Creato da faropoeta1970 il 03/03/2008
Le tempeste che mi stravolgono la mente
 

 

A STO GIRO CI METTO LA FACCIA E VI CHIEDO...

Post n°21 pubblicato il 12 Marzo 2010 da faropoeta1970
 

Tranquilli...dal vivo sono peggio!!!

Cari amici, cari passanti,

come potete vedere dalle date non sono un assiduo scrittore di blog, sono più un navigatore e spazio in mondi e sensazioni infinite (senza uso di droghe s’intende!! ). Questo post però ho voluto metterlo qua, in questo spazio piccolo ma accogliente. Mettendoci la faccia ( e per questo me ne scuso anticipatamente). Sto lavorando insieme ad alcuni miei collaboratori ad un progetto per le scuole elementari, un progetto ambizioso, forte, importante e come tutte le cose di questo genere,  il progetto ha bisogno di “sponsorizzazione” , per dirla in breve di soldi! L’idea di mettere un post di richiesta fondi forse è un po forte, ma sono certo che qualcuno preso a compassione, metterà mano al portafoglio, logicamente con dovuti ringraziamenti a fine film.

IL PROGETTO

“Storia di un libro” questo il titolo del cortometraggio che stiamo per realizzare, le riprese inizieranno ad aprile e il prodotto dovrà essere pronto entro il 1 giugno, giorno in cui sarà visionato da più di 1000 bambini delle scuole elementari di Pontinia (LT) durante la manifestazione “Fantastica mente”.

Il corto parlerà della strada che compie un libro dall’idea alla pubblicazione, girato in maniera ironica ma molto realistica, la storia ha come protagonista un uomo a cui viene in mente un idea e ne trae un libro, incontrando le solite difficoltà che molti di noi conoscono….
Per la realizzazione di questo lavoro ho voluto veri professionisti, quindi telecamere, montatore ecc ecc sono tutta gente del mestiere che per quanto si siano messi una mano sulla coscienza, non possono lavorare gratis, giustamente.

Ma la vita del cortometraggio non finirà i primi di giugno, infatti stiamo cercando contatti (qualcuno lo abbiamo già preso) con scuole elementari di tutta Italia per distribuirlo in previsione dell’anno scolastico 2010/2011, corredato anche da un percorso didattico che farà interagire gli studenti in modo da capire le difficoltà e la passione che ci vogliono per diventare scrittori oltre ad insegnare passo passo quello che bisogna fare per pubblicare un libro e chissà, forse tra i nostri spettatori ci sarà un futuro Faletti  o una futura Rowling…

Se qualcuno di voi fosse interessato a dare un contributo, avesse domande a riguardo o volesse proporre il progetto ad una scuola, mi contatti albaneseluca70@gmail.com

P.S. La voce fuori campo del cortometraggio sarà la nsotra amica Elliy!!!!!

 
 
 

IL NUOVO TRAILER!!!!

Post n°20 pubblicato il 23 Gennaio 2010 da faropoeta1970

Malgrado la mia lunga assenza dal blog, rieccomi sempre più fresco ehehehehehehe che dite riuscirò prima o poi a prendere un golden globe?!?!?!?!?!?

 
 
 

PIERO ANGELA.....DA LUI NON ME LO ASPETTAVO. GUARDATE I VIDEO!!!!

Post n°19 pubblicato il 22 Settembre 2009 da faropoeta1970

 
 
 

CENERENTOLA

Post n°18 pubblicato il 06 Settembre 2009 da faropoeta1970


Ovvero quando un lavoro a tempo indeterminato è sconveniente

 

Quanto è crudele il mondo delle fiabe, riesce a infilare una bella ragazza in una famiglia (insomma se così si può definire) di pazze bisbetiche sadiche donne. Logicamente le donnacce cattive sono brutte  e schifose, invece la dolce cenerentola è un virgulto, perfetta, celestiale, insomma avete presente una di quelle che vanno sulla copertina di Playboy? Ecco quella è Cenerentola. Adesso mi volete dire cosa ci fa una tipa così in casa di queste tre poco di buono? E’ stata adottata…azzz una volta non esistevano le domestiche, o meglio esistevano ma era meno oneroso adottare un figlio e farlo lavorare come uno sguattero. Niente giornata di riposo, niente sindacati, niente ferie pagate, insomma la stessa situazione che c’è adesso in Italia con il lavoro nero.

Ma che favola sarebbe senza un risvolto romantico? Ed ecco che spunta un principe azzurro, ma sarà lo stesso di Biancaneve? No perché altrimenti il mondo una volta era pieno di principi azzurri (perché azzurro poi? Forse i precursori del berlusconismo?? Mah!!). torniamo alla nostra telenovela. Il principe Azzurro cerca moglie e che fa? Chiama tutte le femmine del regno e sceglie chi sposarsi, durante una serata di gala. Una sorta di Miss regno azzurro, la fortunata invece di vincere soldi in contratti con sponsor vince un vitalizio al fianco del principe, insomma una bella botta di fortuna. Le due figliole della matrigna di Cenerentola potrebbero anche evitare di presentarsi visto che sono delle schifezze di donne, ma si dice che siano molto “professioniste” quindi tenteranno il tutto per tutto. Cenerentola automaticamente esclusa dalla matrigna cerca in tutti i modi di sfuggire dalla sua prigione e di recarsi al ballo. Sa che sarà lei la moglie del principe. Ma purtroppo ha un problema grosso, per andare al ballo ha a disposizione 4 topolini e una zucca…come fare? Facile, si spara un cannone e comincia a vedere i topini trasformarsi in cavalli e la zucca diventare una splendida carrozza. In effetti la folla fuori dal palazzo, quando vide arrivare Cenerentola sopra una zucca con le rotelle e 4 topi che la tiravano rimase alquanto sconcertata. In più stava fatta come un cocomero…vi faccio immaginare. Ma quanto era bella!!!Vestita con un abito da paura e con delle scarpette di cristallo (solo uno che si è fumato una canna può mettersi delle scarpette di cristallo!!!). La tossica incontra il principe balla con lui, lui è affascinato da questa freakkettona ma arriva la mezzanotte, la canna sta per far finire il suo effetto e Cenerentola fugge via, il principe la insegue e trova solo un sandalo mezzo marcio. “Deve essere suo” pensa e comincia l’inseguimento della bella no global per tutto il regno. Finchè un bel giorno la trova , lei manda a cagare le tre megere e sposa il principe azzurro.

Ma  alla fine le avranno dato la liquidazione?

 

Morale della favola?

Se sei una tossica puoi fare cosa vuoi, tanto prima o poi ti troveranno

 
 
 

IL PETTINATORE DI BAMBOLE

Post n°17 pubblicato il 05 Settembre 2009 da faropoeta1970

Un "trailer" tanto x ridere

 
 
 

ECCO LA SUA VERA NATURA!!!! :)

Post n°16 pubblicato il 02 Luglio 2009 da faropoeta1970

Ecco il nostro poliedrico e fantasmagorico presidente del consiglio, effettivamente ha molto del cartone animato... Simpatico il montaggio :)

 

 

 
 
 

Lo strano caso della morte di Albino Luciani da www.disinformazione.it

Post n°15 pubblicato il 02 Luglio 2009 da faropoeta1970

       

           Dovremmo riflettere un po tutti su questo.... ascoltate bene le parole che dice quest'uomo...io ero piccino ma le ho sempre avute nella capoccia...meditate...

 

        A cura di Giuseppe Ardagna

Il 26 Agosto del 1978 Albino Luciani divenne ufficialmente Vescovo di Roma (cioè fu eletto Papa) e successore di Paolo VI. In Vaticano, parecchie persone non erano contente dell’elezione di Luciani al soglio pontificio ma, forse, il più scontento di tutti era monsignor Marcinkus che fino all’ultimo istante aveva sperato nell’elezione del candidato Giuseppe Siri.
Ma chi era questo Marcinkus? Era una delle pedine fondamentali di quella partita a scacchi che da anni si giocava fra Vaticano e grandi banche e che metteva in palio la possibilità di vedere il proprio capitale aumentare sempre di più[1]. Marcinkus era il più alto in grado all’interno dello I.O.R., l’Istituto per le Opere Religiose. Egli intuì immediatamente i pericoli dell’elezione di questo pontefice che, sin dai suoi primi discorsi, aveva lasciato chiaramente intendere di voler far tornare la chiesa cattolica a quegli ideali di carità cristiana propri del primo cattolicesimo, rinunciando alle ricchezze superflue che troppo avevano distolto gli uomini di chiesa dai propri sacri compiti. Figuratevi il capo della banca vaticana come avrebbe mai potuto vedere un tipo del genere sul più alto gradino del proprio stato…

Marcinkus diceva ai suoi colleghi: «Questo Papa non è come quello di prima, vedrete che le cose cambieranno»[2].
Su due punti Luciani sembrava irremovibile: l’iscrizione degli ecclesiastici alla massoneria, e l’uso del denaro della chiesa alla stregua di una banca qualunque[3]. E l’irritazione del Papa peggiorava al solo sentire nominare personaggi come Calvi e Sindona dei quali aveva saputo qualcosa facendo discrete indagini[4].
In coincidenza con l’elezione di Luciani venne pubblicato un elenco di 131 ecclesiastici iscritti alla massoneria, buona parte dei quali, erano del Vaticano. La lista era stata diffusa da un piccolo periodico «O.P. Osservatore Politico» di quel Mino Pecorelli destinato a scomparire un anno dopo l’elezione di Albino Luciani in circostanze mai chiarite.[5] Secondo molti, O.P. era una sorta di «strumento di comunicazione» adoperato dai servizi segreti italiani per far arrivare messaggi all’ambiente politico. Pecorelli, tra l’altro, era legato a filo doppio con Gelli come lo erano Sindona e Calvi[6].
Ma, tornando alla lista ecclesiastico-massonica, questa comprendeva, fra gli altri, i nomi di: Jean Villot (Segretario di Stato, matr. 041/3, iniziato a Zurigo il 6/8/66, nome in codice Jeanni), Agostino Casaroli (capo del ministero degli Affari Esteri del Vaticano, matr. 41/076, 28/9/57, Casa), Paul Marcinkus (43/649, 21/8/67, Marpa), il vicedirettore de «L’osservatore Romano» don Virgilio Levi (241/3, 4/7/58, Vile), Roberto Tucci (direttore di Radio Vaticana, 42/58, 21/6/57, Turo).[7]

Di Albino Luciani cominciò a circolare per la curia l’immagine di uomo poco adatto all’incarico, troppo «puro di cuore», troppo semplice per la complessità dell’apparato che doveva governare.
La morte subitanea, dopo trentatre giorni di pontificato, suscitò incredulità e stupore, sentimenti accresciuti dalle titubanze del Vaticano nello spiegare il come, il quando ed il perché dell’evento. In questo modo, l’incredulità diventò prima dubbio e poi sospetto. Era morto o l’avevano ucciso?[8]
Fu detto all’inizio che Luciani era stato trovato morto con in mano il libro «l’imitazione di Cristo», successivamente il libro si trasformò in fogli di appunti, quindi in un discorso da tenere ai gesuiti ed infine, qualche versione ufficiosa volle che tra le sue mani ci fosse l’elenco delle nomine che il Papa intendeva rendere pubbliche il giorno dopo.[9]

Dapprima, l’ora della morte fu fissata verso le 23 e, quindi, posticipata alle 4 del mattino. Secondo le prime informazioni, il corpo senza vita era stato trovato da uno dei segretari personali del Papa, dopo circolò la voce che a scoprirlo fosse stata una delle suore che lo assistevano. C’erano veramente motivi per credere che qualcosa non andasse per il verso giusto.

Qualcuno insinuò che forse sarebbe stato il caso di eseguire un’autopsia e questa voce, dapprima sussurrata, arrivò ad essere gridata dalla stampa italiana e da una parte del clero. Naturalmente l’autopsia non venne mai eseguita ed i dubbi permangono ancora oggi.

Di questo argomento si occuperà approfonditamente l’inglese David Yallop, convinto della morte violenta di Giovanni Paolo I.

Il libro dello scrittore inglese passa in rassegna tutti gli elementi di quel fatidico 1978 fino a sospettare sei persone dell’omicidio di Albino Luciani: il Segretario di Stato Jean Villot, il cardinale di Chicago John Cody, il presidente dello I.O.R. Marcinkus, il banchiere Michele Sindona, il banchiere Roberto Calvi e Licio Gelli maestro venerabile della Loggia P2.[10]
Secondo Yallop, Gelli decise l’assassinio, Sindona e Calvi avevano buone ragioni per desiderare la morte del Papa ed avevano le capacità ed i mezzi per organizzarlo, Marcinkus sarebbe stato il catalizzatore dell’operazione mentre Cody (strettamente legato a Marcinkus) era assenziente in quanto Luciani era intenzionato ad esonerarlo dalla sede di Chicago perché per motivi finanziari si era attirato le attenzioni non solo della sua chiesa ma addirittura della giustizia cittadina e della corte federale. Villot, infine, avrebbe facilitato materialmente l’operazione[11].
La ricostruzione fatta da Yallop degli affari di Sindona, di Calvi, di Gelli e dello I.O.R., conduce inevitabilmente all’eliminazione del Papa.
Tuttavia la ricostruzione dello scrittore inglese pone alcuni problemi, primo fra tutti la netta sensazione che, in alcuni passi della ricostruzione, gli episodi, le date e le circostanze, tendano ad «esser fatte coincidere» troppo forzatamente.

Tuttavia il lavoro investigativo di Yallop è comunque buono e non si può non tener conto del lavoro dell’inglese soprattutto considerando il fatto che troppi sono i dubbi inerenti le ultime ore di vita del Papa.

Perché e soprattutto chi ha fatto sparire dalla camera del Papa i suoi oggetti personali? Dalla stanza di Luciani scompariranno gli occhiali, le pantofole, degli appunti ed il flacone del medicinale Efortil. La prima autorità di rango ad entrare nella stanza del defunto fu proprio Villot, accompagnato da suor Vincenza (la stessa che ogni mattina portava una tazzina di caffè al Papa) che verosimilmente fu l’autrice materiale di quella sottrazione.

Perché la donna si sarebbe adoperata con tanta solerzia per far sparire gli oggetti personali di Luciani? Perché quegli oggetti dovevano sparire?

Domande destinate a restare senza risposta anche in considerazione del fatto che la diretta interessata è passata a miglior vita.
Una curiosità per chiudere l’argomento: sulla scrivania di Luciani fu trovata una copia del settimanale «Il mondo» aperta su di un’inchiesta che il periodico stava conducendo dal titolo: «Santità...è giusto?» che trattava, sotto forma di lettera aperta al pontefice, il tema delle esportazioni e delle operazioni finanziarie della banca Vaticana. «E’ giusto...» recita l’articolo «...che il Vaticano operi sui mercati di tutto il mondo come un normale speculatore? E’ giusto che abbia una banca con la quale favorisce di fatto l’esportazione di capitali e l’evasione fiscale di italiani?»[12].


[1] Matillò R.D., L’avventura delle finanze Vaticane,Ed.Pironti, Napoli, 1988 ;
[2] Ibidem
[3] Ibidem
[4] Ibidem
[5] Ardagna G., La scoperta della lista P2 nella stampa italiana,Napoli, 2004;
[6] Ibidem
[7] Matillò R.D., L’avventura delle finanze Vaticane, Ed.Pironti, Napoli, 1988;
[8] Ibidem
[9] Ibidem
[10] Yallop D., In God’s name, Ed.Pironti, Napoli, 1992;
[11] Ibidem
[12] Ibidem

 
 
 

QUALCUNO ERA COMUNISTA

Post n°14 pubblicato il 29 Giugno 2009 da faropoeta1970
 
Tag: gaber

Premesso che il sottoscritto non è dalla parte di nessuno, diciamo che mi considero un sognator-anarchico-pacifista, credo che questo testo di Gaber sia un capolavoro, una denuncia alla classe politica di sinistra (ma anche a tutti gli altri)...gli ideali...chi ne ha più? Oramai è solo questione d'interesse....

Ascoltatela fino alla fine...rimarrete senza parole

 
 
 

L'ILLOGICA ALLEGRIA

Post n°13 pubblicato il 29 Giugno 2009 da faropoeta1970
 

Stamattina quando ho aperto il blog di Elliy ho letto una poesia di Neruda, semplice, piena di vita e mi è venuta in mente questa canzone, per me ha un significato particolare, ma se ci si abbandona ad occhi chiusi e si ascolta sono certo che alleggerirà l'anima a chiunque. Provare per credere.

 
 
 

IMPERDIBILI IN DVD

Post n°12 pubblicato il 28 Giugno 2009 da faropoeta1970

REIGN OVER ME

Per una bella serata casalinga ecco un ottimo film, di quelli che ti fanno pensare, un film che farà "riscoprire" un attore che di solito vedimo in filmetti comici e a volte stupidi: Adam Sandler (che personalmente adoro). La sua bravura, in questa storia è quella di rendere umano un personaggio surreale e al di fuori delle righe. Credo che è uno dei 10 film migliori che abbia mai visto.

 

L'OSPITE INATTESO

Ecco un altro film che non si può assolutamente perdere, in comune  con quello precedente ha solo New York (e dimmi niente!!!).
Anche questa storia farà riflettere molto, soprattutto sul fantomatico "sogno americano". Un film che va contro all'illusione, al mito dell'america e fa vedere il volto di una nazione esasperata e stanca, un paese che vive sotto stress ma in cui possono nascere splendide favole, certamente il finale è molto più coerente e realista di una favola, ma finalmente qualche americano ha deciso di girare una pellicola dove alla fine vieni stordito da un bello schiaffo.

Anche questo ritengo sia tra i 10 film più belli che abbia mai visto

 
 
 

SROTOLANDO LE PAROLE E BIANCHEZZA

Post n°11 pubblicato il 25 Giugno 2009 da faropoeta1970

Il sole traccia trappole di luce, arabeschi di colori
le case dei guardiani della mente sono piene di valori
srotolando le parole
scoppiano frontiere di calore
mentre sui mondi di pellicola sostano tutte le navi
e sulle piazze del presente c'è il mercato degli schiavi.

Il tempo degli errori si è concluso e non mi sento di tornare
sotto le macerie del passato c'è ben poco da salvare
io che ho cercato di comprendere
io che ancora non mi voglio arrendere
io che ho creduto nelle favole e sono rimasto da solo
sono sicuro solamente che a sbagliare sono loro.

Nell'alba nata male ammalata di ricordi
di ciechi che volevano vedere, di cervelli nati sordi
sulle miserie stese al sole
lanciavano torrenti di parole
di discussioni interminabili, di libri messi al posto dei cannoni
e di giochi intellettuali senza senso e senza fine e condizioni.

Così che combattendo con discorsi troppo grandi da capire
avendo come pubblico quei pochi che potevano sentire
contrabbandando la ragione
hanno creato solo confusione
solo un passato da comprendere e adesso tutto è tutto da rifare
e l'unica speranza che rimane è che non debbano tornare.

La vita lentamente ha dipanato i suoi sentieri
confuso le mie strade con le altre, i domani con i ieri
io che ho cercato un altro tempo
io che sono sempre contro vento
io che non cerco di nascondermi e urlo davanti alla porta
rimango fermo qui a pensare che la vita non è morta.

 

BIANCHEZZA....

 
 
 

UOMINI CHE ODIANO LE DONNE....un altro applauso al cinema e alla letteratura scandinava

Post n°10 pubblicato il 12 Giugno 2009 da faropoeta1970

Eccomi nuovamente a consigliarvi un bel film, nonchè un bellissimo libro, consiglio di consumarli entranbi, perchè ne vale la pena.

Ultimamente la cinematografia scandinava comincia a stupirmi, dopo "Lasciami  entrare" ecco un altro capolavoro, vero è anche che dietro ad ogni film ben fatto ci deve essere una struttura narrativa solida e quindi bravi anche gli scrittori scandinavi!!! :)

 
 
 

VINCERE!!!!la storia degli sconfitti

Post n°9 pubblicato il 24 Maggio 2009 da faropoeta1970

Stasera sono andato a vedere il film "VINCERE" di marco Bellocchio. Prima di dare il mio parere (modestissimo e personalissimo) vorrei fare una semplice domanda.: Perchè un film su Mussolini suscita così tanto scalpore? e' vero, ci ha portato alla guerra, è stato crudele, lo sono stati i suoi scagnozzi ecc ecc ecc. Io penso che il passato ci aiuti a migliorare, penso che le "liti" sui blog e sui vari forum, sono inutili, stupide e inconcludenti. Un film innanzitutto è un opera d'arte e se si deve discutere di qualcosa allora è del film stesso, dell'interpretazione, della sceneggiatura, di quello che il film ti ha dato. Invece ho letto tante caxxate, gente che inneggiava al duce altri che lo insultavano, altri ancora che lo difendevano. Ma il film? Chi lo ha visto? Chi lo ha guardato con gli occhi giusti? Chi l'ha vissuto dentro di se? Il mio timore è che la maggior parte della gente sia andta a vedere il film o, perchè fascista/simpatizzante oppure per la curiosità di vedere come un regista di sinistra trasportasse su pellicola il tanto "odiato" Mussolini.

Niente di più sbagliato. Ho visto la straordinaria interpretazione di Filippo Timi ela trascinante Mezzogiorno che è riuscita a farmi rabbrividire dalla bravura, la fotografia infine è una cosa veramente superlativa, Bellocchio ha centrato, secondo me, il suo obbiettivo principale, cioè quello di farci vedere un lato segreto  di un uomo, delle sue "debolezze" ma soprattutto della sua voglia di arrivare in cima ad un mondo che come tutti sappiamo si sgretolerà sotto i suoi piedi. Nello stesso tempo, il racconto di una donna che ha amato un solo uomo in vita sua e per lui è stata disposta al manicomio, beh, l'amore è la follia dei lucidi e qui lo si vede perfettamente.Un dramma in un Italia che di drammi ne vedeva ogni giorno, un film su cui soffermarsi e pensare.

Logicamente il film a Cannes non ha avuto nessun premio, ma si sa, il nome di Mussolini è un anatema, una maledizione, che noi italiani ci porteremo ancora un po sul groppone

 
 
 

POESIA DI PEPPINO IMPASTATO

Post n°8 pubblicato il 20 Maggio 2009 da faropoeta1970

Appartiene al tuo sorriso
l'ansia dell'uomo che muore,
al suo sguardo confuso
chiede un pò d'attenzione,
alle sue labbra di rosso corallo
un ingenuo abbandono,
vuol sentire sul petto
il suo respiro affannoso:
è un uomo che muore.

 
 
 

LODO LODO LODO

Post n°7 pubblicato il 19 Maggio 2009 da faropoeta1970

 

Carneade chi è costui?!?!?!?!?

È un prete che stava portando un gruppo di pellegrini a Lourdes ed è stato beccato mentre…ops mi sbaglio…Ah si si ora ricordo!!! Questo signore è il dirigente sportivo di una squadra di calcio beccato mentre….no no, mi sbaglio ancora…dannata memoria…eppure lo sapevo!!!! AAAHHH ora ricordo, è un direttore di banca che dopo la chiusura ha prelevato tutto…..no…no…noooo. Non è che alla fine è una brava persona e me lo confondo con qualcun altro? Eppure…. Porca paletta!! Avete presente quando vi ronza in testa una persona e non riuscite a collocarla? A me succede con gli attori. AAAhhh e non ci dormo la notte se non scopro in quali film li ho già visti!!!

Oddio forse è un attore!!! ???? Ecco stanotte non dormirò!!! Dannata fobia!!! Mi metto davanti alla televisione per rilassarmi un po’….telegiornale…te pare!!!che ci faccio con il telegiornale?!?!?!? Eccolo li!!! È al telegiornale!!! Vuoi vedere che anche loro vogliono capire chi è?!?!? Comincio ad essere confuso, alzo il volume.

Ascoltate con me

 

OK!!! Panico!!!siamo arrivati a questo? Pensavo di essere in un paese democratico dove la legge è uguale per tutti?!?!?!?!? Non è che mi sono addormentato e svegliato in un'altra dimensione?!?!?!? Come può un uomo essere colpevole, ma auto scagionarsi con una legge che lui stesso ha portato avanti e fatto approvare?? Ma neanche  il più geniale degli scrittori di fantascienza sarebbe riuscito ad arrivare a tutto ciò!!!! Che senso ha allora la frase “La legge è uguale per tutti” proporrei l’abolizione di tale scritta da tutti i tribunali perché è una presa per il culo alla gente comune banditi o onesti che siano. Nella vostra dimensione stanno succedendo cose veramente assurde, il problema è che non so come ritornare nella mia, dove qualcosa di logico c’era…almeno che io ricordo….ma anche quel ricordo sta sparendo… siamo sicuri di dove stiamo andando? Perché a me pare sia una strada senza uscita!! Mi stupisce ancora che c’è tanta gente che sostiene “l’uomo colpevole”? (se non lo avete ancora capito, l’uomo colpevole non è quello della foto) Ma è così in gamba da riuscire a prendere in giro tutti o sono gli avversari che sono talmente deboli che non danno nessun significato ad una vera sfida elettorale? Io me ne tiro fuori (l’ho già fatto da una decina di anni), dicono che votare è un diritto….AHAHAHAHAHAHAHAH ancora ci credete? Ancora pensate che voi avete voce in capitolo? Ma daiiiii, io arriverò da un'altra dimensione ma voi siete sempre stati dentro alla caverna di Platone!!!!

Comunque per chi non lo sapesse ecco le istruzioni per andare contro la legge e rimanerne completamente puliti, cliccate qua

…e non vergognatevi se lo avete votato anche voi, magari pensando “è già ricco, poco potrà rubare”…sbagliato!!! Ma questo non sta a me dirlo, è inutile tornare dentro alla “caverna” vi prendereste gioco di me, lo so, quindi buona vita e continuate a votarlo, tanto anche se non lo votate, sarà sempre al vostro fianco ad amaestrarvi 

 

 

 
 
 

LA VERITA' DELLE STELLE

Post n°5 pubblicato il 23 Ottobre 2008 da faropoeta1970


Viaggiatore stanco...
alzo lo sguardo al cielo
ed oltre le nuvole vedo Mondi
infiniti spazi
...ma le stelle sono tutt'altra cosa..
.

 
 
 

TENUE SILENZIO

Post n°4 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da faropoeta1970


libero
tutto ciò che sfioro
anima
voce
sangue
poi
il volo di una nota
tenue
come questo silenzio

(grazie a Elliy per il suo prezioso contributo)

 
 
 

FINE DI UN MONDO

Post n°3 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da faropoeta1970


Nessun angolo mi tormenta
solo il tuo sole può scaldarmi
io relitto e vittima
denso di sangue ancora da versare
relegato alla fine di un mondo
dove il cercarti sarà l'unica mia battaglia
l'unica mia alba fatta tramonto

 
 
 

L'ARCOBALENO

Post n°2 pubblicato il 21 Ottobre 2008 da faropoeta1970


E' luce d'ogni ricordo....
è l'unione dell'umida aria
è il sapore delle tue parole
sulla mia pelle
e le tue labbra d'arcobaleno

 
 
 

BASTA SAPERLO

Un consiglio per tutti i giorni, si risparmia detersivo, corrente elettrica e in più non si inquina.

ECCO IL SITO DOVE ORDINARLA

 

UN PO DI FRESCO

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

BASTA ESSERE DERUBATI!!!!

Cancelliamo il Canone Rai

 

Il calendario 2009 dei santi laici

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

pepinettoulalume0benedetta.gambarettobelgiancatalamoni.vascotruccoadatamatavestella.bontempilucio.zanverdianiadriano.bridargiovanni280gennarobuono_2010Zandyzandysilvano.levomariacrispo57
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom