Community
 
giuliA_PD
Sito
Foto
   
 
Creato da giuliA_PD il 01/05/2006

Soltantogiulia

Aggrappata alla fragilità...

 

 

La pesca dei pensieri è appena cominciata.

Post n°211 pubblicato il 10 Aprile 2009 da giuliA_PD

Ho sempre creduto fosse semplice raccontarsi, raccontare… e invece, ora che mi sono indirettamente messa alla prova scopro quanto la semplicità sia impalpabile in questo frangente.

Stavo in silenzio, mi raggomitolavo per non farmi notare, parlavo solo quando mi veniva chiesto e non a sproposito… ascoltavo… offrivo una metaforica palestra in cui sfogarsi… ragionavo… e mi chiudevo a riccio se una cosa iniziava a farmi sentire quella fitta al petto, che solo qualcosa di appuntito è in grado di scatenare. In questo ero davvero brava.
Chiudermi per poi autodistruggermi.


E chi ha detto che le favole sono per forza a lieto fine? Dove sta scritto?

Per fortuna da nessuna parte, non devo avvalermi di “licenza poetica” anche in questo caso.

Cappuccetto Rosso poteva tranquillamente rimanere incastrata nelle fauci del lupo per l’eternità. Biancaneve non essere risvegliata dal Principe. E così via…


Io, non ho ancora raggiunto la fine della mia favola. Sono solo incespicata su qualche sasso del bosco dove Cappuccetto amava passeggiare… Ho solo dato un morso ad una mela rossa, sorprendendomi che non fosse avvelenata. Il senso della sorpresa mi ha generato una grande smorfia, girata di 180 gradi, rispetto ad un normale sorriso. Probabilmente perché ero in uno stato di disprezzo allo stato puro.


So solo che ora, a poco più di un quarto delle pagine che sono state scritte di me, so sorridere con tutta la forza che ho in corpo.

Piccola consapevolezza,

che è in grado di espandersi nel mio corpo

tanto da occuparlo tutto.

 
 
 

Oggi è un giorno speciale.

Post n°210 pubblicato il 10 Aprile 2009 da giuliA_PD

E' che oggi sono in forma

oggi è un giorno speciale

di quei giorni che non vengono spesso come le eclissi di sole,

che le puoi quasi contare.

Citando i "vecchi Negrita", grazie a chi me li ha fatti conoscere.

E soprattutto grazie a chi, mi fa sentire così, oggi.

E non solo oggi.

 
 
 

Come mi sento ora?

Post n°209 pubblicato il 08 Aprile 2009 da giuliA_PD
Foto di giuliA_PD

 

...mi sento libera da non so che tipo di prigionia, e pronta a non so che cosa.

 

Ma, mi sento esattamente così:

libera e pronta.

 
 
 

Riesumando, un anno e due giorni fa.

Post n°208 pubblicato il 08 Aprile 2009 da giuliA_PD

Ho appena abbandonato il bicchiere di birra, dopo essermi dissetata dell’ultima bollicina.

 

Mi prendi per la vita conducendomi verso il sole dicendo di volerlo acchiappare.

 

Ti seguo,

non potendo fare altrimenti,

visto che ti ero a fianco.

 

La birra non fa effetto e mi ritrovo a contare i battiti del cuore, come quando per addormentarmi da piccola, contavo le pecore… povera illusa, mi metteva solo agitazione. Agitazione, la stessa sensazione che provavo. Camminavo e contavo, cercando di far combaciare entrambe le cose, cercando di non alzare la testa, facendo di tutto per non incrociare il tuo sguardo. Mi faceva sentire sicura quella mano su un fianco, ma contemporaneamente quella stretta sicura mi soffocava. Era da tanto che il mio cuore non mi dava cenni di vita così prepotenti e questa sorta di perdita di controllo mi rendeva ancora più piacevolmente irrequieta.

Mettiamo piede sulla prima morbida, rotonda, verde aiuola.

 Ti siedi,

e io con te,

mi trascini.

 

 Porti il mio bacino accanto al tuo e spontaneamente la mia testa finisce appoggiata sulla tua spalla.

Perdo letteralmente la parola, e nell’immediato il mutismo coinvolge anche te.

La mano destra inizia a correre sul tuo petto, fino a raggiungere la parte sinistra, dove batte il cuore.

E’ il mio vizio, amo sentire il cuore di una persona. Me l’ero scordata, impedendomi per tanto tempo questo gesto così innocente.

Avverto l’aumento

improvviso

di battiti, e con i tuoi i miei… quasi all’unisono.

Ho paura ad alzare la testa, ma facendomi violenza riesco ad incontrare i tuoi occhi e a far conoscenza con il tuo sorriso per un paio di volte. Alla terza, rimango incantata, non sorrido più, mi faccio quasi seria. Tu, prendi la mia mano che stava rovistando sul tuo petto e ci stringiamo in un abbraccio. Ti abbraccio con tutta la forza che non ho mai avuto in corpo, istintivamente mi ritrovo al buio…

cieca

della mia stessa voglia di non vedere,

in quel momento,

ma di

ascoltare

soltanto.

 

Ti sento

 addosso a me.

Sento le tue labbra carnose sulle mie,

il sapore della sigaretta fumata poco fa,

la tua barba che pizzica un po’ la mia pelle,

le tue mani che si fanno immediatamente più coraggiose.

 

Un bacio, un Signor bacio, di quelli che mi ero dimenticata.

Tanto baciare è un po’ come andare in bicicletta, non si dimentica

mai.

Riesco finalmente a lasciarmi andare, a seguire la sinuosità dei gesti del tuo corpo, a non essere più legata al razionale per mantenere un certo margine di controllo.

I tuoi denti mi mordicchiano le labbra. Ci stacchiamo un attimo per poi riprenderci in un abbraccio.

 

Riesci

a raggiungere il mio collo e a farmi ricordare i brividi.

Riesci

anche

a riportarmi alla

realtà,

staccandoti per sempre da quello che avevi

oltretutto ottenuto con naturalezza

e senza la sfacciataggine dei soli ormoni maschili.

 
 
 

Ho deciso, mi scrivo.

Post n°207 pubblicato il 07 Aprile 2009 da giuliA_PD

Nel periodo di Pasqua di due anni fa presi una decisione.

Cedetti per quella viuzza a sinistra,

dalle sembianze così

diverse

da quella della vita ordinaria.

Una strada che aveva l’aria di essere molto entusiasmante,

 quasi più entusiasmante dello stesso vivere, inteso nel vero senso del verbo.

Prendendo in considerazione una visione aerea, regnava il deserto, che riportava l’attenzione solo su quel pallino biondo.

C’ero solo

io

e c’era chi dall’altra strada gridava il mio nome sordo a squarciagola. Nemmeno l’eco mi penetrava.

Il tutto era in discesa, non mi si vedeva nemmeno più.

Sparivo mentre il mio obiettivo si realizzava.

Camminavo lentamente,

l’entusiasmo mi aveva letteralmente stremata…

con gli occhi della gente costantemente addosso.

Non capivo come fosse possibile.

Mi avevano scoperta.

Vanamente

decido

di

 

.    NASCONDERMI...

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Hal_69Angel.of.Love.xxxnoteinblugiuliA_PDamante.improvvisocristinapontilloGretixraffaele.tarale61veilcavaliereoscuro3marissa39beth_sullivanstella_cometa1983gilli.elena93
 

ULTIMI COMMENTI

ehi GiuliA...So che questo è il modo meno opportuno per...
Inviato da: Manu_dla_mota
il 25/12/2008 alle 16:31
 
Salutiamo.
Inviato da: CONTERALLY
il 20/10/2008 alle 20:46
 
Ciao, grazie della visita, tanti auguri per questo blog e...
Inviato da: progigi
il 11/07/2008 alle 15:42
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 10:51
 
ciao ho avuto il piacere di passare dal tuo blog,e devo...
Inviato da: scoiattolina19880
il 22/01/2008 alle 19:04
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom