Creato da mpt2003 il 11/11/2008

parlodime

una specie di diario, di pensatoio, di stupidario..........insomma la mia vita

 

5 marzo

Post n°849 pubblicato il 05 Marzo 2015 da mpt2003

 

ogni volta che sento Battisti mi ricordo di lui

 un amico della mia adolescenza con il quale ho litigato assai

e con il quale non era  facile per me trovare il modo di convivere pacificamente per più di qualche giorno. Era un solitario, uno che non ti dava mai ragione e che si sentiva spesso "sapientino"....ecco proprio il tipo che ti (mi) faceva venire il nervoso anche perchè io ho imparato la cautela nell'espormi con l'età, quindi era proprio il contrario di me.

Ma nonostante avesse queste caratteristiche lo ammiravo molto perchè era un tipo essenziale e perchè era anche così impacciato nei rapporti con gli altri da suscitarmi( quando non il nervoso) tenerezza. Suonava e suona credo bene la chitarra ed era molto ricercato per questa sua caratteristica soprattutto nei gruppi di ragazzi /e , ma proprio per questa sua capacità di fare il juke box si sentiva poco inserito o "usato".

Era uno che amava Battisti e che sapeva tutte le sue canzoni a memoria e ricordo che una sera riuscì a cantare tutte le canzoni e tra le tante anche questa senza guardare mai le parole. 

 

 

 

amici cari, perdonatemi, ma la memoria ora procede a "flash"

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

....

Post n°848 pubblicato il 03 Marzo 2015 da mpt2003

 

 

 

 

 

Forse non sarà il bel tempo definitivo, ma il caldo e il tepore di questo giorno mi fanno sentire primavera e la tentazione di tirare fuori dalla serra o dai teli di non tessuto  le piante che ho lasciato in letargo questo inverno è grande e un po' troppo dirompente........ho optato quindi per le piante più robuste quelle che solo il gelo può sconfiggere e visto che la neve non dovrebbe più arrivare (anche se ricordo benissimo che tantissimi anni fa, 28 per la precisione, i primi di marzo aveva fatto la neve...) ho iniziato a tirare fuori le agavi.........le mie preferite. 

Le agavi e il mio poco posto per le piante........quasi una contraddizione.

Mi piacciono, così coriacee, così pungenti e allo stesso tempo così accarezzabili. invadenti e tenaci. Che non temono niente, anzi che si fanno temere. Piene di germogli che si abbarbicano come posizione alla madre e con le radici al terreno. Terreno aspro , desertico che resistono mesi senza acqua e che amano il vento che le strapazza e le fa rivivere.

Chiedono poche cure ma sono grandiose.

 

Quasi una lezione di vita.

 

 

 

 

 
 
 

gran gourmet

Post n°847 pubblicato il 26 Febbraio 2015 da mpt2003

 

 

 

ieri verso l'ora di pranzo mi arriva una foto di una brodaglia bollente nella quale stanno cuocendo dei wurstel e , si intuisce, della pasta...

."Si può fare wurstel insieme alla pasta?".....

rispondo " mi pare tu lo stia già facendo"....

."Forse"....

."non c'è la pasta oltre ai wurstel dentro la pentola?"......

" si ma rispondi...si fa?"........

" è un po' da tedeschi a parer mio ma entrambi gli ingredienti sono commestibili".......

."ahahah vabe amen tanto poi vado a dormire"...........

"la prossima volta i wurstel affettali e saltali in padella e poi ci condisci la pasta"......

." ma il risultato è quello"......

" Sì ma il gusto cambia"...

 

 

 
 
 

.......

Post n°846 pubblicato il 25 Febbraio 2015 da mpt2003

 

è tanto che non scrivo e che non racconto di me.......

 

sabato scorso ho partecipato ad un festival di lettori. Praticamente  una libreria della mia città ha invitato i suoi clienti o chi per il passaparola riusciva a saperlo a leggere pubblicamente un brano di un libro o di una poesia che per qualche motivo considerava importante .   Io sono andata ed ho letto l'incipit de "la donna abitata" di Gioconda Belli  un libro che ho letto anni fa ( sono abituata a mettere la data della lettura del libro e nel libro c'era 8.8.8 ), e che ricordo con particolare piacere soprattutto per l'immagine di questa donna india, morta combattendo contro i conquistadores e che rinasce, dopo secoli in un albero di zagare che si trova nel giardino di una donna sudamericana che poi per varie vicende diventerà guerrigliera contro la dittatura di somoza. (credo di averne parlato anche qui, ma non uso i tag e non saprei ritrovarlo :(  )

L'ho fatto perchè mi piace leggere  e perchè volevo vincere la paura di parlare(in questo caso di leggere) in pubblico

Una mia amica ha letto una poesia di Wislawa Szymborwska, altre hanno letto poesie di Emily Dickinson, qualcun altro brani di libri , addirittura c'è stata una che ha letto un brano della "recherche" di proust e altri autori tra cui una pagina di un libro di Fruttero e Lucertini.

Poi verso la fine della serata una signora ha letto o meglio, recitato, il famoso brano di Jack Frusciante Donne in rinascita e come al solito , forse perchè eravamo tante donne , ha riscosso tanto entusiasmo.

Ultimamente queste letture non mi piaccion più tanto perchè sì, è sicuramente galvanizzante trovare la voglia di risorgere, ma io  gradirei non doverlo fare più, soprattutto per amore.  

io non ho la vocazione a fare l'araba fenice , non mi piace risorgere dalle mie ceneri...... lo faccio perchè devo,  ma ogni volta è più difficile e doloroso perchè è brutto essere traditi nella fiducia .......e non voglio che mi si faccia del male.....sarà l'età......

 

 

stavo pensando di mettere questo scritto tra le note personali,

così che chiunque capiti ne sia edotto

 

 

 
 
 

.......

Post n°845 pubblicato il 05 Febbraio 2015 da mpt2003

 

buio diviso

 

 

 

uno spiraglio per poco che sia 

ti fa pensare che di là c'è una possibilità 

almeno di muoversi senza inciampare

e in una situazione di buio pesto

anche quella è una modalità

per camminare più tranquillli

o forse sempre guardinghi

ma almeno sapendo dove guardare.

 

 

 

 

pensieri "profondi" mentre cammino in casa mia......e vado tentoni cercando

 

 

 
 
 

27 gennaio 2015

Post n°844 pubblicato il 27 Gennaio 2015 da mpt2003

 

credo di aver già postato questa poesia per ricordare il 27 gennaio

ma ogni volta questa poesia è una meditazione di quello che è stato 

e quanto sia immane la tragedia della shoa

come da tante parti la cosa possa essere vista

e come essa non perda la sua unica caratteristica

di essere un'immensa tragedia.

 

come sempre non ci sono parole

anche se bisognerebbe trovarle 

per dire che purtroppo è tutto vero quello che è successo.

 

 

GAMGAM

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

lettera ad un'amica

Post n°843 pubblicato il 25 Gennaio 2015 da mpt2003

 

vorrei raccontarti di me

di come avrei voglia di volare lontana

e di non sentirmi prigioneira dietro questo muro

che si stringe sempre più 

attorno a me.

ma so che ti ho stancata

non mi chiedi più come sto

non hai più voglia di scoprire dietro il sorriso che sfodero quello che sono io

e mi manca questa attenzione

ma è pur vero che se tu sai 

e io so.....

.....se non mi chiedi, vuol dire che non ti interessa più.

 

tanti baci anche se a me , sinceramente , ne basterebbe uno.

 

 

 
 
 

rapportarsi

Post n°842 pubblicato il 09 Gennaio 2015 da mpt2003

 

inestricabili grovigli.

 

a volte è così che ti sento quando cerchi di rapportarti a certe persone 

o ti trovi a vivere delle situazioni poco chiare

quando hai l'impressione che quello che vedi 

abbia sotto sotto altri movimenti

altri giri altre considerazioni che sono diverse da quelle che sai o che ti pare di intuire.

 

All'inizio mi bloccano

cambierei gioco

ma non potendo fare a meno di giocare perchè demandare ad altri nonvoglio

spesso decido di prendere il bastoncino, 

quello che mi sembra mi porterà a situazioni strategiche migliori,

e vado sperando di aver fatto una buona scelta

 

rimane comunque il fatto che shangai non mi è mai piaciuto molto!!!!

