Creato da semprepazza il 15/09/2007
Diana - Giorgio - Lisa
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE

 ultime visite

 

GOOGLE TRANSLATION

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 608
 
 

 

UN RICORDO...

Yourpage live news aggregator

 

tumblr visitor stats

website statistics

 

 

Anche gli animali andranno in Paradiso

Post n°5829 pubblicato il 28 Novembre 2014 da semprepazza
 

Papa Francesco rivolto ai fedeli: "Un giorno rivedremo i nostri animali nell'eternità di Cristo"."Andremo in paradiso con gli animali. C'è posto anche per loro"


 

Stando ai giornali cattolici, è un Papa semplice, che mangia di tutto e uno dei suoi piatti preferiti sono “l'empanadas” (fagottini ripieni di carne o tonno), non disdegna le scaloppine di maiale, salumi, polpettone, arrosto di vitello ecc. ecc.
Io sinceramente, sarò ignorante e, quando il Papa ci dispensa qualche sua perla di saggezza non lo capisco molto, ma secondo voi cosa voleva dire, che in Paradiso ci andranno anche gli amimali perchè lo meritano anche loro, o che il vitto in paradiso sarà ottimo e con gli animali mangeremo anche il polpettone?

 

Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Multa per divieto di sosta a carro funebre

Post n°5828 pubblicato il 27 Novembre 2014 da semprepazza

 

Ho letto questa notizia e sinceramente non capisco tutti i commenti indignati nei confronti della polizia municipale che ha semplicemente applicato il regolamento, multando per divieto di sosta un carro funebre senza il morto dentro.
I fatti dicono che un carro funebre, parcheggiato nell'area di carico e scarico del terminal di Malpensa, ha stazionato per più dei 10 minuti consentiti, mentre il titolare dell'impresa funebre stava recuperando una salma che proveniva dal Vietnam.
Chi si dice allibito, chi accusa il comune di fare cassa e chi dice che non c'è più rispetto neanche per i morti.
Perchè? Mica doveva portarlo d'urgenza in ospedale, visto che era un cadavere! Se le pratiche andavano per le lunghe poteva comunque spostare il mezzo lasciando libero il transito.
Il giornalista che ha riportato la notizia dice che il titolare delle pompe funebri farà ricorso al giudice di pace per far cancellare l'incredibile sanzione.
Perchè è incredibile la sanzione? Foste voi il giudice toglieresta la multa
?

 

Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Alla faccia delle compagnie telefoniche

Post n°5827 pubblicato il 26 Novembre 2014 da semprepazza
 

Il ministero ha approvato il primo provider in Italia fondato da un'associazione di cittadini, chiaramente no profit e, per fruire dei servizi, costerà 4 euro al mese, fornendo una connessione Internet a 20 Mb/s a tutti gli abitanti  di Verrua Savoia in Piemonte.
A capo del progetto chiamato "Senza fili senza confini" c'è un professore del Politecnico di Torino, Daniele Trinchero, con il solo scopo di «sostenere la crescita e il rafforzamento della cultura locale e il sostegno di Internet come strumento di promozione e tutela delle identità culturali».
Il progetto funziona ed è appoggiato sia dal Politecnico che dal Comune, dato che la località non era raggiunta da nessuna compagnia telefonica in quando non era conveniente, ed ora 260 famiglie possono avere una connesione internet.
Il progetto fa pensare che non solo altri comuni (e non sono pochi), non raggiunti dalle compagnie telefoniche, possano fare altrettanto, ma che chiunque potrà creare un provider a costi molto bassi e abbordabili per gli utenti, tanto che le compagnie telefoniche tradizionali o si adegueranno o avranno poco da spaccare i maroni ogni giorno con continue telefonate alla gente, per aderire a promozioni o invitarti a cambiare gestore.

 

Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Obesita' killer

Mentre 15.000 persone si sono lette un post civetta, confezionato ad hoc per dimostrare (se mai ce ne fosse bisogno) quanto l'informazione fornita dai media e la scelta del "taglio" da dare alle notizie sia assolutamente indifferente riguardo il rischio di  alimentare  l'idiozia, la superficialità  e la quiescenza delle masse, questo post, se va bene, se lo leggeranno al massimo 500 persone e non riceverà alcuna forma di evidenza.
Semplicemente perchè non esiste più un giornalismo serio ed etico e semplicemente perchè l'iformazione, sia quella di sostanza, sia quella considerata "spazzatura", è molto spesso asservita agli interessi degli sponsor, politici o commerciali che siano.
Qui, invece, vorrei parlare SERIAMENTE di obesità.
Un post che parla di "ciccioni" e della loro vita erotica scatena la curiosità morbosa ed il peggio dell'umanità, come si è visto.
Un post che parla di obesità in modo scientifico e statistico passa quasi inosservato, soprattutto da parte dei "magri".
Il nocciolo è sempre questo: un problema non riguarda la gente finchè non  tocca da vicino e resta un problema altrui, persino da irridere.
Ma c'è un altro tipo di obesità, quella mentale, che impedisce una visione a lungo termine e preclude la sensibilità, in una società che riceve input continui esclusivamente verso la via dell'edonismo, dell'egocentrismo e della presunzione non suffragata da meriti reali.
Ed è la patologia più pericolosa, perchè tende ad ignorare i problemi ostacolandone la prevenzione e, in sostanza, diffondendoli.
Invece, l'obesità fisica, ben lungi dall'essere presa come uno scherzo della natura e un fatto comico, riguarda tutti indistintamente perchè ci costa più delle guerre: duemila miliardi di dollari. È il prezzo che l'economia globale paga per le conseguenze negative di un fenomeno in costante aumento. Il 30% della popolazione mondiale è sovrappeso o obesa e, nel 2030, potrebbe avvicinarsi alla metà.
A seguire alcuni dati statistici recenti  e accreditati (Organizzazione Mondiale della Sanità e rapporto  McKinsey and Company, del 2014 ).

