MEMORIE DI UNA GEISHA

Il cuore muore di morte lenta. Perdendo ogni speranza come foglie. Finché un giorno non ce ne sono più. Nessuna speranza. Non rimane nulla.

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 36
 
 
Creato da: gameplayer il 26/08/2006
un percorso nell'anima

 

 
« BUON COMPLEANNO YLAG!!!...C’E’ BISOGNO DI INGRASSA... »

ECCO…

Post n°742 pubblicato il 29 Luglio 2012 da gameplayer
 

Mi sento uno zombie, e forse lo sono anche, mi  trascino per  la casa, costantemente in pigiama, indifferente a tutto quello che mi circonda, rispondo al telefono se ne ho voglia,  altrimenti lo guardo squillare… E’ morto qualcosa di me  e non riesco a trovare una nuova collocazione a ciò che è rimasto, tutto mi sfiora e non lascia traccia, vedo occhi indagatori che mi scrutano, mia madre è convinta che farò qualcosa di insensato, mi fa discorsi di come bisogna accettare le cose che accadono, senza lasciarci prendere dalla disperazione…le sorrido e dico sì sì  muovendo la testa  come i cagnolini che si mettevano dietro al pianale negli anni 70.

Il tempo, ci vuole solo tempo e questo dolore sordo passerà, questo cercarla con gli occhi, queste lacrime pronte sempre ad uscire si placheranno… Nei momenti più impensabili eccole lì che a tradimento scorrono… la mia piccola pelosona maremmana ( Passione che ci accumunava con mio padre … Lui aveva la sorella della mia Luna) non c’è più e devo farlo comprendere al cuore.

Ieri come una specie di illuminazione ho compreso, il fatto che fosse solo e non avesse assistenti tranne me, il fatto che avesse mandato via l’infermiera e mi guardasse in un certo modo evitando il mio sguardo  sapeva che stava per darmi una terribile notizia , aveva già deciso che l’operazione era inutile perché aveva visto quello che io in realtà non volevo vedere… che lo stato generale era precario e che non ce l’avrebbe fatta e sarebbe accaduto quello che ho sempre temuto di più, cioè che soffrisse. Ed improvvisamente tutto quello che mi ha detto mercoledì mentre piangevo e cercavo di accettare l’idea  si fanno strada nella mia coscienza.

Ecco la mia mente ragiona, razionalizza, ma il cuore è tutt’altra cosa, il cuore piange, si dispera e vorrebbe urlare, urlare all’infinito ma quell’urlo è chiuso lì nella gola , che preme, spinge ma che non faccio uscire…

Mi guardo intorno, la casa è lo specchio della mia indifferenza, dovrei fare qualcosa ma nulla, non mi viene di fare nulla e ciondolo di qua e di là ,letto divano, sedia , persiane chiuse e i rumori e le parole intorno a me lontane.

Tu … lontano, perso nelle tue cose, solo tu forse, mi raggiungeresti…

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
mikelsolare
mikelsolare il 29/07/12 alle 17:06 via WEB
E' un grande vuoto intorno a te, causato dalla mancanza di una vera compagna di vita, una creatura sensibile che ti capiva in ogni tuo atteggiamento e sempre accanto a te.. solo chi ha un cane può comprenderti..
(Rispondi)
 
micia.o
micia.o il 01/08/12 alle 17:51 via WEB

..Non è questo dolore che ci rende "umani"? - Accettare l'inaccettabile non cosa facile, e ognuno di noi deve avere la possibilità di "vivere il dolore" a modo proprio,senza che altri necessariamente comprendino: solo il diritto di lasciarci somatizzare come meglio possiamo..Pinagendo, mostrando rabbia, isolandoci o parlandone spesso... non importa come, non è salutare non reagire in qualche maniera...poi lo sappiamo tutti, il vero dottore resta e resterà sempre "il tempo"-che ci permetterà di lenire il cuore e vivere con sentimenti diversi quello che oggi ci distrugge.
Un saluto affettuoso=^;^= by RoS®

(Rispondi)
 
FedericaJ7
FedericaJ7 il 23/08/12 alle 00:50 via WEB
Mi dispiace Game.... leggo solo ora... ti capisco e ti abbraccio... Nonostante il dolore lacerante, che spesso non puoi raccontare fino in fondo, io so che rivivrei e rifarei tutto, migliaia di volte. E malgrado sia passato del tempo, l'unica cosa che veramente mi consola è la fortuna di essermi concessa questo amore fino in fondo, senza riserve, senza preoccuparmi di riversarlo a quello che era 'solo un animale', parafrasando le parole di coloro che si prodigavano a consolarmi con negli occhi lo stupore di chi non comprende quelle che considera sostanziali esagerazioni.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

gameplayerITALIANOinATTESAal_kimiyahatelascelta1acronimo_bluDominanceTRAAMOREPASSIONEarcadia_010dissolvenza4mipiace1956Massimiliano_UdDho_smesso_di_pensareantony223orso3458
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

DAL WEB

Perso in riva la mare
Contare innumerevoli tracce
A ciascuna una vita
Diversa, sconosciuta
Io uomo curioso
Io granello di sabbia
Intravedo mille volti
Mentre l'acqua ricopre
Cancellando le realtà
Io curioso granello di sabbia
Tra l'immensità della spiaggia

 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom