Creato da tanksgodisfriday il 26/03/2006
Cose varie al PC, sul Web e nella mente. Puoi scrivermi a: tanksgodisfriday@libero.it
 

 

« Leccatore on-demandPer me è arabo »

Sadiq Khan e quanto ci costano le elezioni

Post n°1824 pubblicato il 07 Maggio 2016 da tanksgodisfriday
 

I londinesi hanno scelto: dopo il conservatore Boris Johnson, il nuovo sindaco è il laburista Sadiq Khan, che ha prevalso con dieci punti di vantaggio sul conservatore Zac Goldsmith.

Valutazioni politiche a parte, merita attenzione il sistema di votazione adottato, il contingent vote, un sistema che consente di condensare primo turno e ballottaggio in un solo turno, dimezzando il costo della votazione.

Il funzionamento è semplice.
L'immagine del post riporta un facsimile della pink ballot paper, la scheda elettorale utilizzata.
L'elettore trova nella scheda l'elenco dei candidati e due colonne di spunta: la prima scelta e la seconda scelta. Potrà apporre quindi una croce nella prima colonna, in corrispondenza del suo candidato preferito, e una nella seconda colonna, in corrispondenza del candidato che preferirebbe, qualora la sua prima scelta fosse trombata.

Al momento dello spoglio, gli scrutatori fanno un primo giro, contando solo le prime preferenze. Si raccolgono i risultati generali e si verifica se il primo candidato ha raccolto la maggioranza assoluta dei voti. Se ci è riuscito, ha vinto, altrimenti si passa al secondo conteggio.

A questo turno rimangono in gara solo i due candidati che hanno raccolto più voti come prime scelte. Le schede che avevano come prima scelta un trombato vengono ora riassegnate a uno dei due superstiti, se indicato come seconda scelta, oppure considerate bianche se la seconda scelta è un altro trombato.

Può venire il dubbio che vengano dispersi i voti di chi, pur avendo indicato preferenze, al secondo conteggio vede il proprio voto classificato come scheda bianca. Diamo un'occhiata a cosa è successo a Londra:

Candidate1st Round2nd RoundTotal
Sadiq Khan (Labour)1.148.716161.4271.310.143
Zac Goldsmith (Conservatives)909.75585.859994.614
Siân Berry (Green)152.027  
Caroline Pidgeon (Lib Dems)121.051  
Peter Whittle (Ukip)94.425  


Ragionando su questi numeri (mancano i voti ricevuti dai candidati minori) si vede che dei 367.503 voti ricevuti dagli esclusi del primo giro, 267.286 sono stati riassegnati ai primi due candidati. Due su tre, quindi.
Nel caso ci fosse stato un effettivo secondo turno di ballottaggio, molti di questi cittadini non sarebbero tornati a votare.

Sistema semplice ed efficace. Perché non si applica anche da noi?
Credo per due motivi:
  • ai nostri politici piace il mercato che si svolge nelle due settimane tra il primo turno e il ballottaggio; il sistema del contingent vote costringerebbe ad avere da subito idee chiare e manifeste sulle alleanze, e non prevederebbe quindi le negoziazioni basate sui risultati del primo giro (esempio: ti porto i miei voti, ma voglio 3 assessorati)
  • a chi ci amministra non frega nulla del costo delle votazioni (né, peraltro, di altri costi, vedi la recente discussione sulle indennità parlamentari)
In casa nostra non vedo all'orizzonte nessun ravvedimento o cambio di marcia.
Basta pensare ai soldi sprecati per il referendum trivelle, che valutazioni politiche hanno accuratamente tenuto separato da altre votazioni.
Ma, se da un lato è condivisibile che la democrazia abbia un costo, perché buttare così i nostri soldi dalla finestra?

Probabilmente c'è da rassegnarsi, anche se così non recupereremo mai l'efficienza degli altri sistemi-paese, con i quali, ci piaccia o non ci piaccia, siamo in quotidiana competizione.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/elaborando/trackback.php?msg=13398428

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
MARIONeDAMIEL
MARIONeDAMIEL il 07/05/16 alle 16:39 via WEB
mah, solo gli inglesi potevano pensare a un sistema del genere, gente che fino a pochi anni fa non aveva nemmeno una carta di identità e se gliela chiedevi ti guardavano dall'alto in basso .....peraltro non hanno nemmeno una costituzione, e nemmeno una giurisprudenza scritta, insomma sono altra gente da noi; io nei seggi ci vado per lavoro , e vedendo come scrutinavano i voti nei loro seggi mi son venuti non pochi dubbi: ciascuno aveva pacchetti di schede e nessuno guardava ciò che facevano gli altri, ma siamo sicuri che siano tutti così onesti gli scrutatori inglesi? certo che loro non hanno organizzazioni malavitose, ma un dubbio mi viene ...
 
 
tanksgodisfriday
tanksgodisfriday il 07/05/16 alle 18:03 via WEB
In realtà il sistema del contingent vote non è recentissimo, anche se non è molto diffuso.
Io lo preferirei, perché costa meno, costringe a maggiore trasparenza nelle alleanze e, fattore non trascurabile, blocca meno le scuole.
Poi, d'accordo con te, bisogna che ci siano regolamenti per garantire la correttezza del voto e occorre fare in modo che siano rispettati.
Il che non è sempre garantito, nemmeno nei paesi meno sospettabili, vedi la Florida nell'elezione di Bush del 2000.
 
PICCOLAVIOLETTA6
PICCOLAVIOLETTA6 il 03/11/16 alle 16:42 via WEB
Salve buon pomeriggio e buona serata, ti sorrida la vita. “Un pensiero”. Ciò che è veramente grande passa spesso inosservato e il quieto silenzio si rivela più fecondo del frenetico agitarsi che caratterizza le nostre città, ma che con le debiti proporzioni si è vissuto in ogni tempo. Quell’attivismo che ci rende incapaci di fermarci, di stare tranquilli, di ascoltare il silenzio in cui il Signore fa sentire la sua voce discreta. Benedetto XVI.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

Area personale

 

Ultimi commenti

 

follow us in feedly

 
 

Translate!

 

Ultime visite al Blog

m_vittorinistefanochiari666Psy1972romyinter94lucapestelli0marioluciano.trottamedri.massimoornella12ortoto.detanksgodisfridaysparusolablumannaroeeelliiivaidivolparamassimo.sbanderno