Creato da sg1959 il 25/09/2008

INVERTIAMOLATENDENZA

E FACCIAMOLO AL + PRESTO

 

LOTTO 3

Post n°168 pubblicato il 17 Febbraio 2010 da sg1959
 

 

Il 5 febbraio 2010 parte LOTTO 3, il nuovo gioco opzionale al Lotto, che dà la possibilità di vincere non solo in Ricevitoria, ma anche in televisione, grazie al ritorno della trasmissione "Il Lotto alle Otto".
Per giocare al LOTTO 3 si deve semplicemente giocare al Lotto e comunicare a voce di voler tentare la fortuna anche con LOTTO 3. Al costo di 1 euro, il sistema assegna automaticamente una combinazione di 3 numeri, che viene stampata su un apposito scontrino di gioco.
Per verificare se la giocata al LOTTO 3 è vincente, è necessario confrontare i 3 numeri riportati sullo scontrino di gioco con i 5 numeri estratti sulla Ruota Nazionale. Si vince indovinando da 1 a 3 numeri.
Inoltre, tutti i giocatori che hanno effettuato una giocata al Lotto o al LOTTO 3, dopo essersi prenotati telefonicamente, potranno essere estratti per partecipare e vincere ulteriori premi fino a un massimo di 100.000 euro nel corso della trasmissione televisiva "Il Lotto alle Otto", in onda dall'8 febbraio, dal lunedì al sabato, dalle ore 20:00 alle ore 20:30 su RAIDUE.

 
 
 

IL TUO OROSCOPO DAI MIGLIORI ASTROLOGI

Post n°167 pubblicato il 17 Febbraio 2010 da sg1959
 

CLICCA SULLAFOTO

 
 
 

I GIORNALI DI OGGI

Post n°164 pubblicato il 14 Maggio 2009 da sg1959
 

VUOI LEGGERE I QUOTIDIANI NAZIONALI ?

CLICCA QUI

 

 
 
 

AVVISO

Post n°159 pubblicato il 11 Maggio 2009 da sg1959
 

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto di questo Blog sono state reperite sul web, pertanto tutti i diritti rimangono dei rispettivi autori ed editori. Qualora avessi involontariamente violato regole di Copyright chiedo cortesemente ai proprietari dei diritti di esclusiva di darmene comunicazione e le foto in questione verranno immediatamente rimosse dal mio Blog. Ricordo inoltre che ogni forma di testo, anche breve, è tutelata dalla normativa sul diritto d'autore e non può essere copiata, riprodotta (anche in altri formati o su supporti diversi), né tantomeno è possibile appropriarsi della sua paternità. Ringrazio infine tutti coloro che hanno rispetto della proprietà intellettuale tutelata dalla Direttiva 2001/29/CE.

 
 
 

LIBRI E MUSICA IN RETE

Post n°142 pubblicato il 31 Marzo 2009 da sg1959
 

INTERNET

Scegli, scarichi, leggi
Scribd, lo YouTube dei libri

Un sito pubblica migliaia di titoli di ogni genere e offre la possibilità di usufruirne gratuitamente. Una sorta di "pirateria delle pagine". Che però non piace a scrittori e editori dal corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

 LONDRA - Qualcuno lo chiama il "YouTube dei libri": un sito Internet che pubblica migliaia di titoli di ogni genere e offre la possibilità di scaricarli gratuitamente. Qualcun altro preferisce definirlo l'equivalente dei "pirati" della musica, ossia dei siti su cui è possibile scaricare i successi della hit parade mondiale senza pagare un soldo, alla faccia del copyright. A decidere quale delle due etichette si adatta meglio a Scribd.com, il sito creato in California da due giovani ex studenti di Harvard, sarà un tribunale, a cui si sono rivolti scrittori come J. K. Rowling e Ken Follett, insieme ai loro agenti ed editori, per ottenere giustizia.

La "pirateria" musicale, dicono gli esperti del settore, ha ucciso l'industria discografica: se il sito dei "pirati dei libri" lanciasse un trend analogo, il timore è che l'editoria possa fare prima o poi la stessa fine, anche se scaricare un libro non è esattamente la stessa cosa che scaricare una canzone. Il "pirata" in questione afferma di essere il sito letterario più popolare del mondo, e le cifre sembrano confermarlo: viene visitato da 55 milioni di persone al mese. Non si paga niente per accedervi, poiché Scribd, nato due anni or sono, vive solo di inserzioni pubblicitarie.

A sua volta, il sito non paga alcun diritto d'autore alle opere che offre in visione. E sono tante: ogni giorno la lista dei libri e documenti consultabili aumenta di 50 mila titoli. Il Times di Londra, che stamane dedica un articolo al fenomeno, ci ha dato un'occhiata, scoprendo un po' di tutto, dai romanzi di "Harry Potter" della Rowling, appunto, a "Mondo senza fine" di Follett, da Nick Hornby a John Grisham, dalla narrativa alla saggistica.

Accusa Peter Cox, un agente letterario londinese: "Questi sono pirati. Non dobbiamo arrenderci ai loro soprusi. Non possiamo permetterci di rifare gli stessi errori commessi dall'industria discografica". Ma Trip Adkins e Jared Friedman, i due neo-laureati di Harvard fondatori del progetto, non si riconoscono nel ruolo di corsari del web e negano di compiere alcunché di illegale. Il loro sito è stato usato perfino dalla campagna elettorale di Barack Obama, per pubblicare documenti e dichiarazioni a cui la gente potesse accedere direttamente, bypassando i media.

Consapevoli dei problemi di copyright, un portavoce della società afferma che Scribd agisce sulla base di un semplice precetto: se un editore protesta perché un suo libro è stato messo senza permesso sul sito, loro lo rimuovono entro 24 ore. Ciò risponde a quanto stabilito dallo U.S. Digital Millennium Copyright Act, l'aggiornamento a Internet della legge americana sui diritti d'autore, che afferma che un sito non può essere citato in giudizio per azioni compiute da coloro che lo usano senza che il sito ne sia a conoscenza.

Ovviamente, Scribd.com non sa se un suo visitatore, dopo avere scaricato un libro, se lo stampa e se lo legge, in barba al copyright, gratis e senza la fatica di andare fino in libreria per comprarlo. E per di più molti editori non sanno che i loro titoli sono sul catalogo di Scribd.com, per cui non chiedono al sito di toglierli. E' il caso, verificato dal Times, di Macmillan, casa editrice di Ken Follett, che ignorava che il suo ultimo romanzo best-seller fosse apparso sul sito californiano qualche giorno or sono, dove lo hanno già letto 500 persone.

"Grazie dell'informazione, ci occuperemo della cosa", hanno detto i responsabili della casa editrice al giornalista del Times che li ha avvertiti. Una situazione che, se questo è il futuro, si ripeterà spesso.

(30 marzo 2009) LA REPUBBLICA

 
 
 
 
 

Post N° 114

Post n°114 pubblicato il 08 Gennaio 2009 da sg1959

 
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK