Blog
Un blog creato da fossing il 29/08/2012

COSI' DEV'ESSERE!

PENSIERI, AFORISMI, CINEMA, MUSICA, ARTE, SOGNI... E MOLTE CIANFRUSAGLIE.

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

fossingcassetta2Eliisa_50rovettaalphabethaadolcesettembre.1barbara1975pepsuccodanimaAster9several1paperinopa_1974Universo.BloggerDJ_Ponhzilumil_0sei12cinquantasei
 

ULTIMI COMMENTI

un altra via non c'è???
Inviato da: arrabiatissimi
il 09/09/2014 alle 17:50
 
A me spaventano tutte le religioni, non solo quella...
Inviato da: fossing
il 11/05/2014 alle 14:29
 
Tre volte in India . Stesso tuo percorso interiore, o...
Inviato da: RavvedutiIn2
il 10/05/2014 alle 20:51
 
L'onestà sicuramente aiuta. Grazie per il commento.
Inviato da: fossing
il 10/05/2014 alle 19:48
 
Io aggiungerei con l'onestà.
Inviato da: Axelle.Y
il 10/05/2014 alle 16:32
 
 
 

LUIS BUNUEL

 

JEAN PIERRE LEAUD

 

AMEDEO MODIGLIANI

 

JEAN VIGO

 

 

IL GRUPPO TNT

 

 

PIERO CIAMPI

 

PABLO PICASSO

 

JOAN MANUEL SERRAT

 

JACQUES BREL

 

GEORGES BRASSENS

 

LEO FERRE'

 

FRANCOIS TRUFFAUT

 

NICK DRAKE

 

FABRIZIO DE' ANDRE'

 

 

Il pensiero

Post n°33 pubblicato il 09 Settembre 2014 da fossing
 

KARMA, REINCARNAZIONE, ILLUMINAZIONE





"L'ANIMA"

(Prima parte)


Dopo avere scritto la breve introduzione al discorso sul Karma, la reincarnazione e l'illuminazione, ho pensato: "Non è possibile tralasciare un argomento importante come quello sull'Anima". Direi che è essenziale passare prima attraverso questo tema. 

Nel "Fedone" di Platone, Socrate si rivolge a Cebete (suo seguace) con questa domanda: "C'è un opposto all'essere vivi, come il sonno è opposto al destarsi"? Risponderemmo tutti che l'opposto dell'essere vivi è senza dubbio l'essere morti, proprio come rispose Cebete.
Socrate parlava di opposti: il sonno è opposto al destarsi; la morte è l'opposto della vita; la vita è l'opposto della morte! 
Ogni cosa nell'universo ha il suo opposto. Questi opposti si alternano continuamente in eterno e non possono annientarsi a vicenda perchè l'uno serve all'altro. Un esempio che può spiegare questo fenomeno è una moneta: riuscireste ad immaginare una moneta con una faccia sola? Cosa succederebbe se eliminaste una delle due facce? Non potrebbe esistere...Ed è per questo motivo che la morte non può annientare la vita. Allora possiamo affermare che la morte (intesa come la fine di tutto) non esiste e che la nostra vita continuerà in eterno sotto altre forme oltre a  quella materiale? 
A causa di questa assurda logica umana, per cui tutto ciò che non possiamo vedere, udire o toccare non esiste, mi trovo spesso davanti ad affermazioni del tipo: "Cos'è questa Anima? Io non ho un'Anima"! 
Ho sempre creduto che prima di negare sia necessario indagare, quindi, nella seconda parte di questo discorso cercherò di spiegare ciò che penso sia l'Anima, partendo dal concetto che l'essere umano è composto da tre strati: materia, spirito e puro pensiero.

 
 
 

L'aforisma

Post n°30 pubblicato il 23 Maggio 2013 da fossing
 

"L'ESSERE UMANO HA SOLO DUE MODI PER AVVICINARSI ALLA VERITA' :CON IL SOGNO O CON LA MORTE".

 
 
 

L'aforisma

Post n°24 pubblicato il 27 Ottobre 2012 da fossing
 

"UNA DELLE GRAVI MALATTIE DEL NOSTRO TEMPO, LA PIU' CONTAGIOSA E DIFFICILE DA DEBELLARE, E' LA NORMALITA'".

 
 
 

Il sogno

Post n°23 pubblicato il 27 Ottobre 2012 da fossing
 


SOGNI

(Terza parte)






IO ED IL MONACO

Sono in riva ad un fiume con altre due persone: un ragazzo, di cui non riesco bene a visualizzare il viso ed un vecchio monaco buddhista. 
Dobbiamo caricare dei misteriosi pacchetti avvolti uno ad uno con un nastro adesivo nero, su una barca ancorata al bordo del fiume. Finito il lavoro io ed il monaco saliamo sull’imbarcazione, mentre l’altro ragazzo resta a terra. Il vecchio prende due remi e comincia a remare stando in piedi; sembra molto esperto. Il nostro compito e’ di arrivare dall’altra parte del fiume, dove c’e’ una grande isola...Il fiume è molto calmo.
Arriviamo sull’isola e scendiamo dalla barca, lasciando incustoditi i pacchetti caricati in precedenza. 
Seguo l'anziano mistico, che sta prendendo un sentiero molto ripido che porta sulla cima di una collina. La strada da percorrere è tanta e tutta in salita. 
A metà strada ci fermiamo per riposarci e ci sediamo su uno spazio erboso. Siamo tutti e due a testa bassa e in silenzio, come se stessimo meditando.
Il monaco alza la testa e mi sussurra una frase: “Sono sceso cento volte e cento volte mi avete ucciso”. Lo guardo stupito, perchè non ho idea di cosa stia parlando.
All’improvviso, dietro di noi, sull'altura da raggiungere, si è accesa una luce fortissima ed accecante. Ci voltiamo di colpo per capire che cosa stia succedendo; dietro questa luce c’e’ qualcosa: una croce con un uomo inchiodato su di essa. Mi giro verso il monaco, ma intanto è sparito. Cerco di arrivare da solo sul luogo del mistero, per capirci qualcosa.
Giunto alla meta, ritrovo il mio vecchio compagno di viaggio crocifisso come un Gesù Cristo.
Preso dallo sgomento, corro velocemente giù per la collina.
La corsa è accompagnata da una musica. Una colonna sonora finale nello stile dei film Kolossal degli anni '50 e '60. Una musica maestosa, solenne.

 
 
 

L'aforisma

Post n°21 pubblicato il 09 Ottobre 2012 da fossing
 

"L'ETERNO ERRORE DEL SUICIDA, STA NELL'IGNORARE L'INARRESTABILE EVOLVERSI DELLE VICENDE DELLA VITA".

 
 
 

Il pensiero

Post n°18 pubblicato il 25 Settembre 2012 da fossing
 


SECONDO PENSIERO


 

Non importa cosa fai nella vita. Anche se tu commettessi il più grave reato della storia dell'umanità, se la tua coscienza si sente a posto e sei sicuro che quella era la cosa migliore da fare, allora va tutto bene. Se per la giustizia umana sei un criminale, non è detto che tu lo sia anche per la legge universale.

 
 
 

La teoria

Post n°17 pubblicato il 17 Settembre 2012 da fossing
 

L'UNICA VERITA', E' CHE NON ESISTE UNA VERITA'.






Ogni giorno, mi trovo di fronte a gente che vuole a tutti i costi imporre il proprio pensiero; non un'opinione personale, ma una presunta verità, che per loro è assoluta. Queste persone, se riuscissero a prendere il potere in uno Stato non democratico, diventerebbero sicuramente dei tiranni. In politica, in famiglia , sul lavoro, nella religione, tutti credono che la ragione stia dalla loro parte.

Ho frequentato per tre anni un centro buddhista, dove il rispetto per l'essere umano dovrebbe essere al primo posto; dove il concetto di verità assoluta non dovrebbe esistere. Il primo giorno pensai di aver trovato il paradiso, il luogo giusto, il mio posto ideale...Dopo qualche mese, mi trovai nel bel mezzo di un litigio! Gente che si stava scannando, perchè una parte non accettava le idee dell'altra. E' una fortuna che non siano arrivati alle mani. Il risultato di tutto questo, fu una separazione dei due gruppi. Mi trovai a dover scegliere da che parte stare. Ma la mia soluzione, dettata dai miei dubbi su chi avesse ragione o torto, fu quella di andarmene e non tornare più. In caso avessi scelto uno dei due gruppi, avrei dato torto all'altro. Ed io non ho idea dove stiano il torto e la ragione.
Di menzogne su Dio se ne sono dette tante: servono per quietare la massa. Ho sentito il papa dire che: "Dio ama la chiesa cattolica". Questo vuol dire forse che il papa è in contatto telefonicamente con il creatore? Oppure si incontrano in segreto? A parte gli scherzi, qualcuno sicuramente ha creduto a questa, chiamiamola, "falsa verità". Quando qualcuno è troppo attaccato alla propria religione, non è più libero di pensare; è come se il suo pensiero fosse chiuso in una gabbia, mentre qualcuno fuori lo sta ammaestrando.
Non c'è molta differenza tra la religione e la politica. Un esempio lo abbiamo in Italia: questa eterna e stupida lotta tra partiti di destra e di sinistra, che cercano da secoli di annientarsi fra di loro. Vecchi rancori non ancora assopiti, che poi vengono trasmessi alla massa attraverso la televisione e i giornali. E' facile indottrinare la gente in questo modo: basta una buona favella e un canale televisivo come mezzo di diffusione ed il gioco è fatto. E' come se ci servissero le loro certezze su un piatto d'argento: "Mangiatene pure! Questa è la verità". 
Ma cos'è questo bisogno di aggrapparsi continuamente alle idee, agli sbagli e alle verità degli altri? E questo appiccicarsi addosso delle etichette? Io sono comunista, io sono fascista, io sono cattolico, io sono protestante...Perchè nessuno pensa ad essere solamente se stesso?
Credo che la cosiddetta "Verità" dell'essere umano, qualsiasi essa sia, non abbia nessun valore. E' ingenuo chi crede di conoscerla. Nemmeno ciò che ho scritto fino ad ora è una certezza. 
L'unica verità, è che non esiste una verità! 

 
 
 
 

FILM PREFERITI

 

DISCHI PREFERITI

 

LIBRI PREFERITI

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHET BAKER

 

JEANNE MOREAU

 

PIERPAOLO PASOLINI

 

MONIQUE ANDREE SERF (BARBARA)

 

JACKSON POLLOCK

 

RENE' DESCARTES (CARTESIO)

 

WOODY ALLEN

 

CLAUDIO ROCCHI

 

VASHTI BUNYAN

 

FEDERICO FELLINI

 

JEAN LUC GODARD

 

GAUTAMA IL BUDDHA

 

JAMES DEAN