Creato da manoscrittilpapavero il 06/09/2010
edizioni il papavero
 

CURATORI

PITTORI

Hanno collaborato con noi per le copertine e locandine

____________________

Valerio Fabio

Nicola Leone

Massimo Maietta

Fabio Mingarelli

Emilio Moschella

Eleonora Picariello

Irene Russo

Claudio Valentino

 

 

Attori

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultimi Commenti

poggipao
poggipao il 07/05/12 alle 09:09 via WEB
Paolo Pietro Poggi, incontrato una sera per caso, nel luogo senza luoghi della poesia. Diafano, evanescente, sembrava un bambino. <Ho settantatre anni> mi ha detto. Mi sono stupita, gli davo del tu e la cosa mi sembrava strana. Poi, sfogliando le pagine di questo quaderno, ho capito che non potevo fare diversamente. Emerge tutta quella sua semplicità fanciullesca, quella nostalgia di piccole cose – monumento vivente di ricordi d’infanzia, vissuta al mattino dei sogni- E’ il vecchio fico, a cui dedica una poesia toccante, che gli ha dato lo spunto per parlare di amore. L’ amore nelle poesie di Paolo è un amore leggero, un amore che si posa come un’ape su ogni fiore che incontra e ne sugge il polline gustandone il profumo, mai uguale. In ogni donna che incontra, percepisce quasi stupito, un colore e un odore nuovo. – “lascia che io m’inebri e mi ubriachi del tuo odore” -. Un amore tenero di fanciullo, il suo, in tempo di crisi, per Natale, lui non è andato per i negozi, si è seduto al tavolino , come quando alle scuole elementari preparavamo la letterina per i nostri cari, e ha regalato una poesia a ciascuna amica, una letterina accanto al tovagliolo, un fiore diverso per ogni amica, un fiore di carta che avesse i colori della destinataria, accanto alla “nostalgia d’un sogno che non s’è avverato”(per sua moglie). Paolo Pietro è un teorico dell’amore, ormai ha smesso di fare pratica, ma gli è rimasta l’idea, è una malattia senza cura , e da medico, lo dico con un sorriso. Da poeta dico che la poesia è un ottimo rimedio. E anche questo con un sorriso. E perciò l’amore di Paolo continua, spargendosi sulla sua terra, La Spezia, il golfo dei poeti, “sua madre lo ha allattato con la poesia” e la sua poesia culmina appunto abbracciando l’amore più grande: “grazie mamma del dono incommensurabile, vita amore eternità e poesia di stelle -. - E quando la mia sera stropiccerà le ciglia tornerò alla casa e sulla soglia d’oro sarai tu ad aspettarmi-. Dalla sua poesia emerge che Paolo Pietro crede all’eternità in modo puro e istintivo, al di fuori dei dogmi ufficiali, come si evince chiaramente, anche dai suoi romanzi. Grazia Longo Medico Psichiatra (scrittrice e poeta)
 
poggipao
poggipao il 23/05/11 alle 16:24 via WEB
Ringrazio Donatella per la pubblicazione e spero che domani le Poste mi permettano di prendere in mano il nuovo libro di poesie. E' sempre un'emozione che vale la pena provare.
 
« Precedenti
Successivi »
 

Edizioni Il Papavero

 

 

L'EDITORE

donatella de bartolomeis
edizioniilpapavero@libero.it
Tel. 338.7780160

 

Hanno Parlato di Noi

Fabrizia Barbarisi - Ottopagine

Rosy Cefalo - Ottopagine

Antonella Russoniello - Buongiorno Irpinia

Floriana Guerriero - Il Corriere

Ciro De Pasquale - Abellinum

Stefania Marotti - il Mattino

Affariitalini

e tanti altri

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

monade74p.calzolaripoggipaoLiquida_mentemagnetica711semplicementeio1965mena_2009tuunicopermesonodiventatagrandeeraffaelladicapriogae_eldiabloUnParolaiog.ciurlialaura_guiloredanadargenio
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom