Community
 
zoppeangelo
   
 
Creato da zoppeangelo il 25/03/2011

L'INTERNAZIONALISTA

sinistra comunista

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: zoppeangelo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Etą: 64
Prov: PV
 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cherobacontessazoppeangeloigypopmaandraxcile54paperino61tomauriziocamagnaluigi_sialexpix1975juseraltervaniloquioGIULIVAeGIOIOSA4everantropoeticoMarquisDeLaPhoenixfranca53fs
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

L’America sta acquistando il disputato greggio curdo iracheno

Post n°460 pubblicato il 29 Luglio 2014 da zoppeangelo

Middle East News 140728

L'America sta acquistando il disputato greggio curdo iracheno

- Sarebbe la seconda volta che un gruppo USA acquista petrolio che il governo di Baghdad considera di contrabbando.

- Si tratta di circa 1 milione di barili, costo $100 milioni, uno dei primi trasporti tramite il nuovo oleodotto lungo 600 miglia, che va dai giacimenti curdi di Kirkuk (Nord Irak, governato dal KRG), a Ceyhan in Turchia; è il maggiore oleodotto per l'esportazione del petrolio iracheno.

- I curdi hanno tolto i giacimenti del Nord ai ribelli ISIS che controllano il N-O iracheno.

- Il governo centrale iracheno, di Maliki, non può intervenire contro i curdi perché impegnato a combattere ISIS.

- Gli Usa temono che le vendite indipendenti di petrolio dal Curdistan contribuiscano alla frantumazione dell'Irak.

- Washington ha fatto pressione su gruppi petroliferi e su governi perché non acquistino il greggio dal Governo Regionale del Curdistan, ma non ha posto divieti ai gruppi americani.

- Secondo gli analisti gli acquisti di greggio curdo possono rappresentare un significativo passo avanti verso l'indipendenza del Curdistan.

- Cosa a cui gli Usa ufficialmente sono contrari, vogliono un Irak unito, nel timore che un Curdistan indipendente in Irak riaccenda il movimento separatista in Turchia e Iran.

[R+T]

 

 
 
 

Riflessioni sulle recenti tendenze del movimento operaio in Cina

Post n°459 pubblicato il 28 Luglio 2014 da zoppeangelo

Riflessioni sulle recenti tendenze del movimento operaio in Cina

Suki CHUNG

- Con la rapida crescita economica crescono in Cina anche le contraddizioni prodotte dalla strategia di sviluppo capitalistico, e producono un crescente scontento popolare.

- 1993-2006, in Cina il numero degli scioperi operai e delle protese contadine è passato da 8 700 a oltre 90 000 l'anno, o secondo alcuni studiosi a oltre 180 000 nel 2010, a dimostrazione che le scelte di sviluppo economico sono antipopolari e tese al profitto.

- Scioperi, manifestazioni e scontri sono aumentati da oltre 60mila nel 2006 a oltre 80mila nel 2008; nel solo 2009 ci sono state in Cina 90mila proteste sociali di massa, tendenza continuata negli anni successivi.

- In questo contesto lo Stato cinese è stato costretto a cercare di regolamentare le relazioni sociali e del lavoro con nuove legislazioni nazionali (2001, Legge sui sindacati; 2007, Legge sul contratto di lavoro; 2011, Legge sulla Previdenza sociale), per creare un migliore sistema legale di protezione dei diritti dei lavoratori e di welfare.

Lo Stato cinese sembra aver imparato a meglio gestire e a rispondere alle proteste operaie, quando costretto dal dilagare dello scontento; le frequenti ondate di scioperi e proteste organizzate da lavoratori e contadini stanno però a dimostrare l'incompletezza e provvisorietà di questa legislazione, solo formalmente a favore dei lavoratori ma nella sostanza favorevole al capitale e anti-democratica.

- In questo contesto di crescente forza delle lotte operaie per diritti e rappresentanza, abbiamo verificato che la classe operaia si è dimostrata una potente forza che ha inciso non solo sull'economia ma anche sulla politica dello Stato cinese.

Si può prevedere che i lavoratori avranno in futuro maggiore capacità di farsi valere e di avanzare ulteriori rivendicazioni, mentre per quietare i conflitti sociali il governo dovrà ricorrere più spesso a carota e bastone: promozione di negoziati salariali E penalizzazione e marginalizzazione di attivisti operai e di organizzazioni operaie non governative.

Sindacalizzazione e negoziazione

Le regioni industrializzate della Cina, come le province di Guandong e di Zhjiang, hanno di recente introdotto iniziative per autorizzare e addirittura appoggiare sindacati di fabbrica per consultazioni collettive con la direzione. Sono nel Guangdong - dove si trovano la maggior parte delle centri urbani costieri - le iniziative di gestione democratica delle imprese considerate più avanzate.

Si tratta di una politica diretta dal governo centrale per riconciliare lo scontro capitale-lavoro-Stato.

Lo stato-partito rafforza il ruolo e responsabilità del sindacato ACFTU per incanalare le rivendicazioni operaie nel quadro istituzionale, fornendogli potere statale e risorse.

Una campagna nazionale di "sindacalizzazione", iniziata nel 2008-2009, che prende di mira in particolare multinazionali o gruppi esteri che operano in Cina.

Molti dei 500 maggiori gruppi listati da Fortune sono stati costretti da ACFTU a creare sindacati, tra essi Walmart e Coca Cola.

Di fronte alla crescente ondata di proteste operaie (ad es. quello nel 2010 presso Honda) ha costretto governo e ACFTU a riconoscere la forza delle rivendicazioni operaie; ACFTU sta cercando di costringere un maggior numero di fabbriche a firmare contratti collettivi e creare sindacati locali, concentrandosi però sui gruppi esteri.

Secondo un esperto, sotto pressione di ACFTU, nel 2010 sono stati siglati contratti collettivi in quasi 100 grandi imprese, riguardanti circa 3,8 milioni di lavoratori; la maggior parte di questi contratti sono stati però firmati dopo che si erano intensificate proteste radicali operaie nella regione del Guandong.

Gli scioperi e le lotte operaie degli ultimi anni hanno fatto registrare un balzo qualitativo nel movimento dei lavoratori cinesi, in quanto hanno costretto il partito di Stato a rispondere alle rivendicazioni operaie con leggi nazionali e istituzionalizzando i negoziati salariali al fine di prevenire gli scioperi.

Diversamente dai modelli negoziali collettivi del Guandong, che sono il risultato dell'attivismo operaio, la sindacalizzazione e i negoziati collettivi della provincia del Jiangsu (regione del delta dello Yangtze) sono meno frutto di lotte che espressione della forte presenza dei sindacati gialli a vari livelli, i quali dall'alto danno il via e gestiscono i negoziati contrattuali, dai grandi gruppi statali cinesi, a quelli privati esteri, a quelli municipali; il tutto obbedendo alla politica di ricerca della "stabilità sociale", regolamentando la competizione del capitale e le relazioni del lavoro.

I quadri negoziali collettivi sono finalizzati soprattutto alla creazione di uno stabile meccanismo di adeguamento salariale, il che non è altro se non un "matrimonio di necessità" tra lo Stato-partito, l'AFCTU e imprese per istituzionalizzare il modello di negoziati salariali al fine di evitare gli effetti di contagio del malcontento operaio.

Nel cosiddetto processo negoziale sono assenti in Cina tre fattori essenziali: un sindacato indipendente con capacità negoziali; rappresentanti eletti dai lavoratori; il diritto di sciopero.

Anche nel Guangdong, nonostante lo sciopero o le lotte operaie abbiano un peso, il nodo cruciale della sindacalizzazione rimane nelle mani del partito.

Le nuove sfide per le ong locali: cooptazione o coercizione

Lo sviluppo delle Ong del lavoro in Cina è solo in fase iniziale a causa di una serie di restrizioni istituzionali e di risorse.

Lo Stato cinese per motivi di stabilità sociale può arbitrariamente riprendersi lo spazio che apre alla società civile.

Il governo sorveglia strettamente, limita o addirittura impedisce lo sviluppo delle ong che forniscono servizi ai lavoratori e li organizzano le questioni inerenti i lavoratori invece, data la valenza politica delle questioni del lavoro.

 

In Cina ci sono 4 tipi di Ong:

quelle che si occupano dei diritti dei lavoratori e sono protette dal governo;
quelle che utilizzano la denominazione di Ong per ottenere fondi da fondazioni estere etc.
quelle create da individui di istituzioni, come docenti, ricercatori o professionisti legali, che, pur indirettamente, sono in vario modo collegate al governo.
E infine quelle formate soprattutto da lavoratori o vittime del lavoro, attivisti o che hanno esperienza di lotte operaie. Molti di questi gruppi hanno un sostegno esterno (anche da Hong Kong) per sopravvivere. Alcuni si registrano al ministero degli Affari Civili come "impresa privata", molti operano a livello informale, con il rischio di repressione da parte del governo perché "illegali" e "indipendenti".
I due centri rurali nel Sichuan e nel Chonging di Labour Action China (LAC) sono registrati formalmente presso l'Ufficio Affari Civili, ma la sede di collegamento nello Shenzen può operare sono informalmente, se non clandestinamente.

I gruppi operai indipendenti nel Sud urbano (ad es. Guangdong) rischiano maggiormente la repressione sociale o politica di quelli delle regioni rurali (ad es. Sichuan).

Nonostante la loro condizione di precarietà, essi rappresentano un'importante forza di base che appoggia le lotte collettive dei lavoratori migranti, offrendo sostegno paralegale, istruzione, formazione, mediazione nella contrattazione e riunioni con i compagni lavoratori. Le Ong di Hongkong forniscono sostegno finanziario, informazioni, idee e modelli di lavoro per la maggior parte di questi ONG, soprattutto nella regione del Fiume delle Perle.

LAC ha organizzato attività per promuovere la cooperazione e il reciproco sostegno tra i vari partner Ong sia nel Guangdong che nelle province interne. L'integrazione campagna città è un punto chiave dei suoi obiettivi organizzativi.

Negli ultimi mesi il governo ha introdotto misure che sembrerebbero diminuire il controllo delle Ong; in realtà sta seguendo un approccio duplice: cooptazione della maggioranza e repressione la minoranza per rafforzare il controllo statale.

Lo Stato sta mobilitando enormi risorse affinché le organizzazioni della società civile cadano sotto l'influenza del partito, "impiantando" l'apparato del partito nelle organizzazioni e cooptando le Ong di base tramite il finanziamento dei loro servizi.

Il nuovo compito assegnato dal governo a GDFTU è di "guidare" le organizzazioni sociali e le Ong del lavoro; per fare ciò essa deve collegarsi alle Ong operaie finanziandone i servizi sociali, bilanciare gli interessi delle parti e conciliare i conflitti sociali.

Diverse organizzazioni in difficoltà per mancanza di fondi sono costrette a scegliere tra essere cooptate dal governo o essere represse perché non cooperative. È in questo modo che il sindacato di Stato mantiene il proprio monopolio.

Per lo sviluppo delle organizzazioni sociali nella Cina continentale, oltre all'apertura da parte dei gruppi di Hongong, è fondamentale che cresca in essa la consapevolezza e il sostegno materiale.

Il lavoro di LAC, risultati e effetti

Negli ultimi 8 anni LAC ha operato per organizzare i lavoratori migranti e le vittime di malattie professionali, dando sostegno alle loro lotte e alle azioni legali. Puntiamo a costruire una coscienza politica e la solidarietà dei lavoratori tra le vittime di incidenti e malattie, e a sostenere i loro sforzi organizzativi.

La campagna per i diritti delle vittime del lavoro è stata condotta non tanto a livello di luogo di lavoro quanto su una piattaforma più ampia a livello sociale, per sollecitare i lavoratori migranti ad esprimersi e mobilitarsi come forza.

Oltre l'assistenza per le rivendicazioni di indennizzo, LAC ha mobilitato diversi partner sociali (ad es. sindacati e Ong internazionali) perché forniscano maggior spazio, risorse e solidarietà ai lavoratori cinesi. Abbiamo organizzato i lavoratori per le trattative con il capitale, non solo i diretti datori di lavoro in Cina ma anche le associazioni commerciali e industriali a livello internazionale. Data la tendenza di rilocazione di capitali e fabbriche dal Sud urbano al Nord più rurale, alla ricerca di forza lavoro a minor prezzo, LAC considera sia molto importante perseguire una strategia di integrazione rurale-urbana. I due centri del Sichuan e del Chongqing parteciperanno direttamente alla gestione di dispute del lavoro e all'organizzazione di giovani lavoratori, data la crescente presenza di industrie a intensità di forza lavoro.

Nei prossimi anni nelle province nordoccidentali coesisteranno "vecchi" lavoratori migranti che tornano a casa nelle province rurali e "nuovi" lavoratori di fabbrica. La sfida consisterà nell'organizzare sia l'esercito di riserva di giovane forza lavoro che le vittime del lavoro che tornano a casa.


riassunto da un documento di Labour Action China [non chiara la data, forse del 2012] la situazione delle oroganizzazioni sindacali in Cina.

 


traduzione fornita da Pagine Marxiste

 

 
 
 

N°36 Pagine Marxiste - Luglio 2014

Post n°458 pubblicato il 21 Luglio 2014 da zoppeangelo

 

N°36 Pagine Marxiste - Luglio 2014

  1. UNA POLITICA COMUNISTA TRA STRATEGIA ED AZIONE (Editoriale)
  2. “Unipolarismo” italiano nelle convulsioni dell'UE (ELEZIONI EUROPEE 2014)
  3. Sviluppo ineguale e crisi italiana
  4. Ucraina: una storia di oppressione borghese e di competizione imperialista

 

 
 
 

Scenari di politica estera americana fra Ucraina e Medio Oriente

Post n°457 pubblicato il 11 Luglio 2014 da zoppeangelo

Fra febbraio e giugno di quest'anno Stratfor, cioè lo Strategic Forecasting Inc., servizio privato di intelligence statunitense, spesso utilizzato da ambienti CIA o Pentagono per indirizzare le scelte della Casa Bianca, ha pubblicato una serie di articoli che, prendendo spunto dall'Ucraina, cercano di definire le nuove linee guida dell'imperialismo americano in particolare nei confronti della Russia. Rispetto agli articoli pubblicati nella primavera 2013 si conferma che gli Usa non sono forti come nel periodo della guerra fredda, ma conservano un vantaggio relativo, purchè lo sappiano usare con intelligenza, rinunciando a un ruolo di "onnipotenza globale" e giocando sulle debolezze altrui.
Il modello politico che viene proposto a Obama è quello di Eisenhower, che, da generale, capiva che "la minaccia di guerra è essenziale per essere credibili", ma non occorre combattere sempre davvero. Quindi basta guerre che si sono rivelate un insuccesso. Dal 2001 gli Usa sono stati impegnati in un esteso sforzo militare nel mondo islamico (Afghanista, Iraq e poi Libia), e in nessuno di quei paesi sono riusciti a imporre un governo favorevole agli interessi statunitensi, anzi si sono rafforzate le potenze regionali. Adesso si deve limitare al minimo l'uso della forza militare e puntare a una bilancia di potenza nei vari scenari regionali, contrapponendo un paese all'altro, una corrente all'altra, per bloccare l'emergere di paesi egemoni che potrebbero sfidare gli Usa. Obama sembra incerto sulle scelte da intraprendere ma ha anche detto "il fatto che abbiamo il martello migliore non significa che dobbiamo affrontare ogni problema come fosse un chiodo".
E' escluso che gli Usa reintervengano militarmente , ma possono intervenire "per impedire che uno dei tre gruppi in lotta sia cancellato, senza cercare di risolvere il conflitto"-. E' quello che gli Usa stanno facendo anche in Siria. Nel decennio precedente gli Usa, presi dalle loro guerre, hanno lasciato che Putin assumesse statura internazionale; per fortuna la ripresa del dialogo con l'Iran può servire a indebolirne i legami con la Russia e occorre impedire che la Siria diventi un ambito di manovra russo. La Russia va contenuta anche se è debole perché è comunque la maggiore potenza sia nell'area dell'ex impero sovietico che nei confronti del Medio Oriente.
In Ucraina si deve influenzare gli eventi senza intervento diretto, agli Usa basta una Ucraina neutrale che costituisca uno stato cuscinetto, gli Usa non hanno bisogno di un confronto diretto con la Russia, per cui invece l'Ucraina è vitale. Già da ora si può contare sul fatto che la Russia è percepita come minaccia da Polonia e stati Baltici; quindi gli Usa possono fare leva su questi timori proponendosi come l'unico alleato che può fornire protezione militare. Sarebbe però vantaggioso contare su una alleanza militare con Polonia, Ungheria e Romania. Sono da collocare in quest'ottica il viaggio di Obama in Polonia e quello di Biden in Romania (nota1). In due paesi insieme hanno 58 milioni di abitanti (mentre Ungheria, Slovacchia e Bulgaria insieme 24 milioni). Un corollario dello schema è che la Romania ottenga il controllo della Moldavia, in modo che la Nato si installi sul fiume Dniester, a meno di 80 miglia da Odessa.
La Romania per ora è tiepida rispetto all'offerta di protezione americana. Soprattutto vorrebbe dagli Usa i finanziamenti per riarmarsi, mentre gli americani mirano a istallarsi nei suoi aeroporti. La Romania ha importanti rapporti commerciali con la Russia e molte aziende russe vi investono.
La Romania è fondamentale nella strategia americana come contrappeso alla presenza russa in Crimea; un altro passo importante è la trilaterale Turchia Romania Polonia tenutasi in giugno.
Un successo intanto è stato convincere la Bulgaria a sospendere, ai primi di giugno, la costruzione di South Strema.
Berlino non è più un alleato affidabile, non lo è più dal 2003 quando rifiutò di intervenire in Iraq, mentre Francia e Gran Bretagna possono ancora esserlo e funzionare da contrappeso alla Germania.
La Germania punta ad avere una politica estera più assertiva (questo è evidente in Africa), ma ha bisogno di conservare il suo vantaggio economico, che dipende dall'export. L'export tedesco a sua volta è così brillante grazie al rifornimento di componenti e di lavoro qualificato a basso costo da parte di Polonia Cekia e Slovacchia e grazie ai rifornimenti energetici russi e agli investimenti in Russia. E' interesse degli Usa a rompere l'intensa corrispondenza di interessi fra Russia e Germania.
E' logico che la Russia si senta minacciata dal fatto che gli stati Baltici e la Polonia siano nella Nato, che l'Ucraina abbia un governo filo-occidentale (il che può mettere a rischio anche l'alleanza con la Bielorussia) ed è saggio non far "perdere la faccia" ai Russi in modo che siano costretti a qualche atto estremo.
Per ora l'arma più forte in mano ai russi è quella energetica (il 91% dell'import di energia polacco e l'86% di quello ungherese proviene dalla Russia) e gli Usa non sono in grado di sostituirsi a breve.
Ma in prospettiva per la Russia questo è un elemento di debolezza, perchè le entrate russe dipendono prevalentemente dal prezzo del petrolio; quindi per mettere in ginocchio la Russia basterebbe ottenere un forte abbassamento del prezzo del petrolio a livello internazionale, un obiettivo impossibile nell'immediato ma che può diventare un imperativo strategico degli Usa per il futuro (nota 2).
Nell'immediato la Russia ha trovato un correttivo al rischio di eccessiva dipendenza dall'export in Europa con il mega contratto di fornitura alla Cina. La Russia non è in grado di impedire l'attacco alla sua area di influenza, ma può dilazionare il proprio indebolimento promettendo finanziamenti pronta cassa e contrapponendo il suo decisionismo alle incertezze di Obama. In particolare in questa fase la Russia, che comunque può far pesare la sua vicinanza geografica, utilizza una propaganda più articolata, sottile e adatta ad orecchie europee, gli Usa sono troppo semplicisti. Ad es. la scelta di Putin di sottolineare il ruolo della Russia contro la Germania nazista è stato efficace e convincente; gli Usa devono sottolineare l'inesistenza dell'Europa come unione politica e militare, la sua attuale debolezza economica, il fatto che sono gli Usa che hanno vinto la seconda guerra mondiale.
Non bisogna consentire che la più abile diplomazia russa porti i paesi dell'ex blocco sovietico a preferire un'alleanza con la Russia. Questo vale soprattutto per i paesi del Caucaso, in cui si deve puntare a conservare l'influenza sulla Georgia ed estenderla all'Azerbaijan, perché qui i Russi potrebbero cercare una rivincita per la perdita dell'Ucraina e l' Azerbaijan è strategico per garantire la sicurezza dei porti georgiani..
Fermo restando che l'Asia è il centro della strategia americana, non si deve trascurare l'est europeo e non farsi risucchiare ancora nell'area medio orientale. Nell'Est Europeo occorre una strategia coerente, non è necessario per tenere a bada la Russia scatenare la III guerra mondiale e neanche riprendere la Guerra fredda. Non serve nemmeno combattere una guerra regionale come in Iraq o in Afghanistan. A parte il fatto che si potrebbe perderla.

Fin qui Stratfor, anzi George Friedman. Che scrive con cruda chiarezza, senza la solita salsa ideologica della democrazia e della libertà, perché parla alle persone che contano nell'establishment del suo paese. E vuole convincerle che oggi l'intervento militare diretto (reso comunque più difficile dai tagli al bilancio del Pentagono) non è l'opzione preferibile per gli Usa. L'opzione preferibile è un mondo pieno di guerre locali, in cui si sfianchino i potenziali concorrenti e in cui gli Usa regista più o meno occulto tengano le fila. Nessun accenno ovviamente ai costi umani di questi conflitti. Nella scacchiera "geopolitica" non contano. Par di capire che per lui la Crimea è ormai da lasciare in mano alla Russia, in modo che sia costante pretesto per alimentare le tensioni a cavallo del Mar Nero, per stringere la presa della Nato sui paesi europei che su quel mare si affacciano, magari allargando l'area di crisi ad Azerbaijan e Moldavia. Stupisce tuttavia la sicurezza espressa sul fatto che le potenze regionali, ad esempio la Turchia, facciano gioco agli interessi Usa. In Medio Oriente come in Europa e in Asia le potenze regionali giocano in proprio, che piaccia o no all'imperialismo americano. Dalle guerre recenti combattute dagli Usa Stratfor trae la conclusione che alla fin fine sono state inutili, non si dice per le finalità ideali agitate nella propaganda bellicista, ma nemmeno per realizzare quegli interessi dei gruppi capitalistici dominanti che le avevano imposte. Peccato che ai responsabili nessuno chiederà conto. Almeno per ora.


fonte Pagine Marxiste

 

 
 
 

ARTICOLI SU GAZA

Post n°456 pubblicato il 11 Luglio 2014 da zoppeangelo

8 luglio
L'escalation della violenza in Cisgiordania e a Gaza
Fallite per l'ennesima volta le trattative di pace fra Israele e autorità palestinese, presiedute da Kerry, non è un segreto che il riavvicinamento di Hamas e OLP nel maggio 2014, ha fatto infuriare il governo israeliano, uso, indipendentemente dal colore politico, a giocare pesantemente sulle divisioni in campo palestinese.
Abbiamo già scritto sull'improbabile successo di questo dialogo fra le due più importanti organizzazioni palestinesi; in ogni caso Netanyau, che guida Israele dal 2009, ha giocato d'anticipo col chiaro intento di spaccare la neonata coalizione inasprendo contemporaneamente le tensioni fra Israeliani e palestinesi.
Non solo il governo Netanyau ha bloccato il versamento delle tasse (che sono raccolte dagli israeliani e riversate all'autorità Palestinese), ma ha platealmente autorizzato la creazione di 3 mila nuove colonie israeliane in Cisgiordania. Sottolineiamo il "platealmente", perché la riappropriazione dei territori palestinesi da parte di coloni israeliani non si è mai interrotta ed è per ovvi motivi causa di continue frizioni fra le due comunità. Dati non smentiti dagli israeliani e forniti dal centro studi palestinese Arij rivelano che fra il 1990 e il 2012 la superficie degli insediamenti israeliani in Cisgiordania è aumentata del 182% mentre i coloni israeliani sono passati da 240 a 656 mila (+189%). Questi coloni sono scelti fra i nuovi immigrati, in modo che la guerra fra poveri continui!
L'annuncio del governo israeliano è di 6 giorni precedente il rapimento dei 3 ragazzi israeliani poi trovati morti (l'annuncio è del 6 giugno, il 12 è avvenuto il rapimento, a fine giugno il ritrovamento). Netanyau ha immediatamente individuato il colpevole del rapimento in Hamas, Hamas ha smentito ma, come è suo costume, ha elogiato l'atto, Abu Mazen lo ha condannato, ma questo non ha fermato un'ondata parossistica di caccia al palestinese, che ha indiscriminatamente colpito Gaza e Cisgiordania. Trentaquattro siti "di terroristi" sono stati bombardati a Gaza, 389 palestinesi, fra cui alcuni parlamentari e lo speaker del Palestinian Legislative Council, sono stati arrestati; muoiono "incidentalmente" due tredicenni e un diciannovenne palestinesi.
Una volta ritrovati i corpi dei tre adolescenti israeliani, un diciassettenne palestinese è stato rapito e ucciso, presumibilmente da coloni israeliani, mentre membri della destra palestinese inscenavano a Gerusalemme manifestazioni al grido di "Morte agli Arabi" . Fonti Onu hanno contato nel solo 2013 400 attacchi a palestinesi nell'area di giurisdizione israeliana, per lo più impuniti.
Lo scenario per una sanguinosa terza intifada è stato innescato.
Lo scopo di Netanyau non è solo di "sradicare Hamas", è anche quello di far tacere le voci moleste in campo israeliano. Da ogni parte stanno scoppiando scandali per corruzione che riguardano ex ministri, industriali, pubblici funzionari, militari. In particolare sono stati saccheggiati i fondi pensione. Chi è ricco in Israele diventa sempre più ricco, una vera e propria oligarchia domina l'economia e la politica. In cambio molti giovani israeliani lasciano il paese perché con i loro salari non riescono a pagare gli affitti proibitivi o a garantire scuole decenti ai figli. (cfr Daniel Doron, direttore del Israel Center for Social & Economic Progress su Middle East Forum 15 maggio 2014).

La caccia al palestinese quindi è funzionale anche alla repressione e allo sfruttamento dei lavoratori israeliani, che non si possono permettere le guardie del corpo e che ogni giorno, nel clima di violenza alimentato ad arte, vedono i loro figli morire e comunque devono vivere in continua insicurezza.
Hamas e i "duri" palestinesi d'altronde non sono contrari alla violenza perché sperano di recuperare l'appoggio e i finanziamenti, che sono ora in forte calo in Europa e paesi del Golfo. La causa palestinese è oggi poco funzionale agli interessi in campo in Medio Oriente, in cui la partita più importante si sta giocando in Iraq, in Siria.

10 luglio
Scene di guerra a Gaza (10 lu)

Com'era prevedibile, mentre Hamas continua a mandare missili contro Israele, i raid israeliani su Gaza hanno prodotto i primi 40 morti, più un elevato numero di feriti, distruzioni di case ecc.
Il governo israeliano ha già allertato 40 mila riservisti e viene data per probabile una invasione di terra. Non è uno scenario nuovo, purtroppo. Anche solo limitandosi agli ultimi dieci anni la sequenza di Hamas che rapisce un o degli israeliani (come Ghilad Shalit nel 2055) e/o lancia missili, Israele che compie raid aerei, arresta o uccide qualche militante di hamas, ma più spesso massacra un certo numero di civili a Gaza si è ripetuta nel giugno 2005, novembre 2006, aprile e giugno 2007, febbraio e marzo 2008, dicembre 2008 (operazione "Piombo fuso" 1400 palestinesi uccisi), aprile e agosto 2011, marzo e giugno 2012.

La novità può consistere nel fatto che i missili lanciati da Hamas siano a gittata sempre più lunga, probabilmente di origine iraniana (a marzo di quest'anno le navi israeliane avevano intercettato una nave israeliana carica di missili diretti appunto probabilmente a Gaza, altre armi arrivano indirettamente tramite sud Sudan). Ma è cambiata anche la scelta politica di Hamas, che rompe con questi lanci la tregua firmata con Israele nel novembre 2012 grazie alla mediazione di Morsi allora presidente dell'Egitto. L'abbattimento dei Fratelli Mussulmani ha lasciato Hamas senza appoggi internazionali dal momento che nel 2011 si era consumata la rottura con lo sponsor tradizionale, cioè l'Iran. La rottura nasceva dal rifiuto di Hamas di lasciarsi coinvolgere nel conflitto siriano e di combattere quindi a fianco del regime di Assad, tanto che il capo riconosciuto di Hamas, Meshaal, aveva lasciato Damasco per il Qatar (paese che più si era sbilanciato a favore dei Fratelli Mussulmani egiziani). Caduto Morsi il nuovo governo egiziano ha blindato la frontiera con Gaza, bombardato il Sinai e chiuso i tunnel da cui filtravano cibo, medicine, materiali da costruzione ma anche armi verso Gaza, , aggravando gli effetti del blocco che Israele impone, con più o meno durezza a seconda delle fasi, dal 2007, da quando Hamas è al governo a Gaza. Infine nel marzo 2014 Hamas è stata dichiarata fuori legge in Egitto e dozzine di suoi militanti sono stati arrestati e sono spariti nelle carceri egiziane. E' stato subito chiaro che sarebbe ripresa la piena collaborazione fra Egitto e Israele nella caccia al militante di Hamas tipica ai tempi di Mubarak e che implica la possibilità per Israele di fare operazioni militari nel Sinai, anche tramite i droni, per garantire la sua sicurezza.
All'inizio di quest'anno, quando è stato chiaro che al Sissi sarebbe diventato il futuro presidente egiziano, sono ripresi i colloqui fra Hamas e Teheran, culminati con un nuovo accordo firmato a fine maggio 2014, di cui è trapelato che Teheran riprendeva i finanziamenti e la fornitura di armi e Hamas si impegnava a combattere a fianco di Hezbollah e a favore di Assad in Siria. Dato lo stato di estrema tensione esistente fra il governo Netanyau e l'Iran non è per nulla improbabile che nell'accordo fosse implicita anche la ripresa del lancio di missili contro Israele.
Come sempre i militanti di Hamas sono annidati nei tunnel sotterranei dove si ritirano dopo i lanci, mentre a subire le rappresaglie israeliane è prevalentemente la popolazione civile.
Ma è fuori di dubbio che anche l'atteggiamento israeliano fosse fin dall'inizio di estrema aggressività non solo nei confronti non solo dei militanti di Hamas, ma di tutta la comunità palestinese nei territori occupati, sottoposta a una sorta di "punizione collettiva". Non solo Netanyau voleva coprire il fatto far saltare il fragile riavvicinamento di Hamas a Fatah (e le persecuzioni in Cisgiordania dove l'OLP e Hamas sono entrambe influenti miravano sicuramente a questo), ma certamente l'obiettivo era la ripresa aperta delle ostilità contro Hamas in quanto longa manus dell'Iran. L'attuale governo israeliano denuncia costantemente il programma nucleare iraniano, vede con estrema preoccupazione i colloqui intrapresi fra l'amministrazione Obama e il governo iraniano e accusa Obama di essere una ameba senza spina dorsale che si fa infinocchiare dagli ayatollah iraniani. Secondo alcuni giornali, ovviamente anti israeliani, ad esempio Asia Times, il governo Netanyau ha saputo da subito della morte dei tre adolescenti israeliani, ma lo ha tenuto nascosto per poter orchestrare a livello internazionale la campagna di odio contro i palestinesi. Anzi aveva bisogno di qualche vittima israeliana e per questo da un lato ha ripreso la politica degli insediamenti in Cisgiordania. Solo una escalation di grandi proporzioni, in cui gli israeliani siano almeno in parte anche vittime, poteva riportare Israele in primo piano, costringere gli Usa a prendere posizione e far saltare definitivamente ogni ipotesi di appeasement fra Stati Uniti e Iran.

La ricerca di chi ha lanciato il primo sasso in questa situazione è un'operazione senza senso: se viaggi costantemente con una miccia accesa prima o poi, per una causa o l'altra, otterrai l'esplosione. E potrebbe sembrare cinico distogliere l'attenzione dalla mattanza in corso per dedicarsi alla dietrologia dei rapporti internazionali. Ma purtroppo è una costante della storia dei palestinesi dal 1948 di essere utilizzati come carne da cannone dalle borghesie regionali arabe o, nel caso dell'Iran, mussulmane nello scontro con Israele, ma anche nelle dispute fra di loro, approfittando della loro situazione di profughi e apolidi.
L'attacco ormai conclamato dell'ISIS in nord Iraq e Siria, che minaccia direttamente sia Assad che il regime di al-Maliki, entrambi alleati dell'Iran ha fatto precipitare la situazione; se fosse vero che dietro l'ISIS ci fossero i finanziamenti della Turchia, o, come sostengono gli iraniani, i servizi segreti Usa, si spiegherebbe l'improvviso interesse dell'Iran per una ripresa dello ostilità con Israele.
Insomma una di quelle "guerre locali" tanto care a Friedmann e agli strateghi di Stratfor, in cui le potenze regionali si logorano a tutto vantaggio della conservazione da parte degli Usa della loro "superiorità relativa" senza nemmeno combattere in prima persona.
E naturalmente a morire non sono gli strateghi, ma il palestinese di Gaza o l'uomo della strada israeliano, naturalmente non nelle stesse proporzioni, perché i razzi di Hamas e l'aviazione israeliana non hanno la stessa potenza distruttiva. E tuttavia l'ultimo sondaggio indica che il 47% degli Israeliani è contrario all'uso della forza a Gaza, contro un 38% di favorevole e un 15% di incerti.
Negli anni recenti i tentativi di gruppi palestinesi e di gruppi israeliani di creare un clima di convivenza e di rispetto dei diritti reciproci è rimasto minoritario, anche se merita rispetto.
Troppi gli interessi contrari alla pace che hanno remato contro. Del resto lo stesso sceicco Yasin, fondatore di Hamas, poi ucciso dagli israeliani , era stato protetto all'inizio dai servizi segreti israeliani e americani perché facesse da contraltare ai movimenti palestinesi che parlavano apertamente di lotta di classe e di socialismo. Quello che poi è venuto fuori è un movimento altrettanto razzista della destra israeliana e la mattanza continua.


articoli fornite da Pagine Marxiste

 

 
 
 
Successivi »