guardameglio

questo non è un blog politically correct

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

 

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 18 Ottobre 2008 da guardameglio

FORSE MERITATE QUESTA SCUOLA  SE SIETE COSI STUPIDI DA MANIFESTARE A FAVORE DEI VOSTRI AGUZZINI.

Abbondantemente ignoranti e ultraconservatori difendono un potere feudale capace solo di creare inefficenza

Tutte le bugie della sinistra sul decreto Gelmini.

TEMPO PIENO
Con l’introduzione del maestro unico e l’eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno
In 5 anni ci saranno 5.750 classi in più con il tempo pieno.
Con la media di 21 alunni per classe, in cinque anni 82.950 alunni in più avranno il tempo pieno. 

La sinistra dice che nelle scuole elementari verrà abolito o diminuito il tempo pieno. E’ assolutamente falso.

E’ vero invece che con il maestro prevalente e l’eliminazione delle compresenze (cioè due insegnanti per una stessa ora di lezione) ci saranno più maestri per aumentare il tempo pieno.
Già dal 2009-2010, 49.350 ragazzi in più usufruiranno del tempo pieno.
In cinque anni 3.950 classi avranno il tempo pieno. 

NUMERO DEGLI ALUNNI
Dice la sinistra: gli alunni saranno 30 per classe. Assolutamente falso
Gli alunni saranno in media 18 per classe e potranno arrivare al massimo a 26 per classe. 

MAESTRO UNICO
La sinistra afferma che con il maestro prevalente non sarà più approfondito l’inglese e diminuirà la qualità dell’insegnamento.

Invece la realtà è che al maestro prevalente saranno affiancati un insegnante di inglese e uno di religione.
E per di più occorre osservare che in tutti i Paesi d’Europa esiste il maestro prevalente.
L’anomalia dei tre maestri è solo italiana.
E quando fu introdotta, la sinistra si schierò con la stessa veemenza di oggi per impedire la riforma dei tre insegnanti. 

INGLESE
Lo studio delle lingue alle elementari non subisce alcuna variazione

RAZIONALIZZAZIONE DEL PERSONALE
Verranno licenziati 87.000 insegnanti: falso!

Non ci sarà nessun licenziamento. Si razionalizza il numero degli insegnanti rispetto al fabbisogno, non assumendone ulteriori.
E’ vero invece che in Italia c’è un docente ogni 9 alunni, in Europa uno ogni 13.
E’ vero anche che in Italia nella scuola ci sono 1 milione e 350.000 dipendenti e sono troppi. 

INSEGNANTI DI SOSTEGNO
La sinistra afferma che diminuiscono gli insegnanti per i diversamente abili.

Al contrario, la realtà è che gli insegnanti di sostegno sono oggi 93.000 e rimarranno 93.000 anche in futuro. 

SCUOLE DI MONTAGNA
La sinistra dice che chiuderanno le scuole di montagna: falso!

Perché nessuna scuola sarà chiusa. Sarà invece unificato il personale amministrativo con un unico preside e un unico segretario per due scuole vicine (come previsto precedentemente dal governo di centrosinistra) 

VOTO DI CONDOTTA
La sinistra dice che si viene bocciati con il 7 in condotta: falso.

Vero: solo in casi assolutamente gravi (come il teppismo, il bullismo, la violenza all’interno della stessa scuola) si può essere bocciati con il 5 in condotta, ma perché questo possa essere possibile ci dovrà essere il consenso e il via libera del consiglio di istituto e di quello di classe. 

L’UNIVERSITA’ ITALIANA:

L’università italiana produce meno laureati del Cile 
Non c’è un’università italiana tra le migliori 150 del mondo
Ci sono 37 corsi di laurea con 1 solo studente
327 facoltà non superano i 15 iscritti
Ci sono 5 università importanti con buchi di bilancio enormi (e sono i luoghi dove si protesta maggiormente) che avrebbero portato, se fossero state aziende, al licenziamento in tronco di chi le ha gestite per tanti anni
Si sono moltiplicate cattedre e posti per professori senza tener conto delle reali esigenze dei ragazzi, aumentando la spesa in maniera inaccettabile
94 università più 320 sedi distaccate in posti non strategici
In Italia abbiamo 5500 corsi di laurea, in Europa la metà
170.000 materie insegnate rispetto alle 90.000 della media europea
Nel 2001 i corsi di laurea erano 2444, oggi 5500
Negli ultimi 7 anni sono stati banditi concorsi per 13.232 posti da associato ma i promossi sono stati 26.000. Nel 99,3% dei casi sono stati promossi senza posti disponibili facendo aumentare i costi di 300 milioni di euro
I ragazzi sono sottoposti ad un carico di ore di lezione triplo rispetto alla media europea per trovare giustificazione a corsi fatti solo per dare cattedre 

NESSUNA TRASPARENZA NEI BILANCI
La sinistra non dice che l’università italiana è ridotta malissimo e non c’è trasparenza nei bilanci

Il Governo al contrario vuole conoscere tutti i bilanci delle università e avviare controlli in 5 di queste con buchi in bilancio (Siena, Firenze, Pisa, Camerino, Urbino).
I bilanci devono essere comprensibili e pubblicati su internet 

UNA PROTESTA SOLO POLITICA

La protesta di questi ultimi giorni è una protesta politica che ha come obiettivo la lotta al governo Berlusconi, con la regia della sinistra e dei centri sociali
Gli universitari bruciano in piazza un decreto che riguarda la scuola e non c’entra niente con l’università
Tanto spazio mediatico a proteste che coinvolgono qualche migliaio di persone. Nessuno parla delle decine di migliaia di ragazzi che continuano a studiare a casa e a frequentare i corsi.

 
 
 

Post N° 20

Post n°20 pubblicato il 17 Ottobre 2008 da guardameglio

                            Ma che cazzo te ridi ?

Ecco come Prodi  svolge il ruolo di presidente della commissione per il peacekeeping in Africa:  premiando e legittimando nazislamici.

Cattocomunisti,  quanta passione avete per i totalitarismi.

 
 
 

Bel colpo.

Post n°19 pubblicato il 21 Novembre 2007 da guardameglio

La mossa di Berlusconi è d’attacco...bene, molto bene. “energica se non aggressiva”. Benone. S’inizia a ragionare. Abbiamo ingoiato rospi a tutto spiano, aggrediti ovunque e mai difesi dagli “alleati”. Nei Ballarò. Negli Annozero. Ovunque. Silvio Berlusconi forse lo sa, ma non lo dice, che anche piccoli bloggers (e mica tanto piccoli) hanno tenuto duro e hanno aspettato questo momento: “D’attacco”. “Energica”. “Aggressiva”. Quante punte di spillo! Abbiamo posto ovunque la nostra resistenza. Al mare. Al bar. Dal barbiere. Nei matrimoni. Nei negozi. Dai parenti(e vi raccomando le donne!). Nel blog. Quanti insulti. Nei “portali” della nostra Terra. Quanto disprezzo. Senza però mollare mai. Nemmeno di un centimetro. Ora basta. Questo ho voluto intendere. Ogni limite ha la sua pazienza. Ed è ora di fare i conti anche sulle pinte di spillo. Volgari e indigeste. Che si spacchi l’Udc. Anzi; che si spappoli. O meglio che si sfarini seguendo D’Onofrio e Giovanardi. Che si disintegri. Stava producendo guasti ovunque e discredito a FI in particolare. Il PD da un lato, e questo nuovo partito, nati senza un vero processo democratico, ma forti di un consenso diffuso, sono un primo tentativo di innovare la politica, superando la mera componente ideologica come fattore unico di aggregazione. Siamo di fronte ad un processo culturale importante...gli Italiani cominceranno a votare distinguendo semplicemente due impostazioni legittime iniziando a disinnescare l'imbroglio ideologico.

 
 
 

Cina, beccati questa!

Post n°18 pubblicato il 19 Ottobre 2007 da guardameglio

Sua Santità il Dalai Lama, dopo avere incontrato il Presidente Bush, ha ignorato la furiosa reazione della Cina. "Succede sempre cosi" ha detto ridendo il leader spirituale del Buddhismo Tibetano che dal 1959 vive in esilio in India.

 
 
 

LE PORCATE DI QUESTO GOVERNO

Post n°17 pubblicato il 02 Ottobre 2007 da guardameglio

 

 "Perché il Ministro Ferrero ed il governo Prodi non hanno applicato la moratoria che avrebbe permesso di limitare per due anni l'afflusso di rom nel nostro paese?
Lo ha chiesto l'Onorevole Isabella Bertolini, Vice Presidente dei Deputati di Forza Italia, già relatrice parlamentare della Legge Bossi-Fini.
"Il problema legato all'invasione di nomadi rom nelle nostre città è diventato insostenibile con grave danno per la sicurezza dei cittadini italiani e per il rispetto della legalità. Il governo si sveglia tardi. Il Ministro Amato si accorge solo ora che l'invasione dei nomadi rappresenta un allarme sociale.
Del resto il governo, se realmente volesse risolvere il problema rom, dovrebbe applicare la direttiva europea secondo la quale si deve dimostrare allo Stato del nuovo paese di residenza di potersi mantenere autonomamente, altrimenti c'è il rimpatrio. Basta con il solito buonismo della sinistra. La Francia, in applicazione di questa direttiva, ha impacchettato due interi campi rom e li ha rispediti a casa.
Amato e Ferrero se hanno a cuore il bene dell'Italia e degli italiani facciano la stessa cosa. Mi chiedo come si possa permettere che su questi delicati temi sia proprio Ferrero a emendare e modificare la Bossi-Fini con una legge, firmata in coppia con Amato, che spalanca le porte agli immigrati senza alcun filtro, senza alcuna distinzione. Più che una spallata per questo governo incapace servirebbe un bel foglio di via senza ritorno".

 
 
 

Post N° 16

Post n°16 pubblicato il 11 Aprile 2007 da guardameglio

E arrivò l'ennesimo morto dell'inganno pacifista

immagine
Quello che l'Italia sta giocando in Afghanistan è il campionato dei lutti e delle schifezze. Però un fuoriclasse merita di essere buttato giù subito dal piedistallo di eroe. Gino Strada ha lanciato accuse tremende a Prodi e Karzai. Poi ha giurato: l'uomo di Emergency che ha condotto le trattative per liberare Daniele Mastrogiacomo a nome del governo italiano, Rahmatullah Hanefi, ed ora è in carcere a Kabul come complice dei talebani, è innocente. Tant'è vero che per conto di Prodi ha consegnato due milioni di dollari al mullah Dadullah per liberare lo scorso autunno il reporter Gabriele Torsello. Dunque D'Alema ha mentito al Parlamento. A noi non pare un gran scoperta. Anche il governo Berlusconi l'ha probabilmente fatto. Brutte cose, ma note: le Vispe Teresa sono costate un sacco di quattrini, però si sono portate a casa il Corano e le caramelle. Strada però inciampa nella sua barba profetica. Se è vero quanto dice oggi, è stato reticente o bugiardo. Disse a Repubblica il 4 novembre del 2006 a proposito di Torsello: Non ne so nulla (di riscatto)... è stata premiata la credibilità che Emergency si è costruita in Afghanistan in tanti anni di lavoro». Più che la credibilità di Emergency sono stati credibili due milioni di dollari, o no? Che pena questa cura dell'immagine al prezzo della verità, salendo in groppa ai sequestrati. L'umanitarismo dei pacifisti si mostra qui narcisismo da strapazzo.
Ora il centrodestra chiede che Prodi risponda in Parlamento. La Lega vuole l'impeachment, che sarebbe l'allontanamento da Palazzo Chigi con infamia, per tradimento. Perché Prodi ha mentito. Bugie ne sono state dette. Soprattutto però quanto è successo è grave, forse irreparabile a livello di universo mondo. Perché i talebani hanno vinto una battaglia importantissima. Noi l'abbiamo persa, e l'abbiamo fatta vincere in carrozza ai barbari. Pur di permettere a Prodi di tenersi la cadrega e a Strada di mostrarsi come l'eroe dei due mondi. Che giorni sono stati questi. E non si sa come finiranno, anche se adesso Berlusconi invoca di finirla con le polemiche, per non compromettere l'onore nazionale. Se vuol dire tacere, non siamo mica tanto d'accordo. Cominciamo dalla sera di Pasqua. Il Tg1 mostra la bella faccia rotonda e triste del giornalista afgano che faceva il co.co.co di Repubblica. Ammazzato. Decapitato. Povero Adjmal. Appare subito il volto terreo di Prodi. Abbiamo pensato: soffre anche lui. Poi, un secondo e mezzo dopo, la smorfia. L'attacco a chi «specula politicamente». Ma sì. Che gliene importa del morto. Le sue personali chiappe sono tutto. Non si prende nessuna responsabilità per quel paffuto pasthun al soldo di un editore italiano di lui amico politico. E allora qui la dico tutta. Prodi? Colpevole! Ezio Mauro e Repubblica? Colpevoli! Ora inveiscono contro il «cinismo» e lo «sciacallaggio» altrui. Ah sì? Sciacalli sono loro. Gli sciacalli mangiano le ossa dei morti, le fanno sparire nelle loro pance. Non ci stiamo. I compagni politici e giornalisti vorrebbero attaccare i talebani e stop, dopo che fino a un attimo fa gli hanno retto il sacco, invitandoli al tavolo delle trattative (o ci sbagliamo, onorevole Fassino?). Noi invece vogliamo che quei poveri corpi decapitati, quello dell'autista Saied Agha e quello del cronista Adjmal Naskhbandi, restino davanti ai nostri occhi, e che abbiano giustizia.
Talebani assassini. D'accordo. Questa paroletta "as-sas-si-ni!" pochi hanno avuto la lealtà di dirla prima d'oggi. Non la pronunziarono, mentre Mastrogiacomo recitava in diretta tivù una parte surreale. Lui non capiva più niente, è vero. Ma che amici ha? Hanno ammazzato chi lavorava con te. Nell'attimo della liberazione non hai esigito che il tuo collega venisse via con te, era tuo fratello. E quando arrivi a Roma alzi le braccia come un trionfatore? Almeno la Sgrena quando gli hanno ammazzato Calipari è arrivata a Ciampino mesta. Esageriamo a dire che la morte di Adjmal e di Saied ricade politicamente e moralmente su Prodi, su Repubblica & C? Ecco altri elementi che ci inducono a essere tristi e furiosi. 1) Mastrogiacomo il 4 marzo annuncia alla tivù di Repubblica che il 5 partirà verso la provincia di Helmand. E' il regno dei talebani. Perché nessuno è intervenuto da Repubblica o dal nostro governo a intimare a Daniele di non fare quella follia, per di più annunciandola in tivù. Incoscienza, dilettantismo. Tanto chi ci lascia la pelle è qualcun altro.
2) Vengono rapiti con Mastrogiacomo il collaboratore Adjmal e l'autista Saied. «Sono spie», dicono i terroristi. I giornalisti italiani si affannano a dire: «Mastrogiacomo no». E gli altri? Degli altri non si parla. Sono soli! Soli come cani. Non ci credete. Il giornalista del Tg1 Duilio Giammaria, che ha fatto una filippica contro Feltri a Porta a Porta, scrive un appello per Articolo 21, il gruppo di giornalisti contrari a «ogni forma di censura e di giustizialismo di destra». Lo firmano i soliti: Biagi, Travaglio, Annunziata, Serventi Longhi, se vi viene in mente un nome, quello c'è. Adjmal? Semplicemente non esiste. L'autista neppure. La foto di Mastrogiacomo viene srotolata in Campidoglio, gli altri neppure nominati.
3) Saied spia. I talebani sono creduti come la Bibbia. Rai News 24 scrive testualmente: «...esecuzione dell'autista Saied, sgozzato perché una spia». Bei termini, un talebano non avrebbe scritto meglio. La cricca dei prodiani ne ha decretato il trionfo.
4) La estromissione dei Ros e del Sismi ("fuori dai coglioni", ha urlato Strada) ha consentito un'operazione militare e mediaica di grande intelligenza strategica: sì ma per i talebani. Fino ad allora erano una galassia di masnadieri, da quel momento ottengono un riconoscimento politico, e ci ridicolizzano. Gli italiani hanno forse chiesto la liberazione anche di Adjmal, ma non hanno predisposto la meccanica della sua liberazione. Ov- vero, hanno lasciato la gallina in bocca alla volpe. La quale fa il suo mestiere: se la mangia. I talebani non sono barbudos ignoranti. I loro capi hanno studiato in Europa e in America, sono i cosiddetti deobandi. Hanno ragionato così: «Agli italiani interessa Mastrogiacomo per i loro problemi interni. Di Adjmal non gliene importa. Noi ci becchiamo i nostri cinque briganti. E diventa chiaro che Karzai è uno che obbedisce agli stranieri. Vittoria interna ed esterna. Due nemici morti, cinque amici di nuovo al fianco, Karzai sputtanato, italiani incazzati con Karzai». In fondo i talebani la pensano come Diliberto e Giordano: Karzai è un fantoccio. Si è quasi suicidato per fare un piacere a Prodi e Prodi lo scarica da vendicativo qual è.
Repubblica e Prodi tenendo basso Adjmal nella trattativa ne hanno decretato la morte. La gioia sfrenata, senza se e senza ma, nel momento del ritorno di Mastrogiacomo è un documento agghiacciante: Karzai e i talebani hanno annotato. Gli italiani hanno avuto di tutto e di più. Ma non era la sinistra quella che stava con gli ultimi? Figuriamoci: prima noi, poi i piccoli amicucci asiatici, noi che c'entriamo con le loro storie, siamo giornalisti, neutrali, imparziali, scriviamo, nota spese, e a casa. Così Adjmal è morto. La sua morte è stata voluta ad ogni costo dai signori talebani, ma di fatto accettata dal governo italiano e dai suoi sostenitori: non per calcolo, ma per stupidità e per una specie di riflesso razzista, per cui la sinistra salva sempre e comunque il suo uomo, quello dell'establishment, il buana bianco. Gli altri? Boh. Forse sono spie, ci pensiamo dopo. Dal mio angolo capivo che la situazione andava verso questo disastro, e - senza essere preso sul serio da nessuno - mi sono offerto come merce di scambio. Si sa chi sono, non è vero? Invece non c'è stato da nessuna parte alcun gesto forte. Ezio Mauro è restato prudentemente in Italia a stappare spumante e poi a piangere con Mastrogiacomo. Ora di Adjmal dicono: uno di noi, un giornalista. Sì, ma piccolo piccolo.
Renato Farina-libero
Due cose mi chiedo che inchiodano Prodi alle sue responsabilità: innanzitutto perchè l' accordo concluso per la liberazione di Matrogiacomo non comprendeva anhe la vita del povero interprete afghano ? Come possiamo definire una simile condotta se non cinica e razzista. Evidentemente nell'ansia di riportare a casa il compagno, D'Alema e Strada si sono dimenticare di garantire il rilascio dell'interprete. Quando si dice ostaggi di serie B. Non è certo un gran segreto che in tutti i sequestri sia stato pagato un riscatto, ma la cosa estremamente grave è l'aver permesso che venissero estromessi gli uomini del servizi segreti dopo che avevano persino individuato il luogo in cui si trovavano gli ostaggi per affidare una trattativa ad una associazione chiaramente ambigua e politicizzata che agli occhi dei meno ingenui appare vistosamente connivente con il fondamentalismo islamico. Adesso sappiamo che il mediatore e lo stesso del sequestro Torsello e che i rapiti sono stati tutti prelevati nei pressi dell'ospedale. Sinceramente sulla limpidezza del mediatore Rahmatullah Hanefi  o di Gino Strada io sul fuoco ci metterei tranquillamente la mano, quella di Prodi.
 
 
 

Radical-chic, ovvero arroganti ed ipocriti

Post n°15 pubblicato il 06 Aprile 2007 da guardameglio
Foto di guardameglio

immagine

   Sto parlando di quella sinistra  snob che in America per esempio definiscono "liberal" e in Francia "gauche caviar", gente  che il rosso se lo ritrova spesso sul piatto sottoforma di aragosta e che nonostante in modo frequente si comportino peggio di chiunque altro, amano rivendicare per sè una superiorità etica e morale. In realtà la loro cultura politica, estremamente lassista e relativista, li rende privi di veri valori  e se dicono di averli vi accorgereste che amano cambiarli spesso e volentiere a seconda di cosa sia più opportuno politicamente. In Italia ci sono innumerevoli esempi, ultimamente per riuscire mantenere il proprio potere all'interno di Telecom la sinistra si è improvvisamente scoperta patriottica e avversa la regolare scalata di aziende americane dalle indubbie capacità manageriali. vedrete che questa inusuale inclinazione cambierà presto.

Negli Stati Uniti la terza carica più importante appartiene a Nancy Pelosi, leader della maggioranza democratica al Congresso. Donna molto liberal e sofisticata, ricca di famiglia e sposata a un miliardario, per niente pacioccona ma un tipo sul femminista iper-aggressivo, e senza dubbio poco tollera quelle che a sinistra definiscono ingerenze della chiesa in politica. Due giorni fa è andata in Siria, paese con un Pil inferiore a quello del quartiere in cui vive a San Francisco, ma in compenso attivissimo nell'organizzare terrorismo in Libano e in Iraq. Ebbene la signora Pelosi si è presentata con un bel fazzoletto in testa indossato come doveroso tributo alla religione islamica, un fazzoletto che  non ha mai messo da quando è nata. Ma in fondo cosa dovevamo aspettarci da chi soltanto pochi mesi fa disse: " If  we ( the U.S. military ) leave Iraq, then the  insurgents will leave Iraq, the terrorists will leave Iraq". "se le nostre truppe lasceranno l'Iraq, i terroristi lasceranno l'iraq".  Non c'è dubbio che non si tratti di un genio.  Non solo non lasceranno l'Iraq ma ne faranno una base e dopo magari verranno pure a fare una capatina a casa sua.

Un'altra beniamina della sinistra planetaria, Sègolèn Royal, candidata socialista all'Eliseo, non sembra esserle da meno, gustiamoci il suo pensiero: "durante il mio viaggio in Cina un avvocato mi ha spiegato che i tribunali cinesi sono molto più rapidi che in Francia. Vedete, prima di dare lezioni ad altri paesi bisogna sempre guardare agli elementi di comparazione". Stupendo, qualcuno per favore spieghi a questa bella signora che la Cina è piegata ad un regime totalitario che viola i diritti fondamentali ed esegue  processi  sommari.

 
 
 

IENE O PECORE AMMAESTRATE ?

Post n°14 pubblicato il 04 Aprile 2007 da guardameglio
Foto di guardameglio

Le liberalizzazioni di Bersani

L'altra sera su una rete Mediaset, che Berlusconi sembra possedere invano, nel programma "Le iene" ho visto l'ennesima leccata di culo al governo Prodi da parte di uno dei tanti  scemi del  villaggio televisivo. L'argomento in questione erano i vari aumenti tariffari eseguiti dalle compagnie telefoniche dal momento in cui è stato varato il decreto Bersani. La pecora ammaestrata in abiti da paladino intervista il ministro e dopo avergli appeso una sorta di ipotetica medaglia  gli chiede cosa può fare il consumatore che a causa di questi rincari si vedrà azzerato il risparmo prodotto dall'abolizione dei costi di ricarica del cellulare. Il ministro Bersani  gongolante si bea della domanda e risponde:" Se la vedranno con il consumatore che deve tenere gli occhi aperti e controllare il proprio gestore e magari cambiare compagnia".

Ma caro Ministro, il vostro è tutto un raggiro, come mai mentre assicuravate risparmi consistenti per gli italiani sugli atti politici davate per scontato che in realtà non avremo risparmiato un bel niente, altrimenti non si spiega , visto che sul prezzo della ricarica il 20% di Iva più tassazione finiscono nelle casse dello stato, come mai il governo asserisce su carta che con questo provvedimento non ci sarà nessun calo del gettito . Il perchè è presto detto. Sulle ricariche sta accadendo quello che avevate già previsto dato che era inevitabile  che i gestori telefonici avrebbero reagito  a una manovra ben lontana dall'essere liberale. Se esisteva un costo aggiuntivo sulle ricariche è a causa della tassa di concesione governativa, le ricariche telefoniche prepagate sono state introdotte perchè altrimenti sarebbe stato necessario stipulare un contratto simile a quello previsto sulla linea fissa. In realtà quindi quel vecchio costo supplementare sulle ricariche non era una furbata dei gestori ma celava una tassa tutta italiana che il Guitto Bersani ha pensato bene di non togliere. Non si può tagliare il 10-20% del fatturato di una azienda e non pensare di metterla in serie difficolta economiche, soprattutto se alcune di queste come Wind e 3 devono competere con societa assai più potenti, si finisce di fatto per distorcere il mercato e creare un danno alla concorrenza e quindi al consumatore. Caro Bersani la tua è l'ennesima  manovra populista e di facciata. L'unico risultato delle tue cosiddette liberalizzazioni l'ho visto all'ipercoop dove tra lo scaffale dei tegami e quello del pane si sono fatti la farmacia. 

 
 
 

Gli italiani di serie B

Post n°13 pubblicato il 01 Aprile 2007 da guardameglio

immagine

http://blog.libero.it/tittilibero/commenti.php?id=70426&msgid=2477141&nocache=1175303597

Giovanni Battista Pinna è stato  sequestrato il 19 settembre del 2006, quindi la sua agonia dura da circa sei mesi ma a quanto pare per il sistema mediatico di questo paese quest'uomo non ha un immagine spendibile e quindi non esiste. D'altra parte non è antioccidentale, non legge il corano, non è un pacicieco, ma soprattutto non è un giornalista nè del Manifesto nè di Repubblica, e' solo un uomo.

 
 
 

Ecco con chi tratta la sinistra italiana

Post n°12 pubblicato il 30 Marzo 2007 da guardameglio

immagine

PAZIENZA E TANTA CI FOSSE STATO UN RISCATTO, MA QUI D'ALEMA E I SUOI COMPARI HANNO  PRATICAMENTE IMPOSTO LA LIBERAZIONE DI 5 NAZISTI ISLAMICI AL GOVERNO AFGHANO. 5 CRIMINALI SANGUINARI CHE TORNERANNO A UCCIDERE GRAZIE ALL'ENNESIMO QUAQUARAQUA' DI SINISTRA E ALL'ENNESIMO SEQUESTRO ASSAI AMBIGUO.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: guardameglio
Data di creazione: 14/11/2006
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

freehitterferromimmo1966italia2100provadtonysopranoxxxxstrong_passionzoppeangelofrizdgl12ivansanitaguardameglioil_primo_solistapsicologiaforenseunamicoincomunecornell2tanino8dgl
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom