Creato da: giampi1966 il 13/03/2006
Questo blog si propone di promuovere la politica come servizio e la coerenza dei politici con gli obbiettivi programmatici. Troppo spesso l'agire del politico è distante anni luce dal suo programma e da ciò che professa. Per poter rinascere la politica deve sapersi imporre alle varie pressioni e deve guardare lontano.

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Tag

 

Ultime visite al Blog

giampi1966ANGELOANONIMOlost4mostofitallyeahmassimocoppareginadellamore_200StregaM0rgauseDJ_Ponhzininograg1ITALIANOinATTESAadelecanevesezztop_dmlilith666dgl0jigendaisukeelyravwoodenship
 

OGM NO GRAZIE

 

SE TI PIACE QUESTO BLOG VOTALO CLICCANDO NELL'ICONA SOTTOSTANTE

classifica siti

 

vota il blog

vota blog

 

Area personale

 

Qui sotto alcuni dei messaggi del blog che a mio parere meritano di essere letti. Ringrazio i visitatori che usufruendo di questa funzione dimostrano un approccio non superficiale al blog.

Mi raccomando date un'occhiata anche ai Tags

 

I MITICI INDIANI

 

IL VALORE DELLA LAICITA'

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 80
 

EL PUEBLO UNIDO

 

Ultimi commenti

grazie carissima un abbraccio
Inviato da: giampi1966
il 18/09/2014 alle 13:33
 
grazie per la bella poetica risposta
Inviato da: giampi1966
il 18/09/2014 alle 13:32
 
Ma ENTRABI, come tutti i PO'-TENTI sono burattini...
Inviato da: ANGELOANONIMO
il 18/09/2014 alle 11:40
 
Una goccia d'amore vale piu'di un oceano...
Inviato da: reginadellamore_200
il 18/09/2014 alle 10:46
 
I vostri commenti dimostrano l'eccelso livello dei...
Inviato da: giampi1966
il 18/09/2014 alle 08:04
 
 

CARMELA

carmela

 
 

BLOG DI SINISTRA

 

 

 
« Comportamenti antisindac...Lotta agli incendi bosch... »

Lotta agli incendi boschivi (prima parte)

Post n°195 pubblicato il 06 Agosto 2007 da giampi1966
 

Volevo focalizzare l’attenzione sul fenomeno degli incendi boschivi, piaga tipicamente italiana. Il numero annuo di incendi in Italia è passato da 6.000 negli anni '60, a 12.000 negli anni'80 e a 15.000 oggi corrispondenti a 42 incendi al giorno, quasi 2 all'ora.

Ma da cosa ha origine questo allucinante fenomeno, cui la nostra politica sembra essere assolutamente incapace di porre rimedio?

la maggior parte degli incendi che si verificano sono di origine dolosa. C’è tuttavia un dato che emerge dalla tabella pubblicata qui sotto sul quale riflettere ulteriormente.

 La suddivisione percentuale del territorio bruciato in base alle diverse cause evidenzia come gli incendi dolosi siano assai più distruttivi di quelli scoppiati per altre cause.

Tabella 6. Incidenza degli incendi in base alle cause (1993-1997)*

 

1993

1994

1995

1997

 

Incidenza % su numero incendi

Incidenza
% su superficie bruciata

Incidenza % su numero incendi

Incidenza % su superficie bruciata

Incidenza % su numero incendi

Incidenza % su superficie bruciata

Incidenza % su numero incendi

Incidenza % su superficie bruciata

Naturali

0.5

0.5

0.7

0.4

1.3

Nd

0.7

0.3

Involontarie

24.0

11.5

25.0

25.4

22.2

Nd

20.1

14.8

Volontarie

60.5

73.0

62.0

60.0

53.8

Nd

52.8

74.8

Non classificabili

15.0

15.0

12.3

14.2

22.7

Nd

26.4

10.1

Fonte: elaborazione Legambiente su dati Corpo Forestale dello Stato (1998)* non sono disponibili i dati completi del 1995 e quelli del 1996

 CAUSE DOLOSE E VOLONTARIE 

Concepite e determinate dalla volonta’ di uomini che a basso prezzo (il costo di un fiammifero) ottengono benefici personali per i quali la societa’ paghera’ prezzi altissimi (distruzione di un bosco) per tempi molto lunghi (ricostruzione del bosco).

  • Incendi da cui gli autori sperano di trarre profitto 

  • distruzione di massa forestale per la creazione di terreni coltivabili e di pascolo a spese del bosco o per attivare il set-aside;

  • bruciatura di residui agricoli, quali stoppie e cespugli, per la pulizia del terreno, in vista della semina;

  • Incendio del bosco per trasformare il terreno rurale in edificatorio;

  • Incendio del bosco per determinare la creazione di posti di lavoro.

  • In relazione alle attivita’ di ricostituzione e di spegnimento 

  • Impiego del fuoco per operazioni colturali nel bosco, per risparmiare mano d'opera;

  • Incendio nel bosco per perseguire approvvigionamento di legna.

  • Incendi da cui gli autori non ritraggono un profitto concreto

  • Risentimento contro azioni di esproprio o altre iniziative dei pubblici poteri;

  • Rancori tra privati;

  • Proteste contro restrizioni all'attivita’ venatoria;

  • Proteste contro la creazione di aree protette e I'imposizione dei vincoli ambientali;

  • Atti vandalici.

  • Incendi provocati da piromani

II piromane e’ una "persona che da’ fuoco a qualsiasi oggetto per scaricare la sua angoscia interiore".
Senza dubbio la piromania e’ una infermita’ poco frequente, il cui rapporto con gli incendi rurali in Italia e’ molto scarso.

  • Incendi provocati da ragioni politiche

La relazione tra incendi forestali e motivazioni politiche in apparenza non sussiste nel nostro paese, in realtà le ragioni politiche, soprattutto per ciò che concerne gli incendi nel meridione, sono una variabile da prendere in seria considerazione.

Contrariamente ai due ultimi gruppi sopra citati, le motivazioni socio economiche sembrano meglio spiegare I'attivita’ degli incendiari.

CAUSE COLPOSE O INVOLONTARIE

Legate all'imprudenza, alla negligenza, alla disattenzione o alI'ignoranza degli uomini, che involontariamente provocano incendi.

CAUSE NATURALI

Legate all'azione innescante di eruzioni vulcaniche, fulmini, autocombustione.

SEGUE AL PROSSIMO MESSAGGIO

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog