IL RAMO RUBATO

... e ogni giorno, avidamente, il mio lato oscuro cresceva, cresceva, cresceva...

 

CONTATTI

mail e facebook : il_ramo_rubato@libero.it

 

COPYRIGHT

Il materiale fotografico pubblicato in questo sito è composto esclusivamente da mie fotografie. E' assolutamente vietata la pubblicazione, o la riproduzione, di foto o di porzioni di esse, senza la mia esplicita autorizzazione. Andrà comunque segnalato il riferimento all'autore.

Sono tutelati da copyright legalmente dimostrabile tutti i racconti del blog. Alcuni sono stati pure pubblicati su un libro. E' possibile copiare parte dei miei racconti su altri siti o blog, parzialmente o integralmente, solamente con la mia esplicita autorizzazione, e segnalando il mio nome e linkando questo blog.

 

AREA PERSONALE

 

 

« Relazioni pericoloseI giorni dell'estasi »

Eutanasia di un amore

Post n°45 pubblicato il 04 Maggio 2007 da il_ramo_rubato
 

immagine< ... Non chiederti, amica mia, se avremo un domani, o se siamo solo l'eco spento di un perduto ieri. Noi siamo sempre l'istante che vive di sè stesso, e che di tutto il resto si dimentica. Noi camminiamo sempre sul filo teso di un eterno addio, perchè solo da esso sappiamo scivolare in un inaspettato arrivederci.... >

Mi soffermo a rileggere il finale di questa mail, che ti avevo mandato solo qualche mese fa. Quel giorno mi avevi chiesto se ci saremmo rivisti ancora. Ora penso invece dentro di me, quanto queste parole sono vive stasera. Stringo i pugni di rabbia impotente. Preparo il necessario da portare con me. Lo ripongo con cura in una valigetta. Nel mio cuore vi è già l'ombra della morte, mentre mi incammino verso il nostro parcheggio. Tuo marito a quest'ora sarà già in aereo verso Pechino. Immagino il casino che farà al suo ritorno. Mi accendo una sigaretta, per alleviare la tensione.

C'è stato tra noi, amica mia, il tempo per la poesia e per lo stupore. C'è stato il tempo per la felicità e quello per l' oblio dei sensi. Ma adesso è il tempo per rinnegare tutto ciò. E maledirlo. Non possiedo amore da donarti, amica mia. Non stasera che sto toccando il fondo della mia vita. Non stasera che tutto mi pare così difficile. Eppure devo riuscirci.

Mi fai un segno dal finestrino. Ricambio il saluto con un sorriso. La tua espressione è un fascio di paura e assieme desiderio. Mi guardi per un attimo come se fossi diventato il tuo carnefice. Ti faccio segno di entrare in macchina da me. Andiamo al nostro minuscolo casolare di legno, la nostra piccola alcova fuori dal mondo. Nessuno può immaginare quello che abbiamo inventato in quei 16 metri quadrati vicino al fiume. Abbiamo vissuto nell'ombra, solo io per te, e tu per me.

Lasciamo le macchine molto lontano questa volta e ci avviamo a piedi. E' irreale come un sogno, l'attesa di questo nostro cammino. E' impregnata di sublimi memorie e di atroci fantasie. E' una lunga traversata notturna, che collega gli ultimi tratti spezzati delle nostre vite.  


Davanti alla nostra casetta ti stringo a me per un bacio, e ritrovo finalmente me stesso. Le mie mani si sottraggono all'abbraccio per invadere l'intimità delle tue mutandine, sotto la gonna. Intanto ti guardo negli occhi. Tu mi sorridi e mi scosti da te. Ancora non siamo arrivati, e io sto già giocando col tuo corpo, per l'ultima volta. E anche questo ultimo silenzio con te, amica mia, sa essere estasi. Sprango la porta, poi ti porto di peso sul letto. Ti sorrido sicuro, mentre copro i tuoi occhi con una benda scura. Lego i tuoi polsi alle sbarre del letto. Ti spoglio completamente. Le mie dita percorrono il tuo corpo in un cammino ancestrale. E' propedueticità necessaria alla tua morte.

Prendo dalla valigetta un tagliente coltello da cucina. Ti bacio sulle labbra, poi porto quella lama sul tuo collo. E' il rituale a cui ti sottoporrò, solo per espiare come un gioco ciò che più temi. Ti chiedo se ti piace. La benda si imbeve delle tue lacrime. Le tue labbra mi dicono "mi piace da morire". Copro anche la tua bocca con il nastro adesivo. Scivolo con la punta del coltello sul tuo corpo. La porto a ridosso delle punte del seno. Posso sentire i battiti del tuo corpo che crescono a dismisura. Ma in mezzo alla paura, la mia voce ti trasmette serenità.

Lo senti, amica mia, quel fremito che ti cattura l'anima, mentre questa lama scorre sulla tua pelle?  E' il tuo vaso di Pandora, che contiene tutte le tue pulsioni più segrete. Aprilo, amica mia. Rompilo una nuova volta. Spezzalo in mille pezzi. Ti prego. Donami una volta ancora tutto quello che custodisci più segretamente nel cuore. Il tuo fuoco di donna, la tua anima più inquieta. Donami i tuoi strazi, e combatti le mie ragioni. Perchè la paura sa moltiplicare il piacere, amica mia, anzichè negarlo. Nessuna più di te lo può sapere, perchè in questa paura stai ormai affondando.

Senti il tuo alveo riempirsi del mio fiume. Impetuoso. Mi muovo con la devozione di un rito. Varco la linea che separa il tuo corpo e l'anima fino a leggere l'estasi sulla tua pelle. Sotto il nastro adesivo la tua bocca tradisce piacere. Le tue narici si contraggono e cercano più aria. I tuoi seni turgidi fioriscono. Mentre il tuo piacere si riempie copiosamente del mio piacere, il tuo ventre si contrae, al ritmo sprigionato della fiamma che ti brucia. Ora o mai più. Ora che sei all'apice estremo. Punto la pistola sul tuo seno, e sparo tre colpi secchi al tuo cuore. Sento il vuoto dentro di me.

Le tue mani sono gelate, come lo erano la prima volta che abbiamo fatto l'amore. Sei morta davvero. Quasi non ci posso credere. Tecnicamente sono diventato un assassino.  Mentre cospargo di benzina il tuo corpo, però ripenso al tuo verdetto di morte. Non sono io, il tuo vero carnefice. Lo è stato il tumore al cervello che ti ha rapito solo pochi mesi fa. Non piango la tua dolce morte. La strana eutanasia che mi hai chiesto di darti tra le mie braccia. Ma mentre ti porto sulla riva del fiume rivivo tra me e me i momenti più belli che abbiamo vissuto assieme. Appoggio il tuo corpo sui sassi. Guardo con la pila la tua mano sinistra, che porta ancora quella fede, come una catena al collo. Te la sfilo e la metto nel mio taschino. Ti bacio per l'ultima volta. E' stato bello, amore mio, dividere anche quest' ultima emozione con te. Accendo la pira. Sento odore di carne arrosto. Mi scaldo del tuo fuoco che diventa cenere. Seppellisco le tue ossa con cura. Si è quasi fatta alba, ma sono esausto. Devo assolutamente dormire. Prendo doppia dose di tranquillante. Non voglio svegliarmi prima di 24 ore.

E invece mi sveglio di soprassalto nel mio letto. Non so che ore sono. Ma non posso capirlo: non mi muovo. Resto sul letto, come paralizzato. Ogni muscolo del mio corpo mi è interdetto al movimento. E' buio, eppure dovrebbe essere giorno. Non vedo nulla. Non ho bende, ma non vedo nulla. Non ho lacci, ma non posso muovermi. Sento solo rumori di qualcosa accanto che si muove. Eppure a casa ero solo ieri notte. Mi chiedo chi  possa essere. Mi chiedo se tutto ciò non sia solo uno strano sogno.

La mia pelle viene avvolta dal calore della tua pelle. Pelle di donna. Ne sento il profumo. La tua lingua calda scorre sul mio collo. Poi sul mio ventre, fino a cercare il mio sesso. La tua bocca segue il mio piacere come se fosse collegata col mio cervello. Sento l'eccitazione crescere nel mio corpo assieme alla paura, come una dirompente marea, che mi riempie.

Solo tu sai fare l'amore così, amica mia. Non può essere nessun'altra. Ora lo so con assoluta certezza. Ma non è possibile. Tu sei morta! Ti ho uccisa io, ieri notte. Il fuoco ha già cancellato il tuo corpo. Deve essere solo un sogno... Il sogno più bello della mia vita, e assieme il più orrendo. Forse vuoi farmi sapere che tu ci sei ancora, da qualche parte.

Sali sopra di me, incurante dei miei pensieri. Sento le punte dei tuoi seni sfiorare il mio petto. Sento il tuo bacino aprirsi sopra il mio, per appropriarsi del mio corpo. Ti sento ruotare dolcemente sopra di me. Mi fagociti scivolando su di me col caldo bollente del tuo ventre. Ancora non riesco a muovermi o a vedere. Ma sento che mi sta piacendo moltissimo. Sento l'estasi che si avvicina inesorabilmente.

Poi, infine mi parli. Sei davvero tu. Mi dici: "Con me... Ti voglio con me... per sempre". Il mio cuore accellera, gelato. E' proprio la tua voce! Ma ha un qualcosa di profondamente innaturale. Sembra che venga direttamente dall'inferno.

Prosegue impetuosa e inarrestabile la tua marcia attraverso i miei sensi. I tuoi movimenti su di me, quasi animali, mi rubano il respiro. Mai mi è capitato di sentire sensazioni così potentemente forti. Il piacere è portato oltre ogni limite, fino ad un eccesso dirompente. Non lo posso più trattenere in me. Esplodo in una pioggia di calore. In quelle gocce tutta la mia anima esce in un solo istante. 

Sento infine, in mezzo al petto, tre battiti impazziti. Sono l'eco distorta di tre secchi spari nel mio petto. Mi contraggo. E' giunta l'ora della mia "dolce morte"...

La foto è stata scattata nel dicembre 2006.

Il testo scritto in maggio 2007 è completamente opera di fantasia, ispirato da un'amica che mi ha chiesto di scrivere un piccolo horror nello spirito del mio blog.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: il_ramo_rubato
Data di creazione: 28/10/2006
 

IL RAMO RUBATO

Nella notte entreremo
a rubare un ramo fiorito.

Passeremo il muro,
nelle tenebre del giardino altrui,
due ombre nell'ombra.

Nella notte entreremo
fino al tremulo firmamento,
e le tue piccole mani e le mie
ruberanno le stelle.

(P.Neruda)

 

SE VUOI POSARE PER ME...

Le foto che trovi in questo blog sono tutte miei lavori. Se ti interessa posare per le mie foto, contattami. Le modelle che vedete in queste foto non sono professioniste, e io stesso non lavoro come fotografo. Amo fotografare chi ama essere fotografata. 

Il servizio richiederà circa mezza giornata, e salvo casi particolari, sarà in bianco e nero, per  scelta stilistica. Le foto non saranno in alcun modo volgari, e saranno studiate insieme a te.  Tutte le spese per la realizzazione del servizio saranno a carico mio (il servizio è completamente gratuito). A fine lavoro sarà dato un DVD con tutte le foto del servizio, e circa 20 stampe in formato 20x30 cm del servizio, su carta fotografica professionale, o volendo qualche stampa in formato gigante.


Non sono un professionista della fotografia, lavoro in un altro settore. Scatto solo perchè mi piace farlo. Non cerco quindi top model, ma soprattutto ragazze a cui piace l'idea di posare, e che amano il mio modo di fotografare. 

Per avere altre informazioni in merito, scrivi all'indirizzo di posta:
il_ramo_rubato@libero.it

 
Citazioni nei Blog Amici: 234
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- GRAFFI NELLANIMA
- Lighthouse
- semplicemente io...
- metamorfosi
- L'alter ego
- KYLLER EYES
- punto sul rosso
- SussurriDelleFoglie
- OGNI VOLTA CHE.....
- Penna e Calamaio
- anchio
- MIMESY
- ilfuturoallespalle
- Il vento nellanima
- RESPIRI
- Sinestesie olfattive
- PallidoRaggioDiLuna
- Mare d inverno
- parole e immagini
- Penny Cap
- . E S .
- io, me et moi
- Lady Juliette
- Note
- milva
- TRA LE MIE NOTE....
- pensieri in libert&agrave;
- FascinoRetr&ograve;
- SOGNANDO........
- Dolce_eternity
- Di Tutto e di Niente
- IO CON ME
- Parla
- Il mio dolce vampiro
- testa e coda
- DIAMANTE.ARCOBALENO
- Scrivere &egrave; libert&agrave;
- Seduzione
- liberi
- Lingue e Oblio
- ricomincio da qui
- Tessiture dellanima
- Questo e molto altro
- Un anima a nudo...
- La Baccante
- NOI
- Lumil
- ANIMA
- tra sogno e realt&agrave;
- IRaccontiDelCuscino
- pensieri e parole
- PASSIONE VERA
- PENSIERI SPARSI
- SexAndTheCity
- Riccioli Rossi
- Elena
- DiFrazioni Visive
- Endless
- ~ Anima in volo ~
- IO SOLA...
- QUELLOCHEVORREIOGGI
- *
- DannataMente
- Principessa diamante
- The White Heat
- Andando Per Via
- DIAMANTI
- Per gioco
- ADORE
- extra
- La Calza Di seta
- Altromondo17
- Lato Ombra
- Aessenza Ondivaga
- sottilMente
- mantis religiosa
- soffi di luna
- LAile_du_Charme
- UnCorvoEUnaScrivania
- One_Day
- Lettere dal delirio
- FEMMINIL_MENTE
- Corvino
- Libri e vita
- Frammenti di perla
- FlautoDiVertebra
- Sensibil_Mente
- Chic Me
- E
- I SOGNI DI SONIA
- Oltre
- N u a g e s
- Vertigini
- PUNTO SUL VIVO...
- silenzio_urlato
- OLTRE
- Cercami il cuore
- Lamore in ginocchio