prospettive di crescita dell'obesità

Definita dall'OMS una "silente epidemia globale", negli Stati Uniti l'obesità colpisce 86,9 milioni di persone, circa un quinto della popolazione; in Cina  si contano oggi 62 milioni di obesi  a già da tempo sono stati aperti campi estivi destinati ai bambini che devono perdere peso; in Europa il Paese più colpito è la Repubblica Ceca; sono più numerose le donne sovrappeso o obese rispetto agli uomini: il paese che ne detiene il triste primato è il Kuwait, con oltre il 50% delle donne colpite, mentre quello che raggiunge il distacco maggiore è l'Egitto, con il 21% degli uomini e il 45% delle donne; la prevalenza di obesità è in aumento nelle economie sviluppate, ma anche nei mercati emergenti che diventano gradualmente più ricchi.

grafico obesità, paesi del benessere

La previsione è che aumenterà drammaticamente anche il numero dei malati di diabete, patologia in molti casi associata all'eccesso di peso.

grafico obeità, diabete

 Quindi... c'è poco da ridere. Escludendo i casi di obesità da malfunzionamento del sistema endocrino e derivante da patologie che non sono legate all'alimentazione (ci sono persone obese che non perdono peso neppure sotto diete drastiche) il fenomeno dell'aumento di peso oltre la norma si riferisce, qui, ad abitudini alimentari scorrette, agli ingredienti degli alimenti stessi, alle pratiche di marketing poco rispettose sulle conseguenze pr la salute e alla pubblicità ingannevole sugli alimenti. E l'aumento della presenza di persone obese sul pianeta è valutato soprattutto sotto questo aspetto, escludendo i casi patologici, che costituiscono solo una piccola percentuale.
 
L'amica Ipazia mi ricorda che oggi è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e mi invita a scrivere qualcosa in proposito. Anche l'obesità, problema prevalentemente femminile, può scatenare una forma di violenza denigratoria e psicologica nei confronti di chi ne è colpito, una violenza gratuita ed insensibile che arreca più danni al morale che al fisico. Perchè, se tante ne sono state dette all'indirizzo di una "cicciona killer" inesistente, immaginiamo quante se ne possono dire all'indirizzo di una donna obesa reale.

 

semprepazza

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il monumento sbucato dal nulla

Post n°5825 pubblicato il 24 Novembre 2014 da semprepazza

 

A Milano, in corso indipendenza, sbuca un monumento e nessuno sa di cosa si tratta e chi lo ha fatto, l'ironia si scatena sui social in quanto, oltre alla forma, avendo una certa dimensione, ci sono volute ore per istallarlo e nessuno sa niente o è intervenuto mentre lo montavano.
Su cosa rappresenti nessuno lo sa, c'è chi parla di falli, di salami o di aparagi, sta di fatto che a segnalare il monumento è stato  un consigliere che abita in zona, Fabrizio De Pasquale, ironizzando: «Questo monumento simboleggia lo stato confusionale dell’amministrazione ed è una presa in giro nei confronti dei cittadini che frequentano quei giardini, già assediati da barboni ubriachi».
Il bello di Milano è che la "scultura imbarazzante" ha scatenato un dibattito, chi a favore della scultura e chi contrario, c'è chi addirittura l'ha paragonata al dito medio di Cattelan, in piazza Affari davanti al Palazzo della Borsa...

...sta di fatto che il Comune rassicura che se la scultura, battezzata dal web monumento dei "quattro falli" (in realtà cinque con l'artista, come molti ironizzano), se non autorizzata verrà rimossa in tempi brevi.
Un abitante del corso con le finestre che danno sui giardinetti ha intenzione di querelare il Comune perché gli ha rovinato il panorama e non credo sia uno scherzo, la cosa potrebbe avere realmente dei risvolti legali, io di arte ci capisco veramente poco e a me personalmente fa cagare, ma a voi piace la statua dei quattro falli?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »