formale denuncia al Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato. Si configurano gravi reati: dall'abuso ed omissione in atti d'ufficio, al falso ideologico in atto pubblico, al disastro ambientale. Ci si aspetta quantomeno che qualcuno paghi per i danni irreparabili causati.

Ciò che più lascia sconvolti è comunque come si possa devastare una ricchezza naturale nell'indifferenza dell'amministrazione locale, che oltre a non svolgere alcun controllo ha puntualmente ignorato tutte le segnalazioni ricevute in proposito. Alla faccia della proclamata ed acclamata decentralizzazione: se questa è la cura con cui il XIII Municipio, su cui si estende gran parte della Riserva, intende 'prendersi cura' del territorio, francamente meglio lasciar perdere.



Potrebbe interessarti: http://ostia.romatoday.it/distributore-via-di-acilia-riserva-naturale.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/cycom/trackback.php?msg=10998760

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
sexydamilleeunanotte
sexydamilleeunanotte il 26/08/16 alle 11:31 via WEB
articolo veramente ben fatto complimenti. Ciao da

cr-edilizia

(Rispondi)
minarossi82
minarossi82 il 11/11/16 alle 18:24 via WEB
Ottimo post. complimenti da

Artecreo

(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.