Community
 
semprepazza
   
Creato da semprepazza il 15/09/2007
Tra alti e bassi, più alti che bassi
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIME VISITE

http://digilander.libero.it/maseforse1/political.jpg

 

GOOGLE TRANSLATION

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 599
 
 

 

LA NOSTRA RADIO

Radio dgVoice

 

UN RICORDO...

Yourpage live news aggregator

 

tumblr visitor stats

website statistics

 

 

« Indovina chi è: cantanti 2FOTO ARTISTICHE »

SADICA VENUS

Foto di semprepazza

“Sia principessa o contadina, sia che indossi l’ermellino o il mantello foderato di pelo d’agnello, sempre questa donna con la pelliccia e la frusta, che rende l’uomo suo schiavo, è una mia creatura”.
E' così che lo scrittore austriaco Leopold von Sacher-Masoch (1836-1895) descrive sinteticamente l'ectoplasma ossessionante della sua fantasia artistica, una figura di donna (antesignana delle dispotiche e crudeli immagini femminili della letteratura "fin de siècle") che ha permeato la più nota delle sue opere: “Venere in Pelliccia”.

Alcuni, forse, per aver ascoltato la canzone dei Velvet Underground di Lou Reed o per aver visto il film con Laura Antonelli " Le malizie di Venere" (1969), entrambi ispirati all'opera di von Sacher-Masoch,  pensano di averne un'idea.


Velvet Underground - Venus in furs


Ma la novella è tutt'altro e, alla sua uscita, sollevò un'ondata di scandalo in tutta Europa e portò alla fama internazionale l'autore diventando un besteller dell’epoca.
E' la storia di Severin von Kusiemski, un uomo così innamorato di  Wanda von Dunajew che non esita a permettere che lei lo tratti come uno schiavo, secondo comportamenti sempre più umilianti e degradanti.
Arriva persino al punto di sottoscrivere un contratto con la Padrona in cui rinuncia a qualsiasi diritto e mette il proprio corpo e la propria vita a completa disposizione della donna, scrivendo una dichiarazione autografa di suicidio per scagionarla nel caso lei decidesse di farlo fuori...

venus in furEd è proprio da qui che, per la prima volta, viene coniato il termine sadomasochismo, dal  cognome stesso dell'autore. E da quando Sverin ha baciato i piedi della dominatrice Wanda e Bettie Page, mitica pin up degli anni Cinquanta, ha ammaliato uomini servizievoli in calze di nylon e altissimi tacchi a spillo, di acqua sotto i ponti ne è passata a volontà ed il feticismo è a poco a poco uscito dalla clandestinità diventando ispirazione anche per la moda. 

A onor del vero, c'è da dire che negli ultimi anni della sua vita la  salute mentale di Leopold von Sacher-Masoch andò deteriorandosi... Morì in un letto d'ospedale psichiatrico a Linheim, nel  1905.

Venus in fur

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog