Creato da neopensionata il 10/03/2009

PENSIERI LIBERI

Il mio Io in piena sintonia con me stessa

 

« Felice week end............Il film “2012″....... »

Giovanni Pascoli - Novembre

Post n°149 pubblicato il 09 Novembre 2009 da neopensionata

 

Gemmea

l'aria, il sole così chiaro

che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l'odorino amaro
senti nel cuore...

Ma secco è il pruno e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno; solo, alle ventate
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cadere fragile. E' l'estate,
fredda, dei morti.


Spiegazione

“Novembre” è una poesia scritta da Giovanni Pascoli composta da tre strofe composte da endecasillabi saffici (tre endecasillabi e un quinario; questa struttura vuole dare un senso di lentezza) e dodici versi. La rima è alternata e il senso è discendente (si parte da una situazione positiva, disillusione, disincanto; si parte dal bello per arrivare alla tristezza).
La struttura è paratattica, essenziale, veloce.
• La prima strofa: pur essendo in novembre, l’illusione della primavera.
• Seconda strofa: disillusione.
• Terza strofa: la presa di coscienza che si è in autunno.
Il linguaggio è semplice e quotidiano, ma simbolico, le parole sono ricche di simboli. Il linguaggio è allusivo e impressionistico, che deve evocare le impressioni che hai attraversi i sensi.
Le figure stilistiche, retoriche sono molte. Sono presenti molti enjambement (quattro).
• “Odorino amaro” è una sinestesia (figura stilistica che, in questo caso, mette insieme un senso olfattivo con un senso gustativo. Si ha una sinestesia quando vengono unite due sensazioni diverse. Ritrovo la sinestesia quando ho un linguaggio impressionistico).
• “Estate fredda” è un ossimoro (contrapposizione di due parole; nome e aggettivo in contrasto. Anche l’ossimoro è usato per ottenere un linguaggio impressionistico).
• “Gemmea l’aria” è un chiasmo (aggettivo e nome, sensazione fonico – visiva, sensazione sensoriale).
In questa poesia si ha uno scardinamento della struttura metrica classica.
Lo spazio e il tempo sono simbolici: il tempo è novembre, mentre lo spazio è di campagna, agreste (Pascoli pensa sempre alla campagna romagnola). Il poeta non ci vuole rappresentare la realtà; apparentemente ce la sta descrivendo, ma tutto rappresenta un’altra cosa.
Il titolo, “Novembre”, rappresenta tutte le cose che sono destinate a morire, a non esserci più. In tutta la poesia è presente il senso della morte. Via via c’è il senso di tristezza, malinconia, lentezza. Pascoli ci sta parlano della vita, che poi porterà della morte. La poesia è ricca di musicalità in positivo per ottenere un linguaggio impressionistico. Le consonanti R e L accentuano gli effetti sonori.
Nella poesia Pascoli unisce diversi campi semantici, sensoriali: olfattivo – uditivo, visivo, fonico. Apparentemente parla di sensazioni, ma parla dei suoi stati d’animo.

Parafrasi

L’aria è limpida e fredda, la luce del sole è così chiara che tu cerchi con lo sguardo gli albicocchi fioriti, l’odore amaro del biancospino dentro il tuo cuore…
Ma, in realtà, il pruno è secco, e le piante stecchite tramano il cielo con i loro rami spogli e scuri, il cielo è privo di nuvole, e sotto il piede il terreno sembra duro e cavo.
Tutto intorno v’è silenzio: solo con le folate di vento senti da lontano, dai giardini e dagli orti, un rumore leggero delle foglie che cadono. E’ l’estate fredda e veloce dell’inizio di novembre.

Commento


La poesia “Novembre” fu elaborata nel 1890 e pubblicata su “La Vita Nuova” nel febbraio 1891; infine fu conclusa nella prima edizione di Myricae nel 1891.
E’ composta da tre quartine a rima alternata.
La prima impressione è quella di avere davanti un paesaggio primaverile, ma questa è solo un’illusione: infatti la poesia è ambientata in novembre e i vari odori e colori sono percepiti non con i sensi ma con l’immaginazione.
Nella prima quartina, viene descritto un paesaggio tipicamente primaverile, e persistono immagini di vita, di luce e di colore; nella seconda, invece, viene descritto il paesaggio autunnale e allude alla morte, e nell’ultima quartina Pascoli affianca l’immagine della “finta” estate alla morte, quindi sono presenti .
L’elemento che bipartisce i due quadri naturali è “ma”, poiché ribalta tutto ciò che è stato detto un attimo prima. Inoltre la seconda quartina è piena di parole come “secco e stecchite” che cambiano immediatamente l’immagine della primavera.
Sono presenti alcune sinestesie, come “odorino amaro”, “cader fragile”, e un ossimoro: “estate fredda”.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/gondola/trackback.php?msg=7962273

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
onlinemara07
onlinemara07 il 09/11/09 alle 13:09 via WEB
Un post completo e molto ricco di informazioni. Un abbraccio. Mara.
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 09/11/09 alle 19:32 via WEB
Scusa, ma per stasera solo e soltanto un saluto. Nel blog troverai il mio stato d'animo. Ciao, Sal
 
superfelici
superfelici il 10/11/09 alle 12:15 via WEB
Grazie di questo post bellissimo e delle tue spiegazioni, un abbraccio e una buona giornata per te. Donatella
 
stenivi
stenivi il 10/11/09 alle 14:05 via WEB
bravissima complimentiiiiiiii, bel post esaustivo, poi sarò una romantica ,ma le poesie di pascoli mi piacciono molto, le preferisco alle molte sdolcinate moderne che girano sui blog ,che fanno venire il latte alle ginocchia bava ,abbraccione ste continua........ grazie ste
 
ochidea_blu
ochidea_blu il 10/11/09 alle 14:30 via WEB
un sereno pomeriggio e per te...klikka .....con tutto il mio affetto .sofia
 
Trappolinax
Trappolinax il 10/11/09 alle 15:47 via WEB
quante cose ci hai insegnato! Grazie! e un buon pomeriggio^_^
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 10/11/09 alle 16:05 via WEB
Una serena e tersa giornata di novembre può per un attimo suggerire un'illusione di primavera e riportare quasi il profumo degli albicocchi in fiore. Ma si tratta di un'illusione che presto scompare, e alle iniziali impressioni subentra la stupefatta constatazione di un inverno che non è solo indicazione stagionale ma metafora dell'esistenza. Pubblicata sulla rivista «Vita nuova» nel 1891, la lirica fu inclusa nella edizione di Myricae dello stesso anno. È, per comune riconoscimento della critica, una delle composizioni più suggestive dell'intera produzione poetica pascoliana. Come la maggior parte delle Myricae, anche questa - malgrado il titolo - più che a descrivere la natura in un particolare momento (nel caso specifico, i giorni della prima metà di novembre detti "estate di San Martino o "estate dei morti") è rivolta a penetrare il segreto senso delle cose; e a scoprire in esse un messaggio di morte o un precario senso di fragilità, di vuoto. Non sfugga la perfetta struttura del componimento. La prima strofe rende, con una nitida precisione di contorni veramente classica, l'impressione di una improvvisa primavera; ma la seconda ribalta la prima e, intessuta tutta da una fitta trama di parole-chiave (secco, stecchite, nere, vuoto, cavo, sonante), avvia verso la conclusione e legittima, con coerente gradualità di trapassi, il tono della terza. Quest'ultima è tutta incentrata sulla constatazione di una fredda legge di morte come unica e vera realtà che rimane dopo la momentanea, effimera illusione di colori e profumi primaverili. Sull'aspetto metrico cadono particolarmente opportune per questa lirica le osservazioni del Bigi circa la compresenza (nella poesia del Pascoli) di «due diversi piani ritmici, uno vicino e scoperto e uno segreto e lontano». In questo caso la struttura ritmica, compatta e classica, della saffica è dissolta dal di dentro, resta quasi come involucro esterno e subentra un ritmo scandito da pause, da lunghi silenzi. L'endecasillabo è frantumato, ricco di spezzature, di enjambements (con più evidenza ai vv. 1-2, 7-8, 11-12); notevole la simmetria dei versi iniziali di ogni strofe (vv. 1, 5, 9): sono endecasillabi a minore, spezzati da una forte cesura, in cui il primo emistichio («Gemmea l'aria»; «Ma secco è il pruno»; «Silenzio, intorno»,) enuncia quasi il tema e il tono della strofe. Un abbraccio, Sal
 
fedem57
fedem57 il 10/11/09 alle 17:28 via WEB
Bellissima cara Lidia grazie..ti auguro una dolcissima e serena serata..bacioni Fede
 
stenivi
stenivi il 10/11/09 alle 17:44 via WEB
Un esploratore si trova improvvisamente davanti un leone grandissimo. L'esploratore impaurito dice:"Dio, fai che questo leone sia solo un'apparizione cristiana..." Ed il leone risponde:"Dio, benedici questo pasto!" PENSIERINO DELLA SERA!!!!!! EEETTTCCCIIIùùùùùùùùùùùùùùùùùùùùù METTI MASCHERINA AL PC!!!!!!!!!ATTENTA AL VIRUSSSSSSSSSSSSSSSSSS AHAHAHAHAHAHAH CIAO PENSIONATA!!!!!!!BACIOTTO STE
 
vulnerabile14
vulnerabile14 il 10/11/09 alle 23:38 via WEB
Molto bella la poesia ma significativa la tua spiegaziene, che cìè là fà assoparere in tutta la sua assenza... Un abbbaccio Lidia. Buonanotte Franca
 
semplicementerino
semplicementerino il 11/11/09 alle 07:31 via WEB
Buongiorno. Sal c'è, ma non lo puoi vedere. Su mio consiglio, essendo non solo suo amico, ma con Lele anche uno dei suoi due legali; e dopo aver letto alcuni post su un Blog che tutti conoscete molto bene, gli ho fatto cambiare aria. Ora è tutto nelle nostre mani, ma lui non appena riceverà il nostro permesso tornerà fra voi.Mi prega di inviarti un suo saluto e di dirti che non tutti i mali vengono per nuocere. Molto presto saranno altre persone a chiedersi: ma chi me lo ha fatto fare? Buona giornata, Rino
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 11/11/09 alle 11:33 via WEB
Ciao...Decisamente di ciò che mi avevano imposto Lele e Rino NON ME NE FREGA PIU' NIENTE. HO VSTO UN ALTRO AMICO MORIRE PERCHE' NON AVEVA DA MANGIARE E MI DOVREI FERMARE E DARLA VINTA AD UN IGNOBILE CHE CONTINUA A DIFFAMARE ED INFANGARE LE PERSONE? NO...VADA COME VADA QUESTA STORIA DEVE FINIRE. Un sorriso, Sal
 
stenivi
stenivi il 12/11/09 alle 15:47 via WEB
Papà sono uscita col mio ragazzo, ha detto che ho una bella carrozzeria e due belle sospensioni". Il papà: "Di' al tuo ragazzo che se alza il cofano e tocca il motore gli rompo la marmitta". Di:sorridi....= )carina ..la barza non illudertiiiiiiiii RIDI CHE TI FA BENE VA CIAOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO STE
 
alexeluis
alexeluis il 12/11/09 alle 18:23 via WEB
Grazie per le informazioni Lidia ;) e sono più che cosciente, fa un freddo :( un abbraccio a tutti ^________________^
 
superfelici
superfelici il 12/11/09 alle 20:44 via WEB
ti auguro una dolce serata. Donatella
 
glicine_lilla
glicine_lilla il 13/11/09 alle 07:27 via WEB
Buon giorno...con simpatia...... bacini Lilly
 
neopensionata
neopensionata il 13/11/09 alle 07:40 via WEB
Un grazie collettivo per esservi ricordati di una semplice amica...ma che vi vuole tanto bene.... smakkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkkk Lidia
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 14/11/09 alle 08:49 via WEB
Un cordiale ed affettuoso saluto per un sereno week-end. Sal
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 14/11/09 alle 09:41 via WEB
Con un abbraccio, una massima per capire meglio questa meravigliosa vita: " Essere immortale è cosa da poco: tranne l’uomo, tutte le creature lo sono, giacché ignorano la morte; la cosa divina, terribile, incomprensibile, è sapersi immortali. (Jorge Luis Borges)" Un dolce e tenero sorriso, Sal
 
superfelici
superfelici il 14/11/09 alle 10:02 via WEB
ti auguro un felice week end e un abbraccio. Donatella
 
ochidea_blu
ochidea_blu il 14/11/09 alle 10:59 via WEB
CIAOOooo...UN FELICE SABATO TVB
 
evelina55
evelina55 il 14/11/09 alle 17:31 via WEB
CIAO LIDIA, UN ABBRACCIO E UN SORRISO AVVOLTI IN UN PENSIERO, BUONA SERATA E SERENA DOMENICA^_^
 
streghetta03
streghetta03 il 14/11/09 alle 23:58 via WEB
Il mio amico virtuale è diverso…. Egli non guarda nei miei occhi Egli vede il mio cuore… Il mio amico virtuale è diverso…. Egli non può vedere le mie lacrime Ma capisce quando è il momento di confortarmi… Il mio amico virtuale è diverso…. Lui non sorride, lui mi fa sorridere… Il mio amico virtuale…. Tu non sai….. Ma esiste per me tutte le sere Tu non sai… Ma sono felice quando tu arrivi… Guardo verso di te, nell’attesa di un sorriso Ti aspetto così come il sole, è atteso per fare giorno…. Ti aspetto così come la Luna aspetta che si faccia notte Certo che verrai Non mi importa se arrivi attraverso il monitor La cosa importante è che tu venga… Non so perché ti ho scelto come amico…. Le tue digitazioni sono uguali a quelle di tutti gli altri Invece le tue parole sono decise…. Tu riesci a farmi credere Forse tu non lo sai ma quando mi parli… Quando giochi con me… Quando mi ascolti Quando mi vuoi bene Eserciti il nobile compito di un amico Reale, esisti! Così mi conquisti Ascolto il tuo sorriso attraverso il suono della digitazione ascolto il tuo cuore attraverso il mio cuore sento la tua allegria attraverso la mia allegria… Non dimenticarti mai di venire conosciamo l’importanza dei veri amici solo quando cominciamo a percepire la loro assenza quando li chiamiamo tutti e solamente lui arriva…
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 15/11/09 alle 09:20 via WEB
Una serena e dolce domenica " novembrina " ad una dolce e cara amica. Sal
 
vulnerabile14
vulnerabile14 il 15/11/09 alle 21:45 via WEB
Una dolce serata e un buon principio di settimana Franca
 
tecnologiaevita
tecnologiaevita il 16/11/09 alle 02:19 via WEB
Ciao Lidia, ti auguro un buon inizio di settimana. Un caro saluto, Tecno ;-)
 
pumaneroroma
pumaneroroma il 16/11/09 alle 19:47 via WEB
L’amico è qualcuno che conosce la canzone del tuo cuore e può cantartela anche quando hai dimenticato le parole. Nella vita scegliamo strade diverse,ma indipendentemente da dove andiamo,portiamo sempre un pezzettino dell’altro con noi. Un sorriso da un Sal veramente deluso. Un sorriso per una notte serena e un dolce risveglio. Sal
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
orologio e temperatura Palermo
 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

- LE ROSE E LA CENERE di Alex
- OCHIDEA BLU di Sofia
- Uno qualunque di Liomax
- BLOG PAZZO di Lucotto
- LO SCRIGNO DI GIUSY
- LOrchidea Bianca di Fede
- ...riflettendo. di Dolores
- *Piacere di esserci* di Giulia
- Gesudi Iurato.Mario
- Trappolina di Vanda
- ERO SOLA di Stefania
- Il senso della vita di Angela-luce 1001
- LA SPERANZA di Lucia
- Io sono sempre io di Evelina
- GRILLO PARLANTE di Enzo
- Anime in penombra di Fabrrizio D.T.
- LA GRAZIA del SOLE di Lilly
- gioiadivivere di Vulnerabile
- infinito di Oretta
- COGLI LATTIMO... di luccicaunastella
- A passi lenti di haisham
- sapere? di Ulisse
- KARUNA REIKI-GerardoVentrella
- Per_dono =Maria
- I fiori nellanima di The_Cobras
- Tecnologica-Mente di Sefano
- LArrivo Del Signore - Lina
- concordia.Ginoross
- inspire.ac1.alessio e lucia
- PENSIERI ED ALTRO 2.occhineri-Laura
- STEKALY-Ste
- WINDOW ON THE WORLD-Mario
- Il mio Blog-Giostella
- rebellious spirit-Manuela
- il paradiso perduto-Alessio e Lucia
- tangosensazioni-tango_argentino_bs
- ZERO.GRAVITY&sup3;-stellina cadente
- GABBIANOREALE-Giuseppe
- Il mio blog -donprf-Enzo
- Leccezione - salvomar11965
- confronti indiretti-Caterpillarcinzia
- buonagiornata-ArmandoTesti
- SILENZIO NELLANIMA - stefy59_1
- Il mio mondo segreto-Fede 2°
- I miei hobby-Nonnorenzo0
- Insieme Sulla Terra
- riscaldamiilcuore
- dragonsheart-bimbaniky
- ORIONE-Fabrizio
- riscaldamiilcuore2
- AMORE UNIVERSALE-sabriss
- SEMPRE VERDE.Chiara
- UNA BREZZA LEGGERA-timoniere clark
- strapumanero-Sal
- il mio mondo-inaorlando
- amici-Valentinogio
- @Ascoltando il Mare@Virgola
- PER TE-Manuela 1966
- IL RISPETTO-Angela703
- Giglio&amp;Friends
- Amicizia-gaudnzia_1959
- speranza-solic1
- Nel buio...-Antonio Vicentini
- Acqua di Stelle - don kamillo
 

ULTIME VISITE AL BLOG

GIANGUALBERTOneopensionataluce78_2panetta.elisakokkolona0ginorosssantiemanueladanausmenestrellodelcuodglmarinamarino04semplicementeio130LORENZO1945omir487dino.stellabybenny2009
 

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: Recette bonheur
il 18/08/2013 alle 09:50
 
se tutti i lunedi' sono cosi belli buon lunedi' a...
Inviato da: pino49ta
il 03/01/2012 alle 21:56
 
Complimenti per il blog ed un caro saluto da...
Inviato da: creazionisitipalermo
il 06/06/2011 alle 00:01
 
bellissime poesie...davvero comlimenti!
Inviato da: Laura96
il 10/05/2011 alle 12:04
 
molto belle!!!!!!!!!!!!!!! complimenti a chi le...
Inviato da: jasmine
il 06/04/2011 alle 09:02
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
N.B.:Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica, come prevede la normativa n.62 del 2001. Le foto e i testi di questo Blog e del relativo Profilo sono state reperite sul web. Ove fosse stato violato il diritto di copyright, prego i proprietari di darmene avviso, per la relativa rimozione.
 

CLAIRE DE LUNE - DEBUSSY