Creato da mdd_m il 09/06/2007
La Campania è la nostra terra, è le nostre radici ma è anche i nostri veleni:CONTRO L'INDIFFERENZA

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

GRAZIE A JOIYCE

 

LETTURE UTILI

 

« ECOMAFIA 2009:CRIMINALIT...RAPPORTO ECOMAFIA 2009 »

L'EMERGENZA (IN)FINITA

Post n°864 pubblicato il 04 Maggio 2009 da angela_n
 

dal sito ChiaianoDiscarica

Il presidente di Legambiente in Campania: l’emergenza non è superata
Ad Acerra serve tempo per avviare l’impianto e le discariche si riempiono

Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, non ha dubbi sul perchè l’inceneritore di Acerra sia di là dall’essere messo in funzione:

«A parte la complessità per l’avvio di un inceneritore, quello di Acerra è particolare perchè è progettato per una mole enorme di rifiuti e quindi ci vuole un lungo periodo di messa alla prova prima di farlo partire».

E gli altri tre o quattro impianti che devono essere costruiti in Campania?

«Quello che sembrava di più facile realizzazione e per il quale già c’erano stati dei finanziamenti per l’infrastrutturazione per le vie d’accesso, è quello di Salerno. Il sindaco della città Vincenzo De Luca era stato nominato commissario per la sua costruzione. Poi il governo ha poi rallentato la pratica, puntando sulla “provincializzazione” del ciclo dei rifiuti. Per cui tutta l’impiantistica sarebbe oggi in capo alla Provincia. Il corto circuito, per adesso, ha bloccato tutto».

Semmai l’empasse amministrativo dovesse sbloccarsi, quanto tempo si dovrà attendere?

«I tempi canonici, se non ci fossero altri intoppi, sono di almeno quattro anni per entrare a regime».

Resta sempre il problema del contributo Cip6, criticato dall’Europa…

«Nessun imprenditore avveduto si imbarcherebbe in una situazione del genere considerato che nella nostra regione, come confermato oggi dall’assessore regionale all’Ambiente Walter Ganapini, esiste un’evasione sulla tassa dei rifiuti che arriva al 70%. Perchè l’inceneritore o lo paghi con le tasse cittadine oppure lo paghi con il Cip6».

E il terzo inceneritore?

«È quello di Napoli…».

Che però non si sa ancora dove si debba collocare…

«Non si è trovata una localizzazione. Si parla di Napoli Est. Certo a Napoli non è operazione facile immaginare, progettare, realizzare e mettere in gestione un inceneritore. Quindi diciamo che al momento ci sta solo questo inceneritore, fantomatico nell’avvio e nel funzionamento, di Acerra».

Manca quello di Santa Maria La Fossa…

«Quello presenta ulteriori problemi di gestione del territorio, difficile pensare che parta alle condizioni date».

Se gli inceneritori non ci sono, dove vanno i rifiuti prodotti ogni giorno in Campania?

«Il destino è quello di sempre: le discariche. Ma poichè le discariche hanno questo limite fisico che si riempiono, allora siamo sempre con la fibrillazione ».

Ma le discariche che ci sono adesso, Sant’Arcangelo Trimonte, Ariano Irpino e Chiaiano, quanto tempo ci vuole prima che si riempiano?

«Stando così le cose rischiano di riempirsi nel giro di pochi mesi».

Entro l’autunno?

«Tutti temono che con l’autunno possa tornare pure la fase critica dell’emergenza con l’immondizia di nuovo per strada. Perchè, sia chiaro, l’emergenza non è mai stata superata. È stata risolta momentaneamente la fase critica, ma senza misure strutturali».

La Campania conta anche oltre duecento comuni «ricicloni»: come se la passano in questa «fine emergenza»?

«Malissimo: da una parte rischiano di perdere i 300 milioni Ue per via di una procedura di infrazione comunitaria. Dall’altra sono ancora costretti a portare la frazione organica della propria differenziata in Sicilia, a costi che arrivano fino a 300 euro a tonnellata ».

Ma come è possibile che in tutta questa «risoluzione» dell’emergenza succeda ancora questo?

«Perchè non si sono costruiti gli impianti di compostaggio».

Quanto tempo ci vuole per costruire un impianto di compostaggio?

«Richiederebbe 10-12 mesi, in una situazione di emergenza si potrebbe fare anche in 8-10 mesi, però ci sono anche strutture già esistenti, e i vecchi Cdr che potrebbero essere attrezzati in tempi più rapidi…».

E perchè non succede?

«Perché al momento non si sa chi fa cosa. Perchè gli impianti di compostaggio sarebbero in capo alla Regione che ha però problemi ad avviarli non avendo poteri specifici e quindi deve pescare solo nel proprio bilancio e nelle risorse comunitarie. Quelle che, tra l’altro, rischiano di essere bloccate »

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/ecologico/trackback.php?msg=7002526

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 

SEZIONE VIDEO

* ALLARME CIBO AVVELENATO- 12° PUNTATA di "EXIT" su LA7

* IL CANCRO DI NAPOLI, LA7 16/12/07

* REPORTAGE CONTROCORRENTE SKY TG24 RIFIUTI UMANI

* VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA AD ACERRA, CONTAMINAZIONE DA DIOSSINA: ANALISI DI 9 CAMPIONI INDIVIDUALI AD ACERRA E NOLA


QUARTO E PIANURA:LA NAPOLI CHE PROTESTA CIVILMENTE

  
I SITI PROPOSTI DAL GEOLOGO DE' MEDICI E IGNORATI DAL COMMISSARIATO


*IN QUESTA PAGINA I VIDEO DA TAVERNA DEL RE: IL PRESIDIO, LA PROTESTA, ECOBALLI E TAMMORRE, ALEX ZANOTELLI

 Emergenza rifiuti - Tavola rotonda
*I VIDEO DELLA TAVOLA ROTONDA SULLA EMERGENZA RIFIUTI IN CAMPANIA
SVOLTASI IL 23 OTTOBRE 2007




DISCARICA LO UTTARO: RACCONTO PER IMMAGINI


AMICI DI BEPPE GRILLO NAPOLI:MANIFESTAZIONE NAZIONALE 19 MAGGIO


SERRE: CARICA DELLA POLIZIA


CASERTA, CAPITALE DELL'IMMONDIZIA


LO SPAZZATOUR


BEPPE GRILLO AD ACERRA,4GIUGNO2007


INTERVISTA A PAUL CONNET

MARCO TRAVAGLIO, ANNO ZERO 21.02.08


INTERVISTA A WALTER GANAPINI

 

COLONNA SONORA

 

QUANTI SIAMO?

 
























 
 

Ultime visite al Blog

vignetorossoangelostraordinariosavydegiuanna70giubba2007joiycesimonacangianohellodgl5nicolettanicolantonello.fiorefreemmroberto.raovalentinasperatistefaniasimoneStranaMente76
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
immagine
 

 
"Si possono fare contemporaneamente azioni contraddittorie, in un unico refrigerante respiro; sono contro l'azione;per la contraddizione continua e anche per l'affermazione, non sono nè favorevole nè contrario e non do spiegazioni perchè detesto il buonsenso."
Tristan Tzara



 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom