CULT2012

Recensioni - Segnalazioni librarie

Creato da gabriellatiganisava il 21/12/2008

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Ultimi commenti

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Ultime visite al Blog

StalinSocietyInes.Robinsonveruska78SPatacchiolaazul2008marcellorinaldi85luana.bcorale.sansevero1VIVICA2fjona72ciffi.amegliogabriellatiganisavaRoaarrrizzinosafcallegari.eli
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Ma a voi piacciono i malls?ANTEPRIMA »

“Nulla è sicuro, ma scrivi”

Post n°132 pubblicato il 29 Marzo 2010 da gabriellatiganisava

“Nulla è sicuro, ma scrivi”:

 La poesia impegnata

di 

FRANCO FORTINI (1917-1994)

Perché poeti in tempo di povertà? Con questa domanda (che per primo si pose Holderlin due secoli fa) si è aperto un interessante ciclo di incontri, con sede nella Biblioteca delle Oblate a Firenze, dedicato alla poesia moderna e contemporanea. Palese è il riferimento alla difficoltà di scrivere o semplicemente anche di parlare di poesia e leggere poesia oggi come in passato. In uno degli ultimi incontri, il prof. Vittorio Biagini, docente di letteratura italiana a Firenze, ha presentato la poesia “irregolare” del fiorentino Franco Fortini, figura importante della seconda metà del Novecento. Grande critico letterario, poeta e saggista, Fortini fu anticipatore del Sessantotto. Alle sue accurate traduzioni, si deve la conoscenza e diffusione delle opere (poesie, canzoni e testi teatrali) di Bertold Brecht, alla fine degli anni Cinquanta in Italia. Grande fu anche l’impegno politico di Fortini, il quale sperimentò personalmente l’esperienza della guerra antifascista andando a combattere assieme ai partigiani della Valdossola. Collaboratore di numerose riviste quali “Officina”, “Quaderni rossi”, “Quaderni piacentini”. La produzione poetica di Fortini ebbe inizio a partire dagli anni Trenta. Tra le opere più note: Foglio di via e altri versi (1946; riedizione del 1967), Poesia ed errore (1937-1957, 1969); Una volta per sempre (1963), L’ospite ingrato (1966), Paesaggio con serpente (1983); Versi scelti (1939-1989). 

Quella che segue è una delle poesie di Fortini più note e assieme di più difficile lettura, nonostante di primo acchito si possa pensare il contrario, intitolata Traducendo Brecht (da Foglio di via, 1946). I versi iniziali descrivono un evento naturale, un temporale (simbolo di conflitto e della diversa interpretazione della Storia che divideva Fortini e Montale); nei versi seguenti l’autore compie un autoriferimento (anche di me) assai frequente nelle sue poesie, cogliendosi intento a fissare versi di cemento e vetro (si tratta dei versi di Brecht, autore complesso e dalla scrittura dura, tagliente), la pagina secca (perché prosciugata, ermetica) ascoltavo morire etc..(il poeta fa riferimento alla difficoltà del mestiere di poeta e di traduttore, alla quasi impossibilità di rendere in una lingua non propria, i versi di un altro poeta); non per noi più (in un momento storico di non-ascolto, di mancanza di attenzione). Fortini prosegue con l’evidenziare lo stato di quiete (o di calma apparente), quasi di stand-by, in cui non si riesce più neanche a distinguere le vittime dai carnefici. I versi finali sono un’auto esortazione, un invito, nonostante la non necessità della poesia (la poesia non muta nulla) rivolto a se stesso a proseguire nella sua attività. Negli ultimi versi (la natura…) Fortini affronta il problema della diversità tra Storia e Natura: la natura non ha la violenza e la brutalità della Storia che presenta agli uomini scontri di crudeltà inaudita, estranei alla natura. Nulla è sicuro, ma scrivi: la consapevolezza della caducità e dell’incertezza della vita, la fragilità delle strutture sociali e politiche, non devono distogliere l’intellettuale dalla scrittura e dall’ impegno civile.

Traducendo Brecht (da Foglio di via)

Un grande temporale per tutto il pomeriggio si è attorcigliato

sui tetti prima di rompere in lampi, acqua.

Fissavo versi di cemento e vetro

dov’erano grida e piaghe murate e membra

anche di me, cui sopravvivo. Con cautela, guardando

ora i tegoli battagliati ora la pagina secca,

ascoltavo morire

la parola d’un poeta mutarsi

in altra, non per noi più, voce. Gli oppressi

sono oppressi e tranquilli, gli oppressori tranquilli

parlano nei telefoni, l’odio è cortese, io stesso

credo di non sapere più di chi è la colpa.

Scrivi, mi dico, odia

chi con dolcezza guida al niente

Gli uomini e le donne che con te si accompagnano

e credono di non sapere. Fra quelli dei nemici

scrivi anche il tuo nome. Il temporale è sparito con enfasi. La natura

per imitare le battaglie è troppo debole. La poesia non muta nulla.

Nulla è sicuro, ma scrivi.                                      

                                                                           M. Gabriella Tigani Sava

 

 

 

 

 

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/gabriellatigani/trackback.php?msg=8625879

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
levd
levd il 31/10/10 alle 00:52 via WEB
[Ma sei sicura che la lirica "Traducendo Brecht" faccia parte della raccolta "Foglio di via"?]
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.