 

Ho notato poi che prima cercavo il bastoncino più difficile

puntando a risultati più gloriosi

adesso cerco quello più semplice , 

confidando nella idea dei piccoli passi che comunque portano allo stesso risultato anche senza allori....

nonho capito se sono più stanca o sono diventata finalmente più saggia .....

 

 

 

 

 
 
 

........

Post n°841 pubblicato il 06 Gennaio 2015 da mpt2003

 

 

 

 

ieri sera mi sono messa a guardare con mia figlia grande "Peter pan" di Walt Disney.

ne abbiamo visto un pezzo perchè poi entrambe dovevamo fare altro.....ma mentre le chiedevo informazioni sulla storia lei mi ha detto quasi soprapensiero " non ricordo tutta la storia perchè a me peter pan non piaceva io preferivo le favole con le principesse".

le principesse il principe azzurro e l'amore del "vissero felici e contenti"

ho sorriso perchè anche io credevo nell'amore e credevo che solo perchè c'era amore la condizione "vissero felici e contenti" dovesse avvenire automaticamente

che se anche richiedeva impegno e dedizione entrambi fossero disponibili a dedicarsi a questo quotidiano lavoro. 

che solo perchè c'era amore la persona con la quale condividevi i tuoi giorni fosse la miglior persona che potesse capitarti

che la persona che ti voleva bene non poteva farti del male, perchè amore era dedizione, il voler il bene dell'altro....

che l'amore fosse come una magia : che solo perchè c'era dovesse coinvolgere tutti gli aspetti della vita dei due e che preservasse da tante storture e incomprensioni che invece non solo minano al mantenimento dell'amore ma a volte ne determinano la fine stessa.

 

 

La vita, l'esperienza, il sentito dire, il letto, il saputo hanno fatto si che imparassi che non è poi così semplice nè così scontato .

che sono tanti i tipi di amori e che spesso non procedono  di pari passo con le esigenze e i sogni di chi li vive

che pur di avere qualcuno che ti ami (attenzione però non sto pensando a situazioni patologiche, da codice penale)

 si resta o  si va

 si accettano vite smorzate quasi una parvenza di felicità

 si aspetta 

 si rinuncia.....

 si scende a compromessi....

si vivono equilibri che non è facile capire e che se si spiegano non si capiscono più

 

'na cosa complicata  insomma  che non mi sento di giudicare 

anche se  credo sia difficile da vivere.

 

 

 
 
 

2015

Post n°840 pubblicato il 03 Gennaio 2015 da mpt2003

 

 

 

 

 

                                                  BUON ANNO!

Quest'anno libero impedendomi di entrare per due gg nel blog mi ha impedito  di scrivere propositi, promesse e altre idee bizzarre che prendono nei giorni a cavallo tra la fine dell'anno e l'inizio dell'anno nuovo e che mi riempiono di tante buone idee e che puntualmente  non mantengo. 

Mi ha lasciato il peso del bilancio della vita che come sempre mi sovrasta , mi abbatte e mi opprime assai.

Ma ho deciso di esser buona in questo anno e quindi ve lo risparmio.

Ringraziate Libero!                 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

.....

Post n°839 pubblicato il 30 Dicembre 2014 da mpt2003

 

giacciono sul tavolo della mia cucina......enerti e in attesa che li conci per le feste

voi cosa mi consigliate?

 

 

 
 
 

.....

Post n°838 pubblicato il 25 Dicembre 2014 da mpt2003

 

 

Buon Natale a voi tutti e alle vostre famiglie.

Un pensiero particolare a chi si trova in difficoltà,

di qualunque natura essa sia

e in qualunque luogo si trovi,

a tutti auguro  serenità.

 

 

ciao.

 

 

 
 
 

guardar pensando....bianco

Post n°837 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da mpt2003

 

 

Certe mattine dalla finestra si vede solo bianco:

l'orizzonte non c'è più e il conero te lo immangini.

Il mare ha quel colore che non riconosci più

e ti sembra di essere immersa in un'atmosfera ovattata

anche i rumori sono più tenui e tiri ad indovinare.

 

E' un po' come quando la notte devi guidare e c'è la nebbia:

vai avanti a tentoni , a ricordi ed intuizioni;

speri che la macchina di fronte ti veda e che quella davanti non si fermi

così che tu possa andare sulla sua scia.....

procedi verso l'ignoto....

è bello perchè intrigante....ma pericoloso.

 

 
 
 

canzone per un'amica

Post n°835 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da mpt2003

 

 

"perchè suoni se hai le chiavi?"

"perchè arriverà un giorno in cui non ci sarà nessuno ad aprirmi"

 

 

 

 
 
 

....

Post n°834 pubblicato il 02 Dicembre 2014 da mpt2003

 

 

Questa  è un agave.

Le agavi mi piacciono molto e ne ho un discreto numero considerata la scarsa capienza del mio terrazzo, ma sono piccole e quindi ancora ospitabili senza sentirmi respinta ogni volta che esco fuori dalla porta finestra.

quando cresceranno sarà un problema non piccolo

ma sono tanti i fattori che debbono essere positivi per permettere che questo evento si verifichi, non ultimo che attecchiscano bene e trovino il loro habitat.....quindi non mi conviene preoccuaparmi per ora.

Ho preso l'abitudine da un po' di anni di autocalmarmi incitandomi a non pensare in modo negativo per un evento che mi potrebbe preoccupare in un futuro (ovvio quindi che le spine delle piante sono solo un pretesto) fin tanto che esso non è davvero a livello preoccupante....riduco l'ansia e mi pare di star meglio, non riesco a mettermi in ansia per una cosa che poi potrebbe non essere degna di tanto pensiero nè di perdere quel po' di tranquillità che va dal pensare la cosa al momento in cui essa diventa davvero reale.

La cosa forse farà gridare le persone previdenti ma io non ci riesco proprio, mi rifiuto e cerco di pensare ad altro .

Cerco poi, per quanto mi è possibile di non perdere niente di quello che mi viene proposto e che mi piace, e per far questo, sforzo  la mia natura che  mi farebbe stare a casa ogni volta che posso, da sola o in compagnia dato che io sto bene a casa in ogni modo.

Qualche giorno fa ho vissuto una bellissima giornata e sono andata a padova dove insieme a persone piacevolissime che avevo conosciuto qui ho visitato la mostra di Corcos.

E' inutile che vi racconti io della mostra, altre tra noi (Atapo e Ody)meglio di me lo hanno fatto... io racconto solo di una cosa tra le tante che mi ha colpito assai , anzi due cose.....e sono ....gli occhi e gli sguardi delle donne di corcos e la ricerca dei particolari negli abbigliamenti di queste signore, in particolare un vestito di piume e pizzi di Jole Biaggini Moschini, 1904

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

io di fronte a questo quadro sono rimasta tantissimo perchè ero attratta dai particolari

dell'abito e dei fiori e m'immaginavo che pennello finissimo avesse usato il pittore e che cura certosina e attenzione al particolare avesse dedicato al quadro....nonc'era niente fatto di fretta e senza cura.........

 

                                                     

altra meraviglia di quel giorno, degna di sguardi stupiti meravigliati, estasiati , entusiasti è stata la visita alla cappella degli scrovegni......

di fronte al genio di Giotto ogni parola non ha lo stesso valore: si entra in quella bomboniera e si guarda tutto e tutto meriterebbe ore di attenzione....i particolari sono infinitesimi e particolareggiati.....e quando si lascia la cappella, perchè i 20 minuti concessi sono passati, è normale e comune a tutti quelli che eravamo lì, voltarsi indietro per cogliere qualche aspetto che non si era visto, qualche particolare dimenticato, qualcuno non guardato a sufficenza.......e si esce ripromettendosi di tornare ancora.

 

concludo queste quattro chiacchiere postando questo scooter.....

 

questo è il mezzo che mi ha accolto a padova e con il quale ho scorazzato un po'

.......ma ve lo racconto un'altra volta.....

 

 

 

 

 
 
 

.....

Post n°832 pubblicato il 20 Novembre 2014 da mpt2003

 

 

 

Quest'anno poco prima che mettessi le piante al riparo dentro casa l'euphorbia è fiorita.

E' la sua prima fioritura sebbene la possegga da tanti anni. Qualche settimana fa si è riempita di palline gialle nelle sue sommità vicino alle spine apicalie e piano piano i fiori sono sbocciati attribuendole una caratteristica di delicatezza che altrimenti, almeno nel mio immaginario, non ha, così piena di di spine  e così difficilmente avvicinabile per tanti motivi, non ultimi la sua mole.

Tutti i fiori delle euphorbie si chiamano ciazi e quindi anche quei fiorellini rossi e più appariscenti della pianta qui sotto sono dei ciazi.

 

Questa nello specifico si chiama euphorbia milii ed è una pianta resistente che teme solo il gelo e le temperature freddissime come buona parte delle piante della sua stessa specie. E' per questo motivo, forse, che viene utilizzato anche davanti alle tombe.

 

Oggi con mia figlia sono andata a visitare una tomba , una tomba di appena 20 mesi , 20mesi che sembrano una vita, una vita che non c'è più e che oggi avrebbe compiuto 29 anni. C'era una specie di nebbiolina che bagnava le lapidi e che il sole tiepido non asciugava, c'erano fiori freschi, e tanti vasi anche di euphorbia a fargli compagnia.... foto di un ragazzo che suona e che ti guarda sorridendo a cui fai fatica ad augurare che la terra sia lieve e a cui fatichi , anche rivolgere la preghiera dei morti.

 

oggi qui da me ha iniziato davvero a fare il freddo umido  , quello che ti entra nelle ossa e che ti fa sentire freddo soprattutto se hai un principio di raffreddore come me. 

 

 

 
 
 

ricetta

Post n°831 pubblicato il 12 Novembre 2014 da mpt2003

 

 

 

 

L'ho comperato senza piume, bianco e diafano, ripiegato su se stesso.

Ho cercato di ridargli tepore facendogli una doccina fredda dopo averlo passato alla fiamma, (una specie di doccia svedese a ritemprarlo anche se ormai era già bello che morto ).

Gli ho messo accanto due cipolline per far sì che nel caso avesse pianto potesse dare colpa a loro (difficile però che ciò accadesse dato che era senza testa) un sedano per dargli sapore, due carote per infondergli colore.

Poi ,novità delle novità, anche dei grani di pepe di cayenna e due foglie di alloro come si fa con le castagne

Due o tre rametti di prezzemolo per farlo sentire un po' diverso dal solito e qualche litro d'acqua perchè trasferisca in essa il suo sapore.    Il tutto in una pentola.

Poi ho acceso il fuoco e me ne sono andata.

Ha due o tre ore prima che si cuocia nel suo brodo.

 

 

 

 

 
 
 

....

Post n°830 pubblicato il 10 Novembre 2014 da mpt2003

le sostanze contenute nel frutto del melograno pare siano un toccasana per cuore ed arterie, riuscendo anche a contrastare i danni di una dieta ricca di grassi.


Ieri ho trascorso del tempo al telefono con un'amica che aveva problemi di cuore.

E' stato facile per me darle consigli, incitarla ad essere ferma nella sua decisione di mandare il tizio, che per tanto tempo l'ha tenuta con il fiato sospeso in un'altalenarsi di avvicinamenti e di allontanamenti, finalmente a quel paese...... essere decisa, nonostante dall'altra parte del telefono sentissi la voce pian piano affievolirsi e frequenti soffiate di naso.

Mentre le parlavo rivivevo momenti che anche io ho vissuto e che mi hanno vista, perchè coinvolta personalmente, nella sua stessa situazione ma con ben altra determinazione di quella che sfoggiavo ieri sera.

Ci sono uomini (ovvio anche donne , a seconda dei casi, anche se , permettetemi , con meno frequenza) che si trovano bene nel creare situazioni borderline , quelle situazioni non cui non è chiaro il confine tra interesse e semplice amicizia , e in quelle situazioni di perenne dondolio  il tuo cuore è in continua altalena e in quell'altalena tu stessa godi e soffri.

Sono tunnel nei quali è facile entrare perchè all'inizio di inducono piacere dato che l'altro risponde positivamente al tuo essere coinvolta ma dai quali è difficile uscire perchè ti creano dipendenza e tu cerchi di riprovare ossessivamente quel benessere che diventa sempre più fievole ma che ti fa star bene.

Un po' come una droga.

Riflettevo, mentre parlavo. come a noi  donne venga facile perdonare, quasi sentirci superiori, troppo materne a volte e questo essere così disinteressate invece che farci essere forti si rende più deboli e fragili. Siamo abituate a dimenticarci , a dimenticare quanto stiamo male e a sottovalutare i sentimenti di disagio e dolore che proviamo.

Parlavo e pensavo che dovremmo allenarci ad avere un alto grado di rispetto nei nostri confronti tale da non permettere a noi stesse di cadere in simili tranelli e   una tranquillità serafica, quasi da meditatore zen.

 

 

 

 

 

 
 
 

.....

Post n°829 pubblicato il 28 Ottobre 2014 da mpt2003

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vivo in un mondo silenzioso

fatto di passi dei vicini e di rumori per strada

a casa mia non c'è musica

solo il rumore dei pensieri 

e il via vai delle cose che faccio

è vero! non ci avevo mai pensato 

ma presa dalla vita 

dal parlare

dal pensare

l'udito è un senso che privilegio poco.......

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

....

Post n°828 pubblicato il 20 Ottobre 2014 da mpt2003

 

 

eccomi qua, sono vispa e vegeta (sì è vero più la seconda che la prima) e sto bene, ma sono indaffarata e non ho tanto da scrivere. O meglio avrei da raccontarvi, ma poi la sera quando arrivo a fine giornata non trovo le parole e il verso per raccontarvi quello che faccio e per sentirmi collegata con il mondo di libero, anche gli altri mondi in verità.

il fiore che oggi lascio qui è un fior di loto, non perchè mi sia messa a dedicarmi alle piante acquatiche ma perchè ho iniziato a fare yoga e siccome la mia capacità di muovermi e di assumere le posizioni proprie di questa disciplina è lungi dall'avere un qualche risultato degno di essere visto posto il fiore a cui una delle posizioni più importanti dello yoga è ispirato.

questo nuovo interesse è iniziato per caso e sono io stessa ancora stupita della passione che mi ha colta e della spiritualità che ad esso è collegata e che in genere mi lascia un po' scettica. é un modo per dedicarsi del tempo e in questo particolare momento della mia vita mi va di gratificarmi in questo modo, a differenza di altri momenti in cui il massimo era leggere un libro.

devo dire in verità che cerco sempre qualche cosa per muovermi e consumareque ste famose calorie che immagazzino con gran piacere .....abbiamo una felice convivenza io e loro, cioè ci attraiamo molto, poi io tento di smaltirle ma loro restano attaccate, direi meglio AGGRAPPATE e questo spero mi faccia perdere un po' di "rotondità" (sentite come il volermi bene sta funzionando? leggete gli eufemismi che uso? ;) ) che mi  caratterizzano. Dunque veniamo a noi. una mia amica mentre ci bevevamo un caffè dopo una passeggiata lungomare mi ha proposto di andare ad una lezione di prova di yoga una domenica mattina. dovete sapere che per me la domenica è magica, perchè è tranquilla e anche se ho daffare, l'atmosfera è diversa e questo per me è già tanto. la domenica successiva non avevo programmi particolari e sono andata.

  

ci siamo incontrate in una casa di legno con larghe finestre che si affacciano sulla campagna e la campagna in questo periodo ha dei colori meravigliosi ...che vanno dal giallo all'arancio e al marrone.... l'atmosfera era molto rilassata e tranquilla, profumi d'incenso e tisane hanno reso piacevole quelle due orette che abbiamo trascorso lì nelle quali  una ragazza , maestra di yoga , ci ha parlato di questa disciplina e della conoscenza di sè e di come siamo collegati all'universo intero.

adesso non credo che solo attraverso una respirazione profonda e coordinata all'universo intero io riesca a risolvere i problemi che ho, ma se mi da un po' di serenità o piùsemplicemnete, se mi piace e se male non faccio, penso che continuerò a frequentare questi appuntamenti che hanno cadenza settimanale e che si tengono a fine giornata, nel momento in cui dalla luce del sole si passa alle tenebre ed è veramente bello vedere dalla finestra come gli alberi con il passare dei minuti si trasformano da quello che sono , con tutti i loro colori, a  figure nere sulla penombra del tardo pomeriggio fino ad essere completamente assorbiti dalla notte.

 


 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 
 

Perchè ,mio giovane amico ,sostieni che la felicità non esiste? Che l'amore è soltanto illusione?Anche se è vero, perchè dirlo? E perchè dirlo dal momento che è vero? Un tempo amasti una donna bella e piena di grazia che viveva al dilà degli oceani e delle montagne. E ne soffristi. Eppure, in quel lontano Oriente dove sperava di condividere con te momenti sublimi, lei è ancora bella e piena di grazia. la testa reclinata, sorridente , ti aspetta. E ogni volta che i miei occhi incrociano i suoi, so che l'amore rende folli e felici.

               Paritus il Monocolo.messaggio ad un allievo che ha paura d'invecchiare

 

 

che tu abbia sempre accanto in qualche modo anime vere su cui riversare il tuo delicato buonumore e dalle quali tu possa attingere l'onestà del silenzio quando avrai bisogno di una spalla su cui piangere.

 

 

I GUFI

Raccolti sotto i tassi neri

ecco i gufi allineati

come dei esotici

con quegli occhi rossi dardeggianti.

Meditano.

Staranno immobili

fino all'ora malinconica

in cui le tenebre dilagheranno,

scacciando il sole obliquo.

Quella posa insegna al saggio

che quaggiù è bene che tema

tumulti e moto;

l'uomo ebbro di un'ombra che passa

sconta sempre il fio

del suo cambiare posto.

                             C.Baudelaire

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mpt2003francy_62WhatYourSoulSings2karen_71lascrivanaEasyTouchlost4mostofitallyeahJuliet_Hometrampolinotonanteseveral1francpolitano43la_moretta_2papermate7arw3n63odio_via_col_vento
 
Che bello incontrare persone che si emozionano! Che amano e sognano, che abbracciano e baciano. Che soffrono. Che mantengono i piedi per terra senza mai disdegnare di prendere il volo.
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 116
 

 

 

I MIEI BLOG AMICI

- Voci fuori dal coro
- Semplicemente Eli...
- Une.Rèputation?
- X comunicare un po
- pensiero anima cuore
- LaLunaELaSpina
- RICOMINCIARE
- ilsoledentroilcuore
- INCOERENTE_MENTE
- Pensieri vaganti
- ancora pezzettini
- FINALMENTE...
- Pezzi di vetro
- Briciole Di Pane
- Anime in penombra
- PENSIERI...LIBERI
- le sirene dUlisse
- altrochemela
- Che tu sia per me
- AKHENATON49
- coMizia
- Verità...
- Il cuore Urla
- NON E UN BLOG
- Dietro langolo
- LA FATA IGNORANTE
- simona1808
- MAI DIRE MAI
- una storia
- perfetta ASIMMETRIA
- stagioni
- finestra sul mondo
- Quotidianamente...
- Andata e ritorno
- speranza
- IL MIO RIFUGIO
- Gabbiano In Volo...
- antonia nella notte
- Abbandonare Tara
- Pensieri sparsi
- dianavera
- leparolenondette
- CORAGGIO...
- quellocheledonne
- REBIRTHING
- Serendipity
- Da zer0 a me
- Semplicemente...Io
- Il neurone single
- MOONLIGHT
- Andando Per Via
- come le nuvole carpeDiem
- Scintille
- ...
- inpuntadipensiero
- occhiodivolpe2
- Notte di note
- trampolinotonante
- Fairground
- Non era un sogno
- Gemutlisch
- Abitandomi
- ..Uomini...
- Moleskine
- Chiedo asilo.....
- putpurrì
- stradanelbosco
- dagherrotipi
- emozioni
- PEZZI, pezzotti
- casalingapercaso
- The Good Wife
- odile genet
- cisonoriuscita
- lera dellacquario
- Le cose della vita
- Lady_Juliette
- AlfaZulu
- N u a g e s
- DIS-APPUNTI
- MondoFemmineo
- Lollapalooza
- LAQUILONE
- Concept store
- odori di muse
- Mamma & Prof.
- La parola...
- Vita da museo
- bimbayoko
- LEMOZIONE INTERIORE
- Juliet
- LOca Nera
- E tutto unipotesi
- ochir