Creato da semprepazza il 15/09/2007
Diana - Giorgio - Lisa
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE

 ultime visite

 

GOOGLE TRANSLATION

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 609
 
 

 

UN RICORDO...

Yourpage live news aggregator

 

tumblr visitor stats

website statistics

 

 

Lettrici letteralmente e letterariamente senza veli

Post n°5803 pubblicato il 30 Ottobre 2014 da semprepazza
 

serate di poesia, senza veli

I classici non si vendono, la gente non legge più, la poesia é morta...
Di fronte a questo quadro desolante non é escluso che autori del calibro di Sakaespeare, Dante, Goethe,  Tolstoj e tanti altri si rotolino nelle tombe, rimpiangendo di aver trascorso la vita con la penna in mano per raggiungere l'immortalità attraverso le loro opere, invece di farsi almeno qualche sega non mentale.

lettrici senza veli, serate di poesia

Che fare, mon Dieu? Come riportare sulla retta via e sulle rette letture una massa di pecoroni naikizzati e in jeans, con il cervello rivestito di vuitton che, al massimo, guardano le figure dei manga?
La soluzione é semplice e geniale nello stesso tempo, antichissima e attualissima, naturale, anzi naturista, oserei dire genetica.
Basta affidare la lettura, ad alta voce, di passi dei grandi autori ad uno stimolante gruppo di fanciulle letteralmente senza veli ed il gioco é fatto: anche i più restii si avvicineranno alla letteratura, specialmente se spettatori di sesso maschile.

reading girls

Quella delle serate di nuda poesia é la tendenza che dilaga negli States, si sta diffondendo  in Europa ed é approdata anche in Italia e precisamente nella capitale, Roma. Letture naturiste di livello, in ambienti intimi e con luci soffuse, per un pubblico poco numeroso e pagante, sicuramente attento (quanto meno con gli occhi ben aperti), dove tutti i sensi (escluso il tatto: è ovviamente precluso anche uno sfioramento di epidermide) possono dilatarsi senza commettere peccato: la forma resta salva anche se provocatoria, la fantasia chi lo sa.

lettrici senza vestiti

Sakaespeare, Dante, Goethe, Tolstoj possono dormire sonni tranquilli, adesso.
Sempre che non pretendano che gli uditori si avventurino anche nella critica letteraria... sarebbe esigere troppo.

reading girls

 

 

Semprepazza

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Bavaglio o democrazia?

Post n°5802 pubblicato il 29 Ottobre 2014 da semprepazza
 

Alla Camera si sta discutendo la nuova legge sulla diffamazione, dopo aver incassato il si del Senato che prevede multe da 10.000 a 50.000 euro.
Ho letto parecchi punti di vista e sinceramente non sono in grado di prendere una posizione ben precisa.
Da una parte si parla di legge bavaglio classista dove, avendo tolto l'arresto e aumentato le sanzioni, i grossi gruppi editoriali potrebbero continuare a gettare fango su chi vogliono e che non gradiscono, fottendosene di una sanzione per loro irrisoria; invece la legge legherebbe le mani solo a giornali minori on-line e blogger non graditi, che sarebbero stroncati anche da una sola denuncia.
Dall'altra parte si accoglie la legge favorevolmente, forti del fatto che non la si ritiene una censura, ma una legge democratica che tutela tutti, in quanto la diffamazione a tutti gli effetti è un reato, per cui chi diffama senza uno straccio di prova deve pagare.
La cosa che mi ha stupito (forse non ho letto a sufficenza o ho interpretato male) é che la legge sembra non prevedere  sanzioni  per i copiancollatori (aggregatori di notizie e  blog personali) che riportino la notizia eventualmente diffamatoria, citando la fonte originale e  lavandosene le mani come Ponzio Pilato, della serie: a me che mi fotte se mi presto a fare un bel tam tam sulla rete, tanto non rischio una sega, lo ha scritto quello là!
Di fatto concordo che qualche cosa bisognava fare dato che in rete si getta un sacco di fango sulle persone e si è arrivati anche al fotomontaggio per sostenere falsità, che poi, spesso si sono rivelate delle bufale, ma che tuttavia hanno ottenuto lo scopo.
C'è prevista anche la rettifica e la rimozione dell'articolo ma, dopo che è scappato l'asino, serve a poco chiudere la stalla.

Voi, abitanti scribacchini di Libero, cosa ne pensate?

 

Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

La maledizione di chiamarsi Fornero: minacce e insulti

I cattivissimi della storia sono tutti morti, perciò é impossibile inviare loro letterine di insulti e minaccia; quelli attuali e viventi, se ci sono, compiono le loro malefatte nell'ombra e se sono anche furbi non si fanno beccare come  pivelli ma usano dei prestanome e qualche individuo avido quanto ingenuo da mandare avanti.

elsa fornero, lacrime

Ma lei, la Fornero, se l'é proprio cercata, mettendoci la faccia, le lacrime e la firma quando il penalizzante testo sulla riforma delle pensioni diventò legge nel dicembre 2011.
Quel testo é  diventato più inviso del delirante Mein Kampf di Hitler, maledetto da milioni di lavoratori di tutte le età, sia perché cancella i diritti acquisiti secondo le vecchie regole, sia perché per i giovani, e per giunta in tempo di crisi, risulta un miraggio mettere insieme una quarantina d'anni di lavoro effettivo per raggiungere la sospirata pensione.

elsa fornero, riforma pensioni, testo

Elsa Fornero, che solo due anni fa era sotto tutti i riflettori dei media di ogni razza, oggi vive piuttosto defilata, evitando accuratamente comparsate televisive ed interviste impopolari e pericolose.
Non solo, stando ad alcune sue dichiarazioni, continua a ricevere valanghe di missive dal contenuto minaccioso.
Ma il fatto autenticamente increscioso é che numerose lettere di insulti e minaccia arrivano anche a due poveri cristi che abitano nel paese natale della ex ministra e che hanno l'unico torto di chiamarsi anch'essi Fornero di cognome e non sono nemmeno lontanamente parenti.

Perciò lanciamo un appello:
NON MANDATE IMPROPERI E PROMESSE DI VENDETTA AD ANTONIO FORNERO E GIORGIO FORNERO DI SAN CARLO CANAVESE, provincia di Torino.
Loro non c'entrano niente, non sono le persone giuste, é solo omonimia.
Questi due meschini sentono rumori notturni inquietanti vicino alle loro abitazioni e sono stati costretti ad istallare allarmi per protreggere la famiglia, che non si sa mai che qualche pazzo gli incendi la casa per sbaglio.
Eccaspita! Un po' di attenzione, perdiana. 

La vera responsabile, che lo ha saputo, dichiara: «Mi dispiace per queste persone e capisco i loro timori: anch’io continuo a ricevere minacce. E questo è il segno di quanto io sia stata lasciata sola dopo quella riforma che era necessaria».

Lasciata sola... riforma necessaria... mi sembra di sentire Erode che, dall'aldilà, si lamenta di non godere di ottima reputazione a causa della strage degli innocenti. Mon Dieu.

 

Semprepazza

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Papa Big Bang Francesco

Post n°5800 pubblicato il 27 Ottobre 2014 da semprepazza

Teoria dell'evoluzione non contraddice il creazionismo.


 

Papa Francesco:"il Big-Bang, che oggi si pone all'origine del mondo, non contraddice l'intervento creatore divino, ma lo esige. L'evoluzione nella natura non contrasta con la nozione di creazione, perché, l'evoluzione presuppone la creazione degli esseri che si evolvono.Quando leggiamo nella 'Genesi' il racconto della Creazione, rischiamo di immaginare che Dio sia stato un mago, con tanto di bacchetta magica in grado di fare tutte le cose. Ma non è così. Egli ha creato gli esseri e li ha lasciati sviluppare secondo le leggi interne che Lui ha dato ad ognuno, perché si sviluppassero, perché arrivassero alla propria pienezza. Egli ha dato l'autonomia agli esseri dell'universo al tempo stesso in cui ha assicurato loro la sua presenza continua, dando l'essere ad ogni realtà".

Ho letto questa notizia (che potete trovare in versione integrale) su diversi quotidiani e mi rattrista pensare che ci sono ancora tantissime persone che pendono dalle labbra di questo personaggio che dispensa banalità ogni giorno e, di tanto in tanto qualche furbata cosmica propinandoci un Dio contorto e trasformista che si adatta ad ogni situazione.
Il Big Bang è una teoria e, a differenza di lui, i poveri scienziati non hanno certezze ma ipotesi supportate dalla matematica, quindi ci sarà da aspettarsi che Francesco ci spieghi come Dio sia compatibile anche con la teoria delle stringhe e degli universi multipli.
Capisco che per tamponare il dissanguamento dei fedeli ed adeguare in chiave moderna le favole che ci raccontano da 2.000 anni bisogna arrampicarsi sugli specchi, ma bisognerebbe farlo almeno con un minimo di dignità e di rispetto per chi cerca di dare delle risposte serie su chi realmente siamo.

 

Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Ricercata dalle autorità blogger di Libero

Post n°5799 pubblicato il 26 Ottobre 2014 da semprepazza
 

 

Con l'ora legale è entrata in vigore anche la nuova legge  che regola l'informazione e la comunicazione, che prevede l'arresto per chi copia-incolla e per chi non si capisce cosa scrive o scrive abitualmente boiate.
La prima a farne le spese è una blogger di Libero di cui non si conosce ancora l'identità reale, anche se le autorità hanno diramato una foto segnaletica: dai lineamenti sembrerebbe un'extracomunitaria di origini nordafricane.
Chi dovesse incontrarla non prenda iniziative, in quanto è pericolosa; si limiti a segnalare la sua presenza alle autorità più vicine, oppure, in caso la caserma più vicina sia dotata di centralino automatico, digiti 7 "operazione Apple".


Scoop di Rospo Brianzolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »