Creato da fracalde il 14/04/2008
FAO Staff Coop Cyclist Community

Contatti

Per segnalazioni, pareri, commenti, etc. scrivi a cycom@libero.it

 

Riferimenti per esposti&denunce

Assessore all’Ambiente del
Comune di Roma
Marco Visconti

Fax 06.67109305

Direttore Dipartimento Tutela Ambiente
e del Verde (X Dip.)
Dr. Tommaso Profeta
Fax.06.67109309

Responsabile Servizio Ciclabilità Dip.X
Arch. Filippo Dicembre

filippo.dicembre@comune.roma.it
Fax 06.67109324

 

Coordinatore delle attività di
sviluppo della Ciclabilità del
Comune di Roma
Ing. Marco Contadini

marco.contadini@comune.roma.it
Fax 06.671071523

 

U.R.P. X Dipartimento

Fax 06.671071254

 

Protocollo X Dip.
Fax.06.671071523

Assessore alla Mobilità del
Comune di Roma
Antonello Aurigemma

Fax 06.57283925


Direttore Dipartimento Mobilità e Trasporti del
Comune di Roma (VII Dip.)
Dr. Giovanni Serra


U.R.P. VII Dipartimento
Fax 06.5740033


Agenzia Roma Servizi per la Mobilità
Dr. Luca Avarello

Fax 06.46956873


Direttore Dipartimento Sviluppo Infrastrutture
e Manutenzione Urbana del
Comune di Roma (XII Dip.)
Ing. Umberto Petroselli

Fax 06.67103529

Protocollo XII Dip.
Fax.06.67103222 - 2028


Regione Lazio - Ardis
Agenzia Regionale per la difesa del
Suolo

Fax 06.44622378

 

CYCOM su RomaPedala

Leggi gli articoli di CYCOM pubblicati su RomaPedala:

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

minarossi82sexydamilleeunanotter.pallottinipaoloskalegalecarlinokurma.tMarquisDeLaPhoenixfrancesca632mickyvioladolly.1lillarosa3giuliocrugliano32cycomMSI_192010robertoamadeus
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Google Group

 

CYCOM supports spiaggiabenecomune.org

Riprendiamoci il mare

 

 

Pista ciclabile con salto del fosso

Post n°116 pubblicato il 22 Gennaio 2012 da cycom
 
Foto di fracalde

Leggi l'articolo su RomaToday.

LePista ciclabile e salto del fosso: la denuncia di un lettore

Lo scorso settembre un sorridente Presidente del XIII Municipio, Giacomo Vizzani, accompagnato dall'Assessore all'Ambiente Innocenzi e dal consiglere Marchesi, inaugurava davanti alle telecamere della TV locale il nuovo tratto della pista ciclabile lungo la Via Cristoforo Colombo tra Casalpalocco e la Pineta di Castelfusano.

Ciò nonostante le suddette comparse non si fossero mai realmente interessate all'opera, tanto da ignorare sistematicamente tutte le note che le associazioni gli indirizzavano.

La storia di quel tratto di ciclabile, l'unico percorso che permette (in teoria) all'entroterra del XIII Municipio di raggiungere a piedi o in biciletta il litorale, è lunga e travagliata. L'opera è stata approvata e finanziata nel lontano 2005 poi, causa cambiamenti politici nell'amministrazione locale, lasciata per 5 anni in un cassetto (nonostante le continue sollecitazioni delle associazioni). Finalmente viene rispolverata nel 2010 e parte il cantiere, subito bloccato perchè non si era considerato il rischio che la scarpata adiacente potesse franare. Finalmente i lavori riprendono e dopo un anno l'inaugurazione.

Tutti contenti si direbbe. Tutti tranne i poveri ciclisti che fiduciosi provano a percorrerla. Infatti, provenendo da Casalpalocco lungo il vecchio tratto di ciclabile esistente si finisce dritti nel fosso del Canale della Lingua. Provenendo dalla pineta di Castelfusano invece, si va contro un guard-rail e si è assurdamente costretti a percorrere la Via Cristoforo Colombo contromano, per attraversare il pericolosissimo incrocio con Via del Canale della Lingua!

Un'assurdità quella di non considerare il collegamento del vecchio tratto di ciclabile con il nuovo, denunciata instancabilmente dalle associazioni e mai ascoltata, che oggi rappresenta un pericolo mortale per le centinaia di persone (tra cui anche bambini e ragazzi) che la utilizzano. A nulla sono valse le note di diffida all'amministrazione del XIII Municipio ed alla Polizia Municipale. Forse che gli spot televisivi valgano più della vita delle persone? Come possono dormire tranquilli gli amministratori che hanno inaugurato questa opera che 'collega Casalpalocco ad Ostia' obbligando ad impegnare contromano la Cristoforo Colombo?? Quanto tempo dobbiamo aspettare prima che questo ottimo esercizio elettorale faccia la prima vittima??

Il portavoce dell'associazione CYCOM, considerata la latitanza dell'amministrazione locale, ha annunciato di voler procedere con un esposto al locale Comando dei Carabinieri, al fine di 'sensibilizzare' i responsabili a mettere in sicurezza l'incrocio o chiudere la pista ciclabile.



Potrebbe interessarti: http://ostia.romatoday.it/pista-ciclabile-e-salto-del-fosso-879315.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Piste ciclabili romane bocciate

Post n°115 pubblicato il 12 Gennaio 2012 da cycom
 

Rispetto al dossier compilato un anno fa sono ancora peggiorate per quanto riguarda manutenione, segnaletica, fondo stradale e sicurezza. Per non parlare delle auto parcheggiate che ostruiscono il passaggio ai ciclisti.

Le richieste degli utenti al Comune nell'articolo di Repubblica.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

WFP celebrates the EMW

Post n°114 pubblicato il 28 Settembre 2011 da cycom
 

WFP cyclists celebrated the European Mobility Week cycling to work by bike on the "In town without my car" day. Here is a picture of the group taken on that occasion.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Denuncia contro Roma Capitale

Post n°113 pubblicato il 15 Settembre 2011 da cycom
 
Foto di fracalde

OGGETTO: Lavori straordinari di manutenzione stradale e mancata osservanza delle leggi di Stato in materia di ciclabilità, presentata denuncia alla Procura della Repubblica

 

 


Spett.li Amministrazioni di Roma Capitale,

 

da oltre 3 (tre) anni il sottoscritto si è attivato in prima persona ed in collaborazione con molte associazioni ciclistiche di Roma affinché si vedesse affermato quantomeno un principio di legalità nel modo in cui il governo della città affronta il tema della ciclabilitá.

Durante questo periodo, il sottoscritto si è speso quotidianamente ed in maniera del tutto volontaristica perché le amministrazioni coinvolte sul tema della ciclabilitá recepissero e, soprattutto applicassero, le norme base sancite dal Codice della Strada, ed in particolare quanto imposto dalla legge di Stato n.366 del 19 ottobre 1998 in materia di sviluppo della mobilità ciclistica, che dispone tra l’altro specifiche modifiche alla legge n. 285/92 (Nuovo Codice della Strada). Ciò soprattutto in merito al reperimento dei fondi necessari (da cui l’obbligo di destinare, in misura non inferiore al 20%, i proventi delle sanzioni amministrative alla realizzazione di interventi a favore della mobilità ciclabile) ed alle modalità di sviluppo della rete ciclabile (ogni strada di nuova costruzione o sottoposta ad interventi straordinari di manutenzione stradale deve essere accompagnata dalla realizzazione di un percorso ciclabile adiacente, laddove previsto da piani pluriennali).

Ebbene, il bilancio di tre anni spesi tra decine di comunicazioni, esposti, segnalazioni, incontri, tavoli tecnici e sopralluoghi è stato oggettivamente desolante e demotivante. Soprattutto per la semplice constatazione che aldilà di ogni problema tecnico od economico esiste un problema politico: la totale mancanza di una concreta volontà politica di realizzare una mobilità sostenibile, e tanto meno ciclabile, a Roma.

Niente altro può spiegare il rifiuto sistematico di realizzare percorsi ciclabili in occasione di tutti gli interventi straordinari di manutenzione stradale (e quindi di dare applicazione ad un obbligo di legge), puntualmente e formalmente segnalati da tre anni a questa parte, dove questi avrebbero potuto concretizzarsi a costo zero, ma si scontravano magari con esigenze di ‘fluidificazione del traffico’, realizzazione di parcheggi per le auto, con il triste rimbalzo di competenze o, ancora peggio, con il totale disinteresse. Tutto ciò mentre nelle strade di Roma chi circola in bicicletta continua a morire, vittima della propria voglia di contribuire ad una città migliore e delle responsabilità delle amministrazioni che hanno scelto di disattendere la Legge.

Fatto il bilancio di questa faticosa quanto desolante esperienza, non resta quindi altro che il dovere civico di riportare tutto ciò all’attenzione di chi vorrà affermare finalmente il primato della Legge sulla politica, identificare i responsabili ed impartire le opportune condanne.

A questo proposito, si informano le Amministrazioni di Roma Capitale che il 4 Agosto 2011 è stata presentata una formale denuncia presso la Procura della Repubblica di Roma riguardo specifici episodi relativi ad Ostia ed al XIII Municipio, facilmente generalizzabili a tutta Roma, configurandosi reati di rifiuto in atti d’ufficio e falso ideologico in atto pubblico.

Si è anche certi che l’aver formalmente denunciato Roma Capitale contribuirà a costituire quantomeno una migliore coscienza ed una base giuridica sulla quale affrontare in maniera diversa l’individuazione delle responsabilità in occasione di qualunque disgrazia che certamente vedrà ancora tragiche vittime coloro che a fatica scelgono di muoversi in bicicletta in questa città: chi muore in bicicletta a Roma non sarà più vittima di una disgrazia, ma della firma di chi ha violato la Legge.

Benché ormai disillusi di una qualunque volontà da parte delle amministrazioni di Roma Capitale, si resta sempre e comunque disponibili ad una sincera collaborazione.

Con osservanza,

Francesco Calderini

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Primo forum sulla ciclabilità a Roma

Post n°112 pubblicato il 14 Settembre 2011 da cycom
 

CYCOM supported the organisation of the first forum about cycling in Rome.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 

Lungomare di Ostia: parcheggiano sulle aiuole e aggrediscono i vigili

Post n°110 pubblicato il 03 Agosto 2011 da cycom
 
Foto di fracalde

Articolo tratto da RomaToday.

Domenica pomeriggio ad Ostia. Me ne vado in giro in bicicletta con mio figlio sul lungomare cercando di non farmi uccidere dalle auto, facendo lo slalom tra le doppie file, le auto ed i motorini parcheggiati impunemente sui marciapiedi, su tutti gli attraversamenti pedonali, le fermate degli autobus e gli scivoli per i disabili, ma una cosa così non l'avevo ancora vista: quattro pattuglie dei vigili che a stento difendono dall'aggressione alcuni loro colleghi che avevano osato multare decine di macchine, tranquillamente parcheggiate sulle aiuole a ridosso del lungomare, in mezzo alle panchine ed ai vialetti, come se fosse normale. Il paradosso è che a determinare il 'coraggioso' intervento dei vigili era stato proprio uno dei 'civili' automobilisti, colto da un malore e rimasto intrappolato nel mezzo dell'aiuola devastata, perchè nel frattempo altre macchine erano state parcheggiate, rigorosamente sul marciapiede. Ostia ed i sui abitanti stanno morendo sotto l'incapacità dei suoi amministratori di garantire il minimo accettabile della qualità della vita e della civiltà, senza la minima volontà politica di frenare l'orda di macchine che la invadono nei fine settimana in estate, di chi pretenderebbe di parcheggiare sotto l'ombrellone. Guai a parlare di una pista ciclabile sul lungomare, di parcheggi pubblici a pagamento per i non residenti. Ad Ostia, forse l'unico esempio in Italia di spiaggia urbana servito da una metropolitana che passa a 100mt dalla costa, la politica ed i suoi abitanti sono ostaggio degli interessi di quattro gestori di stabilimenti balneari e delle discoteche che impongono come e dove si possa (debba) parcheggiare, che si fanno assegnare aree demaniali per farci i propri parcheggi  privati. Nell'indifferenza, per non dire complicità, di chi questa situazione avrebbe l'obbligo di  governarla, negli interessi di chi in quel territorio ci vive. O meglio sopravvive...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
 
 

8 Maggio 2011 - Giornata Nazionale della Bicicletta... o della Pallavolo?

Post n°107 pubblicato il 09 Maggio 2011 da cycom
 

Ieri si è celebrata a Roma, la Giornata Nazionale della Pallavolo. No, non è un errore, è quello a cui hanno assistito tutti coloro che pensavano di partecipare alla celebrazione della Giornata Nazionale della Bicicletta ieri in Via dei Fori Imperiali, completamente occupata da campi di volley di una concomitante manifestazione sportiva per bambini.
Una partecipazione nulla del Comune di Roma ha determinato il fiasco della manifestazione nella nostra città.
Mentre i sindaci dei comuni premiati per i loro sforzi in favore della mobilità ciclabile ritiravano i loro strameritati premi, un'assessore all'ambiente Visconti, più imbarazzato e serio che mai alla consegna di una targa per non si sa bene cosa, non era capace, come ovvio, di spendere una parola su cosa si fosse fatto a Roma (fuori dalle classifiche delle premiazioni), e per raggranellare qualche misero applauso non trovava niente di meglio che fare gli auguri alle mamme per l'8 Maggio.
Tanto per chiudere la triste giornata in bellezza, molti dei presenti che distribuivano allegramente volantini pieni di buon senso per chiedere
ciò che da sempre chiediamo in favore della ciclabilità a Roma, venivano circondati dalle forze dell'ordine ed in un clima da anni settanta venivano identificati e minacciati di essere condotti in questura per  'manifestazione non autorizzata' se non avessero smesso immediatamente, in quella che credevano la loro festa, di festeggiare. Solo la richiesta di intervento di un ancor più imbarazzato assessore Visconti calmava la situazione ed evitava ulteriori 'spargimenti di  sangue'...
Triste epilogo di una triste Giornata Nazionale della Pallavolo...ehm, Bicicletta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso