Enodas

Il mio mondo...

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lubopofrancesca632mappe_riflesseDJ_Ponhzilab79lacky.procinoprocino995moschettiere62acer.250enodasiltempiodellemusemlr777STREGAPORFIDIAalvaro527
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
Mi piace

la musica, suonare il pianoforte, suonare il mio violino, la luce del tramonto, ascoltare il mare in una spiaggia deserta, guardare il cielo stellato, l’arte, i frattali, viaggiare, conoscere e scoprire cose nuove, perdermi nei musei, andare al cinema, camminare, correre, nuotare, le immagini riflesse sull’acqua, fare fotografie, il profumo della pioggia, l’inverno, le persone semplici, il pane fresco ancora caldo, i fuochi d’artificio, la pizza il gelato e la cioccolata


Non mi piace


l’ipocrisia, l’opportunismo, chi indossa una maschera solo per piacere a qualcuno, l’arroganza, chi pretende di dirmi cosa devo fare, chi giudica, chi ha sempre un problema più grosso del mio, sentirmi tradito, le offese gratuite, i luoghi affollati, essere al centro dell’attenzione, chi non ascolta, chi parla tanto ma poi…, l’invidia, il passato di verdura





 
Ultimi libri letti


La tavola fiamminga
- A. Perez-Reverte -
* * * * *
Lunedi blu
- A. Grunenberg -
* * *
Leonardo da Vinci
- D. Mereskovskij -
* * * *
Pilota di guerra
- A. de Saint-Exuperi -
* * *
Un nome da torero
- L. Sepulveda -
* * * * *
Il libro di mia madre
- A. Cohen -
* * *
Il disprezzo
- A. Moravia -
* * * *
Il ritorno del giovane principe
- A.G. Roemmers -
* * *
La frontiera scomparsa
- L. Sepulveda -
* * * *
Patagonia Express
- L. Sepulveda -
* * *
 

Suonando...


Albeniz
Granada
Asturias

Beethoven
Sonata n.3 op.10 (n.7)
Sonata op.13 “Patetica” (n.8)
Sonata n.2 op.27
“Chiaro di luna” (n.14)

Sonata op.53 “Waldstein” (n.21)

Chopin

Notturni

Debussy

Suite Bergamasque
Deux Arabesques

Liszt

Valse Oublièe
Valse Impromptu

Schubert

Impromptu n.3 op.90
Impromptu n.2 op.142





 
Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso,
si usano le opere d'arte per guardare la propria anima

G.B.Shaw


Leonardo da Vinci


Raffaello Sanzio


Michelangelo Buonarroti


Caravaggio


Rembrandt van Rijn


Jan Vermeer


Antonio Canova


Caspar David Friedrich


Claude Monet


Vincent van Gogh


Salvador Dalì


Marc Chagall
 
Olanda...



Amsterdam (Olanda)


Delft


Leiden


Scheveningen


Amsterdam


Rotterdam


Keukenhof


Kinderdijk


Texel


Scheveningen (Olanda)


Oosterschelde


Hoek van Holland 
 

Anversa


Bruxelles


Bruxelles


Bruxelles



Bruxelles


Bruges


Bruges


Leuven

Grotte di Han


Dinant


Amay

 

 

« .. »

.

Post n°329 pubblicato il 14 Aprile 2012 da enodas



Con la strada che curva, si restringe all'improvviso, ti accorgi che é come fossi su un sentiero, che si arrampica tortuoso attorno montagnole ed altipiani, taglia schiere di alberi ed affonda nella foresta delle Ardenne, sbuca fuori, attraverso una scociatoia nel verde ed alla fine giunge sempre in un paese, con il suo castello arroccato sopra un grumo di case addossate e viottoli ciottolosi che si arrampicano fino in cima, con il fiume a valle che fa una piega, disegna una curva completa e quasi torna indietro. E le nubi, che minacciano pioggia, il vento freddo d'alta pianura e qualche cristallo di neve sospeso nell'aria, come fosse stato dimenticato da un inverno che ancora non se ne é andato. Ogni bastione ha il suo squrcio del tempo, la sua pietra diroccata, il suo precipizio verso il vuoto. Vessillo spiegato, sgualcito, un'asta conficcata nel terreno o un'immagine posta in sommità... e poi giù, attraverso le porte ed i torrioni, fin nelle cantine e nei sotterranei, in cui l'aria immobile rimane impregnata di mosto e di terra umida.




Nelle Ardenne si é combattuta una battaglia, l'ultima cruenta controffensiva dell'esercito tedesco, alla fine de '44. Tra Belgio e Lussemburgo le ferite dell scontro si contano nelle placche sparse per le città, le bandiere spiegate, nei carri armati e ciò che ne resta a mò di cenotafio. I solchi della storia emergonotra le fortezze, difese ed attaccate con ogni vita, nei cimiteri militari nascosti dietro un nugolo di alberi. Americano e tedesco, a poca distanza. Sembra di ripercorrere i sentieri della Normandia. E' giorno di Pasqua, domenica mattina, e nevica. Schiere di croci candide, erba livellata, ogni cespuglio curato, dalla parte americana, croci basse e scure, con più nomi scritti sulla stessa lapide da parte tedesca. Anche questo é il conto della storia. Nel silenzio dei questi memoriali, nei cristalli di neve che bagnano il viso, "The soldier's graves are the greatest preachers of peace", urlano le date così ravvicinate, le schiere di 'unknown' e 'ein deutscher soldat' anonime, le voci sorde soffocate dalla follia.
Follia... celebrata come un gioco nell'arena, una partita in cui si intervista il miglior giocatore, solo che si racconta di tiratori scelti e colpi di mortaio. Leggere la stampa dell'epoca mette i brividi, mettono i brividi i fogli coi proclami alle truppe, le pubblicità delle industrie impegnate nello sforzo bellico, tutto quello che oggi, pur nella nostra scorrettezza, definiremmo politicamente scorretto. Solo sessan'tanni fa. Oggetti di ogni genere, cimeli ammassati e questa sensazione davvero forte che tra le pieghe della storia rimanga impigliata la propaganda.




Non potrebe rendere l'idea diversamente, la parola 'granducato', dinanzi a questi ponti protesi sul vuoto verso la rocca principale della città, l'unica che si possa definire davvero tale. E le mura, antica e scavate nella roccia, sotterranie rubati alla montagna, dove in passato si nascondevano risorse e ci riparava dai bombardamenti. Edifici eleganti e stuccati dalla storia, cui si aggiungono, nel profilo in lontananza architetture moderne, forme futuriste e forse qualche sovrapposizione di troppo. Mentre le strade tortuose si arrampicano tra città alta e città bassa, e qualche auto di lusso sfreccia sul bordo disegnato del panorama a strapiombo, sotto in quel parco che chissà era un fossato o solo campagna, fioriscono gli alberi, qualcuno lega lacci promettendo amore, ed il vento solleva nell'aria un nugulo di petali. E a sorpresa, il lunedì le stradine in pendenza si trasformano in un mercato di quelli che un po' ricordano il Natale, per gli oggetti, i sapori, la calca della gente che chissà da dove sia sbucata fuori. E ti volti, una volta attraversato uno di quei ponti sospesi, a scattare con gli occhi un'ultima immagine.


La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/enodas/trackback.php?msg=11230027

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
stelladelsud_1976
stelladelsud_1976 il 15/04/12 alle 12:28 via WEB
E' davvero bellissimo viaggiare sul filo incantevole delle tue parole...sembra di non perdere nessun particolare che diviene importante, perchè fotografato con attenzione e sensibilità...Un abbraccio per te Piccolo Principe
 
 
enodas
enodas il 17/04/12 alle 23:11 via WEB
...io cerco di fissare con le parole le immagini e le sensazioni... alcune, almeno... Ti ringrazio, un abbraccio anche a te!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: enodas
Data di creazione: 18/11/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: enodas
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 34
Prov: VR
 
Mi trovate anche su:

 DeviantArt





e su: Flickr
(foto pubblicate nel blog)





 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
La gente non fa i viaggi. Sono i viaggi che fanno la gente.
(J. Steinbeck)

Nell'ultimo anno...


 

Venezia


Parigi (Francia)


Schiermonnikoog (Netherlands)


Erg Chebbi (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)
 

Marrakech (Morocco)


Taroudannt (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Plage Blanche (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Legzira Plage (Morocco)


Tafraute (Morocco)


Draa Valley (Morocco)


Tamdaght (Morocco)


Valle du Dades (Morocco)


Tamtattouche (Morocco)
 

Tinerhir (Morocco)


Rissani (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Aufous Oasi (Morocco)


Midelt (Morocco)


Atlas Region (Morocco)


Ain Leuh (Morocco)


Volubilis Morocco


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)
 

Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Bruges (Belgio)


Monnickendam (Olanda)


Berlino (Belgio)


Veghel (Olanda)


Loonse Duinen (Olanda)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Zijpe (Olanda)


Zijpe (Olanda)
 

Riva del Garda (Italia)


Folgaria (Italia)


Venezia (Italia)


Verona (Italia)


Eindhoven (Olanda)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Anadolu Kavagi (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Biesbosch (Olanda)


Shanghai (Cina)