Blog
Un blog creato da abraxasarba il 22/03/2007

ABRAXAS

Riflessioni, sogni, ricordi...

 
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

SEGNALI

Non camminare davanti a me, potrei seguirti. Non camminare dietro di me, potrei non esserti guida. Cammina al mio fianco, ed insieme troveremo la via (Albert Camus)

Ti sia lecito di fare ciò da cui sai che, se vuoi, puoi astenerti (Julius Evola)

Morte è quanto vediamo stando svegli, sonno quanto vediamo dormendo (Eraclito)

 

ORME

"La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe.
Ciascuno ne prese un pezzo e vedendo riflessa in esso la propria immagine,
credette di possedere l'intera verità."

riflessione Mevlana Rumi, Sec. XIII

"La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo,
e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente
negli infinitesimi e più soggettivi recessi dell'anima".
immagine da: Ricordi Sogni Riflessioni di Carl Gustav Jung (1875-1961)

L'orrore è la parte migliore dell'uomo.
Quanto più il mondo ne rafforza la percezione,
tanto più profondamente egli è turbato dal portento

  (Wolfgang Goethe)

"Ci si martirizza, a furia di tormenti ci si crea una 'coscienza' e poi ci si accorge, con orrore, che non è più possibile disfarsene" (Cioran)

 

APPUNTI

"La vostra visione diventerà chiara solo quando guarderete nel vostro cuore … Chi guarda all'esterno, sogna. Chi guarda all'interno, apre gli occhi" (C.G.Jung)

 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

anakrazo

Post n°70 pubblicato il 21 Giugno 2012 da abraxasarba
 

La voce silenziosa degli Dei avvolge i miei pensieri. Incita, insistentemente esorta.  Potrò mai gridare il mio dolore?

La mia Anima è immobile a osservare gli insulti dell'incomprensione, l'ottusità granitica della superbia e, il suono della mia voce evapora al fuoco distruttivo dell'attesa.

Se le resistenze cadessero, potrei gridare tutti i miei silenzi e uccidere l'ipocrisia delle convinzioni.

Se i miei sogni tornassero, potrei aprire ancora le mie braccia

 

 
 
 

Eranos

Post n°69 pubblicato il 11 Giugno 2012 da abraxasarba
 
Tag: Ricordi

"La dualità della luce è una costante, così come l'Anima" .

 La lama del sole nel primo pomeriggio, si forgiava dalle fessure della persiana e andava a colpire decisa la sua guancia. Mi raccontava assorto e rassegnato la fine del suo Viaggio. Non ascoltavo, capivo.

Doveva essere un giorno di festa, il ritmo dei tamburi e i canti obbligavano il mio cuore a sincronizzarsi  in un' incontenibile gioia, non ascoltavo, sentivo.

Poi, guardavo sfilare i musicanti, ognuno col suo fardello, verso le tavole apparecchiate. Lui si appoggiava al mio braccio con fatica, nell'attesa di essere attorniato da menti affamate. Io sentivo il mio cuore danzare, digiuno e senza fame.

 
 
 

oneiron

Post n°68 pubblicato il 02 Aprile 2012 da abraxasarba
 
Tag: Sogni

E' un aria rosa quella che respiro e che mi soffoca. Ogni cosa cambia i suoi contorni istante dopo istante e la mia ricerca diventa ossessiva, non è questo il mio corpo, non riconosco questo volto: devo trovare ciò che mi appartiene.

La donna in camice bianco ride delle mie domande e mi risponde che è impossibile, che non è mai accaduto nulla di simile, che sto sbagliando. Comincio ad avere paura.

Dove sono finita? O meglio...dove è finito il mio corpo? Il mio volto?  Come farai a riconoscermi ora che sto per raggiungerti?

La nebbia è nei miei pensieri in questo affanno, i tuoi occhi guardano oltre e, nel mio silenzio non posso fare altro che guardarti andare via

 
 
 

Fakhra Younas

Post n°67 pubblicato il 26 Marzo 2012 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

“ Nel nostro paese purtroppo queste cose capitano spesso. Gli uomini fanno quello che vogliono. In quel momento non pensavo alle conseguenze sul mio corpo, ero con mio figlio e pensavo solo a lui; che non gli succedesse niente, che lo lasciassero stare. Il dolore subito non si sente perché l'acido penetra nella pelle e brucia tutte le terminazioni nervose. Brucia poi per ore e ore, perché non si puo' lavare via”.
Un ultimo grido per non dimenticare tutte le Fakhra del mondo....

 
 
 

Enoros

Post n°66 pubblicato il 23 Marzo 2012 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

"Ciò che accade deve necessariamente accadere" . Potrebbe essere scritto su ogni lapide tombale, su ogni titolo di giornale, in ogni libro di storia, inciso davanti agli ingressi degli ospedali, fregiato sui carrarmati, stampato in lettere cubitali nei cartelloni pubblicitari sulle autostrade...e ancora e ancora...

E mentre le aspettative creano delusioni e le speranze mietono vittime, mi siedo sotto il mio Albero e attendo ciò che "necessariamente deve accadere" . Ogni Tempo ha il suo tempo. Tu non credi? No. Non credo.

 
 
 

Oros

Post n°65 pubblicato il 20 Marzo 2012 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

La mia montagna ha infinite vette, non so se il Tempo mi concederà di conquistarne ancora qualcuna. Che quell'istante in cui ogni cosa è visibile dall'alto, diventa eterno e nutre l'Anima. E mentre lei grida felice, la sua eco accarezza il mio cuore...

Ogni vetta pretende fatica, dolore, impegno e solitudine.

Ogni vetta appare inaccessibile dalla vetta precedente.

E su ogni vetta si patteggia con i propri demoni.

Ma cosa c'è di più struggente e magnifico di quell'istante?

 
 
 

Oida oti ouk oida

Post n°64 pubblicato il 22 Febbraio 2012 da abraxasarba
 

Non so quanto è vera la Verità

non so quanta sia la luce e quanto il buio

non conosco i miei sguardi

e i tuoi tatuaggi

non so se quella medusa che vedo fluttuare

quando chiudo gli occhi, sia l'Anima mia che danza

Non so chi sei

non so chi sono.

 
 
 

Panta rhei

Post n°63 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

Non si può tornare indietro, mai.

Ogni cosa è adesso e dovrei guardarla con gli occhi di domani,

senza dimenticare ma neanche ricordare.

Continuerò ad aprire porte senza chiuderle,

continuerò a scorrere in questo Tempo, come il Tempo.

 
 
 

Wislawa

Post n°62 pubblicato il 07 Febbraio 2012 da abraxasarba
 
Tag: poesie

                                   
                                           ( Wislawa Szymborska)

 
 
 

Hagnos

Post n°61 pubblicato il 01 Febbraio 2012 da abraxasarba
 
Tag: Ricordi
Foto di abraxasarba

mi avvicino alla Tua distanza e osservo le Anime che hai imbalsamato.

Tutte in fila, contro il muro freddo della tua coscienza, per compiacere il Cacciatore.

Il Silenzio mi è complice in questo spazio sacro. Posso muovermi restando immobile,

ed ascoltare le preghiere contorte dell'Anima mia...

 
 
 

manìa

Post n°60 pubblicato il 23 Gennaio 2012 da abraxasarba
 

Dicono che Anima non è in vendita.

 Uno studio su campioni di umani disponibili a "sacrificarsi" in nome della scienza, lo conferma.

Mi chiedo per quanto tempo.

Mi chiedo se l'Anima non cambi idea ad ogni scalino che sale o che scende.

Dico che, con lo stesso schema di ricerca, la mia avrebbe certamente grandi conflitti e poi alla fine, quasi certamente, si metterebbe un bel cartello con il prezzo stampato sopra.

Non di moneta ovviamente.

 
 
 

enypnion

Post n°59 pubblicato il 20 Gennaio 2012 da abraxasarba
 
Tag: Sogni

Un ragno mi sfida, è enorme e minaccioso.

 Resto immobile a cercare i suoi occhi perchè è così che si dissolvono i mostri.

 Lo vedo assumere nuove forme antropomorfe fino all'abbraccio mortale, congiunzione di materia e intento, di invisibile solidità che trascende la coscenza.

 Sento l'Anima che brucia, non ha ali ma otto zampe che si contorcono.

 Il dolore mi sveglia, ho le unghie conficcate dentro i palmi e i capelli attorcigliati intorno al collo.

 E' solo un'Anima dannata, che non ha scelto bene il suo corpo.

 
 
 

alogìa

Post n°58 pubblicato il 13 Gennaio 2012 da abraxasarba
 

Ascolto. Non potrei fare diversamente. Così assorbo parole senza pensiero, voci e suoni che coprono i miei silenzi.

Disadattata come sempre, golosa di fugaci emozioni, colpevole di mutismo e solitudine...

Ascolto. E mi accorgo della superbia che ombreggia la mia Anima, intanto che mani nuove scavano i miei confini. 

Ancora una volta resto a piedi scalzi e gli occhi chiusi...

 
 
 

Aletheia

Post n°57 pubblicato il 19 Dicembre 2011 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

Non avrei voluto e dovuto trovarmi  lì, era il luogo lontano dalla mia immaginazione.

Anche se l'Inferno che è per uno per qualcun'altro è il Paradiso, non avrei mai voluto conoscerlo.

Ci si abitua a camminare sulla sabbia rovente ma non a respirare il fuoco

Così continuavo a fissare quella gente negli occhi, senza smettere di piangere

e a dire che no, non avrei dovuto essere lì...

 
 
 

Diàbolos

Post n°56 pubblicato il 16 Dicembre 2011 da abraxasarba
 
Tag: Sogni

Punge questo spiraglio che non è un invito ma una "dimenticanza".

Odore di vento stracciato e  pioggia di sale mi insultano l'anima

Sto partendo verso il Buio.

 
 
 

kardía

Post n°55 pubblicato il 14 Novembre 2011 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

Nonostante il Silenzio, nulla si placa.

 
 
 

Hillman

Post n°54 pubblicato il 28 Ottobre 2011 da abraxasarba

Mi mancherà il tuo posto nel mondo. La tua Anima antica che riusciva a raccontare ciò che non si vede. Addio James e grazie per aver lasciato tanta luce là dove neanche il buio può entrare.

 
 
 

Thanatos

Post n°53 pubblicato il 28 Settembre 2011 da abraxasarba
 

Bisognerebbe inchinarsi, al Suo passaggio:

poichè nobile è il Suo richiamo all'Impermanenza e,

nobile il Mistero che concede il Silenzio..

Così come il sonno libera la coscienza

Lei libera le nostre Anime

 
 
 

Sarkinos

Post n°52 pubblicato il 28 Dicembre 2009 da abraxasarba
 
Foto di abraxasarba

 

si striscia nei cunicoli delle perversioni per cibare i demoni che tormentano e, si occultano i tradimenti per continuare a respirare gli affetti senza scomporne l'architettura.

Fingere, per illudersi di possedere, stare nel buio per non farsi riconoscere, ingannare l'inganno con pallide rose sfiorite.

E si continua a bruciare fino all'ultima goccia di olio.

 

 
 
 

Panthèos

Post n°51 pubblicato il 27 Gennaio 2009 da abraxasarba
Foto di abraxasarba

Esiste un luogo dove si accede solo quando gli occhi sono stati chiusi e, le labbra serrate.

Si può oltrepassarne la soglia, procedendo carponi e senza mai sollevare il capo.

L'accoglienza sarà il pianto degli Uomini e il calore del sangue

La permanenza avrà l'odore del Tempo e, dalle narici uscirà solo fumo.

Questo è il Luogo ed è qui che io resto. 

 

 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

abraxasarbaarchetyponMeteorablublupa.cekcastello_niceleo_04PerturbabiIesols.kjaertony54_gKedivesPerturbabilePervinca74karen.rlatino6921
 

ULTIMI COMMENTI

 

LETTURE PREFERITE

Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore, Il Cavaliere Inesistente

Camus, il Mito di Sisifo, la Caduta

Hillman, Il Codice dell'Anima, il Suicidio e l'Anima, Il sogno e il mondo infero, La vana fuga dagli dei

Dostoevskij, L'Idiota

Pamuk Orhan, Il mio nome è rosso

Ben Jelloun Tahar, L'hammam, il libro del buio, creatura di sabbia, l'ultimo amico

Kahled Hosseini, Mille splendidi soli, il cacciatore di acquiloni

Robert Pirsig, Lo zen e l'arte della manutenzione della motocicletta

Carl Gustav Jung, psicogenesi delle malattie mentali, l'uomo e i suoi simboli