Creato da giuliosforza il 28/11/2008
Riflessione filosofico-poetico-musicale

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

Ultime visite al Blog

ghionnamarcothirsenos1il_pabloFanny_Wilmotparvathi62giuliosforzaGiuseppeLivioL2sognatric3lost4mostofitallyeahvitaveralavendettaElemento.Scostantedafne.egStolen_wordsl0redianaminarossi82
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

I perché di un No. Castro. Reimverse auf den Tod. Vittoria Lepanto

Post n°928 pubblicato il 02 Dicembre 2016 da giuliosforza

 

Post 857

 

Quale dunque la posizione di un anarchico, non solo mentale, nei confronti dell'aut-aut Sì No, di fronte al quale è posto in questi giorni il popolo italiano?

Di un che non crede nelle immutabilità di nulla, nemmeno della Veritas Domini (quae) manet in aeternum; figurarsi delle Costituzioni, registrazioni di una nuova temperie politica e storica (la Francia  è alla Quinta repubblica, cioè alla V Costituzione, e noi si rimarrebbe abbarbicati alla prima?) e dell'autoregolamentazione che un popolo attraverso essa si dà?

Di un teorico della dis-educazione "estetica", cioè di quel processo di de-gregazione (de grege) che s'oppone a quello di aggregazione (ad gregem) che lo stato persegue: processo di affrancamento "estetico" del gregge, innalzamento di esso a popolo, che si dà come programma  strappare  pecore al gregge, servi ai padroni, schiavi ai tiranni, a cominciare da quelli a noi interiori, retaggi e sedimentazioni storiche dei baconiani idola specus tribus fori theatri?

"La costituzione non si tocca" non può dunque essere il mio grido insensato.

Ma quando e perché si tocca una costituzione?

Ogni qualvolta si renda necessario  fovere quod est frigidum, flectere quod est rigidum, regere quod est devium, lavare quod est sordidum, rigare quod est aridum; quando si voglia ulteriormente promuovere il processo di liberazione, cioè di umanizzazione, dell'uomo, e non quando si tenda a mortificarlo, tale processo, operando svolte autoritarie, con la scusa dell'uscita dal caos, che un burattino di turno (tale  da noi il bamboccione fiorentino, certamente furbetto, ma ridicolmente manovrato dalle abili mani della prussiana virago di pomerania che fa splendidamente gli affari delle sua gente) sta tentando di far con ogni mezzo (fiorentino era Machiavelli) passare, spinto dalle plutocrazie bancarie che hanno procurato il terremoto politico finanziario che non accenna a placarsi, delle cui conseguenze nefaste lautamente si nutrono.

Nella riforma della costituzione proposta da Renzi non trovo una , dico una sola parola che  possa spingere un come me a sottoscrivere il fatidico, ora sempre più... 'inestetico', in senso lato e in senso stretto, perché anche prodiano, Sì. L'abatello toscano e la sua Venere cloacina, come direbbe l'amico Thirsenos, possono gabbare chiunque, non me, non l'esercito composito del No, col quale è, sia beninteso, momentanea quiete strategica, non pace!

 Il mio è dunque un No. Un no talmente convinto che andrò, contro il mio consolidato costume, a votare nella speranza, in caso di vittoria, che possa qualcosa di davvero nuovo, in quest'Italia stucchevolmente ripetitiva, accadere.

*

Qualunque opinione si abbia di Castro una cosa è innegabile: di tutti gli ex alunni dei gesuiti di questo secolo egli, che frequentò il gesuitico Colegio de Belèn de l'Avana dal '41, suo quindicesimo anno di età, alla maturità, uscendone con lode soprattutto per quanto riguarda le discipline letterarie e lo sport, è indiscutibilmente il più illustre, e colui che meglio ha assorbito, indirizzandolo a fini rivoluzionari, lo spirito combattivo della 'Compagnia di Gesù', come volle denominare l'Ordine da lui fondato il capitano Ignazio di Loyola. I Gesuiti, che poi egli avrebbe giustamente cacciato da Cuba, e soprattutto il gesuita Bergoglio, celebrino il loro più illustre e coerente discepolo non solo con preghiere, ma dedicandogli il loro collegio, se ancora o di nuovo esiste, e magari qualcuna delle loro numerose università sparse nel Nuovo Mondo. Dàje, Bergoglio, spiazziaci ancora una volta: quando ti si ripresenterà una occasione come questa?

*

Anche novembre declina, e non disdice un altro pensiero sulla morte,  vanamene esorcizzato dalla stolida insipienza, dal vano affaccendarsi dei morituri. E mi piace farlo ancora col distacco, l'ironia , la saggezza stoico-epicurea, in una parola lucreziana, del giovane maestro, con Hegel, di Marx. Luwig Feruerbach.

Im grossen Buch der Werd ich's lass / Der Tod ist aller Dingen Mass. (p. 64) Nel gran libro del mondo ho letto: la morte è la misura di tutte le cose.

Dann kommt von selbst in dein Gedärme / Des sanfte Friedens linde Wärme / Beiz' erst im Tod vom Selbst dich rein / Versöhnungs kommt schon hiterdreim. (p. 98) Allora verrà da sé nelle tue viscere il soave calore della morbida pace. Prima tu disinfèttati del Sé nella morte. Appresso verrà certo  la riconciliazione.

        In calce a questi che son gli ultimi versi del poemetto feuerbachiano trovo una mia nota a matita: Beizen significa anche metter in salamoia. Il Sé messo in salamoia nella morte, esilarante!

*

Saracinesco è un paesetto dei monti Ruffi, non distante da Roma, che dai suoi circa mille metri incombe sulle vie Tiburtina ed Empolitana. Con Anticoli Corrado fu  noto per fornire bellissime modelle ai pittori (del solo Michetti restano una ventina di bozzetti) che numerosi, italiani e stranieri, nell'Ottocento fino a metà del Novecento vi affluivano. Una di queste, Vittorina Lepanto, nome d'arte probabilmente suggerito dal Vate di Vittoria Proietti, figlia  di genitori adottati , bellissima e vivacissima, era destinata a fare anche carriera nel cinema muto. Nel 1917 interpretò Elena Muti, e pare assai bene, nella riduzione cinematografica de Il Piacere per la regia di Amleto Palermi.

Tra le tante commemorazioni proposte da Guerri, non sarebbe il caso di includere quella della delle bella ...saracina?

 _______________________

 

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Che incombe sulla propaggini dei monti Rufi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 sulla tiburtina nei presi dell'oraziana Mandela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il Palazzo. Merezkovskij. Alberto Magno. Freuden des junges Werters

Post n°927 pubblicato il 24 Novembre 2016 da giuliosforza

Post 856

Cinque volte credo d’aver varcato nella mia vita le soglie del Palazzo.

La prima fu negli anni Sessanta per assistere ad un dibattito parlamentare, e ne godetti. Era  l’epoca in cui il Parlamento era popolato da personaggi  d’uno spessore e d’una cultura politica oggi inimmaginabili, che avevano appreso nelle scuole del Fascismo (pochi di essi, anche di Sinistra,  quelli non provenienti  dai Littoriali della Cultura) o dell’Antifascismo , dai Togliatti  ai Longo ai Paietta ai Berlinguer ai Fanfani ai Moro agli Andreotti agli  Scelba ai Tambroni (non ebbi occasione di sentire De Gasperi e Croce, premorti),  ai Nenni ai Pertini ai Saragat  ai La Malfa ai Pacciardi agli Almirante, ai Michelini ai Romualdi ai Rauti ai De Marsanich ai Covelli ai Lauro agli Spadolini ai La Malfa… Negli anfiteatri di Montecitorio e di Palazzo Madama avevano luogo agoni dialettici, magnifici anche nelle invettive, non indegni delle epoche dei Catoni e dei Ciceroni.

La seconda volta mi recai a Palazzo Chigi per ricevere un premio letterario da me non sollecitato.

La terza, sempre a Palazzo Chigi, per onorare le spoglie di La Malfa ivi esposte (ai morti si perdona e noi, i pacciardiani, gli perdonavamo il tradimento della causa repubblicana mazziniana), e rischiai brutto : avevo nel borsello una pistola a salve appena comprata  e destinata a spaurire i cani randagi  durante le  mie passeggiate solitarie pei colli  le valli le selve della mia terra. Accortomi che la polizia ispezionava le borse, tentai di  uscir  dalla lunga fila per evitar l’imbarazzo delle spiegazione, ma fui fermato, e non vi dico la scena tragicomica che ne seguì. Allora ero capellone e barbuto, e fui scambiato per un terrorista. Dovetti inventarmi una bugia e dire d’essere atteso dal capo dell’Ufficio stampa, il dott.  I.  Non era vero, ma conoscevo il dottore. E tanto bastò perché mi si introducesse con mille scuse senza farmi fare la fila.

La quarta, qualche anno fa, per portare ad un mio amico direttore didattico, diventato consigliere d’un sottosegretario, i volumi delle mie poesie destinate alle biblioteche di parlamento e senato (sarei curioso di vedere se vi son finite!).

La quinta recentemente, invitato alla presentazione del libro Teresina Tua, l’angelo del violino, di Luca Bianchini e Anna Trombetta. L’incontro si svolgeva nella nuova sala dei gruppi parlamentari al ’74 di via di Campo Marzio. Non conoscevo la Tua, enfant prodige, vissuta novanta anni dal 1866 al 1966, concertista già dai cinque, osannata in tutto il mondo, lodata da Wagner, Liszt, Verdi, Bossi, Toscanini, andata sposa giovanissima prima a un Valletta, poi al conte Quadrio di Sondrio che le avrebbe alla sua morte prematura lasciato un patrimonio sconfinato, madre suicida, due gemelli morti in tenerissima età, dal ‘15 al ’40 insegnante ai Conservatori di Milano poi di Santa Cecilia, e dal ’40 fino alla morte suora, col nome di Suor Maria di Gesù, nel convento delle Adoratrici del Sacramento a Porta Pia. L’incontro era patrocinato dall’on. Bechis, giovane donna dimessa ed illetterata (diploma di istituto tecnico alberghiero)  ex cinque stelle, passata direttamente dalla guardiola di una portineria allo scanno di Montecitorio, il che le fa sommamente onore.

La nuova sala dei gruppi parlamentari, ad anfiteatro, ha una architettura essenziale, con scanni assai scomodi (vi è difficile sonnecchiare e smanettare coi cellulari!) ma dotati di tutti i più moderni accessori elettrici ed elettronici. Un’aula dal tono francescano, senza alcuno sfarzo e alcun ornamento. Ma per accedervi (si era non più di quaranta invitati, per lo più vecchiotti), il solito cerimoniale che mi fa saltare i nervi: giacca e cravatta obbligatori (che risibile anacronismo!) uscieri bardati come ammiragli (e come ammiragli, mi si dice, remunerati), stretto servizio di sicurezza, controlli di identità, metal detector, check in...  Mancando registrazioni dell’Artista, una giovanissima violinista, la cui esibizione lasciava molto a desiderare, suonò qualche pezzo degli autori dalla Tua preferiti, mentre una attrice-doppiatrice di cui non ricordo il nome,con una impostazione eccessiva per la natura  dell’evento ne ripercorreva le tappe  fondamentali dell’esistenza dal violino sottolineate.

M’aspettavo assai di più. Qualcuno lamentava l’assenza della stampa, che a me invece piacque. La seconda giornata di celebrazioni si sarebbe tenuta nella cappella del Convento del Sacramento il sabato successivo, con la partecipazione, tra l’altro, dell’ottimo coro “ Entropie armoniche” . Ma l’ora tarda della manifestazione mi impedì di partecipare. Un  peccato?

*

Terminata la lettura del romanzo storico di Merezkovskij su Giuliano l’Apostata, che ho trovato persino più avvincente  del capolavoro di Gore Vidal;  e la ricomincerei, se non mi restassero da leggere altre mille cose per le quali potrei non aver tempo. Il tentativo di restituzione  di un paganesimo filosofico e religioso illuminato e tollerante operato dal nipote di quel Costantino le cui, e di sua madre Elena,  infinte crudeltà non impedirono che fosse annoverato, come  la madre stessa, fra i santi, era destinato a fallire; ma non  certo avrebbe, il colpo di giavellotto che giovanissimo come Alessandro lo trapassò, cancellato l’orma indelebile da lui impressa nella storia. Leggere i libri dell’Imperatore filosofo, di una attualità sconcertante, può fare immenso bene all’uomo di un secolo che intolleranza fanatismo  e oscurantismo minacciano di ridurre ad uno dei più bui della storia.

Fossi vissuto nei primi anni del cristianesimo paolino, e avessi partecipato ai primi accesi dibattiti teologici, fossi stato pusillanime mi sarei allineato all’arianesimo del sanguinario  Costanzo secondo, che non fece in  tempo ad eliminare il suo consanguineo Giuliano, contentandomi di negare la consostanzialità del Cristo col  Dio delle Trascendenze. Ma da non pusillanime mi sarei  spinto più in là e avrei già detto di Lui quel che adesso dico: Lui essere, con Lao Tse, Zarathustra, Buddha e pochi altri, uno dei più grandi, forse il maggiore,  degli Oltre-uomini (super-Uomini?),  in questo senso perciò “divino”; Lui, il Gran Ribelle, umiliato dai suoi seguaci ad allevatore di greggi.

*

Nel corso della mia breve passeggiata mattutina, per la seconda volta sono entrato nella chiesa parrocchiale del mio quartiere dedicata ad Alberto Magno, il grande filosofo e teologo di Colonia di cui per tre anni fu discepolo Tommaso d’Aquino, quel “bue muto” (così schernito, visti la sua stazza e il suo carattere, dai condiscepoli), il cui muggito, nelle previsioni di Alberto, avrebbe riecheggiato in tutto l’orbe terracqueo. Trovo la chiesa  orrenda, una di quelle chiese nuove di pessimo gusto, tra il garage e grande magazzino, che dovrebbero abbellire le periferie romane. Non male invece tre grandi  affreschi classicheggianti  e il piccolo organo a canne, le cui sonorità si usa oggi collegare, per accrescerne ricchezza e potenza, a quelle di un organo elettronico, con esito per la verità non disprezzabile. E orrende le via crucis in acquerello, ognuna replicata, non so perché, da   una sottostante sculturina , non ho ben capito se lignea o in terracotta dipinta, in grezzo stile etnico.

Delle sette donne presenti componenti il pubblico cinque, assai anziane, occupavano il secondo banco  e due, di mezza età, il primo, accanto a un giovane prete, difficile dire se  italiano meridionale o  mediorientale, assai sciatto nei modi e nel vestire. Stavano recitando il Mattutino, la prima delle Ore canoniche. In ciò nulla di strano. Ciò che in un primo momento invece mi è apparso esilarante, divertente  e irriverente insieme è che degli otto oranti il prete e le due donne di mezza età smanettavano  col cellulare mentre ginocchioni recitavano i salmi. Pensavo: ma dove siamo arrivati? Nemmeno durante una funzione sacra si può fare a meno dell’aggeggio diabolico? Non avevo capito che il cellulare sostituiva il breviario, tutto il breviario essendo stato in esso scaricato. Potenza della figlia maggiorata della Scienza, la Tecnologia! Sacrilegio e miracolo della risoluzione del sacro nel profano e viceversa! Ché se il medium è il messaggio, come vuole il buon  Mc Luhan luminare, dopo la conversione al cattolicesimo,  della prestigiosa gesuitica  University of St Louis, nasce un grave problema epistemologico e insieme teologico: la liturgia del Libro divino può così semplicemente converti in quella laicissima della tecnologia digitale? Può apparire un falso problema di lana caprina, ma non lo è. Almeno per il trascendentista cattolico legato al concetto metafisico del Logos come arché.

L’arte di trarre profitto dai propri peccati, di un Autore che si rifaceva a Francesco di Sales, e l’Imitazione di Cristo del Da Kempis col suo terrorismo psicologico e culturale, furono solo due dei numerosi libretti con cui si tentò, senza riuscirci, per la verità, di avvelenare  la mia adolescenza, di oscurare l’alba della mia vita; quando ben altro avrei avuto bisogno di leggere, per esempio il Versuch über die Kunst stets frölich zu sein, Ricerca sull’arte di esser sempre felici di J. Peter Uz, l’ Ars semper gaudendi, l’Arte di sempre godere  di Alfonso De Sarasa, e magari il Freuden des jungen Werters, Le gioie del giovane Werter, parodia del Nicolai del Werter goethiano. Suggestioni venutemi dalla lettura de Gli elisir del diavolo di Hoffmann, che sto rileggendo con grande diletto: sembra la mia autobiografia.

 _______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Kant. Buttafuoco. Collalto. Congedo

Post n°926 pubblicato il 11 Novembre 2016 da giuliosforza

Post 855

Molti scrivono libri coi libri, pochi con la propria testa. Io son dei pochi.  Mi viene in mente questa celebre affermazione kantiana  scorrendo l’ennesimo libro di un “amico” dove si trova tutto quel che altri sull’argomento di cui egli dice han pensato, nulla di ciò che egli pensa. La dicono oggettività.

*

Pierangelo Buttafuoco, 53enne siciliano di Catania, è un giornalista, romanziere, saggista, opinionista assai  curioso e  farouche , in ogni accezione del termine. Da giovane l’abbiamo letto sul ‘Secolo d’Italia’, poi su ‘Panorama’, poi sul ‘Giornale’, poi su l ‘Foglio’, poi su ‘Repubblica’ poi su ‘Il Fatto Quotidiano’. Non può certo negarsi che sia uno spirito vivace ed irrequieto (o solo un versipelle?). Partito cattolico tradizionalista missino è finito musulmano, e in quanto tale,  si è scelto il nome di Giafar el-Siquilli, Giafar il Siciliano. Del mistico sufi ha l’aspetto, ma lo vedrei meglio come un derviscio danzante. Sotto la sua maschera affiorano un sorriso,  una serenità , finti o veri non saprei,  forse frutto della sua nuova fede. Ma non voglio dilungarmi sulle vicende private del personaggio Buttafuoco, anche se in lui ‘arte’ e vita coincidono.  Ne parlo qui solo per una battuta che ho udito dalla sua bocca in tv, che mi è molto piaciuta. Richiesto dal conduttore di una nota trasmissione de La7 di scegliere fra Trump e Ilary Clinton ha risposto sornione: non mi sbilancio, peggio di Trump c’è solo la Clinton. Non si tratta semplicemente di una battuta, di una risposta ad effetto. Io condivido in pieno.

*

Che io non sia un patito dell’Opera, a men che non si tratti di Beethoven e di Wagner, nei quali la voce non è a servizio della musica o viceversa ma strumento fra strumenti, sì da rientrare perciò totalmente nel gioco sinfonico, è notorio; ma ciò non significa che la disdegni. Ogni aspetto della complessa figura di Frau Musica mi alletta. Ma gli è che sono stato retto a battesimo dal Corrucciato di Bonn (donde il mio soprannome infantile ‘ ngrifone, -grifone, ingrifato?) che anziché bagnarmi il capo con acqua benedetta mi inoculò stille di suo sangue nelle vene. Dunque l’Opera non mi è aliena, soprattutto quella romantica, colma di tragiche e possenti  passioni, di tensioni, di aneliti, in altra parola di Sehnsüchte, irrisolte ed irrisolubili  se non dopo l’affogamento nella Notte novalisiana, nel gran mare dell’Assoluto wagneriano (isotteo  Ertrinken Versinken, Unbewusst, Höchste Lust!).

Queste considerazioni mi sono suggerite da una delle tante trasmissioni, più o meno divulgative, dedicate da Rai5 al fenomeno musicale in tutti i suoi aspetti. Fra di esse  una ve n’è ( si tratta di una serie curata dall’ex baritono spagnolo Ramon  Gener Sala, garbatissimo e informatissimo, che va in onda già da qualche stagione, di fronte alla quale molti barbassori accademici storcono il naso, dal titolo This is Opera) che, nonostante la mia concezione fondamentalmente esoterica del fatto musicale ed estetico in generale (vedrei la musica  volentieri vietata per legge, come celia il mio amico Antonino Riccardo Luciani, sicché solo noi  iniziati se ne possa celebrare in catacombe  i Misteri) apprezzo molto, e mi sentirei di condividerla. Come invito essoterico all’opera, come educazione all’ascolto per i non addetti la trasmissione di Gerner è fantastica. Poche di più efficaci ne ho trovato nella mia lunga esperienza nel campo. 

*

Le tante, troppe,  manifestazioni estive promosse da Comuni e Pro loco del contado, avviene raramente  che vadano oltre il mangereccio, che non depreco, naturalmente, ma che, non inserito in un più ampio contesto culturale, fine perciò a se stesso, non fa che vieppiù ingaglioffire chi s’accontenta del  “panem et circenses”. Lodevoli eccezioni, tra i paesi da me frequentati, Roviano, di cui ho già abbondantemente detto di recente , Arsoli, più volte ricorso in questo mio diario come uno dei centri della Valle dell’Aniene dove comune e proloco fanno a gara a chi organizza i migliori eventi, e Collalto Sabino, del quale voglio dire brevemente qui.

Collalto è con Nespolo l’estremo borgo del reatino ai confini con l’Abruzzo aquilano. Appartiene ad uno dei “borghi più belli d’Italia”, possiede un palazzo baronale ancora in ottimo stato, dall’alto dei suoi mille metri offre uno splendido panorama, dominando insieme la Valle del Turano col suo lago e la Piana del Cavaliere. A Collalto, la sera del 18 agosto, si tenne un “Gran Galà Lirico” dal titolo “La Musica es Vida”, un noto brano dell’argentino Rolando Nicolosi maestro concertatore ed accompagnatore al pianoforte dei pezzi d’opera e delle romanze e canzoni in programma, per lo più napoletane, cantate da Giada Bruni, Silvia Lo Giudice, ambedue soprani, Fabio Serani tenore, Cristian German Alderete baritono e Pietro Colucci tenore, in maggioranza del Nicolosi stesso allievi. I brani eseguiti quelli tra i più popolari di Verdi, Puccini, Rossini, una decina in tutto , e, nella seconda parte , assieme a un brano di C. Gardel elaborato per il piano dal Nicolosi, “El dia que me quieras”, di Bovio-Lama “Reginella”, di C. A. Bixio “Mamma”, di Furnò-De Curtis “Non ti scordar di me”, di Di Giacomo Tosti “Marechiaro”, di Leoncavallo “Mattinata”, ancora di Tosti “’L’alba separa dalla luce l’ombra”, di De Curtis-De Curtis “Torna a Surriento, di Di Lazzaro “Chitarra Romana”.

Vista la destinazione popolare del concerto la scelta non originalissima del materiale era del tutto giustificata. E meritatissimo ne fu dunque il successo. Ma anche l’orecchio più esigente del critico poteva ritenersi soddisfatto, per l’ attenuante rappresentata dalla difficoltà di una perfetta diffusione del suono all’interno di un cortile assai suggestivo ma non certo progettato per tale scopo. Particolarmente lodevoli le prove della bella soprano (“noi siam qui ninfe e nel ciel siamo stelle”, Purgatorio XXXI, 106), assai giovane di età, ma molto matura di voce e di stile, Silvia Lo Giudice, e del baritono Cristian German Alderete. Complimenti sentiti a tutti, dunque, agli artisti, agli organizzatori, ai ragazzi della Proloco ed alla neo Sindaca  prof.  Maria Pia Mercuri, che ebbi il piacere di avere allieva all’Università, della quale già, ad appena due mesi dall’insediamento, si avverte quel tanto di grinta e determinazione necessari  non solo per la salvaguardia dell’esistente, ma per una sempre sua maggiore valorizzazione, e per l’avvio di un nuovo ciclo che farà di Collalto, già modello  per le realtà circostanti, una perla sempre più rilucente della Valle del Turano.

*

CONGEDO

“Nulla esiste. E se qualcosa esiste non è conoscibile. E se qualcosa è conoscibile non è comunicabile”.
Con questo, per nulla sofistico e nichilistico, aforisma di Gorgia di Leontini chiudo una vita dedicata a quella comunicazione di niente a nessuno chiamata insegnamento, che a me peraltro ha consentito di esaudire l’innato bisogno di affabulazione, la narcisistica necessità di ascoltarmi nell’atto di creare, o di creare nell’atto di ascoltarmi: ché per me supremo atto creativo ha sempre rappresentato il discorso a braccio, e quelle poche cose che ho scritto per dovere professionale (non dico perciò dei miei diari, delle mie poesie e dei ludicoli musicali, mediante i quali mi divertii -Ihr steifen Weisen, mir ward alles Spiel, come al Dioniso dei Ditirambi - a tradurre liricamente in versi neoclassici la mia filosofica neo pagana visione del mondo) sono quasi sempre state di essi discorsi a braccio la trascrizione rielaborata, riveduta e corretta. 
Insomma, il grande dilemma, lascio o non lascio, è risolto. Lascio. Me ne convince un incidente fisico non nuovo e che spero non letale, mediante il quale prendo finalmente atto che il mio corpo è stanco, e che non mi è più consentito abusarne. Decido di lasciare sereno, salutando col Chàirete Dàimones e l’Es lebe das Leben, che riassumono il senso della nostra provocazione culturale, quanti mi hanno ascoltato, spontaneamente o per obbligo, lodandomi o vituperandomi, amandomi od odiandomi, dandomi del genio o del cialtrone, dell’ispirato o dell’esaltato. La mia voce (la cosa di me a me e non solo a me più cara) da oggi tacerà. Favète linguis, ché iniziano i riti…

 _______________________

 

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Fuffa. Democrazia e oclocrazia. Gimnosofista. Giuliano Ferrara. Romano Mussolini e Togliatti

Post n°925 pubblicato il 19 Ottobre 2016 da giuliosforza

Post 854

 

Prima che me lo dicano altri me lo dico da solo, con una parola di moda: molta roba del mio blog è fuffa. Ma siccome odio questo termine inestetico dirò futilità, bric-à-brac, paccottiglia, aria fritta.  Il post odierno ne sarà pieno. Ma mi debbo riposare.      

*

Nelle discussioni politiche, e più nell’educazione politica, non si amano le idee semplici e chiare, se non cartesianamente chiare e distinte. Nessuno dice, per esempio, che la democrazia, lodata dagli imperialisti americani e dai suoi teorici, vedi Dewey, come la forma meno peggio se non la migliore, delle forme di governo, è in realtà, nella perspicace concezione aristotelica, la pessima, perché  politìa decaduta e corrotta, ove un demos, popolo, decaduto a oclos, folla, esercita il potere. Più precisamente dice Aristotele:  come la tirannide è la corruzione della monarchia, l’oligarchia della aristocrazia, così la democrazia della politìa. Democrazia è  oclocrazia, potere della folla, non di popolo.

Per l’anarchia (quella vera e utopistica, cui assurge  una coscienza divenuta chiara a sé stessa) che dovrebbe essere il fine naturale del processo politico e concludere alla fine dello Stato,   nello Stagirita non v’è posto. Strano. Eppure dovrebbe essere la conclusione logica del suo discorso.

*

Mi sento un poco un gimnosofista, versione greca dell’asceta e del mistico orientale. Solo che la gymnòtes non mi si addice. Il mio corpo e la mia anima nudati sconcerebbero il mondo.

*

Da parecchio mi chiedevo che fine avesse fatto Giuliano Ferrara. Ed ecco un giorno, immerso nella lettura del Kater Murr hoffmanniano, arrivarmi dalla tv la sua inconfondibile voce. Alzato lo sguardo me lo vedo, tranne che nella voce, parecchio cambiato, soprattutto nella stazza, a ragionar di musica e di Festival dei Due mondi spoletino. Bah, mi dico, si sarà convertito una seconda volta, e questa volta all’arte.

Era il fratello Giorgio,  che potrebbe esserne il gemello… prevaricato.

 

*

Altre scoperte interessanti.

Trovo che nel mio vecchio quartiere Monte Sacro-Talenti, ora inglobante Porta di Roma, oltre a D’Arrigo, Flaiano, Nazzari, risiedettero altre due personalità non indifferenti: Romano Mussolini, il figlio artista, grandissimo jazzista, del Duce (Villa Torlonia fu il laboratorio segreto dove i giovani Mussolini esercitarono in segreto, col consenso paterno, il loro artistico dissenso dalla posizione ufficiale del partito nei confronti del cinema e della musica americana, dedicandosi al culto delle nuove Muse,), ai cui funerali nella chiesa stipatissima degli Angeli Custodi assistetti con sincera e commossa partecipazione; e Palmiro Togliatti, che abitava in una villetta della zona storica  meneniana, vicino alla sorgente dell’Acqua Sacra. Questa della residenza togliattiana m’era nuova. E la trovai curiosa, perché in realtà Palmiro lo stalinista e il rivoluzionario, nella storia italiana post bellica una funzione da Manenio Agrippa, bisogna riconoscerglielo, la esercitò: se non riuscì a far fare pace tra borghesia e proletariato, una  pacifica convivenza riuscì a garantirla (ma avrei anche una interpretazione più birichina: riuscì a far rientrare la plebe, pardon il proletariato, a Roma fra le braccia della borghesia. In barba alla dittatura del proletariato).

*

 

Mai come ieri sera il Vittoriano degli italiani, il papiniano ‘orinatoio di lusso’, visto dal Corso ad altezza d’autobus, m’era apparso l’orrendo sgorbio che è, uno dei tanti compiuti dalla barbarie allobroga (non me ne vogliano i miei amici piemontesi) allorché  piombò su Roma. Mille inferni a chi lo programmò, lo progettò, l’inaugurò, nell’ordine Depretis, Sacconi e il d’annunziano ‘boia di Dronero’ Giovanni Giolitti. Venendo dal Corso il Vittoriano (Patriae unitati, civium libertati!)  appare come un muro d’un bianco funereo che sottrae allo sguardo tutta la  Roma ‘classica’, il Campidoglio e i Fori, con annessa Aracoeli, almeno nel nome rispettante il Tempio di Giove sui cui ruderi è costruita; senza dire della distruzione, che la sua costruzione richiese, dell’intero quartiere che comprendeva, nella parte bassa attorno al foro traianeo, a Macel de’ Corvi, la casa ove, in una oscura stanza, preceduta da un angusto ingresso che per solo ornamento aveva uno scheletro sul quale un affisso cartiglio recitava ‘la faccia mia ha forma di spavento’, alloggiò Michelangelo negli anni della sua permanenza romana.

Mi piacerebbe vedere raso al suolo il Vittoriano, fatte salve le ceneri del Milite ignoto, naturalemte.

 

*

 _______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Autunni. Corso Manthoné. Tiboni . Mediamuseum

Post n°924 pubblicato il 09 Ottobre 2016 da giuliosforza

­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­Post 853

Un’amica di fb, Francesca Lombardi, ha pubblicato il seguente pensiero di Kierkegaard sull’autunno. Mi è piaciuto e ne ho preso lo spunto per dedicare a Francesca parte di un mio articolo uscito sulla terza pagina, che allora  ancora esisteva, de “Il Giornale d’Italia” del 4 0tt0bre 1974, poi ripreso in Studi Variazioni Divagazioni nell’86. E’ il mio sentimento dell’autunno, e mi piace riproporlo anche qui per gli amici del mio blog le cui visitazioni ormai s’approssimano alle sessantamila! E pensare che i miei libri saranno stati letti, complessivamente, da non più di  cinquecento persone. Miracoli dell’Intelletto Unico…cibernetico. 

Dice il K. Citato da Francesca:

In autunno tutto ci ricorda il crepuscolo, e tuttavia, mi sembra la stagione più bella: volesse il cielo allora, quando io vivrò il mio crepuscolo, che ci debba essere qualcuno che allora mi ami come io ho amato l’autunno. 
(Søren Kierkegaard)

 

Scrissi  io:

“Autunni
L’altipiano è un lago di nebbia fitta e pesa che non sale ai miei ‘irti colli’. La finestra della mia bicocca somiglia all’oblò dell’arca di Noè. Una piccola finestra rotonda che a stento contiene la mia testa e le mie spalle. Mi è caro guardare dalla mia finestra la tristezza contenta della prima pioggia autunnale, abbondante e pia. Mi è caro guardare l’autunno e la tristezza degli autunni: gli autunni delle cose, gli autunni degli uomini, gli autunni del cielo, della terra, del mare. Gli autunni della mia anima.
Caratteristica degli autunni è una pacata tristezza, che è figlia del tempo, anzi gli è costituzionale: una nudità stanca, che è dentro le cose da quando le cose sono, ma che si rivela solo in certi momenti come gli autunni.
Guardo gli autunni della tristezza. Poiché la tristezza, essenza del tempo, delle cose e dell’uomo fatti di tempo, ha le sue stagioni.
A primavera essa si addolcisce in sostanza vergine e delicata di fiori, che portano in sé la malinconica coscienza della propria fragilità, di cui si compiacciono come un decadente dell’etisia.
In estate essa rumorosamente si camuffa dietro sfacciate espressioni di vita. Si ubriaca di profumi, di calori e di colori per non vedere, e non sentire, le sue rughe , come cretti profondi.
D’inverno gela in dolore autentico e perde coscienza di sé, come si perde coscienza d’un arto congelato. E impazzisce di spasimo ove non riesca completamente a ghiacciare, ove non riesca la sua coscienza ad intorpidire.
Ma d’autunno la tristezza è se stessa. Per questo amo l’autunno che guardo dalla mia finestra.
L’autunno è la verità di tutte le cose. E’ il volto verace di ogni vita. E’ la santità trasparente degli esseri che non hanno linguaggi fittizi, che non usano bugiarde convenzioni e non esigono che sian guardati con la compassione di chi sa il gioco e deve sforzarsi, per delicatezza, di non svelarlo.
In autunno le cose non si guardano con compassione; o si guardano con quella compassione che è partecipazione. O addirittura le cose non si guardano.
Si è, semplicemente, le cose. In autunno le cose, e noi con esse, buttan la maschera. L’autunno è un’orgia di sincerità universale”.
(da Giulio Sforza, Studi Variazioni Divagazioni, Roma 1986)

*

Rituale pellegrinaggio alla Sua casa.

Chi cerca D'Annunzio vada a Gardone. Chi cerca Gabriele (anzi "Gabbriele", anzi "Gabri") vada a Pescara in Corso Manthoné e si lasci guidare, dalla sua Ombra uscita dalle pagine del "Notturno", stanza per stanza, a respirane l'aura sacrale da cui tutto ancora è avvolto. Gardone e Pescara non si escludono a vicenda, sono complementari, ma il primo rischia di prevaricare sulla seconda. Non si può far qualcosa, Guerri, perché ciò non sia?

IN HAC QUASI FULMINE PERCULSA DOMO

IN LUCEM EDITUS EST

POETA ILLE EGREGIUS

QUI JURE NONCUPARI VOLUIT

GABRIEL NUNTIUS

CUM OMNIBUS LATINI NOMINIS GENTIBUS

VIRIUM REDINTEGRATIONEM

STRENUE VIVENDI STUDIUM

MIRIS DICTIS FACTISQUE NUNTIAVERIT

QUAE ILLIUS FORTISSIMI VATIS

CENTESIMUM DIEM NATALEM AGENTES

LATINARUM GENTIUM LEGATI

PIE COMMEMORANDA STATUERUNT

A. D. MCMLXIII

 

*

Edoardo Tiboni è, a Pescara, un grande personaggio, ed è bene lo si sappia. Ormai ultranovantenne, ha fondato e dirige un centro culturale tra i più attivi d’Italia, che oggi ha  degna sede nei locali dell’ex tribunale in Piazza Alessandrini. A lui si debbono iniziative quali la creazione del Teatro-monumento a G. D’Annunzio, del Centro Nazionale Studi Dannunziani, dei Lunedì d’annunziani, dell’Istituto Nazionale di Studi Crociani, della Società del Teatro e della Musica, del Premio Internazionale di Letteratura, Teatro, Cinema e Televisione “Ennio Flaiano”, dell’Istituto multimediale internazionale Scrittura e Immagine, della Rivista “Oggi e Domani” che annovera, tra i collaboratori, le più autorevoli firme del giornalismo e della cultura italiana e straniera. Troppa carne al fuoco? Così vorrebbero gli invidiosi. Io ritengo si tratti di uno dei più formidabile esempi di curiosità e operosità intellettuale cui nella mia lunga vita mi sia stato concesso di assistere. Arduo compito per i suoi successori.

*

 

 _______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ilary e Goethe. Ariosto. Nino Rota

Post n°923 pubblicato il 03 Ottobre 2016 da giuliosforza

Post 852

La Clinton si è signorilmente vendicata delle volgarità che su di lei ho scritto facendomi una spietata corte buona parte della notte. Il resto della nottata l’ho passata, piccolo salto di qualità, in compagnia di Goethe e delle sue poesie d’amore (amore ingenuo  adolescenziale per Lili Schönemann e senile, e carico di simboliche trasfigurazioni,  per Ulrike von Levetzow):

Holde Lili, warst so lang
All mein Lust und all mein Sang;
Bist, ach, nun mein Schmerz, und doch
All mein Sang bist du noch.

 

Cara Lilli, fosti a lungo tutta la mia gioia e tutto il mio canto; ora, ahimè, sei il mio dolore, ma resti ancora il mio canto.
(Goethe, Poesie d'amore)

……..

Es schlug mein Herz; geschwind zur Pferde! / Und fort! wild wie ein Held zur Schlacht. / Schon stund im Nebelkleid die Eiche / Wie ein getürmter Riese da, / Wo Finsternis aus dem Gestrāuche / Mit hundert schwarzen Augen sah.

Batteva forte il cuore; svelto, a cavallo! E via con l’impeto dell’eroe verso la battaglia. La sera cullava già la terra, e sui monti scendeva la notte; in una veste di nebbia appariva la quercia come una gigantesca torre, ove dai cespugli la tenebra guardava con cento occhi.

………

Der Abschied, wie bedrängt, wie trübe! / Aus deinen Blicken sprach dein Herz. / In deinen Küssen welche Liebe, / O welche Wonne, welcher Schmerz! / Du gingst, ich stund un sah zur Erden / Und sah dir nach mit nassen Blick; / Und doch, welch Glück! Geliebt zu werden, / Und lieben, Götter, welch ein Glück!

L’addio, che tristezza, che affanno! ! Dai tuoi occhi parlava il tuo cuore, quale delizia, quale dolore! Tu andavi, io restavo e fissavo la terra e ti guardavo con gli occhi umidi di pianto; eppure che gioia essere amati, che felicità, Dei, amare!

Di ben altro tono, anche nella lingua e nella metrica, l’addio del poeta all’adolescente di Lipsia che a Marienbad, lei diciassettenne lui settantaduenne, rifiutando la sua mano, se non la sua corte, si guadagnò l’immortalità:

Leidenschaft bringt Leiden! Wer beschwichtigt / Beklommenes Herz, das zuviel verloren? / Wo sind die Stunden, überschnell verflüchtigt? / Vergebens war das Schönste dir erkoren! / Trüb ist der Geist, verworren das Beginnen: / Die hehre Welt, wie swindet sie den Sinnen! (…)

 Dolore arreca la passione. Chi placherà il cuore oppresso, che troppo ha perduto? Come recuperare le ore troppo presto svanite? Inutilmente ti fu offerta la Bellezza suprema. Cupo è lo spirito, confusa l’impresa: davvero sublime un mondo che spegne i sensi! (…)

*

E così mi toccherà rileggere anche l’Orlando Furioso; è d’obbligo in questo cinquecentesimo anniversario della prima edizione. Io ho la seconda, quella del 1522, la definitiva, nell’edizione garzantiana in due volumi del 1974 (cinquecentesino della nascita) di millequattrocento pagine:  quarantasei canti, circa cinquemila ottave pari a quasi cinquantamila versi, con una dotta introduzione di Marcello Turchi e la breve presentazione critica di Edoardo Sanguineti, il poeta e l’ accademico così tanto da certe parti osannato, personaggio voltairiano quant’altri mai, nel bene e nel male, e assai lontano dalla mia sensibilità. L’Orlando è uno di quei poemi che, se non vai pazzo per il genere (e io non ne vado pazzo) leggi a pezzi e a bocconi, come d’altronde l’Orlando innamorato dell’altro emiliano, il Boiardo; così, a pezzi e a bocconi, io lo lessi in gioventù e varie volte da allora lo ripresi tra le mani, ma solo necessitando di qualche citazione.

Vista questa freddina presentazione mi chiederete: chi glielo fa fare a sottoporsi a una cotale fatica e così poco per lei remunerativa? Il motivo è semplice: leggere un libro solo se piace non è la maniera migliore di leggere, come non ha senso non leggerlo solo per quel che nelle introduzioni e nelle recensioni se ne dice, o perché han ricevuto importanti premi culturali, avendo tu in uggia le competizioni e i premi,  ben consapevole da quali indegne ed immorali manovre essi sono accompagnati.

La prima volta che mi capitò di citare il Furioso fu ne La funzione didattica, il libro che ebbe l’onore di finire nell’ Indice dei libri proibiti (per altro per me tra i miei libri il più innocuo) risuscitato dell’Opus Dei, una vicenda esilarante di cui ebbi a scrivere qualche anno fa su queste pagine; e precisamente lo citai allorché, brevemente illustrando le premesse filosofiche neoidealistiche (ancor Nietzsche non mi aveva del tutto catturato) della mia concezione pedagogica e didattica, accennai polemicamente alla damnatio memoriae alla quale la becera in-cultura del dopoguerra aveva condannato il Filosofo di Castelvetrano:

Lo smemorato Oblio sta su la porta:
non lascia entrar, né riconosce alcuno;
non ascolta imbasciata, né riporta;
e parimente tien cacciato ognuno.
Il Silenzio va intorno, e fa la scorta:
ha le scarpe di feltro, e 'l mantel bruno;
et a quanti n'incontra, di lontano,
che non debban venir, cenna con mano.
(XIV, XCIV)

La prima delle figure retoriche, la personificazione dell’Oblio, mi piacque e vi ricorsi. Rarissimamente poi ricitai il cortigiano degli Estensi al quale, e questa è l’occasione della presente memoria, è dedicata una ricchissima mostra in quella Villa d’Este in Tivoli, una delle meraviglie del mondo, voluta dal nipote cardinale di quell’altro  porporato, Ippolito d’Este, di cui il Poeta fu segretario. La mostra sarà aperta fino a febbraio, e in  essa è possibile ammirare moltissime delle cose che l’ingegno umano produsse, in scultura, pittura, architettura, letteratura, ispirandosi all’Orlando Furioso. Non me la son fatta mancare, e probabilmente vi tornerò: temo di dover rivedere molti miei giudizi affrettati sulla “vacuità” e “fatuità” del capolavoro ariostesco. Del quale a un luciferino come me piace naturalmente moltissimo la conclusione, che avvicina la figura dell’impenitente Rodomonte  a quella del Don Giovanni dapontiano-mozartiano e del Vanni Fucci dantesco:

E due e tre volte nell’orribil fronte, / alzando, più ch’alzar si possa, il braccio, / (Ruggero) il ferro del pugnale a Rodomonte / tutto nascose, e si levò d’impaccio. / Alle squallide ripe d’Acheronte, / sciolta dal corpo più freddo che giaccio, / bestemmiando sfuggì l’alma sdegnosa, / che fu sì altiera al mondo ed orgogliosa.

Una conclusione birbona, se dobbiamo credere al Pro bono malum del Finis.

*

Leggo sul blog del giovane e brillante musicologo e musicista Fabrizio Basciano (“Il Fatto quotidiano”, 5 ottobre 2015):

“Non c’è miliardario al mondo che possa permettersi una serata così” scriveva Ennio Flaiano a proposito di una serata passata in compagnia di Nino Rota, Luchino Visconti, Fedele D’Amico e la moglie di quest’ultimo‘Suso’ Cecchi D’Amico. “Il gioco – ricorda la Cecchi D’Amico – consisteva nel dare a Nino un tema (ricordo, tra i tanti, ‘E lucevan le stelle’ della Tosca) da trattare secondo Schönberg, o Bach, o Schumann e via dicendo, precisando se in forma di sinfonia, o tema con variazioni (quartetto, eccetera)”.

Ecco una serata a cui mi sarebbe piaciuto partecipare!

_______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

"Le sette Principesse", "Il gatto Murr", Flaiano e la nascita del quartiere Talenti

Post n°922 pubblicato il 17 Settembre 2016 da giuliosforza

Post 851

Leggo, o rileggo? (sottolineature e annotazioni mi fanno propendere per una rilettura)  il  più grande poema persiano, Le sette Principesse, di Nezāmī e subito, nell’introduzione di Alessandro Bausani, traduttore e curatore, una citazione mi colpisce tratta da Khosrov-o-Shīrīn, altra sua opera:

La parola che non sgorga da profondo pensiero / non è degna, quella, d’esser scritta né detta. / Facile cosa è mettere in versi parole, / ma sempre accorti bisogna stare sopra il verso. / Sfronda le molte parole che ti vengono in mente, / non farne d’una cento, ma di cento, una: / la parola è come la perla e il poeta n’è il palombaro; / non è facile cosa afferrare una perla speciale!

La sottolineatura è mia. In un attacco di umiltà, intendo queste parole come un monito anche, soprattutto, per me.

*

Per consolarmi di un interno affanno mi regalo, freschissimo di stampa (marzo-maggio 2016, L'Orma editrice, Roma, 28 Euro) Il gatto Murr (Lebens Ansichten des Katers Murr), capolavoro di E.T.A. Hoffmann.
A 80 anni decisi: niente più libri. Non ho mantenuto la parola. A 83 la peccaminosa, per la precettistica di fine Settecento ma non solo, Lesewut,  Lesesucht, furia di leggere, dipendenza dalla lettura, non fa che aumentarmi. Sempre di più mi ubriaco di letteratura. E' la mia maniera, la sola ormai consentitami, di restare fedele al precetto prima goethiano poi baudelairiano, "man muss immer trunken sein", "il faut être toujours ivres", che assunsi ancora adolescente fra i miei motti.

*

Nel primo, che raccoglie gli scritti postumi, dei due volumi dedicati da Bompiani nella collana Classici a Ennio Flaiano, è contenuto anche La solitudine del satiro, una sorta di diario giornalistico degli anni 1956-1970 destinato a “Il Mondo” e al “Corriere della Sera”. Per chi ama Flaiano, la sua prosa asciutta, il suo spirito salace, una piacevole lettura. Ma in fondo anche per un d’annunziano come me, non fosse che per il fatto che è anch’egli un pescarese, nato in corso Manthoné a pochi metri dalla casa del vate, che nelle Novelle della Pescara ricorda il buon odore di pane fresco che si diffondeva dal forno dei Flaiano. Per un fatto curioso proprio in questi giorni, che mi sto interessando, anche su queste pagine, del mio vecchio quartiere Talenti ove per circa vent’anni vissi, in una strada prossima a quella dove abitava Stefano D’Arrigo (Via Roberto Bracco), l’autore del “romanzo del Novecento” Orcynus Orca, ai cui confini oggi son tornato a vivere, leggo su La solitudine del satiro, in un lungo servizio per “Il Mondo” del 17.12.1957, la descrizione dettagliata della nascita del Quartiere, che in buona parte corrisponde anche ai miei ricordi, alcuni dei quali qui condivisi qualche post fa. Io vi andai a vivere nel 1965, ma moltissimi cantieri erano ancora aperti (e sono ancor oggi, a tal punto che ormai la zona residenziale tocca il raccordo anulare est). In quasi tutto, ripeto, concordo con Flaiano, ma egli non riferisce, evidentemente perché ancora non nata, della zona altoborghese che si sarebbe sviluppata attorno al parco della villa di Pierluigi Talenti. Scrive dunque Flaiano:

“Le strade del nuovo quartiere che stanno facendo sui campi della Nomentana sono dedicati a quegli scrittori che nelle storie della letteratura vengono messi in blocco nell’ultimo capitolo, e trattati con affetto un po’ sommario. Vissuti a cavallo tra il XIX e il XX secolo, di qualcuno i libri si ristampano, di altri no; e ora hanno le loro strade, come si conviene  a scrittori di vita modesta; strette, la maggior parte, e piene di curve. Meglio di niente. Io ci vado a spasso volentieri perché sono abbastanza deserte. Già bitumate, con strade nuove che sprofondano tra i terreni di diporto, le cantine ancora al sole, corrono tra le colline dei vecchi pascoli. Le targhe delle strade sono di legno, i marciapiedi di erba, sull’orlo dei fossati siede il pastore abruzzese a guardia del gregge. Lontano, il cacciatore spara agli storni e ai passeri: colpi fiochi che sembrano uno scherzo. Ogni tanto arriva un camion con scritto sulla cabina: “Forza Roma”, oppure: “vado e torno Carolina”: scarica terra e rifiuti, colmando i prati di montarozzi dove i cani dei cantieri vanno a rovistare, salendovi con l’aria di escursionisti.

Via Ugo Ojetti è la strada più importante, anzi è un grande viale. Ne hanno asfaltato solo metà, nel senso della lunghezza, il resto si indovina. Giovani pini lo divideranno. Per ora finisce in un fosso, oltre il quale c’è un campo di foot-ball. E’ una strada piena di sole, dove le macchine schiacciasassi e le bitumatrici vanno su e giù lentamente. Via Grazia Deledda scende verso un prato, tortuosa, e finisce brusca in un altro fosso. Sull’orlo vi sono seduti quattro muratori che stanno mangiando. Via Ettore Romagnoli, che incrocia via Ojetti, ha molti pini secolari disposti a pettine. Via Antonio Fogazzaro, tutta a brevi curve, è già appesantita da case che sembrano comprate bell’e fatte e messe lì ad asciugare. In via Emilio De Marchi stanno costruendo in fretta piccoli villini cue, una volta colorati, diventeranno giocattoli. Ormai le case assomigliano alle automobili  e alle stanze da bagno; e la loro vista riesce sempre a rattristarmi, benché ci sia abituato. Il poeta Mario Rapisardi ha la sua strada tgra terreni ancora vaghi e recintati; ma costruiranno Incrocia con via Luigi Siciliani, di cui non ho letto mai niente. Tra via Francesco D’Ovidio e via Achille Torelli (I mariti!) sorge la chiesa locale: fatta alla meglio, con un tetto ondulato. Come mai questa chiesa? E’ semplice: per le leggi edilizie siamo ancora nell’Agro Romano e se si vuole costruire un “nucleo” bisogna prima costruire una chiesa. Perciò, eccola chiesa: bruttina, economica, e con un campanile alto un metro.

Via Carlo Lorenzini porta alla Nomentana: è ancora sottosopra. Via Emilio Praga parte da viale Ugo Ojetti (finalmente due amici) e si inoltra tra un gruppo di palazzi. I negozi, tutti nuovi e allegri, sono in fila: salsamenteria, Ambulatorio, Panificio, Vini e Oli, elettricità e radio, Fioraio, Tintoria. A sera, quando le luci si accendono, la tintoria appare scritta in rosso, azzurro, giallo, rosa, verde e viola. Si prende via Isidoro del Lungo e dopo circa duecento metri di cooperative si sbocca in piazza Guido Gozzano: uno slargo non grande, circondate da nuove case di pessimo gusto. Tutte queste case vendonsi o acquistansi. Io preferisco via Giacomo Zanella. E’ un poeta che ho letto pochissimo, nei verdi anni di scuola, ma la sua strada è un nastro di asfalto bruno che attraversa un tenero prato. Non è ancora raggiunta dai cantieri, di qui la vista spazia libera, e si è soli. Vengono le donne a far cicoria e le automobile delle scuole di guida con gli allievi attaccati al volante che provano la marcia indietro.

Stamane, domenica, è venuta una famigliola con l’automobile ancora nuova: tutti sono scesi, hanno spalancato gli sportelli, tolto i sedili, hanno cominciato a pulirla. Le donne battono i tappetini, gli uomini lustrano i nichel. Altri guidatori solitari, nelle stradette che incrociano, aprono il cofano del motore e guardano dentro. I colloqui dell’Uomo, nella solitudine, sono ormai con la sua macchina. La Natura, il paesaggio, così bello qui dove i casali hanno per sfondo la cortina dei monti di Tivoli e la valle che s’apre tra i colli della Sabina, non suggeriscono all’Uomo altri pensieri se non quelli legati al mistero delle macchine che possiede.

Roma è lontana, dall’altra parte, e manda fin qui un boato sommesso. Nasce una curiosa società in questo quartiere. La maggior parte degli abitanti sono contadini che la riforma fondiaria ha improvvisamente fatto diventare cittadini. Hanno venduto i loro ettari e sono venuti in città a fare i portieri e i garagisti. Faranno studiare i figli a scapaccioni, sistemeranno le figlie e la domenica seguiteranno a raccogliere la cicoria nei prati. Non “prenderanno” mai Roma, accontentandosi del calore della sua presenza.

Le case in costruzione la domenica sembrano abbandonate. L’assistente aspetta i compratori, il cane del guardiano abbaia. Una cooperativa edilizia si chiama Virgo Fidelis, il costruttore è l’ingegner Rebecchini, figlio dell’ex sindaco di Roma. Come tutto incallisce, in questa città! Molte case, appena fatte, già cominciano a scrostarsi. A gonfiarsi come biscotti. Hanno i balconi sghembi, colorati vivacemente.

In questi prati sconvolti vive dunque una classe che si va formando e che guarda le targhe coi nomi di quei poveri scrittori, chiedendosi chi mai saranno. Sono nomi di gente che vanno bene per le strade nuove, senza fognature, senza niente. Ma èp già qualcosa. L’essenziale, per molti, è di trovarsi in città, di aver rotta la catena con la vita di campagna. Trovano tutto bello e utile. Breve discorso con un tale che mi confida: “Forse l’anno prossimo metto il telefono”.

Da Via Ettore Romagnoli si sbocca infine in piazza Pier Luigi Talenti. Forse scrittore anche lui? Comunque era parente del costruttore che ha lottizzato i suoi terreni in questa zona. Piazza Pier Luigi Talenti è assolata, alta sul colle, il punto migliore. L’ari qui è dolce, il sole riscalda l’asfalto di famiglia, l’evaporazione fa tremolare i prati e le piante attorno. Passano giovani coppie vestite a festa, tenendosi per mano, come al paese. Dalla veranda di una casa vuota si affaccia una donna con il marito: l’assistente spiega la mappa e indica il panorama. Pieno sole. Mutuo quinquennale.

Pace e silenzio, per ora. Un piccolo aeroplano rende più struggente il silenzio, fa pensare a certe mattine sui laghi, al ronzare di un motoscafo. L’aeroplano fa larghi giri, sempre sul punto di fermarsi e di cadere senza rompersi. Pochi anni fa qui era tutta campagna, l’unica strada correva tra i pini verso Mentana”.

Se Flaiano vivesse oggi, non riconoscerebbe Talenti, nel bene e nel male. L’alternanza di prati e abitazioni è completamente scomparsa, e il quartiere è ormai compatto. A delle zone altamente signorili, se ne alternano altre meno presuntuose e più chiassose. La popolazione è soprattutto impiegatizia, sono sorti grandi supermercati e una grande e bella chiesa, dedicata a Sant’Achille, officiata dai frati francescani del terz’ordine conventuale (gli stessi dei santi Cosma e Damiano ai Fori e della basilica del Foro Traiano) ha sostituito la chiesetta di cui dice Flaiano, che io vedevo affacciandomi dal mio balcone di Via Francesco D’Ovidio, e che penso sia ancora l’, trasformata in oratorio. Il primo parroco fu un giovane frate di Arsoli, Fausto d’Antimi, ottimo organista e fresco vincitore della cattedra di Organo fondamentale al Conservatorio di Firenze. La Chiesa nuova sorge all’incrocio di Via D’Ovidio con via Gaspara Stampa (la grande “cortigiana” del Cinquecento –vivere ardendo e non sentire il male- che non so come sia finita qui, fra tutti scrittori moderni: ve l’ha messa sicuramente qualche odonomasta ignorante di storia della letteratura). Ora, preso dalla nostalgia, vado spesso anch’io a passeggiare per Talenti, con cui confino, e dove abita ancora, in un borghesissimo condominio di Via Ojetti, una delle mie prime più care allieve, Maria S., con la quale ci ritrovammo  fortunosamente, dopo circa cinquanta anni, al Concerto del mio ottantesimo compleanno in St Pauls’ Within the Walls Episcopal Church, restando da allora cari amici (solo che ella ama i mesi estivi migrare al Mare che verde è come i pascoli dei monti, troppo trascurandomi, e gliene voglio). I negozi che io frequentavo sono quasi tutti ancora attivi, dal giornalaio al corniciaio all’orologiaio al ferramentaio. Solo il barbiere, al quale fui fedele anche durante il mio trentennale esilio in Tor Tre Teste Nuova, di recente si è sciolto nelle cose e il suo negozietto è  malinconicamente chiuso. E’ invece scomparsa, inghiottita dal cemento, la villetta ove abitava Amedeo Nazzari, ormai prossimo alla morte, che spesso incrociavo nella mie passeggiate mattutine.

Bando alle nostalgie. Quel che Flaiano dice della nascita di Talenti potrei io ora dire di Porta di Roma, ove abito. E forse, fra cinquant’anni, qualcuno potrà dire di  Porta di Roma quel che io ora dico del Talenti di Flaiano. Tornerò a vedere, oh se tornerò!

_______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Hoffmann (Ritter Gluck), Cello-Duett, Ottuagenari e Rete, Trump

Post n°921 pubblicato il 13 Settembre 2016 da giuliosforza

Post 850

Giornata di afa fuori, di gradevole brezza dentro: l’ala di Frau Musika ha agitato tutto il giorno l’aria stagna attorno alla mia anima. Ho letto tutto il giorno di musica nei racconti fantasiosi di E.T.A. Hoffmann (Ritter Gluck –col quale il musicista disegnatore giudice H. nel 1809, a 35 anni, s’inventò scrittore-, Don Juan, Die Fermate, Der Baron von B.); e ho trascorso la serata, fino a notte alta, con il Cello Duet nel Castello Brancaccio di Roviano. Giorno e notte magici coi fantasmi di Gluck e di Don Giovanni e  coi violoncelli di Luca Paccagnella, davvero apprezzabile sia come esecutore che come comunicatore, e della sua discepola Margherita Massimi.

Si alzò (il fantasma di Gluck che assiste all’esecuzione della Ouverture della sua Ifigenia in Aulide) e si diresse lentamente, ma con fare deciso, verso i musicanti, colpendosi più volte la fronte col palmo della mano e alzando gli occhi al cielo, come uno che voglia risvegliare in sé qualche ricordo. Lo vidi parlare ai suonatori, che trattò con sovrano sussiego. Riornò poi al suo posto: e si era appena seduto, quando si cominciò a suonare l’ouverture dell’Ifigenia in Aulide. …… E così egli animava, dotandolo di muscoli e di colore, lo scheletro dell’ouverture che i pochi miserevoli violini disegnavano. Intesi il dolce tenero pianto elevato dal flauto, quando la tempesta dei violini e dei bassi cessò d’infuriare e tacque il frastuono dei timpani; intesi quei lievi suoni dei violoncelli e del fagotto che riempiono il cuore d’indicibile tristezza; poi il tutti riprese, l’unisono progredì nel suo cammino come un gigante enorme e maestoso, ed il sordo lamento spirò schiacciato dai suoi passi. L’ouverture era finita: L’uomo lasciò ricadere le due braccia e restò lì, sulla sedia, con gli occhi chiusi, come uno che sia sfinito da uno sforzo troppo grande….

La stessa carica lirica, lo stesso  romantico trasporto posseggono gli altri tre brevi i racconti musicali hoffmanniani. Per trovare qualcosa di simile bisogna ricorrere al Wackenroder degli Herzensergießungen eines kunstliebenden Klosterbruders, Sfoghi del cuore di un monaco amante dell’arte e del Merkwürdige musikalische Leben des Tonkünstlers Joseph Berglinger, meravigliosa vita musicale del direttore d’orchestra Joseph Berglinger

Il Duetto di Cello con Luca Paccagnella e Margherita Massimi ha animato per circa tre ore, dalle 21 alle 24,  il severo salone dei convegni del Castello Brancaccio con le più note (e giustamente anche le più scontate, dato il carattere essoterico della manifestazione) composizioni per violoncello o per violoncello dal Paccagnella ridotte ed adattate. Il Castello  di Roviano, popoloso borgo arroccato sui colli della Valle dell’Aniene di cui, col dirimpettaio Anticoli Corrado, è uno dei più begli ornamenti, ospita, tra l’altro, un ricchissimo museo della civiltà contadina.  In uno dei suoi bei saloni hanno risuonato le note di Marin Marais (ricordate il film Tous les matins du monde a lui dedicato e alla sua viola da gamba?)  di Bach, Vivaldi, Albinoni, Beethoven, Kummer, Brahms, Albeniz, Rota, Gardel, Moricone… Una vera delizia per il neofita, ma anche per l’iniziato, che ha particolarmente gustato i due assolo fuori programma del Maestro veneto.

Un borgo molto attivo è Roviano, anche culturalmente, e assai vivace. In esso riescono a convivere, abbastanza civilmente e dialetticamente, istituzioni di segno opposto, fra le quali una destra ex missina, una sinistra ex comunista e una, non ex, Comunione e Liberazione. I circa 1500 abitanti hanno davvero di che non annoiarsi.

*

Mi piacerebbe censire i vegliardi ultra ottantenni che frequentano la rete. Temo siano molto pochi. Eppure la familiarità con la rete, oltre che  rappresentare uno straordinario esercizio cerebrale  ritardante il rimbambimento (che invece la tv inconfutabilmente accelera), potrebbe conferire ai pochi o molti anni che ai vegliardi restano da vivere il carattere di “anni di apprendistato” (Lehrjare) per la vicina eternità già, quale acronicità e aspazialità, già presente in rete: la rete possiede infatti tutti i tratti  dell’Intelletto unico averroistico, di quel il Nous poietikòs e pathetikòs che tutto pone in un Atto eterno, fuori del tempo e fuori dello spazio. Chissà se in quelle patetiche istituzioni dette Università della Terza età l’uso attivo, perché transazionale, della cibernetica è predominante. Se così non è temo che esse non frenino, ma accelerino, il  rimbambimento e la sclerotizzazione cerebrale.

*

Non son un esperto di politiche e delle loro trame. E non so di Trump se non quello che i suoi sostenitori e i suoi avversari politici e ideologici urlano, inaffidabili gli uni e gli altri. Ma ricordo, e quelli di una certa età ricordano con me, quel che si disse e si scrisse, sulla stampa americana e su quella ad essa asservita in tutto il mondo, contro il “guitto” Ronald Reagan che aveva la pretesa di diventare presidente degli States. La campagna antireaganiana non fu meno violenta di quella attuale antitrumpiana. Orbene, Reagan vinse, e col senno del poi non c’è storico che non lo riconosca come uno dei miglior presidenti della storia americana, certo il migliore tra i più recenti. Avvenisse la stessa cosa con Trump? In quanto ad Ilary, moglie comprensiva e generosa, non mi è stata mai simpatica come donna,  ma ciò non conta. Se, eventualmente eletta, dovesse essere come suo marito, poveri noi. Questi è passato alla storia  quasi solo per un episodio di pubblica fellatio. Se lei vi dovesse passare solo per un cunnilingus?

*

_______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Minette. Guadagnolo. Jean Paul Richter e Nietzsche. Un bastone satanico

Post n°920 pubblicato il 01 Settembre 2016 da giuliosforza

Post 849

Improvvisamente riappare Minette: riappare …in cartolina, ma su me l’effetto non è minore che se si trattasse di una riapparizione in carne ed ossa. Ricompare tra le pagine del mio Diario del 2007, al 27 di Agosto. La cartolina mostra una stupenda donna nuda, con appena un filino ai fianchi  a sorreggere l’invisibile perizoma, distesa supina (ma sollevata sui gomiti, i ginocchi un poco piegati, più il sinistro, appena appena il destro, occhi chiusi, folta capigliatura rosso-castana a lambire il bagnasciuga che in parte la riflette) di fronte a un mare verdeazzurro, presumibilmente l’adriatico di Gabri che verde è come i pascoli dei monti. Sul retro si legge: “Pescara 27-Agosto-2007. …Con un po’ di fantasia puoi vederla anche più bella di me questo sgorbio in cartolina!!!  A Mimmi da Minette, gattina un po’ cretina!

Minette Minette , irresolubile Geheimnis! (Sognasti, ricordi?, tu assolutamente ignara di tedesco, questa parola in uno dei nostri primi incontri. E mi spaventasti.). Minette Minette, pulcherrima inter mulieres …magicissima inter magas!

*

Dicono che il sogno sia la seconda vita. Per me è stato la vera vita, immensamente più ricca e complessa di quella della presunta veglia; le più belle cose le ho fatte nel presunto sogno, nel presunto sogno ho pensato i più bei pensieri. Stanotte, per esempio, ho immaginato che, per svegliare la gente del mio borgo dal sonno secolare, col benevolo patrocinio della nuova sindaca Beatrice, io guidassi una schiera di ingegneri artisti tecnici ed operai vari nello scavo di due enormi sale sotto il Castello Borghese, con ingresso su via Mastro Lavinio proprio di fronte al municipio, da affrescare a fini didascalici da novelli Michelangeli, con temi riassuntivi della storia della cultura e dell’umanità, una sorta di nuova doppia Cappella Sistina, l’una dedicata al “sacro”, quale religiosità cosmica aliena da ogni tipo di religione, l’altra al  “profano”, a tutto ciò che attiene all’umana creatività che sta reverente di fronte al tempio  (“pro-fanum”) del mistero ma non ne varca le soglie; l’una “officiata” da artisti e filosofi, l’altra da scienziati e tecnologi, fisici astrofisici astronomi, tutti coloro che indagano e descrivono l’universo coi metodi della ragione oggettivante, senza i quali ad artisti e filosofi non sarebbe possibile spremere dalle cose il novalisiano mistero (il Dio) che le inabita, non sarebbe possibile all’arte e al pensiero colmare il mondo di quei sensi che li sforza, d’annunzianamente, ad esistere.

Potessi io dire alla mia gente, come Pietro allo storpio: non ho denari da darti, ma quel che ho ti dono: alzati e cammina! 

*

Leggo che Nietzsche intendeva schernire Jean Paul Richter definendolo  “fato in veste da camera”. Per quanto mi sforzi, non riesco a capire che volesse dire. Che ce l’avesse con lui posso capirlo: da lui era stato preceduto, plagiato in qualche modo in anticipo e superato in provocazione, allorché nel capitolo VIII di Siebenkäs (Rede des toten Christus vom Weltgebäude herab, discorso del Cristo morto dal sommo dell’edificio del mondo), aveva fatto  annunciare da Cristo dass kein Gott sei, che nessun Dio esiste, un’affermazione ben più forte del Gott ist tot zarathustriano.

*

Guadagnolo  è un paesetto situato sul monte omonimo (alt. 1250 metri s. m., il più alto dell’area metropolitana di Roma) ed è una frazione di Capranica Prenestina. Da esso si gode una delle più belle viste d’Italia: l’empolitano, l’equo e il marsicano fino al Gran Sasso e alla Maiella ad est, la valle del Sacco, la campagna romana, i castelli romani e l’agro romano fino alle lontane brume dell’Urbe ad ovest. Davvero un luogo mitico (e sacro: in un suo anfratto è situato il santuario della Mentorella officiato da frati polacchi e perciò caro a Woytila, frequente meta delle sue escursioni sia da cardinale che da papa –un bel sentiero che ad esso conduce tra i boschi è ora dedicato al suo nome). Peccato che una selva di antenne, civili e militari, ne deturpino la vista e ne inquinino magneticamente l’aria, trasformandolo in uno dei luoghi più insani del circondario.

Proprio sul cucuzzolo di Guadagnolo  hanno casa estiva i Perini Salvati, ( una grande casa tra il conventuale e il baronale, con una  serie numerosa di stanze affrescate e arabescate, e due ameni giardini rupestri da cui è possibile godere un panorama unico a trecentosessanta gradi) che consente ai proprietari di essere signorilmente ospitali. Io stesso, in una notte magica di mille anni fa, dopo una notturna escursione, mano nella mano con Minette, in amena compagnia e al chiaro di una luna capricciosa, vi trascorsi una notte e un giorno indimenticabili. Non mi meraviglierei se in tempi passati pittori e artisti, Liszt in primis e Gregorovius, assidui frequentatori di Tivoli e dintorni, vi  abbiano soggiornato. Con i… castellani Paola  Francesco e l’adolescente radiosa Chiara (mai nome fu più appropriato), e gli ospiti assidui Fabio e Alberto, or è qualche giorno si brindò, sulle note di Quand je bois du vin nouveaux, Olin bevi, Viva Noè, ai cento anni del Vegliardo ivi salito ad…autocelebrarsi. Nel cielo meridiano brillava ancora un sole infuocato e le mucche stravaccavano ancora negli stazzi, quando con la sua stanca Saxo il Vegliardo tentò la ripartita: tentò, ché ben presto, al terzo tornante, il cuore della fida compagna degli ultimi quattordici anni d’avventure s’arrestò e… Ma di ciò forse un’altra volta.

*

Su fb con la foto di un mio bastone satanico.

Dei cento circa bastoni in mio possesso di ogni foggia, per ogni uso, di ogni valore, questo è uno dei più ...birichini, ricavato da un bambù cui ho applicato un diavoletto da burattinaio. Ancora più birichina, prossima al blasfemo, è la scritta che vi ho apposto in latino: Zoroastris cavernae pulchraeque evitati praesidio sum omni pecori alienus - Lucifer sum rebellis rebellium amicus - Quis Lucifer nonnisi Deus cum laetus, hilaris, ludens est? 'Evitati' è il dativo del termine 'evitas' , da Eva, che mi sono inventato. Grato allo psicanalista che mi spiegherà l'origine della mia maniacale passione per i bastoni, se da bisogno di sostegno o da Wille zur Macht, da volontà di potenza...

_______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 

  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

19 Agosto. Levana

Post n°919 pubblicato il 17 Agosto 2016 da giuliosforza

Post 848

Io nacqui un 19 di agosto, anniversario della morte di Augusto e della intuizione del ‘Cogito’ (padre della Ragione oggettivante, infausta per le sorti della Ragione partecipativa) da parte di Renato delle Carte. Era mezzogiorno, il solleone picchiava sulle case del borgo, le cicale frinivano sui platani della Peschiera, le pecore ammusavano negli stazzi,  l'oistros non dava tregua alle giovenche distese all’ombra dei salici delle ‘Vagli’ e una calma panica posava  sulle cose. Raccontano che il mattino seguente, se non lo stesso giorno, il gigantesco mio padre, afferratomi con una sola delle sue vaste mani (così ripentendo, forse inconsciamente, il rito antichissimo del riconoscimento  paterno ufficiale del neonato, al cospetto della invisibile Levana), col braccio levato mi portasse al poco distante Comune e mostrandomi all’impiegato esterrefatto esclamasse : eccolo, è nato, e si chiamerà Giulio Cesare Augusto Francesco, poiché in esso rivivranno le spirito del fondatore dell’Impero  e della sforzesca Signoria milanese. Aveva le idee chiare, mio padre! Avesse solo immaginato di aver messo al mondo un altro innocuo, superfluo, inutile ‘poeta’!

L’episodio è credibile. Mio padre era aduso ad atti del genere e sicuramente sognava, per quello che avrebbe dovuto essere il sesto dei suoi nati (e presumibilmente l’ultimo, ma così  non fu) un futuro di gloria. Immagino mia madre subisse tra le lacrime l’ennesima rodomontata del marito, cui era abituata, e non si placasse che riavutomi tra le braccia per coprirmi di baci (anche di quelli di cui presto per il mio lunghissimo esilio mi avrebbe privato) nel vasto e prezioso letto della mia concezione e della mia nascita, sotto lo sguardo benedicente di Sant’Anna. Saranno miei commensali, alla mia festa, fra i tanti, di sicuro Augusto, che morendo nella per me fatidica Nola (acta comoedia est, le sue ultime parole) mi diventò famiglio, il buon Delle Carte, Goethe e Luigi Volpicelli mio maestro che a Goethe mi iniziò e come lui concluse il suo ciclo terrestre  a ottantatre anni, quanti io me ne appresto a compiere. Inviterò naturalmente anche Ludwig e, per far dispetto al geloso Francofortese, ne intonerò il Wie herrzlich leuchtet mir die Natur, che ho per gioco adattato alle note del Canto di ringraziamento dei contadini dopo la tempesta della Sesta Sinfonia alle quali così bene s’adatta da sembrare essere stato per esse concepito.

*

Ho sognato me principe, prigioniero di in una casa scura, scavata in una roccia tufacea dai mille cunicoli labirintici, senza finestre ma dalle mille feritoie minuscole come di fortezza, dalle quali osservavo con animo placato, senta lacrime e senza lai, la Liza turgeneviana del Diario di un uomo superfluo(sì, proprio lei) fuggire da me, attraverso boschi e radure, presa da un borghesuccio danaroso (nel racconto del russo avviene il contrario). 
Il curioso è che, placato nel sogno, il mio animo al risveglio è turbato ed irato. Come, si chiede, può accostarsi a un omuncolo chi toccò Zarathustra?
Cose da vanesii, a dir poco.

Questo messaggio, pubblicato su fb, ha suscitato varie reazioni. Cito quella, esagerata, di Alberto Marchetti: “Se intendi superfluo per non omologato tu sei allora il loro, me compreso, comandante. E di Liza ne hai raggiunte così tante nella vita che forse sarebbe giusto iniziare un tuo diario, la tua Recherche, quel viaggio di studi infiniti, di amori infuocati, di lotte ideali, di sguardi febbrili e di bellezze abbracciate, che ti hanno reso il Maestro assoluto che sei. Sei la misura, inarrivabile per me nelle tue sorprendenti qualità, delle divine e infinite potenze di un uomo”.

Troppo buono, Alberto! Non sono superbo e luciferino a tal punto da credere di meritare le tue, un poco anche birbone, parole. Da lodare sei tu per la tua purezza, la tua  sagacia, il tuo ingegno e il tuo impegno civile di combattente indefesso per le cause che ritieni giuste. In quanto alle Lize…quelle reali (ché infinite, sì, furono le agognate, ‘che nella mente e nel cuor mi finsi’), si contano sulle dita di una mano. L’evità è stata da me celebrata in ogni modo, in  versi e in prosa, ma poco nel…talamo (ricordi? “La femme / j’en sors / la mort / dans l’ȃme…). E in quanto alla Recherche…mai se ne avrà da me una sistematica: sono bruniano e nicciano,  non sono amante, forse perché  incapace, di sistemi. Ma chi è davvero interessato alla mia vita in ogni suo aspetto (intellettuale, morale, estetico, politico, affettivo), ne avrà ad abundantiam ricomponendo i frammenti di tutta la mia opera “scientifica” o letteraria, che è tutta, per principio, autobiografica. Soprattutto le ormai migliaia di pagine di questo mio diario virtuale  altro non sono che minutissima e dettagliatissima  autobiografia, lo ho già scritto qualche post fa rispondendo a una richiesta simile. Se una ricerca dovessi, ma è ormai troppo tardi, intraprendere, dovrebbe essere quella dell’abisso del mio cuore, destinato a rimanere insondato, forse perché insondabile. 

_______________________

Chàirete Dàimones!

Laudati sieno gli dei, e magnificata da tutti viventi la infinita, semplicissima, unissima, altissima et absolutissima causa, principio et uno (Bruno Nolano) 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »