Creato da: Wamhoo il 06/07/2007
Tante persone in una....stiamo stretti!

 

 
« Petrolio: Brent sotto 59...Progresso,riciclo,rispar... »

Il fungo-diesel che cresce sugli alberi

Post n°69 pubblicato il 05 Novembre 2008 da Wamhoo

Da "il corriere della sera"

E' utilizzabile direttamente per alimentare i motori
Scoperta in Patagonia una specie in grado di produrre una miscela chimica molto simile al gasolio

L'albero su cui cresce il fungo che potrebbe essere sfruttato per la produzione di biocarburante (da www.patagoniaplants.com)

Nella foresta pluviale della Patagonia cresce un fungo che produce una sostanza del tutto simile al carburante diesel. La scoperta è stata fatta dallo scienziato americano Gary Strobel, che ha individuato per primo le qualità molto particolari di questo organismo endofita, che vive sulle foglie di un albero.
Il Gliocladium roseum si nutre della cellulosa della pianta e produce il biofuel sottoforma di vapore, una peculiarità unica, mai scoperta prima d'ora nel mondo. Senza contare che il vapore è molto più semplice da estrarre, purificare e immagazzinare rispetto a un carburante liquido.


PRONTO PER L'USO - «Si tratta dell'unico organismo che generi una combinazione così importante di sostanze combustibili»- racconta Strobel - «eravamo completamente esterrefatti quando abbiamo capito che produceva una miscela di vari idrocarburi». Dal punto di vista chimico infatti non ci sono quasi differenze tra le molecole prodotte dal Gliocladium e quelle degli idrocarburi fossili, in particolare quelle contenute nel gasolio, come l'ottano. Inoltre contiene alcune componenti a basso peso molecolare che fanno sì che bruci in modo più efficiente e pulito rispetto al normale diesel. Il combustibile naturale potrebbe essere usato direttamente per alimentare un motore.


MEGLIO DI OGNI ALRO BIOFUEL - Il fungo diesel sarebbe meglio del bioetanolo derivato dalla canna da zucchero, quindi, ma anche di ogni altro combustibile naturale prodotto da alghe e batteri, grazie alla sua efficienza di rendimento. E avendo come base di crescita la cellulosa non dovrebbe dare nemmeno troppi problemi nella coltivazione intensiva, anche se gli scienziati sono cauti e preferiscono fare ancora qualche esperimento su bassa scala. «Raccoglieremo una quantità di carburante sufficiente per avviare un piccolo motore. Se riusciamo a fare questo, allora siamo sul mercato». Se funzionerà anche su larga scala, il «mico-diesel» potrebbe essere un'eccellente risorsa per migliorare la sostenibilità dei carburanti biologici e agevolare il raggiungimento dell'obiettivo europeo del 10 per cento di biofuel sul totale dei combustibili entro il 2020.

Valentina Tubino
04 novembre 2008

La scoperta è colossale,quello che non mi spiego è un periodo di tempo così lungo per il possibile utilizzo,2020,ma soprattutto la percentuale di utilizzo del 10% sul totale dei combustibili,cosa aspettiamo a sostituire il pertrolio?aspettiamo che finisca?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

Hector65eugenio.ranalloladestracalolziounamamma1hopelove10fantasy.65giulliverostrong_passionyes69favagiacomoandrea7770noccelsidopaulGulliver69cuorenelcassetto0
 

I miei link preferiti

Link box

Heroes