Enodas

Il mio mondo...

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

enodasamorino11spl64Terzo_Blog.Giusmisteropaganociaobettinadiogene51sal.tatoremaresogno67paolo1974latina.camregalamiancoraunsognBloggernick10Iltuocognatinostelladelsud_1976surfinia60
 
Citazioni nei Blog Amici: 24
 
Mi piace

la musica, suonare il pianoforte, suonare il mio violino, la luce del tramonto, ascoltare il mare in una spiaggia deserta, guardare il cielo stellato, l’arte, i frattali, viaggiare, conoscere e scoprire cose nuove, perdermi nei musei, andare al cinema, camminare, correre, nuotare, le immagini riflesse sull’acqua, fare fotografie, il profumo della pioggia, l’inverno, le persone semplici, il pane fresco ancora caldo, i fuochi d’artificio, la pizza il gelato e la cioccolata


Non mi piace


l’ipocrisia, l’opportunismo, chi indossa una maschera solo per piacere a qualcuno, l’arroganza, chi pretende di dirmi cosa devo fare, chi giudica, chi ha sempre un problema più grosso del mio, sentirmi tradito, le offese gratuite, i luoghi affollati, essere al centro dell’attenzione, chi non ascolta, chi parla tanto ma poi…, l’invidia, il passato di verdura





 
Ultimi libri letti


I sei numeri dell'universo
- M. Rees -
* * *
La tavola fiamminga
- A. Perez-Reverte -
* * * * *
Lunedi blu
- A. Grunenberg -
* * *
Leonardo da Vinci
- D. Mereskovskij -
* * * *
Pilota di guerra
- A. de Saint-Exuperi -
* * *
Un nome da torero
- L. Sepulveda -
* * * * *
Il libro di mia madre
- A. Cohen -
* * *
Il disprezzo
- A. Moravia -
* * * *
Il ritorno del giovane principe
- A.G. Roemmers -
* * *
 

Suonando...


Albeniz
Granada
Asturias

Beethoven
Sonata n.3 op.10 (n.7)
Sonata op.13 “Patetica” (n.8)
Sonata n.2 op.27
“Chiaro di luna” (n.14)

Sonata op.53 “Waldstein” (n.21)

Chopin

Notturni

Debussy

Suite Bergamasque
Deux Arabesques

Liszt

Valse Oublièe
Valse Impromptu

Schubert

Impromptu n.3 op.90
Impromptu n.2 op.142





 
Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso,
si usano le opere d'arte per guardare la propria anima

G.B.Shaw


Leonardo da Vinci


Raffaello Sanzio


Michelangelo Buonarroti


Caravaggio


Rembrandt van Rijn


Jan Vermeer


Antonio Canova


Caspar David Friedrich


Claude Monet


Vincent van Gogh


Salvador Dalì


Marc Chagall
 
Olanda...



Amsterdam (Olanda)


Delft


Leiden


Scheveningen


Amsterdam


Rotterdam


Keukenhof


Kinderdijk


Texel


Scheveningen (Olanda)


Oosterschelde


Hoek van Holland 
 

Anversa


Bruxelles


Bruxelles


Bruxelles



Bruxelles


Bruges


Bruges


Leuven

Grotte di Han


Dinant


Amay

 

 

« .. »

.

Post n°735 pubblicato il 07 Dicembre 2017 da enodas

 

 

"...Così dite. Aspersi il mio stendardo dalla lunga asta che si vede da lontano, feci rullare il mio tamburo dalla voce sonora, teso, di pelle di bue. Sellai il mio cavallo dalla groppa nera, indossai la corazza cucita di cinghie. Alzai la mia spada con l'elsa, preparai le frecce con le intaccature e sono pronto a combattere a morte contro i Merkit Uduid..."

 

 

Parte Ottava - Il deserto di ghiaccio

 

E' stato il vento, all'inizio. Ogni folata penetrava di più nelle ossa e mi faceva indossare uno strato in più sotto la giacca. E' scesa la neve, saltuariamente. Mentre noi ci dirigevamo verso ovest, verso quei monti Altai che insieme evocavano gelo e leggenda. Poi, é stato il ghiaccio: passi spazzati da strati mobili di neve, un cielo azzurro che nei suoi riflessi appariva quasi crudele, prima di sparire in una tormenta improvvisa. E in questa spazio senza riferimenti, anche l'ombra di un cavallo e del suo cavaliere. Il deserto, la notte, si manifestava in tutta la sua ferocia e mi lasciava immobile all'ingresso di un gelo perenne.

 

 

Nascosti tra la neve rimangono segni tracciati sulla pietra. Caccia, rincorsa, animali. Tutto coperto dalla neve, in una tempesta che diventa ghiaccio. Difficile trovare anche solo un riferimento che guidi lo sguardo o mi protegga dal freddo. Lontano scorgo i riflessi di un lago ghiacciato, cui fa da cornice un paesaggio fiabesco, anch'esso addormentato in questo gelo senza ritorno. Ho vagato così, questi ultimi giorni, cedendo fisicamente ad una stanchezza ed una temperatura fiaccanti, dove il paesaggio era un deserto ancora più crudele ed il tempo spillava attraverso un contagocce congelato.

 

 

Nel mezzo del nulla, come altre volte. Le mandrie di pecore, qualche cavallo, un paio di motociclette ed i cani che abbaiano. Tutto attorno ad una yurta svuotata apposta per noi. Ospitalità senza riserve. Fuori sibila il vento, spazza una pianura circondata da monti che sembrano un po' come quelle dune di sabbia: piccole salite insidiose che si riveleranno senza fine. Ho camminato in direzione opposta, verso quello che era un piccolo lago, riflesso di un cielo alieno che si chiudeva nella sera e luci ghiacciate, alla ricerca di un movimento, uno stormo intero che da quel bianco emergesse, battito d'ali in un luogo incantato dove il tempo non ha più ragione d'essere.

 

 

La yurta appartiene ad una famiglia kazaka. Una di quelle che da ovest, oltre un secolo fa passò i confini in cerca di rifugio e si unì indissolubilmente all'altro versante dei monti Altai, oltre il confine. Cavalieri di un altro mondo, custodi di una tradizione secolare, nella desolazione del gelo, nel silenzio spazzato di neve, i cacciatori di aquile si scoprono in tutta questa loro forza epica, hanno lo sguardo fiero, le mani ruvide che strofinano la neve e, soprattutto, quel battito d'ali che con la stessa autoritaria fierezza sembra voglia sfidare ogni cosa. Come il profilo di un eroe, in lontananza, dentro una sfera di cristallo: ritto, il cavallo che sbuffa - così almeno lo immagino, troppo lontano dalla mia vista - ed il braccio che si alza perché come una protuberanza del corpo l'aquila si possa librare, lo sguardo torvo, feroce, mentre già vola radente, con le ali immobili a veleggiare nel vento, a scrutare il terreno ed aggrapparsi alla preda.

 

 

Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: enodas
Data di creazione: 18/11/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: enodas
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 37
Prov: VR
 
Mi trovate anche su:

 DeviantArt





e su: Flickr
(foto pubblicate nel blog)





 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 
La gente non fa i viaggi. Sono i viaggi che fanno la gente.
(J. Steinbeck)

Nell'ultimo anno...


 

Venezia


Parigi (Francia)


Schiermonnikoog (Netherlands)


Erg Chebbi (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)


Marrakech (Morocco)
 

Marrakech (Morocco)


Taroudannt (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Tarfaya (Morocco)


Plage Blanche (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Sidi Ifni (Morocco)


Legzira Plage (Morocco)


Tafraute (Morocco)


Draa Valley (Morocco)


Tamdaght (Morocco)


Valle du Dades (Morocco)


Tamtattouche (Morocco)
 

Tinerhir (Morocco)


Rissani (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Erg Chebbi (Morocco)


Aufous Oasi (Morocco)


Midelt (Morocco)


Atlas Region (Morocco)


Ain Leuh (Morocco)


Volubilis Morocco


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)


Fez (Morocco)
 

Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Rhein Valley (Germania)


Bruges (Belgio)


Monnickendam (Olanda)


Berlino (Belgio)


Veghel (Olanda)


Loonse Duinen (Olanda)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Berlino (Germania)


Zijpe (Olanda)


Zijpe (Olanda)
 

Riva del Garda (Italia)


Folgaria (Italia)


Venezia (Italia)


Verona (Italia)


Eindhoven (Olanda)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Anadolu Kavagi (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Istanbul (Turchia)


Biesbosch (Olanda)


Shanghai (Cina)