Creato da unamicoincomune il 23/02/2006

entronellantro

il blog di Pierluigi Mannino

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: unamicoincomune
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 51
Prov: CA
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

DANTE

immagine

Fatti non foste a viver come bruti

"... Non vogliate negar l’esperienza
di retro al sol, del mondo sanza gente.
Considerate la vostra semenza
fatti non foste a viver come bruti
ma per seguir virtute e canoscenza
"

(Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120)

 

MAPPA VISITE

Locations of visitors to this page
 immagine
Best american blogs - Blog for USA!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« Il primo anno di Giunta ...L'uscita di Mario Monti... »

Intervento in aula - mozione 235 del 26.06.2012

Post n°831 pubblicato il 03 Ottobre 2012 da unamicoincomune

 

a segure trascrizione dell'intervento, tenuto in aula in data 02 ottobre 2012, sulla mozione avente per oggetto "Conferimento della cittadinanza onoraria al Dalai Lama"

 

La seguente mozione, di cui sono primo firmatario, ha avuto un ampio consenso, infatti, é stata firmata anche da esponenti dell'attuale maggioranza.

 

Questa mozione, ad una prima lettura potrebbe apparire inutile, lontana dai problemi reali e superflua. Questa mozione nasce con un preciso obiettivo ridestare le coscienze. Questa mozione vorrebbe essere un invito a non perseverare nell’ignavia e nell'indifferenza verso quanto accade intorno a noi. 

 

Era il 1938, Adolf Hitler faceva il suo ingresso a Vienna per dare corpo al suo progetto della grande Germania. Negli anni precedenti,in aperta violazione del trattato di Versailles aveva ripristinato la coscrizione obbligatoria, aveva dato vita alla Luftwaffe e aveva iniziato a disattendere le clausole sul disarmo. La politica di rafforzamento e riarmo di Hitler non conobbe sosta e si svolse con la tacita accettazione e forse ignavia delle grandi potenze europee e della Società delle Nazioni. Fatta salva la reazione culminata con il Patto di Stresa (Aprile 1935) niente di concreto si fece per osteggiare le mire espansionistiche di Hitler e così piano piano l’Europa precipitò nel periodo più buio del secolo scorso, come tutti noi sappiamo. Voi vi chiederete cosa c’entri tutto ciò con il Dalai Lama ed è normale che lo facciate. 

 

Era il 1959, la Cina occupa militarmente e politicamente il Tibet e revoca lo statuto di autonomia di cui il Paese usufruiva da secoli. Da quel momento l’autorità spirituale e politica del Tibet fu costretta all’esilio nel nord dell’India che offrì il suo appoggio per garantire sopravvivenza alla civiltà tibetana e al buddismo messa in pericolo dall’espansionismo cinese. L’attuale Dalai Lama (oceano di saggezza) è rimasto capo del governo tibetano in esilio fino al marzo del 2011 ed ha ceduto l’autorità politica ad un successore eletto dal Parlamento in esilio. E’ bene ricordare che l’attuale Dalai Lama, Tenzin Gyatso, ha ricevuto nel 1989 il premio nobel per la pace per la resistenza non violenta contro la Cina. Ad ora, quindi, rimane detentore solo della propria autorità religiosa. Ora, malgrado la figura del Dalai Lama rappresenti un caposaldo per tutta la cultura tibetana, la Cina avrebbe deciso di arrogarsi il diritto di nominare le future reincarnazioni del Dalai Lama estromettendo dalla scelta gli unici legittimati: i Lama Tibetani. Nel 1995 la Cina rapì la seconda autorità lamaista in Tibet, il Panchen Lama, e da tale data non se ne hanno più notizie e sarebbe ufficialmente posto sotto la tutela protettiva della Cina. Nel settembre 2007 il governo di Pechino arriva ad affermare che è esso stesso l’unico autorizzato a nominare gli alti monaci tibetani che dovranno poi, in futuro, eleggere il successivo Dalai Lama con la supervisione del loro Panchen Lama. Con questo sotterfugio, osteggiato giustamente, ad esempio, dal rappresentante del Dalai Lama in Europa la Cina vorrebbe mettere fine al potere religioso e spirituale del Dalai Lama e cancellare la tradizione religiosa e l’esistenza stessa del Tibet. Certo qualcuno potrebbe dire che questo parallelismo sia un’esagerazione, che i tempi ed i problemi sono diversi e che la Cina non è la Germania nazista. Forse ma la differenza principale è che allora si metteva in campo la potenza militare ora, pur avendo una grande potenza militare, la Cina non ha bisogno di muovere armate perché Le basta, semplicemente, muovere i propri capitali. Già, la partita ed il silenzio sulle sorti del Tibet, sono dettati dal fatto che la Cina con le proprie risorse si è comprata gran parte del debito pubblico degli Stati Europei e non. E con lo spauracchio economico ottiene l’indifferenza dei successori della Società delle Nazioni. 

E questo perché la Politica, che dovrebbe essere incentrata sull’essere umano, ha smesso di essere tale ed è diventata succube dei potentati economici. La Politica che nasceva per mediare le posizioni del più forte e del più debole si è arresa al più forte. 

Ora c’è il Tibet e domani? 

 

Ecco perché ritengo che l’approvazione di questa mozione possa, e debba, essere un segnale di riscatto della politica nei confronti dello strapotere economico.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/dust/trackback.php?msg=11620320

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
amandaclark82
amandaclark82 il 30/12/16 alle 15:41 via WEB
buon fine anno e buon anno nuovo da kepago
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 53
 

AL VERO GABBIANO JONATHAN

immagineLa maggior parte dei gabbiani non si danno la pena di apprendere, del volo, altro che le nozioni elementari: gli basta arrivare dalla costa a dov’è il cibo e poi tornare a casa. Per la maggior parte dei gabbiani, volare non conta, conta mangiare. A quel gabbiano lì, invece, non importava tanto procurarsi il cibo, quanto volare. Più d’ogni altra cosa al mondo, a Jonathan Livingston piaceva librarsi nel cielo.Ma a sue spese scoprì che, a pensarla in quel modo, non è facile poi trovare amici, fra gli altri uccelli.

 

SE

 

"Se" Se saprai conservare la testa, quando intorno a te tutti perderanno la loro, e te ne incolperanno; Se crederai in te stesso, quando tutti dubiteranno, ma saprai intendere il loro dubbio; Se saprai aspettare, senza stancarti dell'attesa, ed essere calunniato senza calunniare o essere odiato senza dar sfogo all'odio e, non apparire troppo bello, ne parlare troppo saggio; Se saprai sognare, e non rendere i sogni tuoi padroni; se saprai pensare, e non fare dei pensieri il tuo fine; se saprai incontrare il Trionfo e il Disastro, e trattare questi due impostori nello stesso modo; Se saprai sopportare di sentire quello che hai detto di giusto falsato dai ribaldi per farne trappola ai creduli o vedere le cose per cui hai dato la vita, spezzate e curvarti e ricostruirle con utensili logorati; Se saprai fare un mucchio di tutte le vicende e rischiarlo in un giro di testa e croce; E perdere e ricominciare da capo e non fiatar verbo sulle tue perdite; Se saprai forzare il tuo cuore e i nervi e i tendini per aiutare il tuo volere, anche quando essi sono consumati; e così resistere quando non c'è più nulla in te tranne che la volontà che dice loro: "reggete!" Se saprai parlare con le folle e mantenere le tue virtù e passeggiare con i Re e non perdere la semplicità; Se ne nemici, ne prediletti amici avranno il potere di offenderti, se tutti gli uomini conteranno ma nessuno conterà troppo; se saprai riempire il minuto che non perdona, coprendo una distanza che valga i sessanta secondi; Tuo sarà il mondo e tutto ciò che contiene e, ciò che conta, sarai un uomo,figlio! Rudyard Kipling

 

EINAUDI

"Migliaia, milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto quello che noi possiamo inventare per molestarli, incepparli, scoraggiarli. È la vocazione naturale che li spinge; non soltanto la sete di guadagno. Il gusto, l'orgoglio di vedere la propria azienda prosperare, acquistare credito, ispirare fiducia a clientele sempre più vaste, ampliare gli impianti, costituiscono una molla di progresso altrettanto potente che il guadagno. Se così non fosse, non si spiegherebbe come ci siano imprenditori che nella propria azienda prodigano tutte le loro energie ed investono tutti i loro capitali per ritirare spesso utili di gran lunga più modesti di quelli che potrebbero sicuramente e comodamente ottenere con altri impieghi." - Luigi Einaudi

 

I MIEI BLOG AMICI

- La Coop non sei tu !
- Dike
- CORSARI DITALIA
- DESTRA FOR EVER
- guardameglio
- Pensieri ed Emozioni
- BLOG PENNA CALAMAIO&reg;
- Sardinia
- ass.amorepsiche
- Fiorvita
- ilpeloedilvizio
- ...PuNTi Di ViStA...
- Il Libero Pensiero
- La vita &egrave; ....
- Braveheart_bg
- Dichiarazioni
- ITALIA DEMOCRATICA
- Politica Costruttiva
- MONICA
- pescatore di stelle
- Paul&amp;Shark Cagliari
- lello acampora
- rotule infrante
- Sara mai possibile
- ghizolfo
- MAS
- MACEDONIA
- Il Fiore della Vita
- viola dei pensieri
- radio costamerlata
- REALMATRIX
- IMMAGINI DI TEMPO
- Di Me
- HUNKAPI
- PartitoSenzaNome
- Sale del mondo
- LA VOCE DI KAYFA
- I shadow
- Oggi...simm tuttuno
- TeleCanaleMontagna
- CI PENSO IO...
- POLVERE DI STELLE
- ventididestra
- PER CALAMAIO 26
- MILIONI DI EURO
- Giovani e politica
- Khamsin
- Il Vento Del Tempo
- Puzzle_di_emozioni
- L enfant Terible
- kickboxing
- GiuseppeLivioL
- Nicolas Eymerich
- satirodelfaggio
- Quid novi?
- Impresa e Lavoro
- Junelogia
- il mese delle rose
- MpA SARDEGNA
- Nella rete
- gente comune
- PLANET EARTH 2012
- MONDOLIBERO
- IlPiccoloMondoDiMery
- - PANORAMA ACQUA -
- magnum.3
- Le mie espressioni
- bippy
- STORIE SULLA STRADA
- WITHOUT NAME
- RI_INCONTRIAMOLO
- Enjoy Egypt
- Temps perdue
- Il Settimo Papiro
- PDL giovani Piacenza
- Centro Storico
- LESSICO SCRIVANO
- Le torri di Malta
- Vathelblog
- Parole Rosa
- Linsorgente
- In Compagnia del t&egrave;
- Semplicemente..io
- LICURSI_110
- PINOTECA
- FACCE DI LIBERO BLOG
- Parole del Cuore
- Julia
- RTL 102.5
- Massimo Minerva
- ILVOLODELLOCCASIONE
- Gloriosa spazzatura
- Fairground
- Oniricamente
- Taumazein
- Via per Malenando
- UN PO DI TUTTO
- Patto per Cagliari
- io e te
- SARCHIAPONICON