Creato da: nem_o il 19/10/2005
viaggi e miraggi

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

ilgenioeintiltfpuglia0sestionem_odvdtreesaturninablondrandonneur0Ainu_xunamamma1giorgio.sanfilippofrancesca2393hopelove10campanacCianetto
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Wilco - The Whole Love

La Vita Agra di Luciano Bianciardi

Post n°179 pubblicato il 14 Settembre 2011 da nem_o

Mi è capitato tra le mani questo scritto di qualche anno fa ...

 

“Io non capisco tanta gente che sgobba per farsi la casa bella nella città dove lavora, e quando se l’è fatta sgobba ancora per comprarsi l’automobile e andar via dalla casa bella”

 

I viaggi sono sempre occasione di incontri. Anche letterari.

Ho conosciuto Terzani in Birmania quando l’allora mia compagna di viaggio prima di tornare anzitempo in Italia mi aveva lascito il suo libro di viaggio.

E da allora Terzani si è fatto mio amico per i viaggi a venire.

Ora, quasi a concludere un cerchio, per il mio ritorno nel sud est asiatico porterò con me ancora una volta quel libro, una nuova edizione e un nuovo peregrinare per il Laos meridionale.

Ma questa è un’altra storia.

Sono qui per parlare di un altro compagno di viaggio, incontrato anch’egli quasi per caso.

In Tunisia questa volta.

Con un suo simpatico resoconto di un viaggio in Barberia negli anni sessanta.

Da allora mi ero ripromesso di leggere altro di Bianciardi.

Ora, a distanza di qualche anno e di una vita, ho finito “La vita agra”, forse la sua creatura più famosa.

Il libro è uscito nel ’62 ma è di un’attualità disarmante.

Bianciardi era un giornalista ma prima ancora uno scrittore e prima ancora un profeta.

Non so perché o forse lo so, la sua origine ma soprattutto la sua fine, mi fanno pensare a Piero Ciampi. Tutti e due appartengono a un’epoca che non è la mia, a quel periodo che rimane confusamente sperso nei primi sessanta.

Luciano ci parlava di un mondo che era il suo ma che è soprattutto il nostro.

Aveva la straordinaria capacità di cogliere aspetti nascenti di una società che si stava evolvendo (o involvendo) verso quella attuale.

I rapporti di lavoro, l’egoismo sul posto di lavoro, le spese assurde di una vita normale, il desiderio di avere una vita personale quando la società cattolica italiana te ne imponeva un’altra, l’alienazione del lavoro e la ricerca del profitto a scapito dell’uomo, l’annullamento della capacità d’acquisto nei primi supermercati, l’odio nei confronti dei non allineati.

Il progresso che avanzando sovrastava l”arte: “La gente protesta semmai se nella casa di fronte tengono il grammofono troppo alto e arrivano a cascata le note di Vivaldi. Per i rumori lavorativi c’è rispetto sommo invece, e in quel dissennato scavare tutti vedono il segno del progresso”

 Il consumismo male della società con descrizione ironiche di quello che allora era battute e ora è realtà.: “Faremo insorgere bisogni mai sentiti prima. Chi non ha l’automobile l’avrà e poi ne daremo due per famiglia, e poi una a testa, daremo anche un televisore a ciascuno, due televisori, due frigoriferi, due lavatrici automatiche, tre apparecchi radio, il rasoio elettrico, la bilancina da bagno, l’asciugacapelli, il bidet e l’acqua calda ……

….un ubriaco muore di sabato battendo la testa sul marciapiede e la gente che passa appena si scansa per non pestarlo. Il tuo prossimo ti cerca soltanto se e fino a quando hai qualcosa da pagare.

…..io mi oppongo”

1962 o 2008?

Ed questa lucidità di analisi che attualizza il suo scritto, che ci porta a pensare a quello che ci potrà ancora succedere con un amaro sorriso sulle labbra.

Si perché in questo libro si sorride, e anche molto, ma mai si ride.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog