Creato da mauriziocamagna il 24/05/2006

ilcamagna

politica, calcio, sesso e vivere quotidiano

 

SENILITA’

Post n°262 pubblicato il 25 Maggio 2015 da mauriziocamagna
 

Caramba che sorpresa.

Oggi vi fornisco una notizia eccezionale: sto invecchiando!

C’è stato un tempo, quando non esistevano ancora i cellulari, che non uscivo da casa se non avevo in tasca la rubrica con l’enorme patrimonio dei numeri di telefono delle mie fans e di quelle che avrei tanto desiderato annoverare tra le tali.

Altro accessorio indispensabile un paio di gettoni telefonici, sostituiti negli anni ottanta da una scheda telefonica.

La procedura era la solita, uscivo, caffè, poi cercavo una cabina telefonica, componevo il numero e la dicevo la frase di rito: ciao sono Maurizio ci vediamo stasera.

La statistica riportava che dopo un paio di no arrivava puntualmente il si, che si consumava al cinema oppure, se ero più fortunato, nella periferia della città, in qualche spiazzo in collina a consumare le gioie dell’amore.

Quanti anni sono passati, tantissimi.

Oggi la storia è cambiata, non esistono più i gettoni, le cabine telefoniche sono un ricordo, e in tasca non ho più la rubrica ma un coadiuvante per la vista, i famigerati occhiali da lettura, senza quelli sono perso.

Quando ero giovane aprivo i quotidiani per darmi un certo tono e guardavo le figure, era inutile leggere tanto non capivo, adesso riuscirei anche a comprendere certi editoriali, ma se ho dimenticato gli occhiali ritorno a essere giovane, guardo le foto e i titoli giganti, il resto è buio totale.

Il primo segnale dell’età che avanza l’ho verificato al supermercato, ero senza occhiali, la cassiera mi ha chiesto se avevo della moneta, ho messo una mano in tasca e ho estratto una manciata di centesimi.

Ero in difficoltà, non vedevo una mazza, solo macchioline di metallo sulla mia mano.

La cassiera mi guarda e con aria di compatimento, e mi dice: lasci stare (il lei mi ha fatto sentire terribilmente avanti con l’età), faccio io e se è messa a contare le monetine.

L’ho ringraziata e raccogliendo la spesa pensavo che sino a qualche anno prima avrei detto grazie alla cassiera invitandola a cena, adesso i giochi si sono invertiti, non sono più io a portare fuori lei ma lei che porta a spasso me, con la qualifica di badante.

Altro grande segnale dell’età che avanza è l’attività sportiva.

Non so se lo sapete ma gioco in una squadra di calcio over 40, un gruppo di anzianotti che si diverte a correre dietro un pallone.

La squadra è composta dal nucleo anziani, di cui faccio parte e un secondo gruppo di ragazzini che variano tra i 40 e i 45 anni.

L’altra sera c’è stata la sfida, giovani contro vecchi.

I giovani per completare la squadra hanno chiamato tra le loro file un paio di bambini dell’età di trent’anni.

La fine della partita è stata decretata da una vittoria da parte dei più vecchi per quattro a due con l’enorme soddisfazione degli anziani, riusciamo ancora a farci valere.

Il terzo gol è il mio, un capolavoro di balistica, un tiro da fuori area, dopo un paio di dribbling ai danni dei ragazzini sopra citati, con la palla irraggiungibile da parte di un legnoso portiere.

Dopo la partita il rituale si sposta nella pizzeria adiacente al campo e li partono i commenti.

Sono seduto davanti ai giovincelli aggregati per far numero, mi chiedono come mai ho giocato nella squadra degli anziani, la risposta è semplice, perché ho l’età del gruppo dei vecchi.

Uno dei due esclama: però!

Come però?

Ti devo fare i complimenti, nonostante l’età, che non dimostri, hai corso come uno molto più giovane.

Eccola qua: la commiserazione.

Sei vecchio ma ti dai da fare.

Vaffanculo voi e i vostri trent’anni, bastava dire che ho giocato bene senza rinvangare il fatto che potrei essere il loro padre.

Finito l’esame della partita il discorso si sposta sul sesso, chiaro argomento principe di un gruppo di uomini che stanchi della partita, carichi di un paio di prosecchi e birra a volontà, devono far rientro a casa.

Il solito giovincello si rivolge a me, chiedendomi se alla mia età mi difendo come sul campo da calcio.

Caro il mio ragazzo, sono come un pivello di 25 anni, nel pieno della mia maturità sessuale, non c’è differenza, le mie prestazioni sono come quelle di un tempo.

Nella mia testa però i pensieri rincorrevano i miei vent’anni, allora impiegavo un’ora nell’attività sessuale, in un paio di minuti ero pronto all’amplesso e poi cavalcavo allegramente per i rimanenti cinquantotto.

Anche adesso impiego un’ora, ma a ritmi invertiti, cinquantotto minuti per essere pronto e in un paio di minuti tutto finisce.

Altro segnale dell’età che avanza è il risveglio del mattino.

Quando ero giovane mi alzavo al mattino chiedendomi cosa avevo mangiato la sera precedente, maledicendo, in caso di mal di testa, quel vinello che pareva buono e invece era una ciofeca.

Adesso mi sveglio e mi chiedo cosa mi riserverà mia moglie per cena, sperando che sia una cosa gradita e sopra tutto digeribile.

Alla fine ci sono i pizzini, appunti scritti su un foglietto di carta e riposti in tasca.

La memoria fa cilecca, prendo l’appunto poi il foglietto prende posizione nella tasca posteriore dei pantaloni.

Solitamente quando faccio questo è perché non devo dimenticarmi di una cosa importante.

Consapevole dell’importanza dell’appunto controllo la tasca ogni dieci minuti, per due motivi, il primo per sincerarmi di non averlo perso e per secondo ricordarmi della cosa importante che ho preso nota.

Alla fine della storia il biglietto rimane nella tasca dei pantaloni e mi dimentico di quello che dovevo fare, un po’ come prendere il viagra ma non ricordarsi perché l’hai preso, forse serviva per diminuire la pressione.

Ultimo grave segnale di senilità è il ripetere le cose, di questo sono il re.

Sul blog mi va bene, ogni tanto mi chiedo: ma questa storia l’ho già scritta?

E allora mi vado a rileggere tutti i post per controllare di non fare un doppione, ecco perché ultimamente scrivo meno, tutte le volte devo andare in rilettura.

Il dramma si consuma con gli amici e qui ti accorgi della storia già raccontata perché qualcuno anticipa il finale privandoti del piacere della conclusione a sorpresa, in un primo momento t’incazzi poi ti rassereni quando l’amico con il quale sei più in confidenza ti rammenta che quella storia l’hai già raccontata almeno una mezza dozzina di volte.

Ecco qua siamo arrivati alla fine del post che iniziava con un Caramba che sorpresa, oggi vi fornisco una notizia eccezionale: sto invecchiando, ma questo l’ho già scritto e allora passo oltre, non so se ve l’ho mai detto ma gioco in una squadra di calcio di over 40……..

….. vedo che state sbadigliando e non vi siete accorti dell’errore!!!

Cosa c’è di sbagliato?

Semplice non sto invecchiando sto solo diventando, ogni giorno che passa, solo un pochino più rincoglionito del giorno precedente, ma cosa volete farci, è naturale ma tenete presente che con l’andar degli anni si ritorna giovani e sotto questo profilo  torno a essere un bambino.

C’è solo una differenza, quand’ero adolescente andavo a cercare i fumetti  porno nascosti dagli amici più grandi adesso vado in cerca della nutella, che mia moglie nasconde perché fa male per il colesterolo.

Come dice il proverbio, ogni frutto ha la sua stagione.

E allora sono arrivato nelle stagioni delle banane, solo che sono andate troppo in la con la maturazione e sono diventate molli come un fico…..e allora vado a prepararmi un frullato, si un frullato di palle, perché sono palle quelle che vi ho raccontato, sono in formissima, sto vivendo la mia nuova giovinezza anche perché la prima l’ho dimenticata, è trascorso troppo tempo……..!

Non si diventa vecchi per niente e con il tempo ho imparato una cosa fondamentale per sopravvivere: raccontare le bugie!!!

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

i_melottialbatrho.smauriziocamagnablumannaroarte1245sluckymanmassimocoppacoldlydeteriora_sequorles_mots_de_sablegeishaxcasoDJ_Ponhziseveral1fiordilotodgl14lubopo
 

IN LINEA ORA:

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2015 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

UN VOTO PER LA VITTORIA

questo blog partecipa all'estrazione del maialino d'oro.

se volete votarlo cliccate QUI,QUO,QUA